IL DUBBIO

"Avere sempre ragione, farsi sempre strada, calpestare tutto, non avere mai DUBBI: non sono forse queste le grandi qualità con le quali la stoltezza governa il mondo?" - (William Thackeray)

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: svitol5
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 52
Prov: AP
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 55
 

LA POESIA

"Quando il potere spinge l'uomo all'arroganza, la poesia gli ricorda i suoi limiti. Quando il potere restringe il campo dei suoi interessi, la poesia gli ricorda la ricchezza e diversità della sua esistenza. Quando il potere corrompe, la poesia purifica"

John Fitzgerald Kennedy - pochi mesi prima di essere assassinato ...

 

DEDICATO ALLA CLASSE POLITICA ITALIANA

"Bisogna sempre tener presente questi due principi: primo, agire unicamente secondo ciò che ti suggerisce il bene dell'umanità; secondo, cambiar parere se trovi qualcuno capace di correggerti, rimuovendoti da una certa opinione. Questo nuovo parere, comunque, deve sempre avere una ragione, come la giustizia o l'interesse comune, ed esclusivamente tali devono essere i motivi che determinano la tua scelta, non il fatto che ti sia parsa più piacevole o tale da procurarti maggior gloria."
Tratto dai "Ricordi dell'imperatore Marco Aurelio (121-180 D.C.)

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 55
 

ULTIMI COMMENTI

buon proseguimento di serata un abbraccio Ginevra.....
Inviato da: ginevra1154
il 22/09/2012 alle 19:07
 
...:-)
Inviato da: lightdew
il 20/01/2011 alle 14:20
 
FElice anno nuovo anche a te!
Inviato da: loscrigno10
il 31/12/2010 alle 16:58
 
Ciao Vito, ti lascio uno scritto Di Madre Teresa Di...
Inviato da: asia1958a
il 23/12/2010 alle 01:41
 
auguri di buone feste, di gioia nel cuore..laura:-)
Inviato da: lightdew
il 22/12/2010 alle 18:34
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Ardat_Lilibellotosto0antoniamirafiorigrass_ochevolatomowoke0red_fischlo_snorkimaiarellirominapgmmameliziasantybal_zacbonnymanfalkoinvololeolamluca97xd
 

I MIEI BLOG AMICI

- MONICA
- Ginevra...
- Sconfinando
- Polly_Blog
- Io, a volte
- A Room of Ones Own
- le ali nella testa
- nuvola viola
- Eccomiqua
- Attimi
- linee
- SABRINA
- LOLIMPO
- Comunicare
- emozioni
- pescatore di stelle
- Anilina days
- La vita quotidiana
- Sale del mondo....
- Il Libero Pensiero
- Sabrinas World
- PENSIERI IN LIBERTA
- VIOLEMMA
- Parole non dette...
- Abbandonare Tara
- serenix
- Il mondo per come va
- dianavera
- VOGLIA DI EMOZIONI
- NETTUVIANA
- saper sorridere..
- non cerco nessuno...
- ilBlogdellaProf
- Raggio di Sole
- il senso della vita
- BLOGGO NOTES
- ECCOMI....
- TUTTO PUOSUCCEDERE
- Il Demiurgo Cattivo
- Espressioni
- Maxsos Blog
- Incancellabile
- Pensieri ed Emozioni
- Luomo illustrato
- Immagini dal mondo
- sciolta e naturale
- back to black
- bruno14
- il mese delle rose
- anima
- Andata e ritorno
- I colori del NERO
- Musica e tv
- ALESSIA
- iHAVEaDREAM
- NIENTE DI PERSONALE
- EMBRIOBLOG
- RIVERBERO DANIMA
- LA TANA DEL COYOTE
- Elsewhere Perhaps
- ventididestra
- bippy
- ALCHIMIA
- tante hontas
- Tra cielo e mare
- Il vero s&egrave;
- ESSENZE DI LUCE
- lascia che sia....
- tra sogno e realt&agrave;
- Solo per Te
- LIBERA_MENTE
- SOTTO ZERO
- Uno sguardo oltre ..
- PENSIERI DI LUCE
- PENSIERI E PAROLE
- Risveglio Interiore
- SCUSA SE MI INCAZZO
- ci provo...
- LaMagaDahut
- commentiamo
- Scintille
- loro:il mio mondo
- ALTITUDINE
- antonia nella notte
- facciamo due passi..
- Ecoverde
- LA SFIDA
- DOLCISSIMO
- nuvole
- Linsorgente
- ^_^ Blog notes ^_^
- il paradiso perduto
- RILEGGIAMOLI
- il mondo di Khnum
- come le nuvole
- Canto lamore...
- Bizzoca Maledetta
- Fidati Attimi
- Effetti collaterali
- TRA CIELO E TERRA
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

FELICE ANNO NUOVO A TUTTI!!!

Post n°227 pubblicato il 31 Dicembre 2010 da svitol5
 
Foto di svitol5


“Niente più champagne
e i fuochi d’artificio sono finiti
eccoci qui, io e te
che ci sentiamo persi e tristi
è la fine della festa
e il giorno sembra così grigio
così diverso da ieri
adesso è il momento di dire…

felice anno nuovo, feliceanno nuovo
che tutti possano avere la visione,
di tanto in tanto, di un mondo dove
ogni vicino di casa è un amico
felice anno nuovo, felice anno nuovo
che tutti possano avere speranze,
voglia di provare, e se non sarà così
allora è meglio distendersi e morire
io e te

a volte vedo come il nuovomondo arriva
e osservo come si sviluppa
nelle ceneri della nostra vita
oh si l’uomo è uno stupido
e pensa che starà bene
andando per le lunghe, piedi di argilla
non capisce mai che si perderà
continua ad andare avanti in ogni caso…

felice anno nuovo, feliceanno nuovo
che tutti possano avere la visione,
di tanto in tanto, di un mondo dove
ogni vicino di casa è un amico
felice anno nuovo, felice anno nuovo
che tutti possano avere speranze,
voglia di provare, e se non sarà così
allora è meglio distendersi e morire
io e te

adesso mi sembra
che i sogni che avevamo prima
siano tutti morti, non c’è più nient’altro
solo confetti sul pavimento
è la fine di un decennio
ci saranno altri dieci anni
chi può dire cosa ci troveremo
quali bugie sono lì ad aspettarci
alla fine del ‘2010 …

felice anno nuovo, feliceanno nuovo
che tutti possano avere la visione,
di tanto in tanto, di un mondo dove
ogni vicino di casa è un amico
felice anno nuovo, felice anno nuovo
che tutti possano avere speranze,
voglia di provare, e se non sarà così
allora è meglio distendersi e morire
io e te”.

 
 
 

BUON NATALE A TUTTI VOI

Post n°226 pubblicato il 22 Dicembre 2010 da svitol5
 
Foto di svitol5

“Vi sono molti atteggiamenti riguardo alNatale
E alcuni li possiamo trascurare:
Il torpido, il sociale, quello sfacciatamente commerciale,
Il rumoroso (essendo il bar aperto fino a mezzanotte),
E l’infantile- che non è quello del bimbo
Che crede ogni candela una stella, e l’angelo dorato
Spieganti l’ale alla cima dell’albero
Non solo una decorazione, ma anche un angelo.
Il fanciullo stupisce di fronte all’albero di Natale
Lasciatelo dunque in spirito di meraviglia
Di fronte alla Festa, a un evento accettato non come pretesto.
Così che il rapimento splendido, e lo stupore
Del primo albero di Natale ricordato, e le sorprese, l’incanto
Dei primi doni ricevuti (ognuno
Con un profumo inconfondibile e eccitante),
E l’attesa dell’oca o del tacchino, l’evento
Atteso che stupisce al suo apparire,
E reverenza e gioia non debbano
Essere mai dimenticate nella più tarda esperienza
Nella stanca abitudine, nella fatica, nel tedio.
Nella consapevolezza della morte, nella coscienza del fallimento
Nella pietà del convertito
Che si potrebbe tingere di vanagloria
Spiacente a Dio e irrispettosa verso i fanciulli
(E qui ricordo con gratitudine anche
Santa Lucia, con la sua canzoncina e la sua corona di fuoco)
Così che prima della fine, l’ottantesimo l’ultimo, qualunque esso sia
Le accumulate memorie dell’emozione annuale
Possano concentrarsi in una grande gioia
Simile sempre a un grande timore, come nell’occasione
In cui il timore giunse ad ogni anima
Perché l’inizio ci ricorderà
la fine
E
la prima venutala seconda venuta.”
T.S.Eliot


BUON NATALE A TUTTI VOI ED ALLE VOSTRE FAMIGLIE


 
 
 

JULIAN ASSANGE: Genio, farabutto o … benefattore dell’UMANITA’???

Post n°225 pubblicato il 10 Dicembre 2010 da svitol5
 
Foto di svitol5

 Ci sono dei momenti in cui occorre prendersi delle lunghe, anzi lunghissime pause di riflessione. Ultimamente mi capita sempre più spesso e non so dirvi se questa sia l’ultima, ma per ora ci sono e questo credo che sia la cosa più importante.
Proprio in questo momento, ascoltando radio 24, è arrivata la breaking News che ha annunciato l’arresto di Assange, uno dei fondatori di Wikileaks ed eminenza grigia di tutto quello che può essere un certo tipo di giornalismo controcorrente e soprattutto contro un certo genere di informazione.
C’è da fare una distinzione che mi sembra molto importante: molti lo considerano un pericoloso violatore di segreti di stato, attentatore della sicurezza nazionale e, soprattutto, che mette in pericolo la vita di numerosi soldati in Irak e Afghanistan.
Tra questi c’è anche il nostro ministro degli Esteri, Frattini, evidentemente contrariato dall’ulteriore sputtanamento del suo “amato Silvio …”
In verità l’arresto è basato su un’accusa a dir poco pretestuosa. Due donne lo accusano di aver avuto con loro, in momenti successivi, rapporti sessuali non protetti. La prima racconta addirittura che il preservativo c’era ma si ruppe durante il coito … lì per lì la donna non disse nulla, poi ci ripensò e le parve di aver capito che Assange lo ruppe apposta quel preservativo … Di qui l’accusa che sembra uscire da un delirio di post-femminismo a posteriori. La seconda donna lamenta invece davanti ai giudici l’assenza totale del preservativo … Certo, per la legge svedese qualsiasi tipo di rapporto non protetto è violenza, ma da qui a chiamarlo stupro …

Ma possiamo allora definirlo un martire della suprema libertà di informazione oppure è solo un pupo nell’infernale ingranaggio della globalizzazione mediatica che tutto ingoia e tutto digerisce?
Qualche indizio possiamo trovarlo in una web-conference rilasciata pochi giorni prima di essere arrestato:

 In che modo credi di aver cambiato lo scenario mondiale? E considerata tutta l’attenzione che hai ricevuto non credi che anche la tua fonte dovrebbe ricevere una parola di apprezzamento da parte tua?

Negli ultimi quattro anni uno dei nostri obiettivi è stato di esaltare le fonti che si assumono i veri rischi in ogni rivelazione giornalistica. E senza questi sforzi, i giornalisti sarebbero nulla. Se è vero, come sostiene il Pentagono, che un giovane soldato – Bradley Manning – è dietro alcune delle nostre ultime rivelazioni, di sicuro lui è un eroe senza precedenti.

