Vivere non sopravvivere.

Il Fantastico Mondo di Amedeo Minghi-10 La Strega Nera (Fantaghirò  soundtrack) - YouTube

 

 

 

 

 

I poeti hanno simulato canzoni su di lei, ei profeti hanno detto cose vane, ei giovani hanno fatto sogni vani; ma questa è lei, quella immacolata, il cui nome non può essere pronunciato. Il pensiero non può penetrare la gloria che la difende, perché il pensiero è colpito a morte davanti alla sua presenza. La memoria è vuota e nei più antichi libri di Magia non ci sono né parole per evocarla, né adorazioni per lodarla. Will si piega come una canna nelle tempeste che spazzano i confini del suo regno, e l’immaginazione non riesce a immaginare nemmeno un petalo dei gigli su cui sta nel lago di cristallo, nel mare di vetro. Questa è lei che ha adornato i suoi capelli con sette stelle, i sette aliti di Dio che ne muovono ed esaltano la sua eccellenza. E si è stancata i capelli con sette pettini, dopo di che sono scritti i sette nomi segreti di Dio che non sono conosciuti nemmeno dagli Angeli, o dagli Arcangeli, o dal Capo degli eserciti del Signore. Santo, santo, santo sei tu e benedetto sia il tuo nome per sempre, per il quale gli eoni non sono che le pulsazioni del tuo sangue.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr