Rotolo ai pistacchi

Ingredienti pe 8 persone:

800 g di fesa di vitello in un sola fetta,
300 g di vitello macinato,
100 g di mortadella,
70 g di formaggio grattugiato,
30 g di pistacchi sgusciati,
1 uovo grosso,
80 g di prosciutto cotto,
1 zucchina,
1 carota,
3 cucchiai di olio extravergine di oliva,
1 ramtto di rosmarino,
2 dl di vino bianco secco,
2 dl di brodo di carne,
sale pepe.

Stendete la fetta di vitello su un tagliere, assottigliatela leggermente con un batticarne, poi salate tutta la sua superficie. Amalgamate la carne macinata con la mortadella tritata, il parmigiano, i pistacchi spezzettati, l’uovo, sale e pepe, quindi stendete il composto sulla fetta di carne e coprite con le fette di prosciutto. Tagliate la carota e la zucchina a julienne e rosolate in un tegame con 2 cucchiai di olio per 5 min su fiamma vivace. Salate, pepate, poi distribuite queste verdure sul prosciutto. Arrotolate la carne, cucite le estremità e legatela con lo spago da cucina. Ponete il rotolo in una casseruola con il rosmarino e rosolatelo nel restante olio, bagnate con il vino e cuocete per 1 ora e 30 minuti, unendo, quando occorre, un mestolino di brodo. Affettate l’arrosto e servitelo con il suo sughetto.

Fonte della ricetta:https://blog.giallozafferano.it/unadonnaincucina/rotolo-ai-pistacchi/

Crema di avocado

Ingredienti:
3 cucchiai di capperi
3 avocado
8 cucchiai di olio
sale
pepe
latte di riso o soia
6 cucchiai di suco di limone

Privare del nocciolo gli avocado, sbucciarli e frullarli in un frullatore.
Aggiungere a crudo tuti gli altri ingredienti , compreso il latte di soia che va aggiunto in piccole quantità alla volta per amalgamarlo bene.
Servite la crema ottenuta su crostini di pane.
cuore4
Fonte della ricetta: https://blog.giallozafferano.it/unadonnaincucina/crema-di-avocado/

Cookies fatti in casa

Ingredienti per 8 persone:
260 g di farina 00
100 g di zucchero
1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio
1 cucchiaino di vanillina
1/2 cucchiaino di sale
1 uovo
170 g di burro
1 tuorlo
220 g di zucchero di canna
300 g di gocce di cioccolato

Con le fruste elettriche o con una planetaria o con il Bimby, sbattete in una ciotola il burro con i due tipi di zucchero, fino ad ottenere un composto spumoso.
Unite la farina setacciata con il sale, il bicarbonato e la vanillina e continuate a mescolare.
Aggiungete anche l’uovo intero e il tuorlo, sempre mescolando
In ultimo aggiungete le gocce di cioccolato, mescolando ora con un cucchiaio di legno.
Lasciate riposare l’impasto in frigorifero per almeno mezz’ora, quindi formate delle palline grandi circa come una da golf e adagiatele ben distanziate su una teglia rivestita di carta forno
Cuocete a 170°C per 15 minuti circa. Controllateli spesso in ultimo in modo da non farli seccare.

cuore4

Fonte della ricetta:https://blog.giallozafferano.it/idolcigolosidinelly/cookies-fatti-in-casa/

BUONA EPIFANIA!!!

Zitti, zitti bimbi buoni,
presto, presto giù a dormire:
la Befana è per venire
col suo sacco pien di doni.

La Befana è una vecchina
che discende dalla luna
sulla scopa di saggina
non appena il ciclo imbruna.

E si accosta pian pianino
alle calze e alle scarpette
messe in fila sul camino
e, ridendo, mette e mette…

Fuori soffia tramontana
e vien giù la neve bianca,
ma pei bimbi la Befana
non ha freddo e non si stanca.

FONTE:https://blog.giallozafferano.it/unadonnaincucina/buona-epifania/

Buon Anno!

L’anno vecchio se ne va,
e mai più ritornerà.
Io gli ho dato una valigia
di capricci e impertinenze,
di lezioni fatte male,
di bugie e disubbidienze,
e gli ho detto: «Porta via!
Questa è tutta roba mia».
Anno nuovo, avanti avanti,
ti fan festa tutti quanti.
Tu la gioia e la salute
porta a nonni e genitori,
ai parenti e agli amici.
Rendi lieti tutti i cuori!
D’esser buono ti prometto
anno nuovo benedetto.
Fonte: https://blog.cookaround.com/cucinocomevivo/buon-anno/

Dieta dell’acqua

Dieta dell’acqua: ovvero come accelerare gli effetti di una dieta ipocalorica grazie al potere saziante, depurativo e drenante dell’acqua. Sì, perché a differenza di quanto si possa pensare, la dieta dell’acqua non è una dieta proibitiva, ma un’opportunità seria che ci consente di dimagrire in modo rapido senza patire troppo la fame. La regole più importanti da tenere in mente? Bere 8-10 bicchieri d’acqua al giorno ripartiti durante la giornata prima di ogni pasto principale e prediligere gli alimenti ricchi di liquidi.

Come funziona la dieta dell’acqua
Sin dai primi anni 40 gli esperti di nutrizione hanno iniziato a capire e infondere l’idea che abituarsi bere la giusta quantità di acqua ogni giorno potesse apportare enormi benefici alla forma fisica e alla salute. Avevano ragione: l’acqua è l’alimento dietetico per eccellenza e fa bene alla salute perchè non contiene alcuna caloria, è dotata di un elevato potere saziante, ha una funzione drenante che ci aiuta a eliminare le tossine e le scorie permettendoci di combattere la stitichezza, la diarrea così come il gonfiore e i dolori addominali.
La dieta dell’acqua ci suggerisce di bere due bicchieri d’acqua prima di colazione, pranzo o cena, in modo da raggiungere il senso di sazietà molto più rapidamente durante il pasto. Un consiglio sostenuto da diverse ricerche scientifiche. Recentemente gli studiosi del Virginia Tech – guidati dalla professoressa Brenda Davy – hanno approfondito prendendo in esame un gruppo di 48 adulti obesi o in sovrappeso di età compresa tra i 55 e i 75 anni. Tutti hanno intrapreso un percorso alimentare ipocalorico dimagrante, ma solo alla metà di loro è stato consigliato di assumere due bicchieri di acqua prima dei pasti principali. I risultati sono molto interessanti: mediamente gli individui che avevano adottato i principi della dieta dell’acqua avevano perso 2,2 chilogrammi in più a testa rispetto all’altra metà del gruppo. Le conclusioni della dottoressa Davy sono positive: “La ricerca ha dimostrato come durante una dieta dimagrante a basso contenuto calorico, l’aggiunta di acqua può favorire la perdita di peso”.
Si è inoltre evidenziato che i risultati della dieta dell’acqua sono duraturi. Chi ha mantenuto l’abitudine di bere prima dei pasti durante l’anno successivo alla sperimentazione, non ha solo mantenuto il peso raggiunto ma ha perso in media un altro chilogrammo. Chi invece non ha adottato la regola, ha ripreso uno.

Dieta dell’acqua, menù 1 settimana da abbinare
Oltre a bere la giusta quantità d’acqua, soprattutto prima dei pasti, per dimagrire è necessario seguire una dieta ipocalorica che prediliga alimenti con un alto contenuto in liquidi (frutta e verdura in primis). Di seguito riportiamo un esempio di menù settimanale da abbinare all’assunzione metodica di acqua:

Lunedì
Colazione: uno yogurt magro con un frutto a piacere
Pranzo: 70 grammi di pasta integrale con 50 grammi di ricotta di mucca, un’insalatona mista con carote, radicchio, insalata a foglia verde e pomodorini
Spuntino due fette di melone o di ananas
Cena: 50 grammi di pane integrale, 150 grammi di petto di pollo alla griglia, carciofi al vapore

Martedì
Colazione: un frullato di frutta e tre barrette ai cereali
Pranzo: 80 grammi di risotto con verdure e un’insalata mista a piacere
Spuntino: una mela o una pera
Cena: insalata mista con lattuga, cipolla, cetrioli e 120 grammi di tonno, 50 grammi di pane integrale

Mercoledì
Colazione: una tazza di latte parzialmente scremato con fiocchi di cereali e una spremuta d’arancia
Pranzo: Un’insalata di lattuga, 250 grammi di spigola al vapore, 50 grammi di pane integrale
Spuntino: una tazza di tè verde, due gallette integrali con due cucchiaini di miele, un frutto
Cena: 70 grammi di penne integrali ai gamberetti e zucchine, finocchi al vapore a piacere

Giovedì
Colazione: uno yogurt magro, un frutto a scelta, due fette biscottate integrali con due cucchiaini di miele
Pranzo: un’insalata mista di lattuga, carote, sedano, trevisana e un trancio di salmone alla piastra con tre grissini integrali
Spuntino: uno yogurt magro e una fetta di anguria
Cena: passato di verdure con 60 grammi di pane integrale tostato, 40 grammi crescenza

Venerdì
Colazione: tè verde con quattro gallette di riso e tre cucchiaini di miele, una spremuta di arancia
Pranzo: 80 grammi di pasta al pesto con fagiolini al vapore e due gallette di riso
Spuntino: una mela o una pera
Cena: insalata mista a piacere con 80 grammi di tonno e due fette di pane integrale tostato

Sabato
Colazione: una tazza di tè verde, un frullato di banana e un kiwi
Pranzo: : 80 grammi di riso integrale alla trevisana, un cavolfiore al vapore e due gallette di riso
Spuntino: uno yogurt magro e un frutto a piacere
Cena: pinzimonio di verdure con 150 grammi di insalata di mare e due gallette di riso

Domenica
Colazione: uno yogurt magro, una tazza di tè verde, un frutto a piacere
Pranzo: 80 grammi di orecchiette con cime di rapa, 300 grammi di porri gratinati e 50 grammi di crescenza.
Spuntino: una mela o una pera
Cena: insalata mista con carote, soia, sedano e radicchio, mais, un uovo sodo, una scatoletta di sgombro, due fette di pane integrale

Rischi ed effetti collaterali della dieta dell’acqua
L’acqua, si sa, stimola la diuresi: gli effetti collaterali e i rischi della dieta dell’acqua sono legati proprio a questo aspetto. Bere troppo è fortemente sconsigliato a chi già soffre di incontinenza oppure ha chi ha problemi a iniziare o portare a termine la minzione. I soggetti affetti da un’iperplasia prostatica benigna progredita, ad esempio, non dovrebbero mai eccedere con le quantità d’acqua assunte quotidianamente. Gli individui sani che volessero adottare i principi della dieta dell’acqua, a loro volta, non dovrebbero esagerare per non rischiare di essere obbligati a correre in bagno troppo spesso.
Quanta acqua bisogna bere ogni giorno?
L’acqua fa bene, ma non bisogna comunque eccedere con le quantità. Bere il giusto aiuta a dimagrire, ma non vige la regola che “più si beve più si dimagrisce”! Cerchiamo di non superare i due litri di acqua al giorno per non andare incontro agli effetti collaterali che abbiamo precedentemente menzionato.

La dieta Scarsdale

Ideata da un cardiologo americano, consente di perdere circa 450gr al giorno per 7-14 giorni, a condizione di consumare solo alimenti poveri di glucidi e materie grasse e ricchi di proteine.

Il principio

La dieta Scarsdale, o Scarsdale Medical Diet (SMD) è un programma di 14 giorni che si basa su uno scarso apporto calorico, circa mille calorie al giorno.
Si tratta quindi di un’alimentazione a base di carne, pesce magro e verdure poco caloriche.
Alla fine di queste due settimane, una fase di mantenimento permette di mangiare un po’ di più : tre uova alla settimana, due fette di pane al giorno, marmellata senza zucchero, noci e un bicchiere di vino al giorno. Dopodiché si ricomincia con 15 giorni di dieta e 15 giorni di mantenimento… e così via per tutta la vita (in teoria), secondo l’inventore di questo programma.
Il calcolo delle calorie, per questa dieta, non è previsto. Il che è un\\\\\\\’ottima cosa ma, in compenso, bisogna accontentarsi dei pasti principali: colazione, pranzo e cena. Gli spuntini non sono ammessi, a parte un po’ di verdura cruda.
Cibi vietati
Tutti i farinacei, le materie grasse aggiunte (olio, burro, panna), la maggior parte dei latticini, i succhi di frutta, l’alcol, i dolci, il cioccolato e i salumi.
Cibi autorizzati
Gli alimenti autorizzati sono il sedano, le carote, i cetrioli, i pomodori, la lattuga, i funghi, i cavolini di Bruxelles, i peperoni, gli spinaci, i broccoli, il cavolfiore. Spezie ed erbe aromatiche possono essere usate come condimento (guarda qui la nostra pagina speciale sulle spezie utilizzabili in cucina). Gli edulcoranti devono sostituire lo zucchero. Tutte le fonti proteiche (carne, pesce) sono da intendersi magre.

Giornata tipo

Colazione: ½ pompelmo o altro frutto di stagione 1 fetta di pane integrale, senza accompagnamento, con caffè o tè senza zucchero.
Pranzo: pollo, insalata a volontà, 1 cucchiaino di olio d’oliva, caffè o tè senza zucchero, 1 frutto quattro volte alla settimana.
Spuntino: carota o sedano crudo
Cena: pesce magro, verdura non calorica a volontà, 1 cucchiaino di olio di girasole, caffè o tè senza zucchero.
Risultati

Una rapida perdita di peso: circa 4kg la prima settimana, 450gr, in media, al giorno.
I Pro

Non c’è bisogno di contare le calorie né di pesare le porzioni. In compenso, bisogna seguire il programma alla lettera. La perdita di peso è rapida, cosa normale con un apporto calorico così ridotto.
I contro.

Questa dieta è molto restrittiva: la fame si fa quindi sentire rapidamente.
Secondo i detrattori di questo programma, il peso perso non è altro che acqua e quindi si rischia di riprendere peso in fretta non appena si interrompe la dieta.
Seguire questa dieta una volta sola, per 14 giorni, non comporta nessun pericolo per la salute. Invece, è pericoloso ripeterla a lungo termine a cause delle carenze che provoca.

Dieta Verde

Si possono perdere 3 chili in 15 giorni.
Menu completo per due settimane.
La dieta verde disintossica e snellisce. Frutta e verdure sono ricche di fibre, acqua e vitamine e povere di proteine e grassi. Per questo rendono questa dieta sana e ideale per una perdita di peso considerevole.
Il programma proposto viene denominato dieta verde per la quantità di frutta e di verdura prevista.

La dieta verde è mirata alla diminuzione dei grassi nel corpo e, contemporaneamente, i suoi componenti disintossicano l’organismo dall’ingestione ripetuta di alimenti molto elaborati e difficili da digerire.

Per la quantità di frutta che si consuma è possibile che si produca un effetto leggermente diuretico.
L’unica controindicazione che potrebbe avere è rivolta ai malati di diabete, per la quantità di glucosio presente nella frutta, in particolar modo uno zucchero semplice, il fruttosio.
Nella dieta verde è possibile utilizzare qualsiasi varietà di frutta, sempre che sia fresca, ma l’ideale sarebbe optare per frutta di stagione. Uniche eccezioni, banane e uva che contenendo molti zuccheri e, di conseguenza, hanno un elevato apporto calorico.
Frutta e verdure posseggono un alto valore nutritivo dal momento che sono ricche di vitamine, sali minerali, fibre e acqua. Sono una fonte modesta di energia e sono pressoché prive di grassi.
Frutta e verdure principalmente contengono:

Vitamina C: in frutta e verdure la cui acidità è relativamente alta. Il maggior contenuto di questa vitamina sta nelle parti colorate (non buttare mai le foglie verdi della lattuga) e, soprattutto, nella buccia.
Vitamine del gruppo B.

Carotene: presente soprattutto nelle verdure e nella frutta di color giallo, rosso, arancione o verde.
Sali minerali: calcio, potassio, magnesio, ferro, rame. Inoltre, anche se molte volte risultano acide al gusto, frutta e verdure contengono poco sodio (sale).
Fibre alimentari: migliorano il transito intestinale e aiutano a combattere anche la stitichezza.
Dobbiamo però fare molta attenzione con la frutta matura perché può provocare diarrea. Avendo nella loro composizione una percentuale relativamente alta di acqua, consumando frutta e verdure soddisfiamo parte delle nostre necessità quotidiane di liquidi.

Frutta e verdure cotte non hanno lo stesso valore biologico della frutta e delle verdure crude ma sono molto più digeribili visto che la cottura modifica le fibre cellulosiche agevolando la masticazione e la digestione. Inoltre, con la loro ingestione viene assicurata una buona regolazione dell’intestino.

È possibile dimagrire solo con frutta e verdura?

Per dimagrire bisogna eliminare i grassi, perché è di grasso che sono fatti i chili di troppo, e non di acqua né tantomeno di muscolo. I muscoli e la maggior parte dei tessuti sono costituiti da proteine.
Se non ne consumiamo più si dimagrisce correndo però dei rischi per la salute. Per questo, una dieta sana ed equilibrata deve includere latte e derivati, carne o pesce, per il giusto apporto proteico necessario. Sarebbe pericoloso alimentarsi solo di frutta e verdura.
Dieta verde:
menu prima settimana da 1300/1500 calorie

GIORNO 1

Colazione: succo d’arancia e una fetta di pane integrale con formaggio bianco magro o marmellata dietetica.
Metà mattinata: uno yogurt.
Pranzo: insalata di carote, pomodori, lattuga e ricotta. Insalata di frutta.
Merenda: té o caffè con 2 fette biscottate integrali con marmellata dietetica o formaggio spalmato. Un frutto.

Cena: minestra di verdure e filetto di pesce alla piastra con purea di zucca. Un frutto.

GIORNO 2

Colazione: succo di pompelmo e una mela.
Metà mattinata: una Ciotola di latte scremato con cereali.
Pranzo: minestra di verdure, un quarto di pollo senza pelle con insalata di pomodori e lattuga. Come dessert, gelatina dietetica.
Merenda: té o caffè con latte scremato e 2 fette biscottate integrali con formaggio magro spalmato. Un frutto. Cena: frittata di bietole o spinaci con un’insalata di lattuga e pomodori. Come dessert, mele cotte.

GIORNO 3

Colazione: succo d’arancia e 3 fette biscottate integrali con formaggio magro spalmato.
Metà mattinata: un frutto.
Pranzo: brodo di verdure, insalata verde e un filetto alla piastra.
Merenda: un infuso e 3 fette biscottate con marmellata dietetica spalmata. Uno yogurt.
Cena: brodo di verdure, riso con fagiolini e un frutto.

GIORNO 4

Colazione: infuso con latte scremato e 3 fette biscottate integrali con formaggio magro.
Metà mattinata: un frutto.
Pranzo: brodo di verdure, un piatto di insalata di pomodori, carote e uovo. Per terminare, una
porzione singola di gelatina dietetica.
Merenda: frullato di frutta senza zucchero e 3 fette biscottate integrali.
Cena: brodo di verdure, purea di zucca e un quarto di pollo senza pelle. Per terminare, un frutto.

GIORNO 5

Colazione: succo d’arancia, una fetta di pane integrale con ricotta spalmata.
Metà mattinata: un frutto.
Pranzo: brodo di verdure, un pomodoro ripieno di riso e tonno. Come dessert, un frutto.
Merenda: infusione con o senza latte scremato, 2 fette biscottate integrali con formaggio dietetico spalmato e uno yogurt.
Cena: un piccolo filetto alla piastra con insalata di verza (cruda) condita con un cucchiaino di maionese.

GIORNO 6

Colazione: infuso con latte scremato e 2 fette biscottate integrali con formaggio dietetico. Un succo d’arancia.
Metà mattinata: un frutto.
Pranzo: un piattino di spaghetti al pomodoro, insalata di sedano, cuori di palma, mela e carota. Gelatina
dietetica.
Merenda: un infuso con una fetta di pane integrale con ricotta.
Cena: un filetto di pesce con riso integrale. Per terminare, un frutto.

GIORNO 7

Colazione: succo di pompelmo.
Metà mattinata: un frutto.
Pranzo: brodo di verdure, un filetto alla piastra e purea di zucca. Come dessert, un frullato di frutta senza zucchero.
Merenda: un infuso e 3 fette biscottate con marmellata dietetica. Cena: brodo di verdure, un hamburger con insalata di pomodori e carote e, per terminare, un frutto.

Menu seconda settimana da 1300/1500 calorie

GIORNO 1

Colazione: un infuso e 3 fette biscottate con formaggio dietetico.
Metà mattinata: uno yogurt.
Pranzo: un uovo strapazzato con zucchine e una porzione di fragole.
Merenda: un bicchiere di latte scremato, 3 fette biscottate integrali con formaggio o marmellata dietetica e un frutto.
Cena: brodo di verdure, un filetto di merluzzo con purea di patate. Come dessert, gelatina dietetica.

GIORNO 2

Colazione: un bicchiere di latte con 3 fette biscottate integrali con ricotta spalmata.
Metà mattinata: uno yogurt.
Pranzo: un piattino di spaghetti al pomodoro. insalata di carote, pomodori e uova. Per terminare, un frutto.
Merenda: un infuso con una fetta di pane integrale con marmellata dietetica o formaggio spalmato. Un frutto.
Cena: minestra di verdure, un filetto alla piastra e un pomodoro. Una gelatina dietetica.

GIORNO 3

Colazione: succo di pompelmo, una mela piccola e 3 fette biscottate integrali.
Metà mattinata: una pera non sbucciata.
Pranzo: un piccolo filetto alla piastra accompagnato da purea di zucca. Un frutto.
Merenda: una ciotola di latte scremato con cereali.
Cena: brodo di verdura e frittata di asparagi. Gelatina dietetica.

GIORNO 4

Colazione: un infuso con una fetta di pane integrale con marmellata dietetica o formaggio magro spalmato.
Metà mattinata: uno yogurt.
Pranzo: minestra di verdure, un quarto di pollo senza pelle con insalata di pomodori. Un frutto.
Merenda: un bicchiere di latte con tre fette biscottate integrali con marmellata dietetica o formaggio magro spalmato. Per terminare, un frutto.
Cena: brodo di verdure, un filetto di merluzzo alla piastra con un cucchiaino di maionese. Un frutto.

