S A N T A P A S Q U A 2 0 1 9 GAUDEAMUS IGITUR: VIVAT ET RESPUBLICA ET QUI ILLAM REGIT! “IL DIALOGO TRA LA TERRA E LA LUNA” C A P O D A N N O 2019 N A T A L E 2 0 1 8 UN FENOMENO DI “Déjà vu” LE NOZZE COI FICHI SECCHI PRESI A CREDITO TRA MATEMATICA, VACCINI, LUPI ED AGNELLI LA DECISIONE DEL GOVERNO ITALIANO, LA NAVE AQUARIUS ED IL PREVEDIBILE FUTURO PENSIERI IMPERTINENTI (O FORSE NO?) SU POLITICI E COMMENTATORI ATTUALITA’ INTERNAZIONALI, PENSIERI CONTROCORRENTE IL PICCOLO SFORTUNATO ALFIE ED IL SUO DIRITTO DI VIVERE LA MANCANZA DI COSCIENZA, LA LIBERTA’ E GLI INSEGNAMENTI DEL PASSATO LA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA, L’OPINIONE DI UN COSTITUENTE P A S Q U A 2 0 1 8 LE ELEZIONI POLITICHE ITALIANE: ASPETTANDO GODOT NEL DESERTO DEI TARTARI IN RICORDO DI ALESSIA E MARTINA COSE DI QUESTO MONDO, ATTUALITA’ NOSTRANE E NON APPENDICE AL POST REMINISCENZE SCOLASTICHE…E VICENDE ATTUALI REMINISCENZE SCOLASTICHE …E VICENDE ATTUALI LA FAVOLA DEI PROGRAMMI ELETTORALI RACCONTATA AGLI ITALIANI. NATALE 2017, CAPODANNO 2018, AUGURI A TUTTI. IL CAMMINO DALLA FATTORIA DEGLI ANIMALI ALLA CORTE DEL GRANDE FRATELLO LE FAKE NEWS, “ER PADRE DE LI SANTI” E LE “ZEBBRE” CON DUE ZETA ICEBERG, IL PROFESSORE ED I CANI PERICOLOSI UN EFFICACE MANIFESTO DI DENUNCIA: LA SENTENZA IL REFERENDUM CATALANO E LA LEGGE ELETTORALE IN ITALIA IL REFERENDUM DELLA CATALOGNA E L’EUROPA: PROSPETTIVE ED INCOGNITE. IL TEMPO E’ DENARO ED A VOLTE ANCHE ALTRO UN EFFICACE MANIFESTO DI DENUNCIA I TOP-POST, LO IUS SOLI E GLI STUPRI PER NON DIRE DI PENSIONI. E’ POSSIBILE DETERMINARE IL NUMERO DI MIGRANTI DA ACCOGLIERE ? O E’ UN’UTOPIA? LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE ED I COMMENTI: NUN VE REGGAE PIU’ IL TERRORISMO, PIAZZA SAN CARLO ED IL CAVALLO DI TROIA LA TRAGEDIA DEL MEDIORIENTE, LA POVERA GENTE ED I GIOCHI DI POTERE LA SERRACCHIANI, LO STUPRO ED I SEPOLCRI IMBIANCATI IL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA DI CATANIA, LE ONG E LE VERITA’ APPARENTI REMINISCENZE CINEMATOGRAFICHE: LA SETTIMANA INCOM MIGRANTI: SALVATAGGI IN MARE ED INSERIMENTO NEI PAESI DI ARRIVO NON SONO VEGETARIANO NE’ ANIMALISTA, MA CONDIVIDO L’INVITO CON TUTTO IL CUORE I TEMPI DELLA GIUSTIZIA PENSIERI IMPERTINENTI SU UN ARGOMENTO SERIO LA DISONESTA’ IN BUONA FEDE AI NUOVI ISCRITTI AL MIO BLOG: BENVENUTI (CON RISERVA) PLATONE, LA LIBERTA’ E IL PAESE DEI BALOCCHI. IL BALLOTTAGGIO: OPINIONI A CONFRONTO GLI ANIMALI ED I TEST DI TOSSICITA’ COMMENTI DI RIPARAZIONE PRO RTEO LA BUONA SCUOLA, ALEX E SAMOA SALVIAMO IL LUPO: COMPORTIAMOCI DA POPOLO CIVILE LA LEGGE ELETTORALE, LA CULTURA E L’ETICA ESISTE ANCORA LA “PIETAS ROMANA”? Ahi serva Italia di dolore ostello,….non donna di province , ma bordello! PER NON DIMENTICARE LE INDAGINI DI UN MAGISTRATO DRAMMATURGO E L’ITALIA D’OGGI LA DEMOCRAZIA, IL REFERENDUM E LA SPERANZA LA CHIROMANTE SCIENTIFICA PROBLEMI DI SPAZIO: L’ATOMO, IL COSMO E LE MIGRAZIONI IL REFERENDUM COSTITUZIONALE ED I CONGIUNTIVI BENVENUTI A “VILLA ARZILLA” ELEZIONI USA VAURO, LA LEOPOLDA ED IL TERREMOTO LA POLITICA PARALLELA, cioè DUE PESI E DUE MISURE Buoni e cattivi: ci sono dittatori e dittatori? Pensieri sparsi Angelo martirizzato da balordi malvagi Yulin e simili A Cesare quel ch’é di Cesare ” IL PATENTINO “ De minimis…seconda puntata Le pensioni in Italia Breve panoramica sull’attualità Keynes e il capitalismo, note a margine Mattanza di cetacei e crudeltà gratuita Indovinelli e paradossi De minimis Precisazione Brevi considerazioni su un argomento di attualità
bronze-610837__340[1]

APPENDICE AL POST REMINISCENZE SCOLASTICHE…E VICENDE ATTUALI

vaioforos-1486286__340[1]
“Nomen est omen” asserivano i latini, che a ciò si creda o meno a me Embraco, il nome dell’azienda che con intransigenza ha deciso di licenziare tutti i suoi dipendenti per trasferire la produzione in Slovacchia, ricorda il sonetto di Cecco Angiolieri “S’i fossi foco” ed in particolare i versi che recitano “s’i fosse papa, allor serei giocondo, ché tutti cristiani imbrigarei;”
professor-3026707__340[1]
Oggi ho sentito un chiarissimo professore di “Storia delle dottrine politiche” affermare che alcune libertà non dovrebberoo essere concesse, ho anche ascoltato una eccellente parlamentare dire che alcune organizzazioni andrebbero sciolte: forse non aveva torto Ennio Flaiano nel ritenere che i fascisti rappresentano una sparuta maggioranza!
eagle-owl-3161157__340[1]

APPENDICE AL POST REMINISCENZE SCOLASTICHE…E VICENDE ATTUALIultima modifica: 2018-02-20T19:54:04+01:00da Quivisunusdepopulo

8 comments:

  1. Buonasera. Sicuramente il termine ” antenne ” è improprio, ma…I baffi dei cani si trovano sul naso sopra al labbro superiore, sul mento e sulla fronte, e tagliarli non farà loro del male. Ciò nonostante, nei cani i baffi fungono come una specie di sesto senso: tagliandoli potreste andare ad incidere sull’abilità del vostro animale di cacciare o giocare.I baffi dei cani hanno radici tre volte più profonde rispetto al resto dei loro peli, oltre a essere due volte più grossi. Essi sono indispensabili ai cani per percepire l’ambiente che li circonda.
    Avrei scritto ” baffi “, ma per me , proprio i baffi rimangono delle finissime antenne. Buona serata e grazie del suo contributo, SAl

    1. Buongiorno, per la verità avevo scritto un ulteriore commento a spiegazione del mio precedente nel sito che mi era parso più opportuno ma, come spesso accade, si é annullato nel web, debbo precisare perciò in questa sede che io non intendevo parlare dei mezzi a disposizione dei cani per le loro performances, ma puttosto mettere in evidenza le loro doti di intelligenza e sensibilità senza le quali anche gli strumenti più raffinati non servirebbero a nulla. In ogni caso per me ogni amante degli animali, ed in special modo dei cani, rimane un amico! Cordiali saluti.

  2. Caro Amico, buongiorno. Mi viene da sorridere, e me ne scuso, per lo “scambio” verbale sui “baffi” o “antenne” dei cani. L’uomo che conia termini propri e ne diventa vittima. E spero che questa volta sorridano anche i cani; almeno una volta, visto che gli “amici umani” li hanno così tanto trasformati che la natura stenta ormai a riconoscerli come specie propria.

    1. Ciao amico mio, certamente la sede non é la più opportuna per l’argomento ed io, come già precisato, avevo cercato di riportalo in quella sua propria, tuttavia quale fautore della tutela della vita di tutti gli animali, minacciata dall’egoismo degli uomini, ed allevatore amatoriale di una razza di cani ed estimatore delle loro doti di intelligenza e spiccata sensibilità, specialmente affettiva, non ritenevo che tutto potesse essere ridotto ad una questione di baffi o di antenne in possesso di quello che indiscutibilmente può essere ritenuto l’unico vero nostro amico. Cordiali saluti.

  3. Caro Amico, anzitutto buonasera. Non intendo riprendere l’argomento, che tu opportunamente hai collocato altrove e con ben altro motivo; tuttavia, visto che mi trovo qui di passaggio credo che possa lasciare anche una ulteriore breve riflessione sulla tua “perplessità”, quando dici : non ritenevo che tutto potesse essere ridotto ad una questione di baffi o di antenne”.
    Quanto tu dici mi lascia pensare a quanto a volte sia difficile intendersi tra gli esseri umani. E non credo che ciò dipenda dalla mancanza dei termini, visto che i nostri vocabolari contengono migliaia di parole che possono servire per le più raffinate sfumature, ma forse perché spesso si scambiano ancora le lucciole per le lanterne, anche a causa di modelli mentali acquisiti. Per questo a volte esito ad esprimere il mio pensiero, perché tutto desidero tranne che restare impigliato nella rete delle parole, contro qualcuno che le usa come fossero beni essenziali per la vita. Pe me ormai la vita è anche altro, oltre le parole. A presto.

    1. Buonasera amico mio, certamente hai ragione nel pensare e dire che le parole non sono beni essenziali della vita, esse infatti sono solo strumenti per esprimere sentimenti e saperi, che hanno conseguito il maggiore sviluppo solo dopo l’inizio dell’uso del linguaggio che, a sua volta é andato perfezionandosi con il progredire della civiltà: non é senza significato che l’attuale decadenza della nostra civiltà sia accompagnata da una scarsa conoscenza della lingua, infatti un linguaggio elementare non può che esprimere sentimenti e conoscenze elementari legati solo ai bisogni primari dell’umanità. Senza un ricco vocabolario in loro possesso i grandi del passato non sarebbero esistiti. Cordialmente.

  4. Premetto che sono amante degli animali. Credo che molti sappiano che il sottoscritto gode della compagnia di una cagnolina, tale Sally, e di tre gatti, Trilly il maschio di quasi quindici anni, maschio pur se gli hanno affibbiato il nome, femminile , della famosa principessa Trilly, facendo riferimento ad una serie di cartoni animati. Ma è una serie che sinceramente non conosco, puntualizzo. Gli altri due gatti sono due femmine, Lumachina e Mau Mau. Posso dire che riesco a non farmi schiacciare dalle forti personalità dei quattro quadrupedi, ma ammetto anche che in alcuni momenti vincono loro, e alla grande. Pazienza. Per affrontare il tema del post, in quanto mi pare che esso ne sia il tema effettivo , dico solo che se le inventano tutte pur di vincere, annientare , cancellare, i diritti acquisiti ( parzialmente acquisiti , aggiungo … ) dai lavoratori, nel corso di interi decenni : cosa fanno ? Semplice , chiudono qui e vanno in posti dove la gente è costretta a badare unicamente alla possibilità di avere un lavoro , dimenticandosi dei diritti, anche i più fondamentali. Posti tipo la Slovacchia , ad esempio. Ma ce ne sono tanti altri, e se continua così presto anche noi stessi faremo parte della cosiddetta ” striscia o serie B “. La povertà dilaga , le differenze fra super ricchi e super poveri si accentuano , altro che ripresa, altro che democrazia , altro che cambio di rotta . Semplice , ripeto , semplice mia modesta opinione. Ma a me sembra che vada proprio male , o maluccio . Lo vivo anche sulla mia pelle. Ciao a te. Non vedo soluzione alcuna , se non un cambiamento molto forte, che però non noto partire da nessun luogo , fisico o mentale che esso possa essere . Ciao.

    1. Ciao Roberto, non posso non darti ragione: la situazione attuale dei lavoratori e della progressiva perdita dei loro diritti (per la verità spesso rimasti solo nelle enunciazioni ufficiali o compromessi da decisioni molto soggettive di alcuni magistrati) é in gran parte derivante dalla globalizzazione in atto, cioè soprattutto dalla globalizzazione dei capitali che si spostano velocemente verso i paesi che offrono la maggiore redditività. Per modificare questo andamento naturale bisognerebbe poter controllare i flussi del denaro ed agire sulla leva fiscale, tuttavia ciò comporterebbe un molto più difficile miglioramento delle condizioni di vita dei lavoratori dei paesi poveri di risorse materiali ed intellettuali. Certo l’argomento richiederebbe uno spazio estremamente più ampio, impossibile da trovare in questa sede, ma spero di aver fornito almeno una traccia della mia opinione. Quanto all’amore più che ricambiato per gli animali con me sfondi una porta spalancata! Cordiali saluti.

Rispondi a prolocoserdiana Annulla risposta

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).

2016 Name of Company