Avete rilasciato o rilascerete ‘cable’ (sia negli ultimi giorni sia nelle rivelazioni sulle guerre in Asia) con i nomi di informatori afghani o simili?Avete intenzione di censurare – scusa il termine – qualche nome che voi ritenete potrebbe trovarsi in pericolo di rappresaglia? In ogni caso penso che la storia ti assolverà, ben fatto…

Wikileaks ha una storia di pubblicazioni che dura da quattro anni. In questo periodo non c’è nessuna affermazione credibile – neanche da parte di organizzazioni come il Pentagono – che una persona abbia subito danni come risultato delle nostre attività. Questa è una manipolazione molto comune che cerca di spingere le persone a una conclusione fuorviante. Non abbiamo intenzione di cambiare politica a questo riguardo.
Il Dipartimento di Stato sta dibattendo sulla questione se tu sia o no un giornalista. Sei un giornalista? Nel momento in cui si pubblica informazione che qualcuno non vuole veder pubblicata, ha importanza che tu sia un giornalista oppure no?

Ho cofirmato il mio primo saggio quando avevo 25 anni. Da allora ho lavorato in documentari, giornali, tivù e su Internet. Tuttavia non è necessario dibattere se sono o non sono giornalista. O come mai chi lavora con me misteriosamente è accusato di aver cessato di fare il giornalista nel momento in cui comincia a scrivere per la nostra organizzazione. Anche se io ancora scrivo, faccio ricerca e inchieste, il mio ruolo è primariamente quello di un direttore che organizza e dirige altri giornalisti.

Andando a vedere molto più indietro (2007) nel suo blog, vediamo un aspetto di Assange che lo assurge al ruolo quasi di “santone-matematico-filosofico”:

Il post più interessante è però forse quello del 29 agosto 2007, intitolato «Irrazionalità nelle discussioni», che nota: «Potete provare che da A segue B, da B segue C, … , da H segue I, da I segue L, e accorgervi che la Giustizia annuisce e concorda. Ma se poi, con un colpo di teatro, affermate che allora necessariamente da A segue L, la Giustizia si tira indietro e rifiuta l’assioma di transitività, nel caso che L stia per Libertà». In altre parole, quando la Logica non fa comodo, la si rifiuta senza farsi problemi. 

Il post continua cosí: «Spesso ci tocca sentirci ribattere che, se crediamo X, allora ne segue una certa cosa. Oppure che, se crediamo X, questo porta a un’altra cosa. Ma tutto ciò non ha niente a che fare con la verità di X, e dimostra che le conseguenze sono trattate con più reverenza della Verità». In altre parole, invece di preoccuparsi di quale sia la Verità, ci si preoccupa di quali possano essere le sue conseguenze.

La conclusione del post sembra una dichiarazione preventiva di intenti per ciò che Assange avrebbe incominciato a fare di lí a poco: «Proprio quando ci sembra che ogni speranza sia persa, accade un miracolo. La gente dimostra di voler vedere dove punta l’ago della bussola, di aver fame di Verità. Ed ecco la Verità che la libera dalle manipolazioni, che le toglie l’anello dal naso. Siano benedetti i profeti della Verità, i suoi martiri, i Voltaire e i Galileo, i Gutenberg e gli Internet, i serial killer delle illusioni, quei brutali e ossessivi minatori della realtà, che distruggono ogni marcio edificio fino a ridurlo a rovine su cui seminare il seme del nuovo».

Lasciando perdere la vena profetica di Assange, quello che possiamo dire concretamente è questo:
Wikileaks non ha rubato, hackerato e né sottratto alcuna informazione; ha semplicemente pubblicato documenti che ha ricevuto dopo averne verificato la veridicità, l’attendibilità ed anche che potessero fare notizia. Il vantaggio che Wikileaks offre è quello di avere il completo anonimato per chi fornisce le informazioni.
Potrebbe quindi essere naturale collocare Wikileaks nel solco della libertà di stampa così come intesa in tutte le democrazie avanzate e come tale venire apprezzata come qualsiasi altro mezzo di informazione.
Perché allora ci sono queste reazioni scomposte di governi assolutamente democratici tipiche quasi da “ancient règime”?
E’ presto detto: resta difficile trovare un mezzo praticamente ILLIMITATO come Internet in cui ogni cittadino è, allo stesso tempo, fruitore e controllore della libertà di espressione. Dovremmo rallegrarcene per questo, ma certamente non i governi mondiali. Ai quali questa anarchia utopistica dello svelare qualsiasi segreto, senza gerarchie e indirizzamenti di sorta potrebbe indurli ad un ulteriore inasprimento di certe misure di controllo della Rete.
Il potere, come è noto, si basa necessariamente sul segreto e anche sulle mezze verità. Sarebbe impossibile governare uno Stato o un’azienda senza nascondere ai cittadini – dipendenti una certa quota di informazioni sensibili.

Dovremmo allora rassegnarci e confidare solo nell’utopia anarchica di qualche manipolo di hackers come Assange?
No, piuttosto penso che sia compito dell’azione collettiva della cittadinanza e della società civile fare in modo che il tasso di trasparenza degli stati sia il più elevato possibile. 

Possibile, certo … La trasparenza assoluta non esiste e non esisterà mai …

 

 

 
 
 

FALLIMENTO ITALIA: LA PRESUNZIONE NON PAGA, MAI!

Post n°224 pubblicato il 25 Giugno 2010 da svitol5
 
Foto di svitol5

Dal sito di "Avvenire":

CI RESTANO UN PO’ DI MAGARI E, FORSE, UNA LEZIONE

A casa. Con una massiccia sensazione di vergogna. E la marcata, grassa, tentazione di voler (e poter) infierire. Guai ai vinti. Di solito è così. Ma è anche troppo facile. Due pareggi e una sconfitta, contro avversarie appena sopra il livello del ridicolo. L’Italia esce. Si strappa da sola da un Mondiale imperfetto e finito ancor peggio di come si poteva immaginare. Eravamo campioni del mondo, fino a ieri alle 17.50, l’ora della fine. Fuori senza vittorie: non era mai accaduto. Fuori dopo tre partite appena, non succedeva dal 1974. Battuti dalla Slovacchia: non capitava dall’altra Corea della nostra storia. Ma questa volta – se possibile – è stato ancora peggio, molto peggio. Non una partita maledetta, ma un trittico. C’era più tempo per rimediare, per deviare la traiettoria di uno psicodramma all’italiana perfetto nella sua terribile costruzione scenica.
Che film il mal d’Africa. Ricordarlo fa ancora male al cuore. Un commissario tecnico antipatico a prescindere, reso dai trionfi passati supponente e insensibile alla logica. Ma che alla fine si assume tutte le responsabilità. Bontà sua. Almeno qui ha scelto bene. Una squadra vecchia, strabaciata dalla fortuna quattro anni fa, schiantata anche dalla sorte adesso che si è ripresa una parte di quanto concesse. E poi la Slovacchia (34ª al mondo nelle classifiche di merito) che sembra il Brasile, perché gli azzurri sono specialisti a trasformarle tutte in Brasile le nostre avversarie. Non manca nemmeno il gol annullato ingiustamente. E il pallone ribattuto oltre la linea: era gol quello, forse. L’unica scusetta da esibire. Magari, avverbio sintomatico. Magari come tante, troppe cose di questo Paese. Magari ci fosse stato Cassano... E magari anche no. Appunto.
L’arrembaggio finale, l’illusione,
la disperazione. Tutti avanti. Confusamente. Sperando nel miracolo. Come facciamo spesso nelle cose della nostra vita, ottimisti anche oltre il novantesimo. Inutilmente. Hanno perso. “Noi” prima e “loro” adesso. Giù dal carro dei vincitori, come voleva Lippi. Solo che ha perso. Non ci sarà pietà, e probabilmente è sbagliato. Perché alla fine in campo non ha giocato lui, ma un gruppo bollito. Lippi l’ha scelto e promosso, ma quello ha fallito. Una squadra finita prima di cominciare, purtroppo. E che nemmeno ha dimostrato “carattere”, che poi è quasi sempre il complimento dei disperati.
È già l’ora delle analisi, dei debordanti commenti, soprattutto politici. Indignati, ovviamente. Perché una sconfitta in silenzio – che alla fine è di tutti, non dimentichiamolo – evidentemente non è prevista dal regolamento. Il Sudafrica aveva i suoi Bafana-Bafana. Noi i nostri Padana-Padana. C’era anche il cinico gusto di quelli che vogliono perdere a prescindere. Italiani, strana gente. E strano pallone azzurro, che trionfa nel 2006 dopo “Calciopoli” e si squaglia come un gianduiotto al sole tra i fuochi d’artificio verbali di “Calderopoli”.
Si è pianto ieri sul prato di Johannesburg. Lacrime di resa per un calcio, il nostro, che ha deluso profondamente, ma non ha sorpreso nel disastro. È così, questo è. Il trionfo di Berlino nel 2006 fu una straordinaria anomalia, e finalmente ce ne rendiamo conto. Non è eresia pensare che l’Inter (senza italiani) probabilmente è molto più forte di qualunque nazionale presente in questa Coppa del mondo. Che la Germania multietnica sta andando avanti con mezza formazione di origine turca o africana. La razza pura – ammesso e non concesso che ce ne sia mai stata una – non solo non esiste più. Non vince più. L’azzurro si salva accettando Balotelli, e non solo perché è un insopportabile estroso. Mischiare occorre, per resistere. Senza diventare paladini di poche idee e comunque confuse. 
Questo non perdoniamo a Lippi: perdere, al limite anche senza decoro, fa parte del gioco. Ma ci ha tolto l’Italia e le notti magiche. E adesso non sapremo più per chi star male.

Alberto Caprotti

 
 
 

DEDICATO Al POPOLO DELLA PALESTINA ...

Post n°223 pubblicato il 09 Giugno 2010 da svitol5
 

Credo che ci sia una profonda ingiustizia in questo mondo: è quella che colpisce il popolo palestinese. Un popolo a cui non è riconosciuto per viltà e per interesse il diritto internazionale di avere una terra, una patria.
Attenzione: io non odio lo stato di Israele e rispetto il suo popolo e la sua democrazia che non ha eguali in mezzo alla situazione medio-orientale.
Ma, da cittadino, pretendo che le leggi e le risoluzioni vengano rispettate da tutti. Soprattutto da chi si ritiene di essere una democrazia.
Per questo sono anche contro il terrorismo di Hamas, ma dobbiamo ricordare tutti che il terrorismo di autoalimenta da situazioni come questa dove esiste una violazione esplicita di tutte le norme umanitarie (vedi blocco di Gaza).

Quindi LIBERTA' e DIRITTI per il popolo PALESTINESE

 

 
 
 

I NUOVI CONFINI E ... I NUOVI BARBARI

Post n°222 pubblicato il 04 Giugno 2010 da svitol5
 
Foto di svitol5

Pubblico qui di seguito un’interessante intervista di Avvenire all’archeologo-scrittore Valerio Massimo Manfredi riguardo al parallelismo della nuova ondata migratoria odierna con quelle che ha subito l’Impero Romano prima della sua  caduta:

Manfredi: Europa nuovo «limes»?

Chiusi dentro i confini del nostro “Limes” noi, l’Occidente, scrutiamo con preoccupazione le orde dei "barbari" che ci assediano da ogni parte. Come quelli che premevano ai margini dell’Impero romano un millennio e mezzo fa: diverse le "armi" – non più cavalli e spadoni, ma doppifondi di tir, scassate carrette del mare o passaporti truffaldini –, uguale il miraggio: non già abbattere l’impero, ma entrare a farne parte. L’archeologo Valerio Massimo Manfredi scorge numerosi parallelismi tra la Tarda antichità e l’epoca presente: identico il senso d’assedio di chi sta al di qua del limes, identica la fame di una vita migliore di chi sta al di là. E, forse, identica anche la soluzione, sebbene allora i Romani non siano riusciti a portare a termine il loro progetto di integrazione. 

Cosa era l’Impero visto dai diseredati che vivono oltre i suoi confini?
«Era il sogno. Ma è chiaro: da una parte, carri coperti di pelli dove si moriva di freddo d’inverno e di caldo e di zanzare d’estate; dall’altra, città, strade lastricate, acquedotti, fontane, terme, biblioteche, porti, ville, un governo avanzato, immensi tesori artistici... I barbari volevano far parte di tutto questo. Io ho sperimentato quello che si prova quando, venendo dal deserto, si arriva in una città romana: benché in rovina, entrare a Bosra, a Palmira o a Gerasa lascia senza fiato. Oggi accade lo stesso, solo che l’impatto non è più diretto: chiunque può guardare dentro l’impero semplicemente accendendo il televisore».

Come reagì Roma?
«Aveva capito tutto questo, e cercava di attuare un’accorta politica fatta di contenimento armato, quando l’assalto era violento, ma anche di trattative, consentendo stanziamenti al di qua del limes affinché questa gente venisse pian piano romanizzata e infine integrata. È la politica portata avanti oggi dall’Unione europea ai suoi confini: dialoga con i Paesi limitrofi, li finanzia, li aiuta a costruire le infrastrutture, per portali pian piano alla piena integrazione. Certo, non sempre fila tutto liscio e da più parti si considera un errore l’aver fatto entrare tutti insieme tanti Paesi che ancora non erano pronti; da lì gli squilibri, i problemi generati nel mondo del lavoro, la delocalizzazione delle produzioni. Come si vede, un problema di vecchia data; ai tempi di Roma era stato particolarmente acuto a causa di una combinazione di eventi che aveva risparmiato, dall’altra parte, la Cina. E infatti la Cina è ancora oggi un grande impero monolitico, da sempre uguale a se stesso, con una sola lingua, un solo carattere culturale. Mentre invece, da noi, l’Impero romano è soltanto un ricordo». 

Se la ricetta era giusta, che cosa non ha funzionato?
«Non ci fu il tempo, la pressione dei barbari a un certo punto divenne troppo intensa per consentire la loro graduale integrazione. Ma Roma aveva visto giusto, anche quando pensava che quelle nuove forze avrebbero potuto tornare utili allo stesso Impero: basti pensare a quanti barbari, da Stilicone in giù, hanno sacrificato la vita affinché l’Impero sopravvivesse. Quella di Roma fu una risposta audace, intelligente e strategicamente valida». 

Nella sua ultima raccolta di racconti, "Archanes", ce n’è uno dedicato proprio al "Limes" e ambientato durante il magmatico passaggio dall’antichità al Medioevo. Che cosa stava accadendo?
«Anche se si è consumato in un paio di secoli, si era verificato un evento profondamente traumatico: il naufragio e l’oblio e del mondo antico. Certo, c’è stata la Chiesa, che ha avuto il merito di trasmettere alle nuove generazioni un certo numero di testi antichi; ma tanti altri sono andati distrutti. Non sappiamo esattamente quale potesse essere la coscienza di quel periodo, quale fosse l’identità di quella civiltà e dei tempi nuovi che stavano sorgendo. Ma che ci fosse una coscienza, questo lo sappiamo: ancora nel V, nel VI secolo gli ultimi aristocratici continuavano a coniare medaglie con le effigi dei grandi del passato e le distribuivano tra la gente per tenerne vivo il ricordo. Nel mio racconto mostro un aristocratico che considerava i confini della sua vasta proprietà come il limes: all’interno, la sua famiglia viveva come ai tempi di Teodosio».

Come vedevano i barbari al di là del confine?
«Per lungo tempo, per i Romani, il mondo periferico è stato quello del favoloso. Plinio, per esempio, descrive con grande realismo e acume ciò che faceva parte dell’Impero, ma man mano che si allontanava dai suoi confini sfumava nel fiabesco. Ecco allora i blemmi, mostri nel deserto, o gli uomini con un piede solo, o le formiche minatrici che portavano l’oro in superficie… In fondo, è quello che facciamo ancora noi oggi: non rispetto alla Terra, che ormai con la globalizzazione non ha più vere periferie, ma rispetto allo spazio esterno. E facciamo Avatar. 

L’altro era quindi sempre e solo il diverso?
«Per la maggior parte, sì. Le masse romane, così come i Greci e perfino intellettuali come Ammiano Marcellino, percepivano il periferico, il lontano come inferiore. Ma già allora c’erano persone illuminate, capaci di vedere oltre a questo. Plinio denunciava come crimine contro l’umanità il genocidio perpetrato in Gallia da Giulio Cesare. E Tacito faceva dire al capo britanno Calgaco sui Romani: "Raptores orbis […], auferre trucidare rapere falsis nominibus imperium, atque ubi solitudinem faciunt, pacem appellant", "Predatori del mondo, il rubare, il trucidare, il rapinare lo chiamano con falso nome impero. E dove fanno il deserto, lo chiamano pace"».

Quello che posso aggiungere alla perfetta e lucida analisi di Manfredi è che oggi come allora c’è sempre qualcuno che non fa altro che istillarci paure giornaliere dando la colpa delle nostre disgrazie agli altri, che nel nostro caso non sono più i barbari ma gli immigrati.

Nel “1984” di Orwell si descrivono i cosiddetti 2 minuti dell’odio: in pratica la tecnica consiste nel focalizzare tutta la rabbia del popolo bue verso un obiettivo a caso (che in Italia di solito coincide con l’immigrato) allo scopo di distogliere dalla vera causa della rovina del nostro Paese.

Ora pare che ci siamo tutti accorti che questa causa coincide con la corruzione della nostra classe dirigente, le maxi evasioni ma anche quelle piccole giornaliere, i furbi e i furbastri.

Bisognerebbe avere quindi molta lungimiranza e rinunciare al facile qualunquismo e soprattutto ai discorsi da bar che dei governanti seri non dovrebbero mai avere.

L’impero Romano ebbe la straordinaria capacità, per un tempo lunghissimo, di aggregare popoli e culture diversissime tra di loro. Fu il cosiddetto “patriottismo integratore” che permise alle popolazioni conquistate di mantenere la loro cultura ma di assorbire i valori romani fondamentali e per questo di esserne fieri.

Quando tutto ciò non funzionò più allora cominciò la disgregazione e quindi la caduta dell’Impero.

Credo che tutto ciò dovrebbe insegnarci qualche cosa …

 
 
 

AUGURI GRANDE VECCHIO CLINT!!

Post n°221 pubblicato il 31 Maggio 2010 da svitol5
 
Foto di svitol5

 

Oggi, il mitico Clint Eastwood compie 80 anni.

Credo che nessun attore e regista contemporaneo abbia rappresentato in maniera così completa la società americana ma anche quella mondiale (il recente Invictus lo dimostra).

Dai tempi del pistolero infallibile con il sigaro in bocca della “Trilogia del Dollaro”, passando per il “Dirty Harry” dell’ispettore Callaghan, fino ad arrivare come regista e interprete ai nostri giorni con l’oscar meritatissimo di “Million Dollar Baby” e l’approccio quasi autobiografico di “Gran Torino”, Clint ha dimostrato come il tempo per lui non è mai passato, avendo sempre la capacità di rinnovarsi e guardare avanti.

A me, sinceramente, piace ricordarlo nelle pellicole di Sergio Leone che di lui ricordava l’espressività non proprio ai massimi livelli …

Ecco quindi uno spezzone di “Per un pugno di dollari”:

“Al mio mulo non piace la gente che ride di lui ….”  VERAMENTE MITICO!!!

 

 

 
 
 

IL POTERE LOGORA … CHI NE DETIENE TROPPO!

Post n°220 pubblicato il 28 Maggio 2010 da svitol5
 
Foto di svitol5

Erano altri tempi quando Andreotti, citando se stesso, con il sorriso misto ironico / diabolico, sottolineava che “Il potere logora chi non ce l’ha” rimarcando che lui non si sentisse affatto invecchiato nonostantela sua quasi secolare militanza in politica e nei governi.
Ma il sarcasmo e l’ironia di Andreotti erano inarrivabili.
Quasi titanici a confronto di un piccolo governante che si permette di citare dei diari di Mussolini (fra parentesi presunti falsi, acquistati dal suo fido Dell’Utri) per lamentarsi che, udite udite, da quando è capo del governo i suoi poteri sono ridotti al lumicino.

“Come primo ministro non ho mai avuto la sensazione di avere del potere, forse come imprenditore qualche volta. Cito una frase di colui che era considerato come un grande dittatore e cioè BenitoMussolini: dicono che ho potere ma quello ce l’hanno i miei gerarchi io posso solo dire al mio cavallo di andare a destra o a sinistra”.

Povero Silvio, verrebbe da dire come Cornacchione. Ma la faccenda è molto seria.

E’ abbastanza evidente che il famoso detto che “prima diparlare assicurati che il cervello sia ben collegato” non appartiene al nostro premier. Ma in certi casi, dimenticarsi delle storia e delle conseguenze dicerte affermazioni può essere veramente molto grave.

Probabilmente voleva anche dire, umilmente, che lui il potere è abituato a delegarlo. Ma edulcorare e dipingere il fascismo e Mussolini con molta benevolenza come già era capitato diversi anni addietro quando ebbe a dire che, durante il fascismo, i dissidenti venivano mandati invacanza, beh allora siamo proprio ad una completa ignoranza che veramente ci espone al pubblico ludibrio in Europa e nel Mondo.

L’Italia è una Repubblica parlamentare dove il potere legislativo è in mano al parlamento, ma questo è solo in teoria in quanto negli ultimi anni, tipicamente dal 2001 in poi, si è sempre assistito ad un uso smodato di decreti legge, ricorsi alla fiducia e disegni di legge fatti non dal Parlamento ma dal governo. E Berlusconi è stato all’opposizione per soli 2 degli ultimi 10anni.

Ecco, è abbastanza evidente la sua insofferenza verso questo sistema che, ricordiamo, era stato stabilito dai nostri padri costituenti per poter fare da contrappeso verso un esecutivo troppo forte come era la dittatura fascista.

Nelle sue aziende il potere supremo decisionale è suo e di nessun altro anche se probabilmente sua figlia Marina è una tosta che gli da filo da torcere.

