Informazione validata sui Farmaci: Corretto impiego dei Farmaci

FarmaExplorer

FarmaExplorer.it: Motore di Ricerca sui Farmaci


https://farmaexplorer.it/

Xagena ha realizzato un database, che può essere interrogato come un motore di ricerca, sulle Novità in Farmacologia, facile da utilizzare e rapido nella ricerca …

Motore di Ricerca sui Farmaci

… può essere interrogato come un motore di ricerca, sulle Novità in …

Denosumab: una potenziale …

Denosumab: una potenziale opzione per il trattamento delle …

Salpingectomia profilattica e

Salpingectomia profilattica e ovariectomia ritardata come …

Prevenzione del danno …

Prevenzione del danno cerebrale dopo arresto cardiaco …

Vaccini contro il papillomavirus

… ha iniziato una revisione dei vaccini per il papillomavirus …

Aumentato rischio di cancro …

C’è controversia riguardo all’aumentato rischio di tumore in …

Tenecteplase versus Alteplase …

Tenecteplase versus Alteplase nell’ictus ischemico acuto. Alteplase …

Motore di Ricerca sui Farmaci …

… che può essere interrogato come un motore di ricerca, sulle …

Impatto degli anticorpi anti

Impatto degli anticorpi anti-Infliximab sugli esiti clinici e i …

Reslizumab, un anticorpo …

Reslizumab, un anticorpo monoclonale anti-IL-5, riduce le …

Oncologia Newsletter

OncologiaMedica.net
ALERT Oncologia !
Top News / FDA / Carcinoma polmonare non a piccole cellule con mutazione EGFR / Carcinoma a cellule renali

L’FDA ha approvato Tagrisso come trattamento di prima linea per il carcinoma polmonare non-a-piccole cellule EGFR-mutato

La Food and Drug Administration ( FDA ) statunitense ha approvato Tagrisso ( Osimertinib ) per il trattamento di prima linea di pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) metasta …

L’FDA ha approvato la combinazione di Opdivo e di Yervoy nel carcinoma a cellule renali in forma avanzata, precedentemente non-trattato

L’Agenzia regolatoria statunitense, FDA ( Food and Drug Administration ), ha approvato la combinazione di Opdivo ( Nivolumab ) e di Yervoy ( Ipilimumab ) per il trattamento dei pazienti a rischio inte …

Oncodermatologia

Melanoma in stadio III: Pembrolizumab riduce del 43% il rischio di recidiva o di mortalità dopo resezione

Pembrolizumab ( Keytruda ), terapia immuno-oncologica anti-PD-1, riduce del 43% il rischio di recidiva o morte dopo resezione chirurgica del melanoma ad alto rischio in stadio stadio III. Nel corso …

Oncourologia

Axitinib associato a Pembrolizumab promettente nel tumore al rene in stadio avanzato

Uno studio in fase 1b in corso ha mostrato che la terapia di associazione con Axitinib più Pembrolizumab è risultata promettente e tollerabile nei pazienti con carcinoma a cellule renali in fase avanz …

Oncologia sperimentale

Cancro all’ovaio: l’interazione molecolare di tre proteine è alla base della disseminazione metastatica

La presenza concomitante di tre proteine in donne con tumore all’ovaio è associata a una forma neoplastica più aggressiva. Le tre proteine sono i recettori dell’endotelina ( ET-1R ), la beta-arresti …

Leucemia linfoblastica acuta in età pediatrica: ruolo della proteina Che-1

Uno studio congiunto dell’Istituto Regina Elena e dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma ha mostrato che l’inibizione di Che-1 blocca la crescita delle cellule B precursori della malattia neoplastica e r …

FarmaExplorer.it: Motore di Ricerca sui farmaci

Rischio di cancro nei pazienti con malattia del rene policistico

I dati per il rischio di cancro solido nei pazienti con malattia del rene policistico sono scarsi. Pertanto, uno studio…

Rischio di recidiva di cancro alla mammella a 20 anni dopo interruzione della terapia endocrina a 5 anni

La somministrazione della terapia endocrina per 5 anni riduce sostanzialmente i tassi di recidiva durante e dopo il trattamento nelle…

Pembrolizumab estende la sopravvivenza nel cancro uroteliale ricorrente e avanzato

Uno studio di fase III ha mostrato che l’immunoterapico Pembrolizumab ( Keytruda ) ha significativamente prolungato la sopravvivenza globale mediana…

Benessere mentale: La Lettura fa bene alla Salute

snoopy_natale-650x320

Leggere Leggere Leggere

Leggere migliora la vita e la salute: gli studi scientifici dimostrano come l’attività della lettura faccia bene alla mente e al corpo, a partire dall’azione antistress https://www.ebay.it/sch/rosip64/m.html

Leggere ci porta a sospendere ogni attività, rallenta il ritmo della respirazione, induce al relax. Se è chiaro che la lettura sia una attività calmante e distensiva, non è chiaro quando si debba leggere ogni giorno per averne i benefici.

Una ricerca effettuata dall’Università del Sussex ha evidenziato che la tensione muscolare e il battito cardiaco iniziano a rallentare dopo sei minuti di lettura. L’attività costante di leggere riduce lo stress del 68%, mentre giocare con un videogame ha un effetto solo del 21%.

Non importa cosa si legga ciò che conta è trovare un libro che ci appassioni

L’esercizio di seguire le storia, ricordare i passaggi e i nomi dei personaggi, sono i primi motivi in cui possiamo riconoscere i benefici della lettura sulla memoria e sulla concentrazione. Secondo quanto pubblicato sulla rivista Neurology la lettura riduce il rischio di demenza senile, migliorando la qualità della vita in età avanzata.

 

Pneumologia Newsletter

PneumologiaOnline.net
ALERT Pneumologia !
Top News / Carcinoma polmonare non-a-piccole cellule

Il trattamento di prima linea con Pembrolizumab associato a Pemetrexed e Carboplatino può avere un impatto sulla vita dei pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule non-squamoso

Nel tumore del polmone la combinazione dell’immunoterapico Pembrolizumab ( Keytruda ) con la chemioterapia ( Pemetrexed e Carboplatino ) ha mostrato miglioramenti significativi dei risultati osservati …

Benessere

I pomodori e le mele possono rallentare il declino della funzione polmonare. Benefici nella BPCO ?

Il consumo regolare di pomodori e frutta, in particolare di mele, può ritardare il declino naturale della funzione polmonare negli adulti, e ripristinare la funzione negli ex-fumatori. La funzione …

Fibrosi polmonare idiopatica

Fibrosi polmonare idiopatica: due farmaci dimezzano la progressione della malattia

La fibrosi polmonare idiopatica è una rara malattia che colpisce i polmoni, caratterizzata dallo sviluppo irreversibile di tessuto fibroso nel polmone, causa di progressiva insufficienza respiratoria. …

Focus: OncoPneumologia :: Tumore al polmone

Osimertinib ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione nel tumore del polmone non-a-piccole cellule rispetto alla terapia con Platino

Uno studio di fase 3 ha mostrato che Osimertinib ( Tagrisso ) ha prolungato la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti affetti da carcinoma polmonare non-a-piccole cellule T790M-positivo, a …

Immunoterapia oncologica per il mesotelioma: associazione di due anticorpi monoclonali immunomodulanti, Tremelimumab e Durvalumab

L’immunoterapia oncologica apre importanti scenari nel trattamento del mesotelioma, un raro tumore legato all’esposizione all’amianto, che colpisce in Italia oltre 2.700 persone, con 1.900 nuove diagn …

Tumore del polmone non-a-piccole cellule ALK+, Alectinib superiore a Crizotinib come trattamento di prima linea

Nello studio di fase III ALEX, Alectinib ( Alecensa ) è risultato superiore a Crizotinib ( Xalkori ) in un setting di prima linea. Alectinib ha ridotto in modo significativo il rischio di progression …

FarmaExplorer.it: Farmaci

 

I farmaci per i bruciori di stomaco assunti durante la gravidanza causano l’insorgenza di asma nei figli ?

Le madri che assumono farmaci per il bruciore di stomaco durante la gravidanza puossono aumentare il rischio che i propri…

Nessuna associazione tra 25-Idrossivitamina D e le riacutizzazioni nei pazienti con BPCO

Studi trasversali hanno indicato l’esistenza di una associazione tra 25-Idrossivitamina D con le esacerbazioni nei pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva…

Microbiota nasale nei neonati con fibrosi cistica nel primo anno di vita

Le infezioni delle vie respiratorie e la conseguente infiammazione delle vie aeree si verificano nelle prime fasi della vita dei…

Tumori Newsletter

OncologiaMedica.net
ALERT Oncologia !
Top News OncoPneumologia

Carcinoma polmonare non-a-piccole cellule in stadio III non-resecabile: Durvalumab migliora la sopravvivenza globale nello studio PACIFIC

Sono stati annunciati i risultati di sopravvivenza globale ( OS ) di PACIFIC, uno studio di fase III, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo e multicentrico di Durvalumab ( Imfinzi ) …

Trattamento di prima linea del carcinoma polmonare non-a-piccole cellule squamoso nello studio KEYNOTE-407: Pembrolizumab ha migliorato la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione

Lo studio pivotale di fase 3 KEYNOTE-407 che ha studiato Pembrolizumab ( Keytruda ), una terapia anti-PD-1, in associazione con Carboplatino – Paclitaxel o nab-Paclitaxel, come trattamento di prima li …

News

Una dieta a basso contenuto di grassi migliora la sopravvivenza nelle donne con cancro al seno

Una analisi secondaria di uno studio randomizzato ha evidenziato che le donne con diagnosi di tumore alla mammella che hanno assunto una dieta a basso contenuto di grassi hanno presentato una sopravvi …

Fumare durante il trattamento del cancro alla prostata aumenta il rischio di metastasi e mortalità

I pazienti che hanno fumato durante il trattamento per carcinoma prostatico localizzato hanno presentato un aumento del rischio di recidiva biochimica, metastasi e morte specifica per cancro. Il fu …

OncoExpert

Immunoterapia: Carcinoma polmonare non a piccole cellule, trattamento di seconda linea

Speaker: Diego Cortinovis – Direttore della Lung Unit – Ospedale S.Gerardo Monza

FarmaExplorer.it: Farmaci

 

Atezolizumab nel carcinoma uroteliale metastatico o localmente avanzato

Il Comitato scientifico ( CHMP ) dell’EMA ( European Medicines Agency ) ha espresso parere favorevole per l’uso di Atezolizumab…

Pembrolizumab per cancro alla testa e al collo refrattario a Platino e Cetuximab

Non ci sono trattamenti approvati per il carcinoma a cellule squamose ricorrente / metastatico di testa e collo refrattario a…

Aspirina e altri farmaci anti-infiammatori non-steroidei nei pazienti con tumore del colon-retto in relazione ai marcatori tumorali e alla sopravvivenza

L’uso regolare dell’Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) è associato a una sopravvivenza migliore per i pazienti con tumore del colon-retto….

Cardiologia Newsletter

Cardiologia.net
ALERT Cardiologia !
Top News / Rivascolarizzazione carotidea & Statine

La terapia con statine riduce il rischio di eventi cardiovascolari dopo la rivascolarizzazione carotidea

Da uno studio è emerso che i pazienti con significativa malattia carotidea che hanno ricevuto terapia continua a base di statine hanno presentato un rischio inferiore del 25% di eventi avversi cardio …

News

La terapia con statine conferisce benefici di sopravvivenza nella riparazione di aneurisma dell’aorta addominale

La terapia con statine preoperatoria è stata associata a una maggiore sopravvivenza a lungo termine nei pazienti sottoposti a riparazione di aneurisma dell’aorta addominale. Tuttavia, la terapia con …

Dabigatran può ridurre il rischio di complicanze vascolari maggiori dopo chirurgia non-cardiaca

I risultati di uno studio controllato con placebo ha mostrato che una dose due volte al giorno di Dabigatran ( Pradaxa ) 110 mg può essere associata a una riduzione del rischio di complicanze vascola …

Efficacia di Etripamil nella tachicardia sopraventricolare

I risultati dello studio NODE-1 hanno mostrato che Etripamil, un nuovo calcioantagonista ad azione rapida somministrato mediante spray nasale, è in grado di terminare in modo rapido la tachicardia sop …

Ictus a 5 anni più comune dopo bypass aorto-coronarico rispetto a intervento coronarico percutaneo

In una analisi di 11 studi clinici randomizzati, il tasso di ictus a 5 anni è risultato significativamente più basso dopo intervento coronarico percutaneo ( PCI ) rispetto a bypass aorto-coronarico ( …

Farmacovigilanza

L’anticoncezionale Drospirenone può prolungare l’intervallo QT corretto

Quando combinato con Sotalolo ( Sotalex ), il contraccettivo orale Drospirenone ( Yasmin, Yasminelle, Yaz ) è risultato associato a prolungamento di QTc, un marcatore della torsione di punta. Le do …

L’uso di statine può aumentare il rischio di miosite infiammatoria idiopatica

Secondo uno studio, l’impiego delle statine è risultato fortemente associato a miosite infiammatoria idiopatica confermata istologicamente. Negli ultimi vent’anni, numerosi case report hanno indica …

FarmaExplorer.it: Farmaci

 

Impiego dei beta-bloccanti negli anziani con diabete mellito dopo infarto miocardico

Uno studio ha dimostrato che i beta-bloccanti come Carvedilolo, Nebivololo e Labetalolo sono associati a un minor numero di ospedalizzazioni per iperglicemia, ma a una maggiore incidenza di riospedali …

La disfunzione erettile risulta correlata a futuri eventi cardiovascolari

Uno studio ha dimostrato che la disfunzione erettile è indipendentemente associata al rischio di futuri eventi cardiovascolari. Analizzando i dati dello studio MESA ( Multi-Ethnic Study of Atherosc …

Rischio maggiore di demenza vascolare nei pazienti sopravvissuti a infarto miocardico

L’aumento del rischio di demenza dopo infarto miocardico può essere mediato da fattori di rischio condivisi ( ad esempio, aterosclerosi ) e da ictus post-infarto. È stato esaminato il rischio di deme …

Effetto dei beta-bloccanti sulla mortalità nei pazienti con insufficienza cardiaca e fibrillazione atriale

I beta-bloccanti svolgono un importante ruolo nel trattamento della insufficienza cardiaca; tuttavia, gli effetti di questi farmaci sulla prognosi dei pazienti con fibrillazione atriale concomitante …

Studio TOPCAT: fibrillazione atriale nello scompenso cardiaco con frazione di eiezione conservata e trattamento con Spironolattone

Lo studio TOPCAT ( Treatment of Preserved Cardiac Function Heart Failure With an Aldosterone Antagonist ) ha valutato la relazione tra fibrillazione atriale e gli esiti con l’obiettivo di verificare …

Effetto della combinazione Sacubitril e Valsartan rispetto a Enalapril sul controllo glicemico in pazienti con insufficienza cardiaca e diabete mellito: analisi post hoc dello studio PARADIGM-HF

Il diabete mellito è un fattore di rischio indipendente per la progressione dell’insufficienza cardiaca. Sacubitril e Valsartan ( Entresto ), un inibitore di combinazione recettore della angiotensina …

Infarto miocardico Newsletter

InfartoMIocardico.net
ALERT Infarto miocardico !
Top News / Droghe & Infarto miocardico

Uso di Cocaina e Marijuana correlato alla mortalità nei giovani pazienti con infarto miocardico

Uno studio retrospettivo ha indicato che l’uso di Marijuana e/o Cocaina è associato a una peggiore sopravvivenza nelle persone che hanno sofferto di un infarto del miocardio in giovane età. Tra gli …

News

Gli antagonisti dell’aldosterone riducono il rischio di mortalità nei pazienti con infarto STEMI

Uno studio ha mostrato che la terapia con antagonisti dell’aldosterone offre un sostanziale beneficio di mortalità nei pazienti con infarto del miocardio con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ) …

Impiego dei beta-bloccanti negli anziani con diabete mellito dopo infarto miocardico

Uno studio ha dimostrato che i beta-bloccanti come Carvedilolo, Nebivololo e Labetalolo sono associati a un minor numero di ospedalizzazioni per iperglicemia, ma a una maggiore incidenza di riospedali …

Focus Infarto miocardico & Infiammazione

Canakinumab riduce i tassi di eventi cardiovascolari maggiori tra i pazienti con diabete mellito e tra i pazienti con malattia renale cronica, sopravvissuti ad infarto miocardico

Due nuove analisi dei dati di oltre 10.000 sopravvissuti ad infarto miocardico sono stati presentati dai ricercatori del Brigham e Women’s Hospital ( BWH ) [ Boston, USA ] nel corso del 2018 American …

Un anticorpo monoclonale anti-IL-1 beta riduce il rischio di infarto miocardico nei pazienti post-infartuati

Il trattamento iniettivo con un farmaco ad azione antinfiammatoria, un anticorpo monoclonale specifico anti-IL-1 beta ( Interleuchina-1 beta ) ed agisce bloccandone l’attività biologica.[4]potrebbe ri …

FarmaExplorer.it: Farmaci

I farmaci antinfiammatori, incluso il Naproxene, possono aumentare il rischio di infarto miocardico acuto

L’impiego dei farmaci antinfiammatori ( FANS ), incluso il Naproxene, è associato a un aumento del rischio di infarto miocardico…

I valori elevati della proteina C-reattiva nei pazienti con artrite reumatoide sono associati a rischio di infarto miocardico

Uno studio ha mostrato che i marcatori di infiammazione correlati alla attività di malattia nei pazienti con artrite reumatoide sono…

Diabete mellito e prevenzione dell’infarto miocardico tardivo dopo stenting coronarico con doppia terapia antipiastrinica

I pazienti con diabete mellito sono ad alto rischio di eventi ischemici ricorrenti dopo stenting coronarico. Sono stati valutati gli…

Farmaci Newsletter

FarmaExplorer
 –
ALERT Farmaci !
Focus – Medicina di Precisione in Oncologia: Carcinoma renale

RESORT è il primo studio indipendente al mondo che ha fornito informazioni sull’approccio multidisciplinare integrato ( chirurgia più terapia farmacologica ) nella fase avanzata del carcinoma renale.  E’ stato presentato al Congresso dell’American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) ed è uno studio tutto italiano coordinato da Giuseppe Procopio, responsabile dell’Oncologia Medica genitourinaria dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano.  L’obiettivo dello studio era quello di verificare se una terapia integrata potesse offrire vantaggi concreti ai pazienti favorendo la guarigione ed evitando un eccesso di trattamenti.

Congresso ASCO – Trattamento personalizzato per il tumore del rene in fase avanzata

Lo studio di fase II, RESORT, ha coinvolto 76 pazienti, arruolati da 12 Centri italiani, con carcinoma renale in fase avanzata precedentemente sottoposti a nefrectomia. Questi pazienti presentavano no …

Droghe & Infarto miocardico 

Uso di Cocaina e Marijuana correlato alla mortalità nei giovani pazienti con infarto miocardico

Uno studio retrospettivo ha indicato che l’uso di Marijuana e/o Cocaina è associato a una peggiore sopravvivenza nelle persone che hanno sofferto di un infarto del miocardio in giovane età. Tra gli …

Annual Meeting ASCO ( American Society of Clinical Oncology )

La monoterapia con Acalabrutinib può essere efficace nel trattamento della macroglobulinemia di Waldenström

Acalabrutinib ( Calquence ) è un’opzione terapeutica efficace, duratura e ben tollerata per i pazienti con macroglobulinemia di Waldenstrom ( WM ). L’inibizione della tirosin-chinasi di Bruton ( BTK …

Oncologia & OncoEmatologia

Ponatinib promettente nella leucemia mieloide cronica in fase cronica

Il trattamento con Ponatinib ( Iclusig ) ha prodotto risposte durature e clinicamente significative nei pazienti con leucemia mieloide cronica in fase cronica che non hanno risposto ad altri trattamen …

Congresso EHA: Quizartinib aumenta la sopravvivenza complessiva rispetto alla chemioterapia nei pazienti con leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria con mutazioni di FLT3-ITD

Nel corso del Meeting dell’European Hematology Association ( EHA ) sono stati presentati i risultati dello studio pilota di fase III QuANTUM-R. Con una riduzione del 24% del rischio di mortalità, il …

Nivolumab più Ipilimumab a basso dosaggio mostra risposte durature nel tumore al polmone non-a-piccole cellule PD-L1-negativo a TMB-alto

La combinazione di Nivolumab ( Opdivo ) e Ipilimumab ( Yervoy ) a basso dosaggio ha ridotto il rischio di progressione o morte del 52% rispetto alla chemioterapia standard con Platino doppietto per i …

La combinazione di Olaparib e di Abiraterone migliora la sopravvivenza libera da progressione nel carcinoma alla prostata resistente alla castrazione metastatico

I dati di uno studio di fase II ha mostrato che l’aggiunta dell’inibitore PARP Olaparib ( Lynparza ) all’antiandrogeno Abiraterone acetato ( Zytiga ) ha ridotto il rischio di progressione della malatt …

Approvazioni da AIFA

Mieloma multiplo: l’AIFA ha approvato l’immunomodulante Lenalidomide nella terapia di mantenimento nei pazienti adulti con mieloma multiplo di nuova diagnosi sottoposti a trapianto autologo di cellule staminali

L’AIFA ( Agenzia Italiana del Farmaco ) ha autorizzato Revlimid ( Lenalidomide ) come monoterapia di mantenimento nei pazienti adulti con mieloma multiplo di nuova diagnosi sottoposti a trapianto auto …

Approvazioni dall’EMA

Tagrisso per il trattamento di prima linea del carcinoma polmonare non-a-piccole cellule con mutazione di EGFR, approvato nell’Unione europea

La Commissione europea ha concesso l’autorizzazione alla commercializzazione di Tagrisso ( Osimertinib ), un inibitore irreversibile di terza generazione della tirosin-chinasi di EGFR ( EGFR-TKI ), i …

Approvazioni dall’FDA

L’FDA ha approvato Rituxan per il pemfigo volgare

L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Rituximab ( Rituxan ) per il trattamento dei pazienti adulti con pemfigo vulgaris medio-grave, una rara malat …

Braftovi più Mektovi per melanoma positivo alla mutazione BRAF V600E, V600K: approvato dalla FDA

L’ FDA ( US Food and Drug Administration ) ha concesso l’approvazione alla terapia di associazione Encorafenib ( Braftovi ) e Binimetinib ( Mektovi ) per il trattamento dei pazienti con melanoma posi ..

Farmacovigilanza

Il diuretico Idroclorotiazide può aumentare il rischio di melanoma

I pazienti classificati come grandi utilizzatori di Idroclorotiazide hanno mostrato un rischio più elevato di melanoma. Uno studio, pubblicato nel 2016 sul Journal of American College of Cardiology …

FarmaExplorer.it: Motore di Ricerca in Medicina

Fremanezumab è efficace nel trattamento preventivo della emicrania cronica

Nei pazienti con emicrania cronica, Fremanezumab ( TEV-48125 ) ha mostrato un miglioramento significativo entro una settimana dall’inizio della terapia….

Persistenza del beneficio di Alectinib come prima linea, rispetto a Crizotinib, nel tumore del polmone ALK-positivo

Alectinib ( Alecensa ) ha significativamente prolungato la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) rispetto a Crizotinib ( Xalkori…

La combinazione di Nivolumab e di Ipilimumab come prima linea migliora il tasso di risposta nel carcinoma a cellule renali

Uno studio di fase 3 disegnato per confrontare Nivolumab ( Opdivo ) e Ipilimumab ( Yervoy ) con la monoterapia…

Oncologia Newsletter

OncologiaOnline.net
ALERT Oncologia !
Novità dall’ESMO Congress
Carcinoma all’ovaio

Durvalumab, un inibitore PD-L1, e Olaparib, un inibitore PARP, nel carcinoma ovarico ricorrente

L’inibitore di PARP, Olaparib ( Lynparza ) ha mostrato attività clinica in sottogruppi di pazienti con recidiva di carcinoma all’ovaio. I ricercatori hanno ipotizzato un aumento del danno al DNA da p …

Carcinoma renale

JAVELIN Renal 101: Avelumab più Axitinib versus Sunitinib come trattamento di prima linea del carcinoma a cellule renali avanzato

In uno studio di fase 1b, Avelumab ( Bavencio ) più Axitinib ( Inlyta ) come prima linea aveva dimostrato una incoraggiante attività antitumorale nei pazienti con carcinoma a cellule renali in fase av …

Melanoma

Melanoma in fase avanzata: la combinazione di Nivolumab e Ipilimumab ha mostrato benefici duraturi di sopravvivenza a 4 anni

I risultati a quattro anni dello studio clinico di fase III CheckMate -067 hanno mostrato un beneficio di sopravvivenza durevole e a lungo termine con la combinazione di Nivolumab ( Nivolumab ) e Ipil …

Tumore alla prostata

Enzalutamide prolunga il controllo dei sintomi urinari e intestinali negli uomini con carcinoma alla prostata resistente alla castrazione non-metastatico

Lo studio PROSPER ha mostrato un miglioramento clinicamente e statisticamente significativo nella sopravvivenza libera da metastasi ( hazard ratio, HR = 0.292 [ IC 95% 0.241, 0.352 ], p inferiore a 0. …

Focus: Combinazione inibitore VEGF & Inibitori PD-1

Tivozanib in combinazione con Nivolumab nel carcinoma a cellule renali: risultati ad interim della fase 2 dello studio TiNivo

I risultati intermedi aggiornati della fase 2 di TiNivo, uno studio multicentrico di fase 1b/2 riguardante Tivozanib orale ( Fotivda ) in combinazione con Nivolumab ( Opdivo ), un inibitore del checkp …

Focus: Malattia iperprogressiva & Inibitori PD-1 / PD-L1

Gestione della malattia iperprogressiva nel carcinoma polmonare trattato con Nivolumab

Un’analisi retrospettiva di una serie di casi ha descritto le strategie di gestione dei pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) che hanno presentato una malattia iperprogress …

JAMA Oncology

Carcinoma a cellule squamose del testa-collo recidivato o metastatico: Durvalumab con o senza Tremelimumab ha mostrato attività clinica in uno studio di fase 2

Durvalumab con o senza Tremelimumab è considerato sicuro ed efficace nei pazienti con carcinoma a cellule squamose del testa-collo recidivato o metastatico. In uno studio di fase 2, multicentrico, … 

Approvazioni dell’FDA – Food and Drug Administration

Vizimpro per il trattamento di prima linea dei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule metastatico con mutazione di EGFR, approvato dalla FDA

La FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Vizimpro ( Dacomitinib ), un inibitore della chinasi per il trattamento di prima linea dei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( …

Lorbrena per il carcinoma polmonare non-a-piccole cellule metastatico ALK-positivo precedentemente trattato, approvato dalla FDA

La FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Lorbrena ( Lorlatinib ), un inibitore della tirosin-chinasi ( TKI ) di ALK, di terza generazione per i pazienti con carcinoma al polmone non-a-picc …

News

Studio PURE-01: Pembrolizumab neoadiuvante induce una risposta patologica nel carcinoma uroteliale della vescica

Pembrolizumab ( Keytruda ) neoadiuvante ha indotto risposte patologiche complete in quasi il 40% dei pazienti con carcinoma uroteliale della…

Efficacia e sicurezza di Durvalumab nel carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico

I dati illustrati di seguito sono stati accettati per la valutazione da parte della FDA ( US Food and Drug…

Lorlatinib mostra attività antitumorale nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule positivo per ALK

Lorlatinib ha mostrato attività antitumorale tra i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) e mutazioni del dominio…

Cardiologia Newsletter

Cardiologia.net
 –
ALERT Cardiologia !
Novità sullo Scompenso cardiaco

Combinazione di Sacubitril e Valsartan: Entresto può essere iniziato precocemente nei pazienti ospedalizzati dopo un episodio di insufficienza cardiaca acuta

I dati dello studio TRANSITION presentato al Congresso della Società Europea di Cardiologia ( ESC ) a Monaco di Baviera ( Germania ), hanno dimostrato che Entresto ( Sacubitril / Valsartan ) può esser …

Controversie

Inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina e rischio di cancro ai polmoni

Lo scopo di uno studio di coorte basato sulla popolazione è stato quello di determinare se l’uso di inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina ( ACEI ), confrontato con l’uso di bloccanti …

Farmacovigilanza

Fluorochinoloni associati a rischio cardiovascolare

Diversi antibiotici fluorochinolonici sono stati associati a relazioni avverse cardiache, portando al ritiro di alcuni di questi farmaci dal mercato. Effetti collaterali cardiaci come prolungamento d …

News

Benefici dalla dose di carico di Atorvastatina prima dell’intervento coronarico percutaneo nei pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento ST

In una analisi secondaria dello studio SECURE-PCI, una dose di carico periprocedurale di Atorvastatina ( Lipitor, Torvast ) ha ridotto i tassi di eventi avversi cardiaci maggiori ( MACE ) a 30 giorni …

I beta-bloccanti sono sicuri nella fase iniziale della gravidanza

Una ricerca ha dimostrato che l’uso di beta-bloccanti nel primo trimestre di gravidanza non è associato a un rischio significativo di gravi malformazioni congenite. L’ipertensione cronica è semp …

Denervazione renale con ultrasuoni superiore all’ablazione con radiofrequenza nella ipertensione resistente

La denervazione simpatica renale per via endoscopica con ultrasuoni nei pazienti con ipertensione resistente è risultata superiore all’ablazione con radiofrequenza delle arterie renali principali, sec …

L’uso di farmaci biologici è correlato a ridotto rischio cardiovascolare nell’artrite infiammatoria

I pazienti con artrite infiammatoria che stanno attualmente utilizzando i farmaci biologici hanno un rischio significativamente ridotto di eventi cardiovascolari. Lo studio ha incluso i partecipant …

FarmaExplorer.it – Motore di ricerca sui Farmaci

 

Il rischio cardiovascolare nell’osteoartrosi è per oltre i due terzi correlato all’utilizzo dei farmaci antinfiammatori non-steroidei

Circa il 67% dell’elevato rischio di malattia cardiovascolare associato a pazienti con osteoartrosi è attribuito all’uso dei farmaci antinfiammatori non-steroidei…

Farmaci ipocolesterolemizzanti: Evolocumab riduce del 20% il rischio di eventi cardiovascolari maggiori nei pazienti con alti livelli di colesterolo LDL

Lo studio FOURIER, su 27.564 pazienti, ha stabilito per la prima volta che ridurre al massimo i livelli di colesterolo…

Effetti della Ranolazina sulla angina e sulla qualità di vita dopo intervento coronarico percutaneo con rivascolarizzazione incompleta

L’angina spesso persiste o ritorna dopo l’intervento coronarico percutaneo ( PCI ). Si è ipotizzato che Ranolazina ( Ranexa )…

1 2 3 45