Creato da luger2 il 29/01/2008
I vantaggi dell'unità d'Italia

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 35
 

Ultime visite al Blog

Tony_Asdpianese67pippo290fulvio.dilaurimoroni.giovanni64flynzautomaticcenter08maioneilluminamarilella0mariochiomarisceralfonso9691dobbensdurer0ivan.anteghini
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

DISCLAMER 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7.03.2001. Le immagini pubblicate su questo blog provengono per la maggior parte dalla rete. Nel caso la loro pubblicazione dovesse violare evenutali diritti d’autore, prego di comunicarlo, verranno rimosse immediatamente. Tutti i marchi registrati e i diritti d’autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari. Tutti i post all’interno del blog rappresentano il punto di vista e il pensiero dei rispettivi autori. Per garantire la pluralità di pensiero gli autori danno la possibilità a chiunque di inviare commenti sui singoli post oppure post veri e propri.

 

Contatta l'autore

Nickname: luger2
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 56
Prov: NA
 

VISITATORI

LETTERA di un EMIGRANTE NAPOLETANO

 

Maurizio Restivo ad "Atlantide" LA7

 

FOTTUTO TERRONE

 

L'ECCIDIO di BRONTE

 

I SAVOIA: La vera negazione

 

La vera negazione II parte

 

La vera negazione III parte

 

La vera negazione IV parte

 

 

« QUANDO LA LEGGE CONTRO L...Bankitalia certifica il ... »

Allarme tumori nel Parco del Vesuvio Dati choc: «Malati in 2 famiglie su 3»

Post n°2336 pubblicato il 14 Giugno 2014 da luger2
 

 Due famiglie su tre nella parte alta di Ercolano hanno, o hanno avuto, congiunti colpiti da gravi patologie: in prevalenza, leucemia e tumori dell’apparato respiratorio. È il dato sconcertante dell’indagine realizzata dal Gruppo Salute Ambiente Vesuvio, coordinata dal professore Gerardo Ciannella, direttore dell’Unità di Medicina Preventiva dell’ospedale Monaldi    e docente di Tisiologia e Medicina del Lavoro.
Negli anni ’80 e ’90, le cave della zona di SanVito sono state utilizzate – più o meno legalmente – come discarica. Oltre ai compattatori della Nettezza Urbana, in molti all’epoca denunciarono la presenza di camion con targhe provenienti anche dal Nord Italia, che sversavano rifiuti speciali. A fine 2013, furono somministrati a 314 famiglie della zona di SanVito, in pieno Parco Nazionale del Vesuvio, dei questionari in cui segnalare la presenza di malattie importanti tra i componenti della famiglia. Il quadro che emerge è tutt’altro che rassicurante: in 203 casi su 314 sono state segnalate gravi patologie. Per la precisione 50 casi di leucemia, 62 neoplasie respiratorie (di cui solo 28 a carico di fumatori), 27 dell’apparato digerente,23 urinarie, 17 cerebrali, 14 mammarie, 4 casi di Sla e 6 tumori che hanno colpito altri apparati.
Considerato che nella zona risiedono poco più di 5mila abitanti, e che i questionari hanno raggiunto 1100 persone, l’indagine ha coinvolto il 20% della popolazione: «Il dato non è esaustivo, ma significativo:più della metà del territorio è ammalato – commenta il professore Ciannella -.In un campione del genere, la concentrazione di leucemie e neoplasie è preoccupante: in 62 famiglie sulle 314 interpellate, sono stati registrati casi di mesotelioma, un tumore incurabile dell’apparato respiratorio correlato all’esposizione all’amianto. Si tratta di persone non sottoposte a rischi professionali, ma che hanno inconsapevolmente respirato le fibrille provocate dalla rottura o dalla combustione delle lastre di ethernit».
I dati di San Vito, verranno resi noti nei prossimi mesi in una pubblicazione scientifica curata da Ciannella. Che intanto lancia l’allarme: «Occorre monitorare immediatamente e in maniera meticolosa acqua, aria e terreni – dice il direttore della Medicina di Prevenzione del Monaldi -. Ci sono tumori che non si possono curare, ma si possono prevenire eliminandone le cause, ed è quello che qui va fatto subito».
La ricerca di Ciannella ad Ercolano venne richiesta tre anni fa, quando don Marco Ricci e padre Giorgio Pisano sirecarono dal professore per esporre la situazione di San Vito: «Non ho mai celebrato tanti funerali di bambini come quando ero in questa zona – ammette don Marco, parroco del Sacro Cuore dal 1999 al 2010 -. Capimmo che non poteva essere normale e ci rivolgemmo al Monaldi. Ora che abbiamo anche la certezza dei dati scientifici, diventa ancora più urgente che i politici di ogni livello si assumano la responsabilità di bonificare questa zona. Non è il problema di un quartiere, ma di un’intera città: San Vito è Ercolano, mangiamo le stesse cose, beviamo la stessa acqua e respiriamo la stessa aria, quindi è giunto il momento che tutti aprano gli occhi su questa vicenda».

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/BRIGANTESEMORE/trackback.php?msg=12850532

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento