SEMPLICEMENTE JE

26 anni e 2 passioni: La Juve e Vasco... Dalla stagione 2008-2009 Abbonata in Curva Sud...

 
 

JUVENTUS XSEMPRE

immagineimmagineimmagineimmagine

immagine

PRIMA PAGINA DI OGGI

IN QUESTO BLOG X PURO CASO OGNUNO HA UN SUO RUOLO:
bianconera83: La PRESIDENTESSA
superlenox81: CAPO-ULTRA'
PlanetGate: il MISTER
ciukina2: il CAPITANO
stefy10alex: l'Amm.Delegata
manu.1975: il Portiere - Vice Gigi
 
Ho ricevuto questo premio da PlanetGate per la seguente motivazione:"perchè è la Presidentessa" GRAZIE!!!!
GRAZIE  a evaluna_86 x questo premio!!

 

SERIE A TIM 2008/09

CLASSIFICA SERIE A
Merde       43
Juventus  39
Milan        34

PARTITE GIOCATE:
(in quelle sottolineate ero presente in Curva Sud)
Fiorentina - Juve 1-1
Juve
- Udinese 
1-0
Cagliari - Juve 0-1
Juve - Catania 1-1
Samp - Juve 0-0
Juve - Palermo 1-2
Juve - Torino
1-0
Bologna - Juve 1-2
Juve - Roma 2-0
Chievo - Juve 0-2
Juve - Genoa 4-1
Merde - Juve 1-0 in curva ospiti a S.Siro
Juve - Reggina 4-0(non presente causa neve!)
Lecce - Juve 1-2
Juve - Milan 4-2
Atalanta - Juve 1-3
Juve - Siena 1-0

PROSSIMA PARTITA
Dom. 18/01/09 h.15.00
Lazio - Juve

CLASSIFICA MARCATORI
13 Di Vaio (Bologna)
12 Milito (Genoa) Gilardino (Fiorentina)
11 
AMAURI (Juventus) Ibrahimovic (Inter)

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

I MIEI BLOG AMICI

- JUVENTUS di corsivo79
- ORGOGLIO JUVE di slog175
- DOPO IL 13 GENNAIO
- Bianconeri siamo noi
- eLeNu33a VASCOnvolta
- ITALJUVE
- UnBrivido cheVolaVia
- Me, simply Me
- Semplicemente Io
- STRISCE BIANCONERE
- BARBARA
- ANTI-INTER
- io&te 3msc
- Lui & Lei
- MIA SORELLA
- Satine Rouge
- TRILLI
- bigbabol
- Frenitalia
- I miei Pensierini..
- Vathelblog
- RE DEL CONSUMISMO
- KIRETTA28
- LOCA & ISA
- Greg BIANCONERO
- Caff&egrave; Della Piazza
- BLOG PENNA CALAMAIO
- ..Uomini...
- GRILLO PARLANTE
- Single per scelta?
- GRAZIE DI ESISTERE
- LANGOLO DELLAMORE!
- LaVitaEUnBrivido!
- SWEET...
- EVIDENTEMENTE.....
- Semplicemente...
- Sar&ograve; ricca e famosa
- Onda_Adry
- Hard to concentrate
- DOVE SI VA
- *VoGl!@ d DoLc3zZ@*
- ROMA BIANCONERA
- juventus di verojuventino
- juventus di sfulgori
- DELPIERO 10 di corsivo
- StileJuve di DNAbianconero
- SenzaFiltroBlog
- The Seventeenth Day
- La mia Penna.....
- ADOTTA UN ANGELO
- BABY2082
- Leoharley
- California
- Sex&theCity
- A DIFFERENT VIEW
- shadowman979
- mimmoj85 juventino
- JuventinoaVita
- cece851
- Di palo in frasca...
- Cercami in un Sogno
- animafragilex
- Dr.Jekyll e Mr.Hyde
- Arriva la Kiky......
- IL BLOG DI SYD
- ci faccio o ci sono?
- Stellanoir
- OMISSIS - juve
- mati33 juventina
- MAIONESE IMPAZZITA
- LA STORIA SIAMO NOI
- Ragazzo Padre
- Lady Arwen-Juventina
- PERDIFENDEREUNAMORE!
- il mio mondo
- Piangina? No, grazie
- IO E LA MIA VITA....
- vascosantosubito
- Blood black&white
- HeartJuventus
- Neon
- Regali Grafici X Te
- MagicJuves
- ..MAMMA FRULLATA..
- KIMETZ THE BARBARIAN
- OTRA VEZ..
- Juve in my heart
- qdp team
- evaluna86
- NUEVA VIDA LOCA
- Le Piccole Miss
- PASSIONI
- JUVENTUSIASMANTE
- I HATE CENERENTOLA
- Mr Nice Guy
- juveland
- calcio news
- Manus World
- koradgl1 juventina
- pagine di eva
 
Citazioni nei Blog Amici: 49
 

ULTIME VISITE AL BLOG

sbesbachevallgiass68merenda203antosettantaduetinam73marypiccigrasso.crRiccardo_Sanvitorudyagoannaeleolasignoraetornatalombardodomenico73cappevoxtrilly.2588
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FOTO JUVE

IO JUVENTINA DOC

IL NS NUMERO 1

immagine

IL CAPITANO

PAVEL NEDVED

TREZEGUET

immagine

CAMORANESI

 

FOTO JUVE 2

AMAURI

VINCENZONE

GIORGIONE

NICOLA

MOMO

SEBASTIAN
GIOVINCO

 

JUVENTUS STORY

IMMAGINI DI STORIA BIANCONERA...

FOTO-RICORDI...

IL MIO GRANDE IDOLO
Indimenticabile EDGAR DAVIDS

DIVIN CODINO ROBY BAGGIO

VIALLI che alza la Champion's!!!

COPPA INTERCONTINENTALE

AGNELLI con un giovane ALEX

27° SCUDETTO

28° SCUDETTO

29° SCUDETTO

PROMOZIONE IN SERIE A
LA FINE DI UN INCUBO, IL RITORNO A CASA!!!

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

- 7 TO STAMFORD BRIDGE!!!!

Post n°473 pubblicato il 18 Febbraio 2009 da bianconera83
 

roma 2009

 

- 7 TO LONDON!!!

 

Non vedo l'ora!!!

 

IN ITALIA E IN EUROPA CI VEDRAI

 

E NON TI LASCEREMO MAI!!!

 

FINO ALLA FINE...
FORZA JUVENTUS...

 
 
 

CATANIA - JUVENTUS 1-2

Post n°472 pubblicato il 08 Febbraio 2009 da bianconera83
 

Reti: 10’pt Iaquinta, 6’st Morimoto, 46’st Poulsen

CATANIA: Bizzarri, Potenza (34’st Terlizzi), Silvestre, Stovini, Capuano (31’pt Martinez), Baiocco, Izco (24’st Carboni), Tedesco, Biagianti, Mascara,  Morimoto. All. Zenga. Kosicky, Carboni, Paolucci, Silvestri, Terlizzi, Martinez, Spinesi.
JUVENTUS: Buffon, Grygera, Legrottaglie, Mellberg, Molinaro, Camoranesi (5’st Marchionni), Sissoko, Tiago (37’st Poulsen), Nedved, Amauri, Iaquinta. All. Ranieri. A disposizione: Manninger, Ariaudo, Poulsen, Marchionni, Giovinco, Trezeguet, Del Piero.
ARBITRO: Morganti
AMMONITI: 9’ pt Stovini, 9’ pt Iaquinta, 12’pt Iaquinta, 16’pt Amauri, 28’ pt Legrottaglie, 41’pt Silvestre, 14’st Sissoko, 16’st Tedesco
ESPULSI: 12’pt Iaquinta


Battuto il Catania 2-1!

Una gara emozionante, avvincente, che lascia senza fiato fino ai minuti di recupero, quando Poulsen mette a segno il gol della vittoria (2-1). Si era sull’1-1, maturato con il gol di Iaquinta ad inizio primo tempo e il pareggio di Morimoto in avvio di ripresa. Grande prova di forza dei bianconeri, in dieci uomini per gran parte della gara.


Alto ritmo e agonismo fin dai primi minuti, con le squadre che si fronteggiano a viso aperto. Apre le danze la Juventus con un cross di Sissoko per la testa di Iaquinta che termina fra le braccia del portiere. Replica il Catania con Stovini che intercetta una punizione dalla trequarti di Mascara, ma in corsa non riesce a indirizzare il pallone in porta. Ancora Catania al 7’ con Morimoto lanciato in area di rigore e fermato magistralmente da Buffon. Poi iniziano gli incredibili tre minuti di Iaquinta. Fermato fallosamente da Stovini, l’attaccante bianconero riceve palla dalla punizione di Camoranesi e di testa insacca il gol del vantaggio (1-0). Festeggia togliendosi la maglia e viene ammonito. Pochi minuti dopo, Iaquinta commette fallo e l’arbitro non esita a estrarre il secondo cartellino giallo ed espellerlo. Juventus in dieci, con il Catania che cerca di recuperare lo svantaggio, ma trova un muro, Gigi Buffon, che al 17’ compie un vero e proprio miracolo su un insidioso colpo di testa di Potenza. La partita cala un po’ di intensità, ma resta comunque molto combattuta, con una Juventus compatta che lascia pochi spazi all’avversario. Con l’infortunio di Capuano, Zenga mette in campo l’attaccante Martinez, con Tedesco che scala sulla linea dei difensori. La squadra di Ranieri gestisce bene il vantaggio e non corre grossi rischi. Ancora nel primo tempo da segnalare un’occasione sotto porta per Amauri e una girata di Morimoto, entrambe senza esito.


Si torna in campo a formazioni invariate, ma per poco. Dopo un primo tempo di qualità, Camoranesi, al rientro dopo un lungo stop, viene sostituito da Marchionni. Nell’avvio della ripresa il Catania pressa a caccia del pareggio e lo trova al 6’ quando Morimoto ribadisce in rete un pallone colpito di testa da Mascara e respinto da Buffon. Sull’1-1 la squadra di Zenga ci riprova e, su angolo di Mascara, Baiocco colpisce l’incrocio dei pali. Divertente anche il secondo tempo, con la Juventus che manovra con uno dei suoi uomini migliori, Sissoko. In avanti Amauri fa un gran movimento, ma non ha vita facile con la fitta rete di difensori avversari. La squadra di Ranieri ci prova con i tiri dalla distanza di Nedved, Tiago, buono il suo rientro, e Marchionni. Il Catania tenta di sfruttare la velocità di Morimoto, che in alcune occasioni mette in allarme la difesa juventina, come al 32’ quando manca di un soffio l’aggancio sotto porta. Nel finale Amauri le prova tutte per tornare al gol e invece diventa decisivo come uomo assist in occasione della rete che vale i tre punti: su angolo di Nedved, sponda di testa del brasiliano per Poulsen che di destro sotto porta insacca la rete del definitivo 2-1. Grazie a questa vittoria, la squadra di Ranieri torna al secondo posto in classifica.


POULSEN

 
 
 

JUVENTUS - CAGLIARI 2-3

Post n°471 pubblicato il 02 Febbraio 2009 da bianconera83
 

Serie A 2008/09 – 3ª giornata di ritorno
Torino, stadio Olimpico
Sabato 31 gennaio 2009

RETI: 16’ pt Biondini, 31’ pt Sissoko, 38’ pt Nedved, 9’ st Jeda, 33’ st Matri.
JUVENTUS: Buffon; Mellberg, Legrottaglie, Chiellini (26’ st Grygera), Molinaro; Marchionni (24’ st Iaquinta), Sissoko, Zanetti (21’ pt Marchisio), Nedved; Del Piero, Amauri. A disposizione: Chimenti, De Ceglie, Poulsen, Trezeguet. All. Ranieri.
CAGLIARI: Marchetti; Pisano, Bianco, Canini, Agostini; Biondini, Conti, Fini (40’ st Parola); Cossu (24’ st Lazzari); Jeda, Acquafresca (16’ st Matri). A disposizione: Lupatelli, Astori, Matheu, Larrivey. All. Allegri.
ARBITRO: Banti di Livorno.
AMMONITI: 23’ pt Chiellini, 14’ pt Pisano, 13’ st Del Piero, 28’ st Agostini, 32’ st Conti.


MOMO


Superati da un ottimo Cagliari

Il Cagliari si conferma la squadra più in forma del campionato e si prende un’altra soddisfazione. Dopo aver sfiorato l’impresa al Meazza con l’Inter, la centra all’Olimpico contro la Juventus.

I sardi vincono 3-2 rimontando nella ripresa il 2-1 bianconero di fine primo tempo firmato Sissoko-Nedved. Un ko che segue quello di mercoledì a Udine e che allontana la squadra di Ranieri dalla vetta, per giunta reso più negativo dagli infortuni a Zanetti e Chiellini appena rientrati.

In attesa di cercare il riscatto domenica a Catania, la Juventus proverà l’assalto alla Coppa Italia. Mercoledì sera, a Torino, arriva il Napoli per la sfida secca che vale un posto in semifinale. 
 
Per cancellare subito Udine, mister Ranieri si affida nuovamente a Del Piero e a Chiellini. Opta per Mellberg a destra e Zanetti in mezzo al campo.

Di fronte c’è il Cagliari rivelazione e pertanto ci vuole la miglior Juve che infatti parte bene. Tra il 12’ e il 13’ prima Legrottaglie e poi Sissoko sfiorano il vantaggio. I sardi non si accontento di difendersi e col passare dei minuti si fanno vedere dalle parti di Buffon. Tanto che al 16’ trova anche il gol con Biondini che sbuca da dietro e di testa trova l’angolino.

La Juve deve subito rammaricarsi per l’infortunio di Zanetti: entra Marchisio. I bianconeri devono reggere alle volate di un Cagliari che vola sulle ali dell’entusiasmo, ma alla prima occasioni lasciano il segno. Dall’angolo di Del Piero spunta la testa di Sissoko che non dà scampo a Marchetti. E’ il 31’ ed è la scossa che serviva. E sette minuti dopo arriva anche il 2-1 con Nedved che scarica un destro di prepotenza.

Ripresa. Il Cagliari dimostra di non volersi dar per vinto e al 9’ ritrova la parità. Cossu su invola a sinistra e crossa per Jeda per insacca al volo. Allegri manda anche in campo Matri per Acquafresca. E’ l’inizio della girandola dei cambi. Entrano Iaquinta e Grygera (per Marchionni e per l’acciaccato Chiellini). La Juventus vuole vincere e rischia il tutto per tutto. I sardi ne approfittano e dopo un disimpegno errato di Sissoko trovano il 3-2 con Matri, servito dall’assist smarcante di Lazzari.

La squadra di Ranieri prova fino alla fine a cercare il pari ma i varchi sono tutti chiusi. Il 3-2 non cambia più e la squadra sarda può esultare per un successo che la conferma la più in forma del campionato. I bianconeri devono subito pensare alla Coppa Italia: mercoledì, all’Olimpico, arriva il Napoli.

 
 
 

UDINESE - JUVENTUS 2-1

Post n°470 pubblicato il 02 Febbraio 2009 da bianconera83
 

Serie A 2008/09 – 2ª giornata di ritorno
Udine, stadio Friuli
Mercoledì 28 gennaio 2009

RETI: 20’ pt Quagliarella, 29’ st Di Natale, 32’ st (rig) Iaquinta.
UDINESE: Handanovic; Coda, Zapata, Domizzi, Pasquale; Isla, D’Agostino, Inler, Asamoah; Quagliarella (40’ st Floro Flores), Di Natale (36’ st Pepe). A disposizione: Belardi, Ferronetti, Felipe, Obodo, Sanchez. All. Marino.
JUVENTUS: Buffon; Grygera, Mellberg, Legrottaglie, Molinaro; Marchionni (1’ st Iaquinta), Sissoko (38’ st Poulsen), Marchisio, Nedved; Giovinco, Amauri (36’ st Trezeguet). A disposizione: Chimenti, Chiellini, De Ceglie, Ekdal.
ARBITRO: Tagliavento di Terni.
AMMONITI: 11’ pt Legrottaglie, 8’ st Nedved, 31’ st Pasquale.


 Juve ko, ma è tornato Trezeguet


Non sempre il Friuli porta bene. In uno degli stadi dove ha molto spesso fatto bottino pieno, la Juventus deve cedere ad un’Udinese decisa e convinta, lontana parente della squadra che non vinceva in campionato da 12 turni.

Di Natale e Quagliarella si confermano i rivali più pericolosi e puniscono con un gol per tempo, rovinando il 31° compleanno di Buffon. Un rigore di Iaquinta prova a riaprire i giochi ma non basta. I bianconeri perdono dopo due mesi e vedono l’Inter tornare a +6. Sabato contro il Cagliari – forse la squadra più forma del momento – l’occasione per ripartire.

Al Friuli, Ranieri deve rinunciare a Del Piero ma ritrova Trezeguet, convocato per la prima volta dopo quattro mesi di stop. Il francese va in panchina insieme a Iaquinta e Chiellini. Gioca Giovinco, conferme importanti per Mellberg e Marchisio, autori degli ultimi due gol bianconeri in campionato.

Di fronte un’Udinese in crisi di risultati, ma che può sempre contare su attaccanti pericolosi come Di Natale e Quagliarella. Marino non rischia le tre punte e inserisce Asamoah e con il centrocampista in più i padroni di casa partono forte. Buffon è subito costretto a mettersi in luce con un intervento ravvicinato su Zapata.

Ma al 20’ arriva il gol. Su un contropiede nato quasi per caso, Di Natale è bravo a crederci, tenendo in campo un pallone e a servirlo a Quagliarella che si gira e insacca sul secondo palo. La Juventus fa un po’ fatica a reagire, Giovinco tenta di inventare, Amauri è sempre ben controllato. Anche Marchionni e Nedved provano a dare il loro contributo ma Handanovic non deve mai intervenire. Così, prima del riposo, è ancora Buffon a dover metterci del suo salvando su Isla.

Ripresa. Ranieri gioca subito la carta Iaquinta (al posto di Marchionni), memore della prodezza di un anno dell’attaccante. I primi minuti sono ancora di marca friulana con Di Natale e Quagliarella ancora in evidenza. Ma col passare dei minuti la Juventus prende in mano la gara. Il pressing dei padroni di casa è meno veemente e le due torri in avanti fanno paura.

Ma paura la fa anche Di Natale che al 29’ si inventa una discesa sulla sinistra e un destro a giro che non dà scampo a Buffon. La gara sembra chiusa ma dopo due minuti si riapre. Iaquinta conquista un pallone di forza, Grygera si infila e viene steso in area da Pasquale: rigore che lo stesso Iaquinta trasforma.

Sul 2-1, Ranieri butta dentro anche Trezeguet e Poulsen. Escono anche i due marcatori friulani Di Natale e Quagliarella. I bianconeri continuano a buttare palloni in area ma non è facile trovare spazi. Nonostante i quattro minuti di recupero il punteggio non cambia più. La Juventus perde dopo una lunghissima serie, ma ha ritrovato David Trezeguet: un’arma in più per il proseguo del campionato. 

 
 
 

JUVENTUS - FIORENTINA 1-0

Post n°469 pubblicato il 28 Gennaio 2009 da bianconera83
 

Serie A Tim 2008/09 - 1ª giornata di ritorno
Torino, stadio Olimpico
Sabato 24 gennaio 2009

RETI: 21’ pt Marchisio.
JUVENTUS: Buffon; Grygera, Mellberg, Legrottaglie, De Ceglie; Marchionni, Zanetti (43’ st Poulsen), Marchisio, Nedved; Del Piero (32’ st Giovinco), Amauri. A disposizione: Chimenti, Ariaudo, Ekdal, Yago, Iaquinta. All. Ranieri.
FIORENTINA: Frey; Zauri, Gamberini, Kroldrup, Paquaul; Felipe Melo, Montolivo, Gobbi (1' st Kuzmanovic); Santana (27’ st Bonazzoli), Gilardino, Jovetic. A disposizione: Storari, Dainelli, Donadel, Semioli. All. Prandelli.
ARBITRO: Saccani di Mantova.
AMMONITI: 26’ pt Grygera, 31’ pt Montolivo, 21’ st Zanetti, 21’ st Melo, 43’ st Giovinco.

Marchisio-Buffon: Juve in cima

Missione compiuta. La Juventus ritrova la vetta della classifica (anche se solo provvisoria) e aggancia l’Inter dopo il successo per 1-0 su un’ottima Fiorentina. Nel giorno dedicato al ricordo dell’Avvocato ci pensano Marchisio e Buffon a regalare una vittoria fondamentale.

Per entrambi è un bel regalo di compleanno. Claudio festeggia con un gol da cineteca i 23 anni compiuti lunedì. Gigi i 31 che arriveranno mercoledì con una prova super, degna del miglior portiere di tutti i tempi. 

L’anniversario della scomparsa dell’Avvocato è uno sprono in più per i bianconeri. Ranieri non può fare a meno di parecchie pedine tra infortuni e squalifiche, ma ritrova Gigi Buffon. Mellberg, De Ceglie e Marchisio prendo i posti di Chiellini, Molinaro e Sissoko.

I bianconeri sanno dell’importanza della gara e partono subito forte. Del Piero e Marchionni sono i più ispirati ed è proprio dalla destra che arrivano i primi pericoli. Al 9’, incursione dell’esterno e tocco per il capitano che inventa un lob che scavalca Frey ma anche la traversa. Subito dopo è Amauri a liberarsi e a provare il sinistro: alto.

La Fiorentina crea qualche grattacapo con Jovetic a sinistra e con Gilardino. Buffon dimostra di stare bene ed è preciso in ogni uscita. Col passare dei minuti, la Juventus conferma il predominio e al 21’ passa. Del Piero vede l’inserimento di Marchisio e lo serve con un filtrante da favola: Claudio controlla e batte Frey col tocco sotto. Un meritato regalo di compleanno con cinque giorni di ritardo.

La squadra di Prandelli è obbligata a cambiare marcia e per i bianconeri c’è da soffrire. Santana colpisce la traversa di testa e sul proseguo Gilardino insacca ma è fermato in fuorigioco. Tutto da vivere il finale con una clamorosa occasione per parte. Marchionni parte da solo, resiste ad una carica e costringe due volte Frey alla grande parata. Dal possibile 2-0, per poco non arriva il pareggio con Kroldrup che mette a lato di testa su azione d’angolo. Al riposo si va così sull’1-0.

Ripresa. Kuzmanovic per Gobbi è la prima mossa di Prandelli. La Fiorentina alza il baricentro e i bianconeri devono raddoppiare la soglia d’attenzione. All’11’ è Pasqual a scaldare i guanti a Buffon con un sinistro in corsa. Stessa azione ma a parti inverse pochi minuti dopo. Grygera si sgancia e fa partire un destro in corsa su cui Frey è costretto alla grande deviazione. 

La squadra di Ranieri decide di riprendere in mano l’iniziativa. Del Piero e Marchionni costituiscono ancora l’asse più pericoloso. Servito proprio dal centrocampista, il capitano sfiora la traversa. Ma è la Fiorentina a creare il pericolo maggiore con Gilardino che tocca a botta sicura, ma senza fare i conti con Buffon che devia coi piedi.

Bonazzoli per Santana è la carta di Prandelli, Giovinco per Del Piero la risposta di Ranieri. Il fantasista ha la chance per il raddoppio ma dopo la sua lunga sgroppata si trova Frey a chiudergli la strada. Entra anche Poulsen per uno Zanetti stremato. Il risultato non cambia più nonostante i tentativi da entrambi le parti. E’ un 1-0 che vale il primato. Da lassù anche l’Avvocato può sorridere. Come ha detto Cobolli Gigli, una Juve così sarebbe piaciuta anche a lui!

CLAUDIOOO.... MARCHISIOOOOO

Si parte per Torino con una neve della Madonna... ma, si sa, LA GENTE COME NOI NON MOLLA MAI... quindi si va lo stesso verso una delle sfide + sentite del Campionato... quella con i Viola... alla fine arriviamo cmq a Torino in orario, verso le 7 siamo nei pressi dello stadio, e una volta dentro, ci mettiamo nel 1° anello, con le DOMINAE, dove ho il piacere di conoscere tante amiche bianconere...

L'andamento della partita lo conoscete tutti... il gol-vittoria arriva da un super CLAUDIO MARCHISIOOOO... 1-0 ... TUTTI A CASA OLE'... e 3 punti importantissimi...

Altro momento memorabile è stato a fine partita, quando il mio AMAURI s'è tolto la maglietta e l'ha portata in mano al mio amico che era sopra la vetrata a bordocampo... mi sono mangiata le mani x non essere scesa anch'io!!!
Però poi mi son tolta la soddisfazione di toccare, annusare e indossare la maglia sudata del mio Ammmmore!!! Ecco le foto:

IO CON LA MAGLIA DI AMAURI DI JUVE-FIORENTINA!!!

IO E LA MAGLIA DEL MIO AMMMORE

 IO CON LA MAGLIA DI AMAURI DI JUVE-FIORENTINA

TOCCARE LA MAGLIETTA DI AMAURI... non ha prezzo!!!

IO CON LA MAGLIA DI AMAURI... ma quanto è alto???

Ma quanto è alto??? sembro una bambina di 10 anni con la sua maglia addosso!!!

IO CON LA MAGLIA DI AMAURI... ma quanto è alto???

FABIO E MOLINARO

FABIO E MOLINARO

GIORGIO E MOLINARO

GIORGIO E MOLINARO

... altra bellissima serata in quel di Torino...

FINO ALLA FINE.... FORZA JUVENTUS...

E non posso che concludere il post così:

VIOLA CHI MOLLA!!!!

 
 
 

JUVENTUS - CATANIA 3-0

Post n°468 pubblicato il 15 Gennaio 2009 da bianconera83
 

Coppa Italia Tim Cup – Ottavi di finale
Torino, stadio Olimpico
Mercoledì 14 gennaio 2009

RETI: 4’ pt Marchionni, 24’ st Giovinco, 26’ st Del Piero.
JUVENTUS: Buffon; Grygera, Legrottaglie (38’ st Mellberg), Ariaudo, De Ceglie; Marchionni, Sissoko (30’ st Poulsen), Zanetti, Giovinco (27’ st Esposito); Amauri, Del Piero. A disposizione: Manninger, Molinaro, Ekdal, Yago. All. Ranieri.
CATANIA: Bizzarri; Silvestre, Sardo, Stovini, Silvestri; Biagianti, Ledesma, Tedesco (30’ st Izco); Dica (30’ st Sabato); Plasmati (21’ st Paolucci), Martinez. A disposizione: Acerbis, Terlizzi, Carboni, Mascara. All. Zenga.
ARBITRO: Banti di Livorno.
AMMONITI: 7’ st Sardo, 15’ st Ledesma, 27’ st Zanetti.
  

E’ più che mai una Signora di Coppe. Dopo aver fatto vedere grandi cose in Champions League, la Juventus parte col piede giusto anche in Coppa Italia Tim Cup. Nella gara secca valida per gli ottavi di finale, la squadra di Ranieri ha eliminato il Catania e ha prenotato il match dei quarti con il Napoli.

All’Olimpico è un monologo bianconero e il 3-0 finale è persino stretto per la mole di gioco e di occasioni create. Apre Marchionni dopo quattro minti. Giovinco e Del Piero chiudono i conti intorno alla mezz’ora della ripresa. Due pali colpiti dal capitano, il portiere Bizzarri migliore dei siciliani.

Mister Ranieri dimostra di tenere alla manifestazione e manda in campo una Juve di prim’ordine. Basta guardare l’attacco con Amauri-Del Piero e Giovinco a sostegno. Ma anche con i rientranti Buffon e Zanetti. Curiosità per il giovane Ariaudo subito dentro dall’inizio.

E anche i suoi ragazzi dimostrano di voler proseguire il cammino e regalarsi i quarti con il Napoli. L’avvio è sprint con Giovinco che impegna subito Bizzarri. Ma il gol arriva già al 4’. De Ceglie va via a sinistra, centra per la testa di Del Piero che impegna l’estremo catanese: sulla respinta il più lesto è Marchionni che insacca da due passi.

Buffon non può permettersi un avvio soft. Gli avanti siciliani si fanno vedere spesso dalle sue parti. Soprattutto con cross dalle fasce, ma anche un destro da lontano di Martinez che il portierone disinnesca con tranquillità. Tra i più in vista c’è Giovinco. Splendido il so scambio con Amauri e la botta al 20’: palla a lato di pochissimo. Il Catania non sta a guardare e prova ad attaccare, lasciando spazi in cui i bianconeri spesso si inseriscono con Marchionni, De Ceglie e lo stesso Giovinco.

La ripartenza più pericolosa al 37’. Giovinco è altruista e serve Amauri che arriva a tu per tu con Bizzarri, bravo ad uscire con i tempi giusti. Neanche il portiere argentino può nulla un attimo dopo sul diagonale di Del Piero, ma ci pensa il palo a salvarlo. Si va così al riposo con un 1-0 che non la dice tutta sul netto predominio bianconero.

La ripresa parte con lo stesso copione. Il Catania non vuole (o non riesce) ad attaccare. La partita continua a farla la Juve, ma c’è sempre da fare i conti con Bizzarri. Il portiere argentino compie un miracolo (coi piedi) su Del Piero e poi salva su Marchionni. All’8’ c’è anche spazio per le proteste per un presunto rigore non fischiato per fallo su Sissoko.

I bianconeri giocano sul velluto e ogni ripartenza dà l’impressione di poter essere pericolosa. Zenga prova a mandare in campo Paolucci (prodotto di scuoala Juve) al posto di Plasmati. Ma il neo entrato ha giusto il tempo di entrare per assistere dal campo alla fine dei giochi. In due minuti, la Juventus crea tre palle gol da manuale che si tramutano in due gol (Giovinco e Del Piero) e in una traversa (ancora del capitano).

Il 3-0 mette la parola fine ad una partita che stata a senso unico fin dall’inizio. Ranieri ha così modo di far prendere gli applausi a Giovinco (dentro Esposito) e far rifiatare Sissoko (entra Poulsen). Ma il più fatto. Nonostante gli ultimi tentativi di un Amauri mai sazio, il risultato non cambia più. La Juventus va avanti e attende il Napoli nei quarti. Si giocherà ancora all’Olimpico il prossimo 4 febbraio.

MA CHE BELLA JUVEEE!!!!

MARCHIONNI sblocca subito il risultato, raddoppio della nostra FORMICA ATOMICA e 3-0 di ALEX... IMMENSO CAPITANO... E il ritorno di GIGI tra i suoi pali...

GRAZIE RAGAZZI...

VI VOGLIAMO COSI'!!!!

FINO ALLA FINE... FORZA JUVENTUS...

 
 
 

JUVENTUS - SIENA 1-0

Post n°467 pubblicato il 12 Gennaio 2009 da bianconera83
 

Serie A 2008/09 – 18ª giornata d’andata
Torino, stadio Olimpico
Domenica 11 gennaio 2009
 
RETI: 33’ pt Del Piero.
JUVENTUS: Manninger; Grygera, Mellberg, Legrottaglie, Molinaro; Marchionni (33’ st De Ceglie), Sissoko (20’ st Zanetti), Marchisio (40’ st Poulsen), Nedved; Amauri, Del Piero. A disposizione: Chimenti, Ariaudo, Giovinco, Esposito. All. Ranieri.
SIENA: Manitta; Del Prete (42’ st Zuniga), Portanova, Brandao, Del Grosso; Jarolim, Codrea (26’ st Packer), Galloppa; Kharja; Ghezzal, Calaiò (14’ st Frick). A disposizione: Eleftheropoulos, Moti, Barusso, Rossi. All. Giampaolo.
ARBITRO: Russo di Nola.
AMMONITI: 16’ pt Codrea, 46’ pt Grygera.

Segna Del Piero, bianconeri allegri

Il 2009 si apre come meglio non potrebbe. Dopo il Pareggio dell’Inter contro il Cagliari di Allegri (in tribuna all’Olimpico per assistere alla gara), la Juventus sfrutta al meglio l’occasione. Batte il Siena al termine di una gara sofferta e porta a quattro lo svantaggio dalla vetta.

L’anno nuovo si apre come si era chiuso il vecchio, nel segno di Del Piero. Il capitano decide la sfida con una prodezza su punizione al 33’ del primo tempo. Vittoria sofferta contro un Siena che non ha mai mollato.

Quasi un mese dopo l’ultima apparizione, la Juventus torna all’Olimpico. E’ la prima uscita dell’anno nuovo e potrebbe subito regalare una gioia ai bianconeri. Visti i risultati degli anticipi, la squadra di Ranieri deve vincere per recuperare due punti alla battistrada.

Per farlo, mister Ranieri si affida alla squadra del 2008, quella che ha centrato la striscia di fine anno. Mellberg al posto di Chiellini, Manninger si merita il premio di affrontare i suoi ex compagni prima di lasciare il posto a Buffon.

L’avversario di giornata è di quelli tosti. Il Siena arriva a Torino ben abbottonata, ma anche con due punte (Ghezzal e Calaiò) e un trequartista (Kharja). La Juventus parte forte subito alla ricerca del vantaggio, ma deve stare attento a non lasciare spazio al contropiede.

Gli spazi si fanno subito stretti e per creare pericoli, i bianconeri devono ricorrere ai calci piazzati. Anche se Manitta è sempre ben piazzato. Ma neppure il portiere senese può nulla al 33’. Del Piero inizia al meglio la caccia al bis di uomo dell’anno: punizione capolavoro e bianconeri avanti.

E’ il gol che apre una gara bloccata e che permette alla Juventus di andare in vantaggio 1-0 al riposo. 

Nella ripresa, Giampaolo mette subito Frick al posto di Calaiò. Ranieri risponde con Zanetti per Sissoko. La musica non cambia. Il Siena, che dovrebbe attaccare per cercare il pari, non fa cose particolari e lascia l’iniziativa ai bianconeri. Amauri ha voglia di continuare ad essere protagonista e sfiora il pari di testa, su cross di Grygera.

Il brasiliano si fa vedere anche come uomo assist e in un minuto serve prima Del Piero e poi Nedved in zona favorevole, ma il raddoppio non arriva. E così il Siena torna a crederci. L’ingresso di Packer fa alzare il baricentro dei toscani che si fanno vedere dalle parti di Manninger, costretto ad una grande parata su Ghezzal. Entrano anche De Ceglie per Marchionni e Poulsen per Marchisio.

Gli ospiti ci provano fino alla fine, costringendo l’Olimpico a restare col fiato sospeso. Il fischio finale di Russo sancisce una vittoria sofferta (ma meritata), fondamentale per riaprire i giochi. Ora l’Inter e avanti quattro punti.

