Creato da bimbadepoca il 16/03/2005

Il diario di Nancy

Pensieri e storie tra il vero, il verosimile e l'inganno.

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

TAG

 

ULTIME VISITE AL BLOG

aionedizioniannisexantavidokcleopardi9elviprimobazarIrrequietaDcinghiale20070Massimiliano_UdDfiumechevacina.70anna.becchiElemento.Scostanteylli76Eva_8
 

IL CUORE E LE STELLE

Per chi sente la necessità di guardare in faccia l'autrice di questo blog.
Si ringrazia Seduzir64 per il sottofondo musicale.

My windows Live spaces 

 

LA MIA LIBRERIA

 

in continuo aggiornamento su aNobii

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Saponi e parole e forse ...Animals are friends not food »

Innamorarsi di Antinoo

Post n°272 pubblicato il 23 Maggio 2012 da bimbadepoca
 

Da qualche tempo sto frequentando molto assiduamente un uomo ma prima che cominciate a complimentarvi, felici che anch’io dopo tanto penare abbia trovato il meritato premio, lasciate che vi racconti questa storia.

L’ho conosciuto circa quattro anni fa a una riunione mondana. La maggior parte dei partecipanti era brilla e rideva sguaiatamente di doppi sensi stantii. Qualcun altro cercava di darsi un contegno parlando di vacanze esclusive col tono sussiegoso dei privilegiati. Altri ancora teorizzavano di politica e rivoluzioni e ancora oggi sono seduti sulle stesse poltrone. Lo ammetto mi annoiavo, e non vedevo l’ora di tornarmene a casa, ma poi ho visto quest’uomo seduto su un divano in disparte, non si guardava intorno, non si annoiava, stava lì sereno, semplicemente ascoltava la musica.
Aveva una bellezza particolare, non appariscente ma che si rivelava lentamente, solo osservandolo ti accorgevi che ogni dettaglio del suo viso era perfetto. Mi ricordava la statua di Antinoo, aveva lo stesso profilo, gli stessi riccioli che gli cadevano sugli occhi. Era sensuale in modo inconsapevole.

 

Presi al volo un bicchiere di sherry da un vassoio e mi avvicinai, mi sedetti al suo fianco, lui non si voltò, sembrava che non si fosse accorto della mia presenza, continuava ad ascoltare la musica con espressione rapita.
-Adoro questa canzone- dissi dopo poco, mentendo spudoratamente, perché era la prima volta che l'ascoltavo e manco sapevo chi la cantasse. Senza volerlo avevo toccato il tasto giusto, cominciò a parlarmi di accordi e sinfonie, di gruppi musicali sconosciuti ai comuni mortali, di artisti clandestini che si esibivano per un ristretto cenacolo d’intellettuali idealisti.
Io annuivo, fingevo di comprendere e approvare tutto quello che diceva, ma ogni sua parola mi era incomprensibile. Da vicino mi ero accorta di un’anomalia che sporcava la sua bellezza da statua. Era completamente strabico, e anche se avrei voluto specchiarmi nel cielo trasparente dei suoi occhi, evitavo di guardarlo, per paura che pensasse lo facessi per curiosità.

Probabilmente lui comprese fin dal primo momento che ero un’incompetente in materia musicale, continuò a parlarmi perché, in qualche modo, certi incontri ci sono predestinati. E quando capita lo sai, lo riconosci subito.
E’ cominciata così tra noi, telefonate, messaggi, lunghe mail in cui ci raccontavamo, a poco a poco siamo diventati amici. E abbiamo cominciato a incontrarci regolarmente a casa sua.

Umberto Utrillo è un pianista, già soltanto il suo nome è musicale, ti parla d’arte e colori, di poesia e d’assenzio. Passiamo interi pomeriggi al piano, lui suona ed io lo osservo, somigliamo a Schroeder e Lucy, lui compone perso tra le sue note ed io, sospiro.
Quello che suona non è bello, è eccezionale, ogni volta che lui pigia sui tasti, per me il tempo si ferma, chiudo gli occhi e mi manca il respiro, alle sue note provo un senso di malinconico dolore.
I primi tempi ho cercato di sedurlo, come Lucy mi sdraiavo sul pianoforte e tentavo avances alternando goffaggine e ironia.
Intuivo che le sue composizioni erano dichiarazioni d’amore e sapevo pure che non erano per me. Ma lui mi faceva riascoltare passaggi e ottave spiegandomi che ero stata io a suggerirgliele, che anche se non lo sapevo, ero un personaggio molto evocativo. Che lui componeva tantissimo inspirandosi a me, ed io riascoltavo cercando di capire in quale nota ci fosse nascosta una parte di me.
Finché un giorno, dopo due anni in cui ha imparato a fidarsi, l’ha confessato, me l’ha detto per caso, tra una nota, uno sberleffo e un tentativo di seduzione, sì, aveva una relazione stabile da diverso tempo.
E a differenza di tutti gli uomini che avevo conosciuto, non mi ha regalato la solita manfrina della moglie orchessa. No, mi ha parlato di questa persona con toni delicati, con tenerezza struggente e mentre lo faceva il suo viso si è illuminato di uno dei suoi sorrisi di miele.

Abbiamo continuato a vederci, ogni volta che si esibisce in pubblico, gli piace vedermi in prima fila, sembra che abbia bisogno del mio applauso, ogni volta che le luci si spengono e la musica parte, la cascata delle sue note entra in me con lo stesso incanto, la mia emozione rinnovata è la misura della sua bravura e del suo talento. E lui questo cerca.
E quando lo ritrovo nel retroscena, è stanco, scarmigliato e pallido come un convalescente, la musica per lui è dolore e sangue. Mi guarda e i suoi occhi storti mi confondono sempre, perché non so mai se guarda me o il muro.

Parliamo tanto, io più di lui, credo d’avergli raccontato la mia vita in ogni piega, gli ho raccontato di me, dei miei sogni e degli uomini sbagliati, Umberto ha raccolto ogni mia lacrima e mi ha fatto ridere. Mi ha smontato ogni storia e mi ha restituito delle caricature da cabaret al posto dei miei eroi.
-Tu sei una donna con più qualità di quelle che tu stessa credi, mi piace la tua curiosità travolgente e inappagabile, il tuo intuito, la tua voglia di arrivare alla verità, la tua modestia, la tua libertà-
Un’altra volta, invece, mi ha confessato che il mio modo di comportarmi è molto maschile, giuro che se una cosa del genere l’avesse pronunciata qualsiasi altra persona avrebbe ricevuto una capocciata sul muso, ma detta da Umberto so che è un complimento meraviglioso.


Sì, di quest’uomo  mi piace tutto, la malinconia compiaciuta, la timidezza, il suo modo inutile di essere tormentato, anche il suo sguardo strabico, perché è quello che avrei voluto sposare, l’unico per il quale avrei buttato alle ortiche tutti i vantaggi di essere zitella,  invece siamo soltanto amici come vecchie comari, perché Umberto è irrimediabilmente gay. 

Commenti al Post:
bimbayoko
bimbayoko il 23/05/12 alle 11:51 via WEB
meglio un buon amico che un cattivo fidanzato,credo:-)
 
 
bimbadepoca
bimbadepoca il 23/05/12 alle 12:35 via WEB
Certo che è così!!! Umberto e io siamo ottimi amici, non ho mai avuto un amico che mi è caro più di lui. Però se ci pensi che ingiustizia, gli uomini più interessanti sono sempre o sposati o gay ;-))
 
gioia58_r
gioia58_r il 23/05/12 alle 13:03 via WEB
scrivi così bene...di cose che io poco conowsco , Antinoo , feste mondane con lo Sherry ( neanche in un film in tv)ed altro, che sembra quasi un romanzo. Vivilo così come è, perchè è proprio bello
 
 
bimbadepoca
bimbadepoca il 23/05/12 alle 16:44 via WEB
Grazie Gioia... non è detto che le cose di cui scrivo le conosco sul serio, spesso parto da un episodio reale e poi faccio partire la fantasia. Comunque sì, questa storia non avrebbe potuto avere finale migliore, mi piace troppo così come la stiamo vivendo :-)
 
bluewillow
bluewillow il 23/05/12 alle 16:04 via WEB
l'amicizia è senz'altro il miglior rimpiazzo dell'amore :) (anzi, direi che spesso lo supera), in fondo non è andata malaccio. E poi essere una musa è una cosa che non capita a tutte :)
 
 
bimbadepoca
bimbadepoca il 23/05/12 alle 16:48 via WEB
Lo supera eccome... nell'amicizia si è più sinceri, non si ha paura di mostrarsi con tutti i nostri difetti e le nostre debolezze. In amore, invece, tentiamo a mostrare sempre la parte migliore.
Sì, mi piace moltissimo essere una musa ispiratrice, solo che ancora non ho capito in quale pezzetto sono nascosta ;-))
 
vladimiromajakovskij
vladimiromajakovskij il 23/05/12 alle 19:18 via WEB
Complimenti, stile impeccabile. Sono stato talmente rapito dalla bellezza della scrittura che per capire il senso del post ho dovuto rileggerlo! Il riferimento ad Antinoo ha quasi reso necessario una terza lettura... Memorie di Adriano, che grande libro. Quanto al merito, io l'ho sempre detto che negli ambienti peggiori a volte si possono pescare delle perle di persone. Tu vuoi sposarlo? Le amicizie migliori valgono come dei buoni matrimoni...
 
 
bimbadepoca
bimbadepoca il 24/05/12 alle 15:01 via WEB
Ma quando un'amicizia del genere finisce, è possibile chiedere gli alimenti??? Altrimenti non ha lo stesso valore di un matrimonio ;-)))
Grazie per i complimenti Maja e per averci visto dentro citazioni letterarie a cui non avevo pensato.
 
occhiodivolpe2
occhiodivolpe2 il 24/05/12 alle 19:34 via WEB
ah , m ero preoccupato ... :))
 
 
bimbadepoca
bimbadepoca il 08/06/12 alle 17:42 via WEB
Preoccupato per cosa??? Del fatto che non sapessi più inviare una mail o dell'assenza???
 
occhiodivolpe2
occhiodivolpe2 il 30/05/12 alle 17:06 via WEB
m aggia proccupà overamente ?
 
 
bimbadepoca
bimbadepoca il 08/06/12 alle 17:45 via WEB
No, ci sono Henry, ci sono :-)Solo che, a volte, di fronte a tutte le cose brutte che succedono nel mondo mi si inceppano le parole. Non riesco più a trovare lo spirito giusto per scrivere di piccole cose, di sentimenti personali, di incontri, di stupori infantili. Mi sembra indelicato, ecco l'ho detto!!!
 
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 30/05/12 alle 21:38 via WEB
be', anche dal titolo....
 
 
bimbadepoca
bimbadepoca il 08/06/12 alle 17:46 via WEB
Il titolo era tutto un programma ;-))
 
mama.sugar
mama.sugar il 01/06/12 alle 14:50 via WEB
.. ormai da tanto navigo sloggata, seguendo solo il sestante dell'attimo; ma per lei, bella narratrice, confermo la regola: splendida 'sta pagina del suo diario..! che poi siano "pensieri e storie tra il vero, il verosimile e l'inganno", poco importa..;-)
 
 
bimbadepoca
bimbadepoca il 08/06/12 alle 17:50 via WEB
Grazie di cuore mama.sugar... sono proprio i commenti come i tuoi che mi fanno venir voglia di continuare a raccontare storie, tra il vero, il verosimile e l'inganno :-))
 
atapo
atapo il 04/06/12 alle 22:03 via WEB
Bella storia! Diceva qualcuno che ho conosciuto che ci sono molti tipi di amore. Io aggiungo che è amore anche un'amicizia come questa, che ha creato un legame forte.
 
 
bimbadepoca
bimbadepoca il 08/06/12 alle 17:56 via WEB
Sì Atapo, è proprio così, esistono molteplici modi d'amare... e noi donne lo sappiamo benissimo perché sappiamo amare più figli con la stessa intensità, modulando il sentimento al carattere di ognuno di loro.
E questo legame d'amicizia è proprio un amore, così come lo sono tutte le amicizie vere, quelle che durano negli anni e che resistono alle grandi distanze.
 
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 15/06/12 alle 18:05 via WEB
vorrei rispettosamente far notare che sono passate 3 settimane dall'ultimo post!!!
 
 
bimbadepoca
bimbadepoca il 18/06/12 alle 11:47 via WEB
E dopo tre settimane ritorno con un nuovo post :-))
 
kreislerdlg
kreislerdlg il 21/06/12 alle 09:38 via WEB
Gioia58 ha perfettamente ragione, sembra quasi un romanzo, confessa durante la tua assenza hai frequentato lo Iowa Writer's Workshop :)
 
 
bimbadepoca
bimbadepoca il 23/06/12 alle 18:33 via WEB
Confesso solo che ho cercato su google lo Iowa Writer's Workshop :-))) Esagerato!!! Addirittura il prestigioso master universitario frequentato da Phillip Roth.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

LA TRAMA DI QUESTO BLOG:

" E quello che lei mi disse
fu in idioma del mondo,
con grammatica e storia.

 

Così vero
che sembrava menzogna."
(Pedro Salinas)

 

Sa sedurre la carne la parola,
prepara il gesto,
produce destini.

(Patrizia Valduga)

 

 "Altri menino vanto delle parole che hanno scritto: il mio orgoglio sta in quelle che ho letto"
(J.L. Borges)

 

"Quello che ora diamo per scontato, un tempo fu solo immaginato"

(William Blake)