Ma l’Italia è un’altra cosa e la maggioranza che dispone in Parlamento gli consente di dormire tranquillamente su due guanciali al contrario del povero Prodi sempre sul chi vive, intento a barcamenarsi all’interno di schieramenti multipli e tutti litigiosi tra di loro …

Fossi in Tremonti un po’ mi preoccuperei vista la comparazione con i gerarchi fascisti. Ma la manovra economica “lacrime e sangue”uscita in questi giorni porta effettivamente il suo timbro e Berlusconi non l’avrebbe mai fatta in quanto condizionato dal potere del consenso e dei sondaggi.
Fare questo genere di paragoni in questo momento in cui si chiedono grandi sacrifici alla popolazione è veramente noioso e nauseante.

Quello che si richiede ai nostri politici è semplicemente un po’ di senso di responsabilità e, soprattutto, di serietà / sobrietà.
Ma … è così difficile?

 
 
 

3 ANNI e ... non solo!

Post n°219 pubblicato il 18 Maggio 2010 da svitol5
 
Foto di svitol5


Non sono mai stato molto propenso per le ricorrenze o le celebrazioni, tanto meno quando si tratta di quelle che personalmente mi riguardano. Probabilmente sarà colpa del mio carattere schivo che mette in secondo piano tutte quelle cose che intaccano la mia intrinseca riservatezza.

In questo caso faccio un’eccezione per il TERZO anno di vita del mio blog“IL DUBBIO”.

Sono sempre stato convinto che un blog rappresenta un modo ed un metodo di espressione, di stimolo della creatività di ognuno ed anche di raccontare, con i propri occhi, quanto accade nel mondo in cui viviamo, compreso il proprio mondo, con le sensazioni che ne derivano.

Nel mio caso ho cercato di esplicitare il mio punto di vista su svariati argomenti (attualità, politica, religione, società, filosofia ecc.), anche con l’aiuto di articoli di buon giornalismo di carta stampata, sempre cercando di approfondire con equilibrio e moderazione gli aspetti che magari non saltano subito fuori da una visione superficiale delle cose.

Non so se ci sono riuscito e non voglio fare bilanci.

Mi sta un po’ sullo stomaco una certa accusa di “terzismo” che non credo che sia giusta visto anche la chiarezza della mia posizione nel dibattito politico.

Casomai, care amiche ed amici, sarebbe cosa buona e giusta che giudicaste voi se gli obiettivi che mi ero preposto siano stati raggiunti o meno.

Nel corso di questo anno si sono alternati nei commenti e nelle visite diversi blogger e magari molti non postano più. A dire la verità, comunque, anche io non sono molto costante, ma, ultimamente, non ho più molto tempo da dedicarci a causa di impegni sia lavorativi che extra.

Ringrazio comunque VOI tutti, sinceramente, per aver contribuito alla “crescita” sia del blog che del sottoscritto. E’ stato anche un cammino insieme che ci ha consentito di affrontare e sviluppare molti aspetti, anche nascosti, della nostra vita.

E visto che ci sono, volevo anche coinvolgere mio figlio più piccolo Leonardo che il 20 maggio compirà 15 anni. E’ una età molto importante, quasi un pre-ingresso adolescenziale nel mondo adulto, se così possiamo definirlo:

AUGURI LEO: CHE LA FORZA SIA CON TE!  

 Volevo concludere con una citazione del pensatore ebreo Abraham J. Heschel (1907 – 1972) :

“Nell'anima ci sono sentieri in cui l'uomo cammina da solo, strade che non portano alla società, un mondo privato che si sottrae allo sguardo pubblico. La vita non è fatta solo di terra da arare o produttiva, ma anche di montagne di sogni e di sotterranei di dolore”

 Vito

 

 
 
 

Indice del BENESSERE: Meglio il PIL o ... il FIL?

Post n°218 pubblicato il 14 Maggio 2010 da svitol5
 
Foto di svitol5

Molte volte capita spesso di leggere notizie sui giornali e sugli organi classici di informazione che allarmano, o dovrebbero per lo meno indurre in uno stato di preoccupazione, relativamente allo stato reale di ognuno di noi e quindi del nostro Paese.

In questo momento non ce la passiamo proprio bene in quanto il PIL si attesta intorno allo 0,8 % mentre si assiste, complice la crisi, ad un consistente calo dei consumi.

Ma possiamo dire veramente che questo rappresenti una misura del grado di benessere della nostra popolazione? E’ un indicatore adeguato a stabilire se siamo realmente felici quando i consumi aumentano e tristi quando diminuiscono?

Penso che sappiate tutti che cosa è il PIL (prodotto interno lordo): identifica in modo assolutamente matematico quanta ricchezza produce una nazione e cioè il valore dei beni e dei servizi prodotti in un dato periodo di tempo. I due parametri (pil e consumi) sono quindi strettamente legati tra di loro.

Ma, parliamoci chiaro, sono essenzialmente dei parametri quantitativi piuttosto che qualitativi. Quindi non assoluti.

Recentemente il presidente francese Sarkozy ha commissionato una ricerca per stabilire se ci può essere un altro indice che misuri il benessere, la felicità e la qualità della vita di una nazione.

Ne è nato il rapporto STIGLITZ, dal nome del premio nobel per l’economia del 2001, che prova a numerizzare l’INDICE DI FELICITA’ anche in base a nuovi parametri quali: sanità, sicurezza, opere di volontariato, ambiente. Quindi anche reddito ma NON SOLO.

Nel 1968, tre mesi prima di essere assassinato, Robert Kennedy, nel corso di un bellissimo discorso all’università del Kansas, descrisse quello che per lui NON poteva rappresentare il PIL:

 

"Non troveremo mai un fine per la nazione né una nostra personale soddisfazione nel mero perseguimento del benessere economico, nell’ammassare senza fine beni terreni.
Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell’indice Dow-Jones, né i successi del paese sulla base del prodotto nazionale lordo (PIL).
Il PIL comprende anche l’inquinamento dell’aria e la pubblicità delle sigarette, e le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine dei fine-settimana.
Il PIL mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni per coloro che cercano di forzarle. Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari, comprende anche la ricerca per migliorare la disseminazione della peste bubbonica, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per sedare le rivolte, e non fa che aumentare quando sulle loro ceneri si ricostruiscono i bassifondi popolari.
Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia o la solidità dei valori familiari, l’intelligenza del nostro dibattere o l’onestà dei nostri pubblici dipendenti.
Non tiene conto né della giustizia nei nostri tribunali, né dell’equità nei rapporti fra di noi. Il Pil non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro paese.
Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta. Può dirci tutto sull’America, ma non se possiamo essere orgogliosi di essere Americani."

 

Certo, è vero che il calo dei consumi può essere considerato come un indice delcalo del benessere, ma forse c’è qualcosa di falso in questi meri dati economici. Infatti, secondo questa visione, l’uomo che sta “bene” sarebbe dunque l’uomo che consuma. Se consuma meno, ha meno soldi e dunque c’è da preoccuparsi. Ed è quello che ripetono tutti, governo, opposizione ed associazioni di categoria. Ma c’è un però …

Come diceva Robert Kennedy, la felicità non cresce in modo proporzionale con l’aumento della produzione e dei consumi. Una lettura del fenomeno umano che si concentri solo sulla quantità dei consumi può essere fuorviante e pericolosa.

Spesso certi generi di consumi, tipo ansiolitici, beauty center, telefonia, televisioni ecc. segnalano piuttosto vari generi di malessere, a volte profondi, che si cerca di curare invano con la disponibilità di mezzi finanziari. Non tutto si trasforma in economia e non tutto è mosso da soldi.

E’ un problema complesso a cui risulta arduo dare una soluzione. Il tema della felicità, infatti, non è nuovo nella storia del pensiero economico. Oltre a Keynes, anche altri economisti classici come Stuart Mill, hanno spiegato come la felicità non consista nell’abbondanza delle cose, ma nella loro “qualità”.

Si ha la sensazione, ultimamente, che esista un paradosso che annulla il nostro possibile appagamento di quello che si ha. E cioè l’aumento delle aspirazioni e delle aspettative che annulla l’aumento del piacere per ciò che è solo utile. Con l’invidia e la rivalità che fanno dipendere la felicità propria da quella degli altri in un continuo inseguimento.

Ho sentito parlare di una vignetta che un famoso disegnatore, Steinberg, aveva pubblicato sul settimanale New Yorker tanti anni fa: Era composta di scene successive, nella prima lui, uscendo di casa in bicicletta, vede il suo vicino uscire dal garage su una utilitaria. Nella seconda lui esce con una utilitaria, ma il vicino con un’auto poderosa. Nella terza lui esce trionfante, affrontando un traffico congestionato, con una ingombrante e costosa auto; ma il vicino scorre via sereno attraverso il traffico su una bicicletta.

Qui l’impulso mimetico è diretto e circolarmente frustrante. Se ci si mette la pubblicità, è moltiplicato per mille. Il mercato è sempre più trascinato dalla pressione competitiva che investe non solo la produzione ma, attraverso la pubblicità, anche i consumi “posizionali” o competitivi: quelli che non esprimono bisogni originali,  ma bisogni che dipendono da quelli altrui, che, per loro natura, sono insaziabili, quindi generano infelicità.

Allora come si fa a misurare il benessere e la felicità di una nazione senza ricorrere ai dati economici? Non è semplice ed ognuno di noi avrebbe una ricetta dipendente dalla sua scala di valori umani e sociali con i fattori tipo ambiente, sicurezza, salute, lavoro, famiglia ecc..

E’ compito quindi di una politica seria trovare delle misure adeguate e, successivamente, dare delle risposte.

Per questo il FIL (felicità interna lorda) potrebbe essere un parametro non utopistico e filosofico, ma reale sullo stato della qualità della vita di un Paese.

La Cina ha un PIL medio del 8/10 % annuo. Una crescita straordinaria che le consentirà tra pochi anni di superare anche gli Stati Uniti come prima economia mondiale.

Eppure credo che nessuno di noi vorrebbe vivere ora in Cina

Con tutti i nostri difetti credo che sia ancora molto meglio continuare a vivere nella nostra bellissima Italia, anche con un PIL basso …

Buon fine settimana a tutti

Vito

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: svitol5
Data di creazione: 18/05/2007
 

LA CASA DELLE STELLE

Il cielo è azzurro
come l'acqua limpida del mare.
E' incorniciato dalle nuvole
bianche come la neve.
E' illuminato dal sole
giallo come u
n campo di grano.
E' la casa delle stelle
quando scende l'oscurità
è la coperta di velluto nero
che copre il mondo.

(Leonardo S. classe 5° C elementare G. Rodari)


 

LA NAVIGAZIONE DELLA VITA

"Il Signore ci conceda di navigare con vento favorevole su una nave veloce, di sostare in porti sicuri, di non conoscere prove più gravi di quanto possiamo sostenere, di non incorrere nei naufragi della fede, di possedere una calma profonda e, nel caso che qualche evento sommuova contro di noi i flutti di questo mondo, di avere vigilante al timone il Signore Gesù il quale plachi la tempesta e stenda sul mare la bonaccia"

Sant'Ambrogio - padre della Chiesa (339 - 397 d.C.)

 

LA GOCCIA E LA PERLA

"Partì la goccia dalla sua patria, trovò una conchiglia, vi entrò e divenne perla. O uomo, viaggia da te stesso in te stesso, perché da un simile viaggio la terra diventi oro purissimo"

Gialal Al-Din Rumi - poeta (1207 - 1273)