TRA CIELO E TERRA

Ciò che è in basso è come ciò che è in alto e ciò che è in alto è come ciò che è in basso (E.Trismegisto)

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: tigerag
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 66
Prov: VE
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

RENE MAGRITTE

 

GELOSIA, RAFFAELE DI MEGLIO ISCHIA

 

A DIVINE IMMAGE BY WILLIAM BLAKE

Una Divina Immagine
William Blake, Songs of Experience
poesia non inclusa nella raccolta del 1794
traduzione di A.Buccianti

La Crudeltà ha Cuore Umano
E Volto Umano la Gelosia
Il Terrore, l’Umana Forma Divina
E Veste Umana la Segretezza
La Veste Umana, è Ferro forgiato
La Forma Umana, un’incandescente Forgia
Il Volto Umano, una Fornace sigillata
Il Cuore Umano, la sua Gola famelica

 

FRANCIS BACON, AUTORITRATTO 1971

THE GARDEN OF LOVE, W. BLAKE (1794)

IL GIARDINO DELL'AMORE

Sono andato al Giardino dell'Amore,
E ho visto ciò che non avevo mai visto:
Una Cappella era costruita nel centro,
Nel luogo in cui io ero solito giocare sull'erba (verde).
E i cancelli di questa Cappella erano chiusi,
E "Tu non devi" era scritto sull'ingresso;
Così sono tornato al Giardino dell'Amore
Che è fecondo di così tanti e dolci fiori;
E ho visto che era pieno di tombe,
E pietre sepolcrali dove avrebbero dovuto esseci fiori,
E Preti in vesti nere vi giravano attorno,
E incatenavano con rovi le mie gioie e i miei desideri
 

 
Statistiche
 

FACEBOOK

 
 

FRANCIS BACON, SELFPORTRAIT

 
Citazioni nei Blog Amici: 27
 

ULTIME VISITE AL BLOG

gatrusdiiorgimarisalukeskywlkantonio_catinogiancarlabenaglialastexile1980arch.matteocacioppogigi.bertolaalessandra1955donatella.cosentinoITALIANOinATTESAfranco92_8francesco.ganci6federicagizdicferrarifrancesca
 
 

AREA PERSONALE

 

SEPULCHER, WILLIAM BLAKE

Eternity by William Blake
Chi lega a sé una Gioia
Distrugge la vita alata;
Ma chi bacia la Gioia in volo
Vive nell’alba dell’Eternità

IL FUTURO.......  

Christ in the Sepulcher guarded by Angels

 

 

TRINITÀ DI ANDREW RUBLEV

Il Passato

 

MARIO DONIZZETTI, LA SUPERBIA

 

CORDE SENSIBLE, MAGRITTE

Il cielo è di tutti, di Gianni Rodari

Qualcuno che la sa lunga
mi spieghi questo mistero:
il cielo è di tutti gli occhi
di ogni occhio è il cielo intero.
È mio, quando lo guardo.
È del vecchio, del bambino,
del re, dell'ortolano,
del poeta, dello spazzino.
Non c'è povero tanto povero
che non ne sia il padrone.
Il coniglio spaurito
ne ha quanto il leone.
Il cielo è di tutti gli occhi,
ed ogni occhio, se vuole,
si prende la luna intera,
le stelle comete, il sole.
Ogni occhio si prende ogni cosa
e non manca mai niente:
chi guarda il cielo per ultimo
non lo trova meno splendente.
Spiegatemi voi dunque,
in prosa od in versetti,
perché il cielo è uno solo
e la terra è tutta a pezzetti.

 

LA RIPRODUZIONE VIETATA, RENÈ MAGRITTE

 

L'URLO, DINO BUZZATI 1967

 

 

 

« JOHN ZORN, MASADA STRING TRIOGORAN BREGOVIC & OFRA HA... »

I TEMPERAMENTI, 9a PARTE

Post n°88 pubblicato il 09 Maggio 2009 da tigerag
 

./. continua ... vedi anche post 77,78,79,80,81,84,85,86. Per chi legge per la prima volta chiarisco che non è comprensibile leggere uno di questi post senza aver iniziato dal primo e, già così facendo, la comprensione è problematica.

Il temperamento malinconico
Il malinconico è incapace di signoreggiare appieno lo strumento fisico, che gli oppone resistenza e non gli permette di servirsene
. Il malinconioco ha per lo più il capo inclinato in avanti, non ha in sè la forza per tenerlo ritto sulla nuca; la testa inclinata dice che le forze interiori, che dovrebbero tenerla eretta, non possono svilupparsi liberamente. Lo sguardo si volge in basso e l'occhio è annebbiato. Quello sguardo peculiare denota come il malinconico senta l'impaccio dello strumento fisico. Il passo è sì misurato, fermo, tuttavia è, in un certo modo, strascicato. Educando, il problema non è di uguagliare i temperamenti, di livellarli, ma di metterli nella giusta direzione. L'espressione più radicale del temperamento malinconico è la demenza, mentre il pericolo minore di un'espressione unilaterale del temperamento è l'umore cupo, l'incapacità di liberarsi della propria interiorità.
E' assai difficile educare il bambino malinconico. Che si può fare per arginare i gravi pericoli che minacciano la sua unilateralità, se non si può innestargli artificialmente ciò che non ha?Teniamo conto che egli tende ad arrestarsi di fronte agli ostacoli. Per orientare giustamente questa peculiarità del suo temperamento, dovremo indirizzarla dall'interno all'esterno. Di grande importanza sarà in questo caso il non illudersi di poter, con persuasioni od altro, distoglierlo dal suo disagio e dolore; per sua indole è portato a chiudersi in se stesso, perchè lo strumento del corpo fisico lo ostacola. Dobbiamo, in sostanza, fondarci su ciò che ha e potenziarlo. Sarà necessario che l'educatore sappia che è di grande valore per un malinconico fargli osservare come nel mondo il dolore esista. E' predisposto alla sofferenza, all'indifferenza; queste disposizioni sono nel suo intimo e non potremo violentarle, ma solo deviarle. Vi è dell'altro. Al fanciullo malinconico si deve anzitutto mostrare come l'uomo in genere possa soffrire. Facciamogli sperimentare nella vita il dolore giustificato, la sofferenza che ha una ragione di essere, affinchè egli impari che esistono cose che veramente possono farlo soffrire. Questo è il punto importante. Se cerchiamo di distrarlo, non otterremo che di rinchiuderlo in se stesso. Non si deve credere che distraendolo egli abbia sollievo. Se lo portiamo a svagarsi, il malinconico si chiuderà nella sua malinconia, se gli diamo gioia, si chiuderà sempre più in se stesso. Non illudiamoci di guarirlo, circondandolo di compagnia allegra; procuriamogli piuttosto l'esperienza di un dolore giustificato. Distraiamolo mostrandogli esempi di sofferenza altrui; veda e constati che vi sono nella vita cose che procurano dolore. Senza spingere le cose fino all'esagerazione, ricordiamoci però che importa distrarre il fanciullo malinconico facendo si che le cose esterne suscitino in lui dolore. Il fanciullo malinconico non è facile a guidarsi. Anche per lui vi è un mezzo magico. E' di somma importanza per il malinconico che egli veda bei suoi educatori persone provate dalla vita, persone le cui parole e azioni siano avvalorate dalle dure esperienze superate. E' necessario che il bambino senta che il suo educatore ha sofferto realmente per vicende dolorose. Gli si facciano notare le mille difficoltà della vita che il destino gli ha portato incontro. E una grande fortuna per il malinconico poter crescere a fianco di chi ha superato esperienze difficili; in tal modo un'anima agisce sull'altra nel modo migliore. Quando il fanciullo malinconico sente di avere accanto qualcuno che gli sa narrare una storia reale di guai e dolori provocati dal mondo esterno, in contrasto con le sue morbose e crucciose inclinazioni, fondate soltanto sull'interiorità, allora egli partecipa ai casi di una sofferenza giustificata, si riconforta e prende coraggio. Chi, dunque, nei suoi racconti sappia far trasparire il vivo senso delle ardue prove che la sorte gli impose, sarà una vera benedizione per il fanciullo malinconico. Sarà utile non trascurare le disposizioni congenite del fanciullo, neppure riguardo alle cose di cui lo circonderemo. Per quanto può sembrare un provvedimento strano, gioverà anche intralciare la via di questo ragazzo con ostacoli veri e propri, al fine di procurargli una causa giustificata di sofferenza e di dolore. Il miglior metodo educativo in questo caso è nel deviare quel senso interiore di sofferenza e di dolore che esiste in lui come tendenza congenita, per dirigerlo verso le cose che sono fuori di lui, procurandogli ostacoli e difficoltà esteriori. L'anima del fanciullo si abituerà così poco a poco ad incamminarsi per altre vie. Un procedimento simile sarà utile anche nell'autoeducazione: teniamo sempre presente che è bene valersi delle disposizioni e delle forze già esistenti in noi, manifestandole, anzichè reprimendole ad arte.
Se la nostra indole tende alla malinconia, faremo bene a cercare i guai e i dolori giustificati della vita in generale; potremo così sfogare fuori di noi la nostra malinconia e stabilire in noi l'equilibrio.
Il malinconico deve poter sviluppare un cuore pietoso per il destino altrui.

Il temperamento malinconico, Frederic Chopin

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 

INFO


Un blog di: tigerag
Data di creazione: 22/02/2009
 

IL MIO PROFILO FACEBOOK

https://www.facebook.com/profile.php?id=1468604216

 

ECCE HOMO: LUIGI FERRARIO

 

SITI INTERNET

http://www.net-parade.it/ attestato_riconoscimento.aspx? sito=libero.blog.it/empaticamente&t=1

 

LEONARDO DA VINCI: SAN GIOVANNI BATTISTA

 

BACCO, LEONARDO DA VINCI

 

GRANDI ITALIANI: RENZO DE STEFANI

Ora in pensione, ha dato impulso al movimento LE PAROLE RITROVATE (potete accedere al sito da questo blog) che ha messo le basi per un ripensamento radicale della psichiatria nello spirito basagliano.

 

MAGRITTE, LA CONDIZIONE UMANA 1935

 

 

 

giudichiamo alla stregua della nostra vita ciò che vediamo nascere e perire.

 

 

QUI SOTTO  IN "TUTTI I TAGS" TROVERETE LE AREE TEMATICHE CHE HO TRATTATO

 

TAG

 

L'INNOCENZA DI WILLIAM BOUGUEREAU

THE DIVINE IMMAGE BY WILLIAM BLAKE

La Divina Immagine
William Blake - da Songs of Innocence (1789-94)
traduzione di G.Ungaretti

Grazia, Amore, Pace, e Pietà
Chi è negli affanni prega,
E ad esse virtù che liberano
Torna l’animo grato.
Grazia, Amore, Pace, e Pietà
E’ Iddio, Padre caro,
Grazia, Amore, Pace e Pietà
E’ l’uomo, Suo figliolo e Suo pensiero.
La Grazia ha cuore umano;
Volto umano, Pietà;
Umana forma divina, l’Amore,
E veste umana, Pace.
Ogni uomo, d’ogni clima,
Se prega negli affanni,
L’umana supplica forma divina,
Amore e Grazia e la Pietà e la Pace.
Da tutti amata sia l’umana forma,
In Turchi si mostri o in Ebrei;
Dove trovi Pietà, l’Amore e Grazia,
Iddio sta di casa.

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

SALVADOR DALI, SCULTURA

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

BLOGNEWS

BlogNews è un sistema di editoria sociale che valorizza il ruolo dei blogger nel panorama dell'informazione.

https://www.blog-news.it/

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ULTIMI COMMENTI

Ciao Tigerag, sono Daniele di Ferrara ed ho letto la tua...
Inviato da: QUATTROdgl
il 19/07/2018 alle 17:32
 
ho visto il film, ho letto la sua storia incredibile, ho...
Inviato da: domenico
il 12/07/2017 alle 09:47
 
Ho letto molto volentieri questo articolo. mi piace il tuo...
Inviato da: diletta.castelli
il 23/10/2016 alle 16:31
 
Complimenti !!!
Inviato da: Giorgio
il 21/10/2016 alle 09:37
 
a ca mi so da Mestre ciò. Tua casella postale piena
Inviato da: pgmma
il 25/07/2016 alle 14:24
 
 

TAG

 

ARTHUR RAKHAM