GIORNO 5

Colazione: un infuso o un bicchiere di latte scremato con 3 fette biscottate integrali con ricotta.
Metà mattinata: uno yogurt con cereali.
Pranzo: una frittata di spinaci o di bietole. Per terminare, un frutto.
Merenda: un infuso con latte scremato, 2 fette di pane integrale con formaggio o marmellata dietetica. Per terminare, un frutto.
Cena: minestra di verdure, melanzane con pomodori e mozzarella e una piccola porzione di insalata di pomodori e carote. Un frutto.

GIORNO 6

Colazione: un succo di pompelmo, 3 fette biscottate integrali con formaggio magro dietetico spalmato.
Metà mattinata: un frutto.
Pranzo: minestra di verdure, insalata di sedano, mele e cuori di palma, un filetto di pesce alla piastra. Come dessert, gelatina dietetica.
Merenda: un bicchiere di latte, 2 fette di pane integrale e ricotta.
Cena: brodo di verdure, 2 pomodori ripieni di riso e tonno. Un frutto e uno yogurt.

GIORNO 7

Colazione: succo d’arancia e 3 fette biscottate integrali con formaggio o marmellata dietetica.
Metà mattinata: un frutto. Pranzo: minestra di verdure, un filetto di merluzzo e insalata. Uno yogurt.
Merenda: un infuso con latte scremato e 2 fette biscottate integrali con ricotta.
Cena: minestra di verdure e un hamburger con insalata. Gelatina.

La dieta vegana

La dieta vegan è una forma modificata del vegetarianismo, in quanto, al pari di un vegetariano, un vegano non mangia carne; tuttavia, il veganismo fa un passo avanti, eliminando tutti i
prodotti derivati dagli animali dalla propria dieta, per esempio i saponi a base animale, il cuoio, il miele ed i latticini. Una dieta vegetariana si concentra su un’alimentazione basata essenzialmente sui vegetali: essi includono frutta, verdura, fagioli e piselli secchi, cereali, semi e noci. Non esiste un solo tipo di dieta vegetariana, le abitudini alimentari vegetariane di solito
rientrano nei seguenti gruppi:
– La dieta vegana, che esclude tutti i prodotti a base di carne e animali;
– La dieta lacto-vegetariana, che comprende gli alimenti vegetali e i prodotti lattiero-caseari;
– La dieta latto-ovo- vegetariana, che comprende sia i prodotti lattiero-caseari che le uova.
Le persone che seguono diete vegetariane possono ottenere tutti i nutrienti di cui hanno bisogno, tuttavia devono utilizzare una grande varietà di alimenti per soddisfare le loro esigenze
nutrizionali. I nutrienti di cui potrebbe essere necessario migliorare l’assunzione comprendono proteine, ferro, calcio, zinco e vitamina B12 .

– Chi l’ha inventata

Donald Watson è stato il fondatore di The Vegan Society. Dopo aver assistito all’uccisione di un maiale nella fattoria di suo zio, l’allora dodicenne Donald decide all’improvviso ad un Capodanno
di non mangiare mai più carne. A quel tempo non sapeva nulla di vegetarianismo, ma di fatto diventò attivo nel movimento vegetariano da adulto ed entrò in contatto con altri vegetariani,
alcuni dei quali evitavano l’uso di latticini e uova. Ben presto è venuto a condividere questa filosofia e ha cercato di creare una sezione non-casearia all’interno della Vegetarian Society, ma
ha incontrato l’ostilità di coloro che non volevano rinunciare a latte e derivati. Il termine “vegan” è stato da lui coniato in Inghilterra nel 1944 per indicare i “vegetariani non caseari”. La
definizione venne estesa nel 1951 per designare “la dottrina per la quale l’uomo dovrebbe vivere senza sfruttare gli animali”, e nel 1960 fu fondata la Vegan Society , che collega il veganismo al concetto di ahimsa, un termine sanscrito che letteralmente significa “prevenzione della violenza contro gli esseri viventi”.

– Come funziona

La premessa è che se si rinuncia ai prodotti animali, al cibo fast food, agli alimenti trasformati e
ci si nutre fondamentalmente di vegetali e piante, cioè di quella che è la dieta naturale vegan, si finisce per essere più felici, più sani , più carichi di energia e più magri. Anche se la dieta
vegan è un vero e proprio regime alimentare, è fortemente impregnata della passione per i diritti degli animali. Occorre attirare l’attenzione allo stile di vita vegan, perché la maggior parte delle donne sono più interessate ad essere magre, mentre questo è un vero e proprio modus vivendi che aiuta a combattere le malattie croniche e che viene adottato particolarmente da
persone sensibili al discorso ecologico ed ambientale, oltre che al rispetto per la vita. In questo modo si può tornare alle basi di una dieta sana e cominciare a pensare a che cosa mette in
bocca. Non c’è calcolo delle calorie di cui preoccuparsi, si possono mangiare frutta e verdura biologica, cereali integrali e alimenti naturali, ma è fondamentale dimenticare carne, pesce,
latticini, uova, zucchero, dolcificanti artificiali, farina raffinata, caffeina, bevande dietetiche, e tutto ciò che contenga sostanze chimiche (che non si possono nemmeno nominare). La dieta
incoraggia anche a fare un regolare esercizio fisico, raccomanda soprattutto la pratica dello yoga come forma di movimento in armonia con i ritmi naturali.

CAP. 13.3 – Cosa si può mangiare
I fondamenti del piano dietetico della dieta vegano sono: abbondanza di cibi ad alto contenuto
di fibre, frutta naturale, prodotti a base di soia e di verdure, insieme ad alcuni alimenti
trasformati reperibili nei negozi di prodotti naturali. I vegani consumano questi alimenti a
colazione , pranzo e cena, e fanno uno spuntino solo se necessario.
Ecco gli alimenti che si possono consumare:
– Frutta e verdura;
– Prodotti a base di soia, fagioli e noci;
– Olio di canola, olio di oliva e di sesamo, olio di cocco;
– I cereali integrali e il pane, la pasta integrale di grano, verdure, tortillas, riso integrale,
orzo, quinoa, patate e patate dolci;
– Patatine di mais biologico, gelato al tofu e dessert dolcificati con succo di canna, sciroppo
d’acero, zucchero grezzo o altre sostanze naturali e prodotti non raffinati;
– Acqua, tè verde decaffeinato, biologico e vino rosso all’occasione.

– Come funziona
La crescente popolarità della dieta vegana viene trattata in centinaia di siti web, libri e gruppi di sostegno, che forniscono molte informazioni attraverso fonti per supportare la conformità e la convenienza di una dieta di verdure. In poche parole, la dieta vegana tipica include:

 Farina d’avena
 Verdure saltate in padella
 Cereali integrali
 Succhi di frutta naturali al 100%
 Burro di arachidi
 Noci e arachidi
 Dessert di frutta surgelati
 Zuppa di lenticchie
 Insalata di ceci e insalata di fagioli
 Frutta
 Pasta
 Frullati di frutta
 Popcorn
 Guacamole
 Chili
 Lasagne di tofu
 Latte di soia e prodotti lattiero-caseari a base di soia come gelati e yogurt

 Hummus
 Biscotti senza uova
 Budino di riso
 Fagioli e lenticchie
 Hamburger vegetali

– Esempio di menù
Un piano pasto tipico potrebbe essere simile a questo:
 Colazione: mango, banana, kiwi e yogurt di soia
 Pranzo: insalata a base di verdure biologiche crude
 Spuntino (una porzione piccola dalla lista approvata e solo se necessario): patatine vegetali esotiche
 Cena: Pad Thai vegetariano (un piatto di saltati in padella spaghetti di riso con uova, succo di tamarindo, peperoncino rosso)
Nonostante il consiglio di mangiare cibi integrali e biologici, esiste una lista di alimenti trasformati “accettabili”, come la panna di soia, i bastoncini di patate, e l’organico pretzels
(popolare pane bavarese dalla forma caratteristica). Gli spuntini sono previsti per soddisfare le voglie momentanee e allontanare i sentimenti di rifiuto che sono il tallone d’Achille della dieta .
A volte, la dieta, più che essere solo un regime alimentare, sembra essere un baluardo in difesa dei diritti degli animali. La carne viene denigrata come un prodotto “morto, in putrefazione, in decomposizione”, i latticini è come se fossero “tossici”, ed è vietato persino il miele, prodotto proveniente dalle api. I pesticidi, gli additivi, gli ingredienti artificiali e lo zucchero sono proibiti, in quanto sono la causa prima alla base di ogni tipo di malattia.
La lunga lista dei cibi proibiti comprende tutti i prodotti animali (carne, pollame, uova, latticini, pesce), la birra, l’alcool, la caffeina, i cibi con additivi chimici come i dolcificanti artificiali, e qualsiasi alimento che contenga farina raffinata o zucchero.

– Come agisce

I vegani si sono concentrati sulle modalità di assunzione degli alimenti, e si pongono l’obiettivo di rendere la dieta vegana il nuovo modo di mangiare: adottando infatti una dieta priva di prodotti provenienti dagli animali e di additivi, dicono, ci si prende maggiore cura di noi stessi, e si finisce per essere più sani e più magri.
Evitando tutti i prodotti animali, si eliminano gli alimenti ricchi di ingredienti malsani difficili da digerire, e adottando una dieta ricca a base di fibre vegan, l’organismo sarà ripulito e
disintossicato.
Si consiglia a chi è a dieta di aspettare a mangiare finché non si diventa quasi famelici, per abituarsi alla sensazione di stomaco vuoto. Viene anche raccomandato di capire che il mal di
testa , la nausea e la fame sono il risultato della pulizia del corpo stesso. Si raccomanda anche di adottare un regime di digiuni periodici, anche se gli esperti di alimentazione in genere li
considerano pericolosi, in quanto affermano che “La pulizia delle tossine del corpo non richiede il digiuno e può essere gestita senza problemi dal fegato e dai reni negli adulti sani”.

Menu di esempio

Colazione:
 1 tazza di latte di soia biologico
 ½ tazza di fiocchi d’avena crudi biologici, aggiunti al latte di soia
 4 noci divise a metà (circa 2 cucchiai), tritate e aggiunti alla base di cereali
 1-2 cucchiai di lamponi disidratati, aggiunti alla base di cereali
 1 arancia
Pranzo:
 6 tazze (circa) di insalata, tra cui lattuga, cavolo rosso, trucioli di carota, pomodoro,
sedano, cetriolo, peperone giallo o rosso, piselli freschi o surgelati
 100 grammi di tofu marinato al forno
 2 cucchiai di olio e aceto a basso contenuto di carboidrati
 20 grammi di cioccolato fondente (con il 70-88% di cacao)
Spuntino:
 1 yogurt di soia non zuccherato
 1 pesca, tagliata e mescolata con yogurt
Cena:
 ½ tazza di verdure cotte biologica con riso integrale
 2-3 tazze di entrée, a seconda di cosa vi sia dentro, ma con tutte le verdure, tra cui una
a foglia verde (peperoni, insalata, bietole, barbabietole, ecc), e un cavolo (cavolfiore,
cavoli, broccoli, Bruxelles germogli, ecc) [alcuni cibi, come il cavolo, sono in entrambe
le categorie] e quasi sempre le carote [un antipasto di solito prevede l’aggiunta di circa
un cucchiaino e mezzo di olio di oliva]
Dessert:
 1 mela
 20 grammi di cioccolato fondente (con il 70-88% di cacao)

– Cosa dicono gli esperti

Se si segue questa dieta rigorosa, probabilmente si perde peso perché ha un contenuto di calorie molto basso, ma è difficile da seguire per molte persone, dicono gli esperti, e c’è la possibilità
che possa dare luogo a carenze nutrizionali. Gli esperti concordano che la maggior parte delle persone trarrebbe beneficio da una dieta a base vegetale, ma quando si eliminano tutti i prodotti animali, si eliminano anche sostanze nutritive essenziali. Le diete vegetariane e vegane che vengono pianificate con cura sono altamente consigliabili, ma si raccomanda di consultare
un dietista per essere sicuri che questi piano soddisfi tutte le esigenze nutrizionali.
Si potrebbe trarre beneficio studiando attentamente le informazioni nutrizionali e facendo un’analisi di ricette e piatti vegani, in quanto queste diete possono essere carenti di proteine, ferro, zinco, calcio, vitamina D, riboflavina, vitamina B12, acidi grassi omega 3 e iodio.
C’è inoltre preoccupazione diffusa per la mancanza di indicazioni sulle porzioni adeguate da consumare e le scelte alimentari da fare.
Il piano, si dice, non è alla portata della maggior parte delle persone che possono alimentarsi con moderazione di carne e/o di zucchero ed essere comunque in buona salute e nello stesso
tempo perdere peso. Una dieta vegana può essere salutare, ma il fondamento è contrario alle raccomandazioni nazionali per una buona salute e privo di credibilità, perché è carente di prove
scientifiche che ne sostengano gli assunti di base.
Ci si interroga anche sulla validità di raccomandare una dieta strettamente vegana. L’uomo è onnivoro e trae beneficio da specifici alimenti di origine animale come per esempio il pesce,
quando si eliminano tutti i prodotti animali, questo significa perdere preziosi nutrienti, ad esempio la migliore forma degli acidi grassi omega-3, che mantengono la salute del cuore.
Inoltre, quando si tratta di grassi, gli esperti dicono che è meglio consumare i grassi sani come la colza e l’olio di oliva ed evitare l’olio di cocco. La maggior parte degli esperti sulla salute concorda sul fatto che i grassi saturi come l’olio di noce di cocco devono essere circoscritti a non più del 10% delle calorie totali, pari a circa 20 grammi al giorno, per una salute ottimale.

– La dieta in breve con i pro ed i contro

Quando si voglia adottare un regime che promuove uno stile di vita sano, tra cui un regolare esercizio fisico, e che comprende una grande varietà di cibi ricchi di nutrienti, questa dieta offre buoni spunti, ma si consiglia di consultare un dietista per essere sicuri che essa sia adatta alle proprie esigenze nutrizionali.
PRO
I vegani generalmente hanno valori di peso complessivo più bassi, o un minore indice di massa corporea, rispetto agli onnivori o ai carnivori.
Il veganismo cresce sempre di più in popolarità, le aziende che producono prodotti in base a questa filosofia sono sempre più diffuse, tra cui ristoranti e negozi specializzati di catering per la dieta vegana.
I vegani tendono ad essere più informati rispetto al consumatore medio rispetto alle provenienza del cibo, e sono in una posizione migliore per supportare la sostenibilità locale della loro
comunità in generale.
CONTRO
I vegani devono essere ben istruiti su come cereali e legumi si combinano per produrre proteine complete o possono sviluppare carenze.
Un vegano deve essere diligente nello scoprire i prodotti animali nascosti nel cibo o nella sua lavorazione, come il caglio (un coagulatore / emulsionante), il miele (dolcificante) o la gelatina
(un emulsionante e / o trasportatore di vitamine).
In generale, un vegano vive meglio con altri vegani, piuttosto che dover sopportare azioni di nonnismo da parte dei mangiatori di carne che sentono, erroneamente, di essere giudicati per il
fatto di mangiare carne.

CONCLUSIONE
La dieta Vegan non è necessariamente una dieta, ma piuttosto uno stile di vita. Prendere la decisione di essere vegan crea consapevolezza e promuove la responsabilità personale. Mentre le
diete sono disponibili in una varietà di soluzioni differenti, nella loro essenza sono tutte un metodo per aumentare la consapevolezza sul proprio consumo di cibo, consapevolezza che a sua volta, contribuisce a favorire la perdita di peso.

Dieta Turbo 10 giorni

La dieta turbo da 10 giorni stimola la tiroide “pigra” e riattiva e rende veloce il metabolismo. Quando il delicato equilibrio del sistema ormonale non è perfetto è facile prendere peso. I cuscinetti di grasso, per di più, si accumulano spesso in punti insoliti: si possono appesantire il busto, le braccia, il collo.
Oltre che la tiroide, importantissima per avere un metabolismo attivo, sono coinvolte anche le ghiandole surrenali, che risentono dello stress, e il fegato.La dieta Turbo da 10 giorni ha come obiettivo ristabilire i giusti livelli di ormoni e quindi agire sui chili “resistenti” quelli più difficili da smaltire. In questo modo riesce anche a ridare armonia e femminilità al corpo.Con la dieta turbo da 10 giorni si possono perdere fino a 3 chili.Il programma aiuta anche il benessere di pelle e capelli, strettamente legati al “gioco” degli ormoni.

Per ristabilire l’equilibrio.

Un aumento di peso progressivo e non direttamente collegabile a sbagli alimentari è uno dei primi segnali che qualcosa nei livelli ormonali non va.
Nelle donne può essere il segnale di un Ipotiroidismo.
Oltre all’aumento di peso ci sono altri segnali da non trascurare: i capelli più fragili o sottili, la sensazione frequente di freddo o stanchezza.
Anche l’appesantirsi della parte alta del corpo come le braccia, il collo, il busto, lì dove si allaccia il reggiseno, è spesso collegato a un aumento del livello di cortisolo, l’ormone dello stress.
La soluzione della dieta Turbo 10 giorni è nei cibi che riattivano il metabolismo, bilanciano gli ormoni in eccesso e nello stesso tempo depurano il fegato.

Cibi lipolitici.

Il menù è ricco di cibi stimolanti per la tiroide e attivi sui depositi di grasso per il loro effetto lipolitico.
Sì a pesce e semi.

Il pesce con il suo apporto di iodio aiuta la produzione di ormoni tiroidei.
I semi e le frutta secca forniscono micronutrienti utili a tutto il sistema endocrino e prevengono l’instaurarsi della sindrome metabolica.

Cibi da evitare.

Sono esclusi dolci e bevande zuccherate. Anche il comune pane bianco è da evitare a favore di quello di segale, che sazia più a lungo ed evita pericolosi picchi glicemici nel sangue.
Le cotture sono sempre molto semplici.

Dieta turbo per dimagrire in 10 giorni: menu completo

Per condire usare 2 cucchiai di olio extravergine di oliva al giorno e un cucchiaino di sale iodato.

TUTTI I GIORNI

Colazione: frullato preparato con 200 g di latte magro, 20 g di fiocchi d’avena e 250 g di frutta; un té verde non zuccherato.
Spuntini di metà mattina e metà pomeriggio: un centrifugato di verdure.

1° GIORNO

Pranzo: 130 g di pesce persico al cartoccio con 20 g di mandorle; pomodori; 60 g di pane di segale; frutta.
Cena: 100 g di roast-beef; cicoria bollita; 60 g di pane di segale.

2° GIORNO

Pranzo: 130 g di insalata di mare; 60 g di pane di segale; frutta.
Cena: 130 g di sogliola ai ferri; insalata di lattuga con 20 g di semi di girasole; 60 g di pane di segale.

3° GIORNO

Pranzo: insalata con 50 g di avocado e un uovo sodo; 60 g di pane di segale; frutta.
Cena: 100 g di carpaccio; peperoni grigliati; 60 g di pane di segale.

4° GIORNO

Pranzo: 130 g di seppioline lesse; insalata mista; 60 g di pane di segale; frutta.
Cena: 100 g di pollo alle mandorle; 60 g di pane di segale.

5° GIORNO

Pranzo: 130 g di tonno in scatola al naturale; scarola con 20 g di noci tritate; 60 g di pane di segale; frutta.
Cena: 100 g di arrosto di tacchino; trevisana ai ferri; 60 g di pane di segale.

6° GIORNO

Pranzo: 130 g di merluzzo lesso condito con prezzemolo, limone e aromi; carote lesse; 60 g di pane di segale; frutta.
Cena: omelette di zucchine con un uovo; rucola; 60 g di pane di segale.

7° GIORNO

Pranzo: 130 g di pesce spada ai ferri; radicchio con 20 g di mandorle; 60 g di pane di segale; frutta.
Cena: 100 g di pollo lesso; spinaci al vapore; 60 g di pane di segale.

8° GIORNO

Pranzo: 130 g di trota al cartoccio con aromi e verdure; finocchi con 20 g di pinoli; 60 g di pane di segale.
Cena: 100 g di hamburger di tacchino; insalata; 60 g di pane di segale.

9° GIORNO

Pranzo: 130 g di triglie al pomodoro; 20 g di noci; 60 g di pane di segale; frutta.
Cena: 100 g di bistecca di manzo ai ferri; insalata mista; 60 g di pane di segale.

10° GIORNO

Pranzo: 130 g di gamberetti; 60 g di pane di segale; frutta.
Cena: spiedini di pollo, preparati con 100 g di petto di pollo, carote e sedano; insalata di indivia con 20 g di nocciole; 60 g di pane di segale.

Dieta di mantenimento.

Dopo la dieta Turbo da 10 giorni si può seguire una dieta di mantenimento di 15 giorni, aumentando a 80 g il pane dei pranzo e aggiungendo un cucchiaio di olio.
Poi si dovrà continuare a consumare pesce (4 volte a settimana), semi e frutta secca.

Tisana turbo
Prova questa tisana turbo.

Ingredienti:

30 g di radice di zenzero fresco a rondelle
20 g di cannella spezzettata
20 g di foglie di lampone
20 g di foglie di malva.
Preparazione e modo d’uso.

Per preparare questa tisana a base di zenzero, foglie di lampone, malva e cannella, versa un cucchiaino o due del mix di piante in 250 ml di acqua, metti sul fuoco, fai sobbollire una decina di minuti.
Spegni, filtra, lascia intiepidire e bevi.

La dose consigliata.

Bevi durante il giorno, anche dopo i pasti principali.
Perché fa bene.

Lo zenzero è il rizoma di una pianta originaria dell’Estremo Oriente.
Fresco o essiccato, si usa per le sue proprietà diuretiche, depurative e brucia grassi. Abbinato alla corteccia della cannella (utile per il controllo degli zuccheri nel sangue) è utile per ridurre la “pancetta”. Malva e foglie di lampone contrastano i gonfiori addominali.