Pensieri in Cucina

"Nella ricetta c'è tutto ....tranne l'essenziale" - (G.Marchesi)

 
 

ON LINE

 

ISTRUZIONI PER L'USO

Fate CLICK sulle foto per ingrandirle !!

 

ULTIME VISITE AL BLOG

claudiomirandamarcobaldinellinadiamattavelli.52alboaspanoantoAdeleSimioliagriflorsncpasqualetomaiuolo1macfelixlucio.colizziclabag70geniola.danieletorregiulia2004stefanosalvi1verdidgl8
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI

ho apprezzato moltissimo questo articolo. Complimenti da...
Inviato da: diletta.castelli
il 07/10/2016 alle 17:24
 
Davvero molto interessante il mondo delle salse, bel post....
Inviato da: Mr.Loto
il 28/06/2016 alle 18:18
 
Grazzie!
Inviato da: Blog tendresse
il 31/07/2013 alle 09:25
 
Grazie Giorgia!! Mi impegnerů a farlo, promesso!!
Inviato da: lucio.colizzi
il 10/03/2013 alle 15:01
 
Ciao Lucio! Ť da un pů che t seguo su ABC e volevo farti...
Inviato da: Giorgia
il 08/03/2013 alle 18:28
 
 

SECONDI 1

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Questo blog fa parte del gruppo i migliori blog! (ricette di cucina)

 

 

« Linguine con porro, sals...Quel gioiello di Burrata Leccese »

Ravioli di verza rossa, burro, olio, salvia e funghi arrostiti

Post n°77 pubblicato il 03 Dicembre 2009 da lucio.colizzi
 
Foto di lucio.colizzi

La curiosità di questa ricetta, non immaginerete mai, sta nel burro. Si! Avete capito bene, il burro questo sconosciuto. Almeno per me.

Sono stato da sempre un anti, ed a favore del più salutare olio extravergine di oliva. Ma ormai lo sapete, la mia cucina non è mai vincolata da pregiudizi. Il motto è: prima di giudicare informati. E così ho studiato.

Alla fine ho imparato a fare il burro fatto in casa, è semplicissimo. Prendete un litro di panna fresca e cominciate a montarla come per fare un dolce. Quando si sarà montata per bene, invece di fermarvi continuate, continuate, continuate….continuate a montare…….tutto ad un tratto: miracolo!! il burro si separa dal latticello (quest’ultimo non lo buttate via, potete utilizzarlo per fare una zuppa) e si agglomera. Prendete la massa di burro, compattatela con le mani e contemporaneamente lavatela con acqua corrente fredda. Il burro così ottenuto lo potete poi aromatizzare, con prezzemolo, erba cipollina e tutte le erbette che vi vengono in mente.

Il piatto che vi propongo è proprio da festa importante, per esempio il pranzo o il cenone di Natale…o capodanno, o quando vi va di fare veramente bella figura. Se siete soli, pazienza. Farete bella figura con voi stessi.

 

La ricetta

 Per quattro porzioni da cinque ravioli ognuna procuratevi i seguenti ingredienti: 200 gr. di farina 00, due uova intere, 200 gr. di ricotta di pecora, 300 gr. di cavolo cappuccio rosso, 200 gr. di funghi orecchie di elefante (veramente ho cercato dei porcini ma non li ho trovati),50 gr. di parmigiano reggiano, la buccia di un limone, un pizzico di noce moscata, un mazzetto di foglie di salvia, 40 gr. di burro, 4 cucchiai di olio extra, sale e pepe qb.

 

  1. Prima di tutto, arrostite i funghi su una piastra o meglio ancora sulla brace. Disponeteli su un vassoio e conditeli con sale, pepe ed olio extra.
  2. Per preparare il ripieno dei ravioli, lessate il cavolo tagliato a julienne per almeno trenta minuti. Toglietelo dall’acqua con un colino di adeguate dimensioni e raffreddatelo con acqua corrente. Tritatelo al coltello.
  3. In una coppa stemperate la ricotta con una frusta, aggiungete il cavolo, il parmigiano, la buccia del limone grattugiata, la noce moscata, sale e pepe qb. Amalgamate per bene e riponete in frigo.
  4. Per fare la sfoglia all’uovo, impastate un uovo ogni 100gr. di farina nel seguente modo: mettete la farina al centro del piano di lavoro; formate un cratere; rompeteci dentro le uova. Aiutandovi con una forchetta cominciate ad amalgamare dal centro. Quando tutte le uova avranno assorbito la farina diventando più dense cominciate ad impastare con le mani fino ad ottenere una massa elastica ed omogenea.
  5. Stendete la sfoglia con il mattarello, ricavate delle strisce (usate una rotella tagliapasta a dentini) lunghe quanto più possibile e larghe non più di 8 cm.
  6. Spennellate ogni striscia con dell’acqua (servirà a far si che i ravioli si chiudano bene e rimangano tali in cottura)
  7. Disponete mezza cucchiaiata di impasto di verza e ricotta lungo ogni striscia distanziandole l’una dall’altra circa 3 cm  
  8. Richiudete ogni striscia piegando la sfoglia su se stessa per lungo
  9. Schiacciate delicatamente con le dita la sfoglia negli spazi attorno all’impasto intrappolato per eliminare l’aria
  10. Ricavate i ravioli tagliando con la rotella prima il bordo nella parte lunga della striscia e poi lateralmente tra un impasto e l’altro a metà dello spazio. Disponeteli in un vassoio adeguatamente pre-spolverizzato di farina (servirà a non far attaccare i ravioli al vassoio)
  11. In una padella larga sciogliete il burro, aggiungete l’olio e le foglie di salvia tritate al coltello. Non fate salire eccessivamente di temperatura aiutandovi con un cucchiaio di l'acqua di cottura dei ravioli al bisogno
  12. Lessate i ravioli (saranno cotti in appena due o tre minuti)
  13. Disponeteli sul piatto, aggiungete i funghi arrostiti ed irrorate il tutto con la salsa burro, olio e salvia. Finite con tanto parmigiano ed una foglia di salvia per decorare

 

Alla prossima…… 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: lucio.colizzi
Data di creazione: 27/12/2008
 

FOTOGRAFIA GASTRONOMICA

Il mio piatto dal titolo "Il Porcino di Mare" ha vinto il concorso nazionale fotografia gastronomica "anche l'occhio" 2007.

Il Porcino di Mare

 






 





 

 





 





 





 
 




 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31