Creato da Basta_una_scintilla il 31/03/2008

Scintille

A volte da una sola scintilla scoppia un incendio (Lucrezio)

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 51
Prov: NO
 

ALLIEVADELGABBIANO

LASTREGAFELICE

MENTRE FACCIO ORDINE....

ULTIMI COMMENTI

metasemantica volevo dire, quella di Maraini
Inviato da: bellosincero_2011
il 06/06/2015 alle 13:39
 
Poesia metafisica..?
Inviato da: bellosincero_2011
il 06/06/2015 alle 13:32
 
Credo che in pochi, se ne rendono conto, si interessano...
Inviato da: jigendaisuke
il 03/05/2015 alle 23:55
 
un sorriso a te:))
Inviato da: Luxxil
il 14/02/2015 alle 13:59
 
è stato un rientro provvisorio, insomma. :(
Inviato da: odio_via_col_vento
il 21/12/2014 alle 18:12
 
 

I MIEI LINK PREFERITI

 
 

 

« Lo AxolotlSospensione »

Voglio farlo con te

Post n°257 pubblicato il 01 Settembre 2014 da Basta_una_scintilla

Era una sera di pioggia e lacrime, di tormento interiore, di solitudine ed angoscia. La città, deserta, non le faceva paura ma la sentiva aliena. Alla Stazione Centrale salì sull'autobus 81, quello che costeggia la ferrovia lungo via Sammartini; le parve di essere stata catapultata di colpo in un altro mondo, ritrovandosi, d'un tratto, in mezzo a nuovi odori, rumori, colori. Non capiva le lingue che sentiva, come si trovasse nell'antica Babele. Le sue narici raccoglievano aromi acri e speziati, odori forti e pungenti, totalmente estranei al suo essere ed al suo mondo. Inquieta osservava i visi attorno a lei, le carnagioni dalle molte tonalità, le rughe e gli occhi rossi, i sorrisi dalle dentature candide e quelli distrutti dalla povertà e dai patimenti.
Vide il portone d'ingresso della casa di ringhiera in cui abitava scorrerle davanti agli occhi; perché non era scesa? Che le stava prendendo? E, soprattutto, dove stava andando? Non lo sapeva: dissertare in via teorica delle differenze, dell'abbandono, dell'emarginazione, si, lo aveva fatto molte volte, aveva anche preso delle posizioni, attraverso le parole ed i suoi scritti ma poi, nella pratica, la vita continuava a restava la sua vita, i problemi i suoi problemi, i dolori i suoi dolori. Le giornate scorrevano, scandite dal ritmo delle proprie esigenze, delle domande a cui non riusciva a dare risposta.
L'autobus si fermò e tutti cominciarono a scendere, dirigendosi, lentamente, verso un semplice edificio: "e ora che faccio?" si domandò e, mentre pensava di aspettare il capolinea per tornare indietro, scese e si accodò al lento gruppo vociante. Entrò con gli altri e si mise in un angolo: silenziosa stette ad osservare mani tese verso gli altri a porgere un piatto di minestra. Che profumo aveva quella minestra? Le sembrava avesse il profumo dell'amore. Un lampo. Può forse un sentimento inspiegabile avere un aroma tanto semplice? Si era lacerata per anni nel cercare di dare una definizione di amore, per cercare di capire e spiegare a sé stessa, aveva letto aforismi, poesie, racconti, romanzi, trattati, ne aveva parlato e discusso, aveva pianto e riso e ora, d'un tratto, l'Amore le si mostrava dinnanzi semplicemente immenso sotto forma di un'umile minestra; non lo avrebbe creduto possibile. Toccare la sofferenza di un essere umano, appoggiare la propria mano sul suo cuore, sentire le vibrazioni di esperienze e vissuti lontani, di abbandoni e ritorni, di lacerazioni interiori: mille vite, mille passioni, mille dolori. Sentire e condividere. Forse era solo quello l'amore.
Si avvicinò a quella ragazza e, come se la conoscesse da sempre, le tolse delicatamente dalle mani il piatto fumante e, sorridendo, le disse: "Voglio farlo con te".


(Basta_una_scintilla - 9 luglio 2009)

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/Scintillando/trackback.php?msg=12939084

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
korov_ev
korov_ev il 01/09/14 alle 16:21 via WEB
È il cruccio un po’ di tanti, madame, desiderare di aiutare gli altri, ma non riuscire ad andare oltre se stessi; non sapere come fare.
A volte serve solo un po’ di volontà, quel tanto che basta per superare la “frontiera”; altre, invece, è più difficile, perché la precedenza si dà a coloro che abbiamo vicini, ed è una precedenza che assorbe tutto o quasi, di noi.
Poi a volte sì, sono solo scuse; paure e scuse alla rinfusa, ma va bene anche così: siamo umani, madame, e anche solo desiderare di amare il prossimo in un mondo dove tanti lo scannerebbero volentieri è un passo avanti… un gran passo avanti.
 
Roberta_dgl8
Roberta_dgl8 il 08/09/14 alle 16:11 via WEB
Cara Michela. ... un modo diverso, di fare l'amore. Farlo davvero, l'amore. Ti abbraccio. Roberta
 
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 28/09/14 alle 08:46 via WEB
Piccoli ma veramente grandi gesti, che talvolta si ha paura di compiere, nascondendo questa paur dietro scuse (per noi stessi prima che per gli altri)
 
pascualaugusto
pascualaugusto il 20/10/14 alle 03:47 via WEB
.. . ti auguro una splendida settimana d'amore e poesia
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

FAMMISCEGLIERE

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

scrittocolpevolebellomafarabuttomariomancino.mpsico_craziahieronimusbtrampolinotonanteMARIONeDAMIELprox.66franco_cottafavibassale76vento_da_nordlubopoelyyely75je_est_un_autrePerturbabiIe
 
Citazioni nei Blog Amici: 68
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 
 

IN QUANTI SIAMO...

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom