Creato da: NoRiKo564 il 02/02/2011
piccole pieghe e grandi magie....
Citazioni nei Blog Amici: 55
 

 
 

Le immagini e alcuni testi
presenti in questo blog
sono tratti dal web, chiunque
ritenesse il loro uso improprio
è pregato di comunicarmelo e
provvederò alla loro immediata
rimozione.
I testi in cui non viene citato
l'autore sono di proprietà
dell'autrice del blog, e pertanto
il loro uso deve essere
autorizzato dalla stessa.

 

 

 

Credevo fosse pił semplice...

Post n°452 pubblicato il 03 Novembre 2014 da NoRiKo564

 

 

Primo giorno nel nuovo lavoro...
Prime "sorprese" poco incoraggianti...
Rimettersi in gioco non è mai facile,
ma io ho scelto di farlo in un contesto davvero allucinante.
Spero siano solo le difficoltà iniziali,
anche perchè il contratto è talmente breve,
che lo considero più una prova che altro.
Voglio augurarmi che siano sensazioni sbagliate....
ma qualcosa già non mi torna....

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La partita di pallone....

Post n°451 pubblicato il 20 Ottobre 2014 da NoRiKo564


Non si può  definire un tifoso sfegatato, neanche uno che si strappi i capelli per la sua squadra.
Se vedendola alla tv, nota che gioca male e si prende pure dei  goal, il massimo della reazione è spegnere la televisione e andarsene a fare qualche cos’altro.
Però è un simpatizzante fedele… guai se nei commenti sportivi, quando ha giocato bene, il commentatore di turno, in uno dei vari talk show post- partita della domenica, non ne parla o si limita a scarne considerazioni: diventa  una iena!
Così immaginate quanto è stato  contento, quando lo hanno portato allo stadio a vedere la sua Udinese giocare a Torino, lui un anziano di 81 anni, che con il suo fedele bastone d'appoggio, varca i tornelli dello stadio, dopo forse più di quarant’anni che non ci andava più.
Certo essere in mezzo alla tifoseria avversaria non è  proprio il massimo, ma non possedendo tessere del tifoso o si sedeva  lì o ciccia.
Così dopo aver superato tutti i controlli di sicurezza, essere riuscito a girare nel tornello, senza restarci incastrato dentro (che non era una possibilità tanto remota), il nostro “ragazzo” salita  un’infinità di scalini arriva finalmento al suo seggiolino.
Prima considerazione: “Si però alla televisione si vede meglio!”
Secondo considerazione sulla curva degli ultras della squadra avversaria:” Ma quelli vengono a vedere la partita o solo a far casino?”
Terza considerazione: “ Ma se segna la mia Udinese posso alzarmi ed esultare?”
Ecco, su questo punto, avendo fatto le debite raccomandazioni, non c’è stato proprio  il rischio che si facesse riconoscere, perché in novanta minuti non si è creato mai il pericolo che si avvicinasse così tanto alla porta avversaria da segnare!
Anche i tifosi della sua squadra erano un gruppetto sparuto, che è stato completamente travolto dai cori granata.
In ogni caso, anche se la sua squadra  ha perso,  la soddisfazione con cui si è goduto la partita non ha prezzo!
Almeno per me.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

E le stelle stanno a guardare....

Post n°450 pubblicato il 16 Ottobre 2014 da NoRiKo564

 


Periodino mica da ridere questo!
Tra le molte cose che navigano nel limbo dell'incertezza, tutto pare si sia bloccato in un fermo immagine.
In mezzo al frastuono della tv che ci inonda di immagini tragiche di eventi naturali (ma umanamente evitabili)  e tragici attori che usano il poletichese per farci stare buoni e convincerci che ogni cosa viene fatta per il nostro bene,  a ben guardare alla fine non si muove foglia.
Nel senso che non capita assolutamente niente di nuovo.
Anche le tragedie sono un semplice “già visto”  e dopo la marea di parole che si stanno facendo su prevenzione, messa in sicurezza del territorio, fondi stanziati e fermi chissà dove ( forse solo semplicemente fermi  nelle tasche di qualcuno!), siamo già certi che tra qualche anno rivedremo le stesse scene a Genova o in  un’altra povera città italiana.
Parole e parole su azioni atte a creare il lavoro per i giovani (poi magari si pensasse anche a quelli meno giovani e non abbastanza vecchi per smettere di lavorare, non ci farebbe neanche schifo eh!), incentivi economici (ma lo Stato i soldi dove li va a prendere?) e noi nell’immobilismo totale di una Società che si è pure stufata dei falsi profeti, che si sono innalzati agli onori delle cronache, con le loro belle trovate propagandistiche ed  eclatanti…(caro Grillo_Sparlante,  la gente non è mica tutta fatta da Pinocchi sai? Caro  Renzi_ Boy ricordati che stavi a sinistra una volta, poi hai svoltato a destra e non si  capisce se,  ti si è scassato il tom_tom o proprio hai odorato il profumo dell’onnipotenza di  Sir Silvio e ti sei convertito ad una nuova parrocchia….)

Comunque non dobbiamo preoccuparci, se non ci stermineranno le alluvioni, i Grilli sparlanti e Renzi Boys, ci penserà Ebola…che quatta quatta si sta insinuando in ogni dove…

Ci sveglieremo mai da questo infausto sonno?

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

15.09.2014

Post n°449 pubblicato il 15 Settembre 2014 da NoRiKo564

 

 

 

Via libera alle considerazioni personali del caso...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il mercato specchio dei tempi...

Post n°448 pubblicato il 26 Agosto 2014 da NoRiKo564

Nessun luogo come il mercato, ti parla del paese in cui ti trovi.
Confesso che in qualsiasi parte io vado, oltre alle bellezze architettoniche, una visita al mercato cittadino, la faccio sempre.
E' la fotografia della regione in cui ti trovi o almeno lo è in parte.
Ora i mercati sono multi-etinici, con una decisa predominanza cinese e africana, che di per se, non darebbe nessun fastidio, se avessero l'accortezza di proporre i loro prodotti, piuttosto che imitazioni dei nostri.
Il mercato è incontro di lingue, dialetti, etnie,religioni.
E' un mondo dentro il mondo.
E' l'apoteosi dell'incontro, del chiacchericcio e del pettegolezzo.
Se non vedi qualcuno da tempo, vai al mercato cittadino e prima o poi lo incontrerai e se sei un habituè e le facce le conosci tutte, sta sicuro che ti accorgi se qualcuno manca.
E' così il mercato diventa notiziario, ci si informa da conoscenti reciproci, come mai non si vede più e allora si scopre che si è trasferito o è morto...
Bisogna dire che propende sempre in maggioranza la seconda ipotesi, perchè si da per scontato che se uno non è più tanto giovane e non lo vedi più...è per forza morto.
Sapeste quanti Lazzaro resuscitati ci sono stati nel mercato del mio paesello!
Dichiarati morti a furor di popolo e resuscitati senza nemmeno bisogno di Gesù.
Questo è il fascino del mercato, alla fine conosci anche chi non conosci...perchè di quella persona non sai il nome, ma a tutti dici che "di vista" sai chi è....e se non la vedi più...."poverino, sarà morto!"


 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »