Creato da ykarusteam il 06/12/2007
Cusina, Vin, Ciàcole, Risate e......
 

Semplice Tifoso

 

Tag

 

ANTIPASTI

CLICCA QUI per il MENU degli ANTIPASTI, sia di Pesce che di Carne
La parola "antipasto" potremmo tradurla con
"prima del pasto"; come se indicasse un piatto creato per aprire un pasto ricco di sapori e piaceri...

L'antipasto non è fondamentale nella nostra cucina, anzi, di solito lo possiamo trovare durante cene importanti o pranzi preparati per eventi particolari.
Ormai fa parte della nostra abitudine alimentare e quanti voi a ristorante non vedono l’ora di gustarsi un delizioso antipasto?

 

PIATTI FREDDI

PRIMI DI CARNE

CLICCA QUI per il MENU dei PRIMI PIATTI di CARNE

 

PRIMI DI PESCE

CLICCA QUI per il MENU dei PRIMI PIATTI di PESCE

 

SECONDI DI CARNE

CLICCA QUI per Scegliere nel MENU dei SECONDI PIATTI di CARNE

 

SECONDI DI PESCE

  CLICCA QUI per Scegliere nel MENU dei SECONDI PIATTI di PESCE

 

CONTORNI VARI

CLICCA QUI per i VARI CONTORNI

 

SORBETTI & GELATI

CLICCA QUI se Vuoi UN GELATO o un SORBETTO

 

DOLCI & DESSERT

CLICCA QUI per DOLCI & DESSERT

 

AWARD

GENEROSAMENTE
RICEVUTO DA:

 

Area personale

 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 

Linguage Translated

  

TRADUCTION FRANÇAIS

 

Che Tempo Che Fa.....

 

Questo Sito aderisce alla campagna Anti Inter.

 

Ultime visite al Blog

gipaccavitovinciguerragairosclikpino13.2016carmelomulesonoio2828nikilitvalentinanovilladiemmeufficioantanicomesefosseteardomicklopiAmyovoriamanopossonikom1
 
Citazioni nei Blog Amici: 9
 

Contatta l'autore

Nickname: ykarusteam
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 56
Prov: VE
 

Contatore Visitatori

 
 

FACEBOOK

 
 

  Feed XML offerto da BlogItalia.it
RSS (Really simple syndication)  Feed Atom
Pagerank 2 o più Ciàcole

 

V O T A M I

TOP100 by RIDERS de CASADA - FREE BIKER from Italy    Vota   Votaci su Net-Parade.it Atlantide top 100 ridersdecasada 2ciacole

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

 

sorbetto di melone e grappa al ginepro 

Post n°246 pubblicato il 21 Giugno 2008 da ykarusteam
 
Foto di ykarusteam



Avevo voglia di qualcosa di fresco e dissetante ed il sorbetto mi é sembrata la cosa ideale.
Qui a quanto a temperatura non scherziamo affatto e mentre gli altri si congelano in casa con i loro bei condizionatori che sbuffano fuori solo aire caliente, io mi devo accontentare del mio bel ventilatore che dopo il primo refrigerio -momentaneo - mi provoca solo nausea. Questa mattina mi sono alzato con una piacevole sorpresa.
Le strade erano state lavate e rinfrescate dalla pioggia ed il sorbetto é stata la ciliegina sulla torta regalandomi un aroma tutto particolare grazie alla grappa al ginepro.
Chissà perché associamo la grappa solo all’inverno? Per me è stata una rivelazione! Lasciandolo sciogliere per alcuni istanti rappresenta anche un ottima bevanda.
1 melone tipo gallia
il succo 1 Limone
150 ml d'acqua
3 cucchiai di Zucchero

Preparare lo sciroppo:
versare l'acqua e lo zucchero in un pentolino e portarlo ad ebollizione quando inizia a ridursi è pronto.

Tagliare il melone a pezzi piccoli e frullarlo con il succo di limone e lo sciroppo.
Aggiungere la grappa al ginepro secondo i gusti.


 
 
 

Moscato D.O.C. - Colli Euganei

Post n°245 pubblicato il 08 Giugno 2008 da ykarusteam
 
Foto di ykarusteam

Moscato bianco. È originario del bacino orientale del Mediterraneo e si è sviluppato in seguito soprattutto in Piemonte e nei Colli Euganei.

Di colore giallo paglierino con riflessi dorati, è caratterizzato dall'inconfondibile sapore moscato, delicato e soave. Lo si può trovare nel tipo spumante o come vino tranquillo dal gusto dolce: aromatico e intenso.

Si sorseggia ovunque a tutte le ore preferibilmente accompagnadolo con dolci secchi o biscotti e va servito a 6° C.

 
 
 

Le cabiette alle Ortiche

Post n°244 pubblicato il 08 Giugno 2008 da ykarusteam
 
Foto di ykarusteam

Questa ricetta richiede un po’ di tempo e buona volontà.
Ma vi assicuro che il risultato è a dir poco gustoso!
Se amate le ricette di una volta assaggiate queste Cabiette (Gnocchetti) alle Ortiche.


Tempo di cottura: 2 ore 
per 4 persone:


800 gr. di patate da gnocchi
200 gr. di farina di segale
4 o 5 cipolle bianche di media grandezza
200 gr. di cime d’ortica
2 uova
100 gr. di parmigiano grattugiato
Sale
Pepe nero
Noce moscata
200 gr. di burro

Lessate le cime di ortica e le patate in due pentole differenti.
A lessatura terminata, con uno schiacciapatate riducetele in purea, mettete in un tritatutto le ortiche ed in una ciotola mischiate le uova sbattute precedentemente con sale, pepe ed un pochino di noce moscata, aggiungete la farina di segale ed il formaggio grattugiato ed impastate fino ad ottenere un composto omogeneo. Lasciate riposare l’impasto per circa un’ora dopo aver coperto il tutto con un panno di cotone.

Nel frattempo fate rosolare le cipolle tritate finemente in una padella con il burro.
Preparate gli gnocchetti nel modo classico, tagliando pezzetti lunghi circa 2 cm. ed incavandoli leggermente nel centro con il pollice.
Mettete le cipolle che avete rosolato in una teglia adatta al forno distribuendole in uno strato omogeneo e tenete da parte un po’ del burro che avete utilizzato per rosolarle.
Quando avrete lessato gli gnocchi, metteteli direttamente nella teglia sovrapponendoli alle cipolle, bagnateli con il burro che avrete conservato e mettete in forno a gratinare per una ventina di minuti a 180 gradi.
Se gradite potete aggiungere un’ulteriore spolverata di parmigiano grattugiato.

 
 
 

Gli spiedini di pescespada alla ghiotta

Post n°243 pubblicato il 08 Giugno 2008 da ykarusteam
 
Foto di ykarusteam

La ricetta degli spiedini di pescespada unisce il sapore del pesce a quello del ripieno a base di pecorino... una commistione particolare che sicuramente vi conquisterà!


per 4 persone:

Tempo di cottura: 50 minuti


1 kg di pescespada tagliato a fette di 1 cm di spessore
150 gr. di pecorino grattugiato
1 cipolla media
500 gr. di pomodori rossi a grappolo
250 gr. di pangrattato
1 gambo di sedano
200 gr. di olive verdi denocciolate
Capperi
1 acciuga sottolio
Sale
Pepe
Olio extravergine d’oliva

In un tegame preparate un fondo d’olio con la cipolla tritata finemente, aggiungete il gambo di sedano a pezzettini, le olive ed i capperi, il filetto di acciuga sottolio ed infine i pomodori maturi che avrete privato dei semi e tagliato a pezzi. Aggiungete sale e pepe a piacere e lasciate cuocere per una decina di minuti.
In una ciotola a parte mischiate il pecorino al pangrattato ed aggiungetevi il sale ed il pepe a piacere, poi qualche cucchiaio del sugo che sta cuocendo in padella per ammorbidire il composto.
Prendete allora le fette di pescespada e riempitele con il composto, arrotolatele ed infilzatele con stuzzicadenti o spiedini. Lasciatele poi cuocere per 20 minuti a tegame coperto.


Quasi come per tutti i piatti del Sud, il peperoncino non è d’obbligo ma modifica in modo significativo il piatto, se usato con parsimonia non copre i sapori ma sottolinea la bontà del piatto. Consigliamo quindi di usarlo per apprezzare a pieno il gusto dei piatti meridionali.

 
 
 

Le cozze ripiene

Post n°242 pubblicato il 08 Giugno 2008 da ykarusteam
 
Foto di ykarusteam

Quella delle cozze ripiene è una ricetta semplice e di sicuro effetto. Dato che come antipasto si sposa bene ai freschi vini bianchi del Sud, vi consigliamo di abbinarci proprio un buon bianco siciliano.


Tempo di cottura: 45 minuti

per 4 persone:

1 kg. di cozze
350 gr. di mollica di pane raffermo tritata
4 spicchi d’aglio
1 acciuga sottolio o sotto sale
3 pomodori maturi a grappolo
Olio extravergine d’oliva
Sale marino
Pepe nero macinato
Mezzo bicchiere di vino bianco

Pulite innanzitutto le cozze ed i gusci strappando il “filo” che le cozze hanno sul lato interno.
Preparate il fondo per farle aprire in una pentola aggiungendo un poco d’acqua ad una presa di sale grosso, mezzo limone intero ed uno spicchio d’aglio “vestito”.
Quando saranno aperte togliete la parte vuota della cozza e preparate in una padella un soffrittino con l’acciuga, l’olio d’oliva, l’aglio tritato finemente e la mollica di pane che farete dorare.
Soffriggete e poi togliete dal fuoco ed aggiungete a questo punto i pomodori che avrete spellato e tagliato a pezzetti, il sale ed il pepe e amalgamate il tutto.
Con questo condimento riempite ogni singola cozza ed allineatela in una teglia piuttosto bassa da forno.

Preparate il forno a 180° e spolverate con abbonante origano la teglia, aggiungete un filino di olio su ogni cozza ripiena e infornate per una ventina di minuti.

Per rendere le cozze più fragranti consigliamo di aggiungere anche una spruzzata di vino bianco dopo una diecina di minuti dacché le avrete infornate.