Si torna allo stadio dopo la sosta natalizia... in Curva si percepisce la voglia di tornare a cantare, di iniziare al massimo questo 2009... siamo tutti molto carichi, i cori si susseguono uno dopo l'altro... la partita non è un granchè, poche emozioni, ma una è di quelle che "valgono il prezzo del biglietto"... Punizione, sotto di noi, parte Alex, noi evochiamo il solito "Oooooo...." e Oèèèèè.... 1-0... Gol-partita del solito Alex... Solita punizione, solita classe nel rendere tutto così facile... che anche noi siamo talmente abituati a vedere scene come questa che ormai non ci stupiamo neanche più... ormai è routine...
GRAZIE CAPITANOOO...
6 LA COSA + BELLA CHE C'E'...

E si vola a -4 dalla vetta... STIAMO ARRIVANDOOOO...

INTERISTI TREMATE...

 
 
 

ATALANTA - JUVENTUS 1-3

Post n°466 pubblicato il 07 Gennaio 2009 da bianconera83
 

RETI: 30’pt Del Piero, 37’ st Legrottaglie, 3’st Vieri, 36’st Amauri
ATALANTA: Coppola, Garics, Talamonti (1’st De Ascentis), Pellegrino, Manfredini, Padoin, Ferriera Pinto, Guarente, Valdes (1’st Vieri), Doni, Floccari. All. Del Neri. A disposizione: Consigli, De Ascentis, Bonaventura, Defendi, Capelli, Cerci, Vieri.
JUVENTUS: Manninger, Mellberg, Legrottaglie, Chiellini, Molinaro, Marchionni, Sissoko, Marchisio (40’st Zanetti), De Ceglie (28’st Salihamidzic), Amauri, Del Piero. All. Ranieri. A disposizione: Chimenti, Grygera, Salihamidzic, Zanetti, Ekdal, Giovinco, Immobile.
ARBITRO: Farina
AMMONITI: 39’pt Doni, 4’st De Ceglie, 19’st De Ascentis, 25’st Pellegrino, 35’st Manfredini, 39’st Marchisio, 45’st Sissoko

Si voleva chiudere in bellezza il 2008 e così è stato. Una Juventus spietata conquista un’importante vittoria sul campo dell’Atalanta. Un 3-1 maturato nel corso di una partita vivace in cui la squadra di Ranieri ha capitalizzato al meglio le occasioni create.

Parte bene l’Atalanta che si propone in avanti al primo minuto con Doni, il cui tiro finisce sul fondo, e due minuti più tardi con Floccari, uno dei giocatori nerazzurri più in forma, che costringe Manninger a una difficile parata. La Juventus accusa il colpo, ma riparte subito e prova una serie di offensive, andando anche in gol con Chiellini, ma l’arbitro Farina annulla per fuorigioco. Al 12’ ancora Floccari pericoloso, con un colpo di testa che finisce fuori. L’attaccante atalantino è senza dubbio il più vivace della prima fase della partita, come dimostra anche il suo tiro al 19’, questa volta parato da Manninger senza difficoltà. Da questo momento in poi comincia la crescita della squadra di Ranieri che si propone in avanti con sempre maggiore insistenza fino alla mezzora quando passa meritatamente in vantaggio. Sissoko vince un contrasto con un avversario, serve un ottimo pallone a Marchionni che dalla destra crossa al centro per Del Piero. Il capitano in corsa insacca il gol dell’1-0. Passano sette minuti e arriva anche il raddoppio, firmato Legrottaglie, che proprio in settimana si augurava di chiudere il 2008 con un gol, magari di testa, che in campionato ancora gli mancava. Il difensore mette in rete,  proprio con uno splendido colpo di testa su angolo di Del Piero, la rete che consolida il vantaggio bianconero sul campo di Bergamo.

Nella ripresa l’Atalanta torna in campo con Vieri e De Ascentis al posto di Valdes e Talamonti. E’ proprio l’ex attaccante bianconero, dopo tre minuti, a regalare un dispiacere alla squadra di Ranieri accorciando le distanze con un gol di testa (1-2). La squadra di Del Neri a questo punto prende fiducia e va a caccia del pareggio. Ne nasce una partita molto frizzante, con continui cambi di fronte, ma in realtà grosse occasioni da gol non ce ne sono. Proprio quando la pressione dell’Atalanta sembra aumentare, arriva la doccia fredda per i padroni di casa. Su punizione per l’ennesimo fallo su Del Piero, Marchionni mette in mezzo un pallone che Amauri con uno splendido stacco di testa mette in rete per il 3-1. Nel finale la Juventus gestisce il risultato e, al fischio finale, porta a casa tre punti preziosi che le permettono di mantenersi in scia della capolista in attesa della ripresa del campionato in gennaio.

 
 
 

JUVENTUS - MILAN 4-2

Post n°465 pubblicato il 16 Dicembre 2008 da bianconera83
 

Serie A 2008/09 – 16ª giornata d’andata
Torino, stadio Olimpico
Domenica 14 dicembre 2008
 
RETI: 16’ pt rig. Del Piero, 31’ pt Pato, 34’ pt Chiellini, 31’ pt e 24’ st Amauri, 11’ st Ambrosini.
JUVENTUS: Manninger; Grygera, Mellberg, Chiellini, Molinaro; Marchionni, Sissoko (43’ st Zanetti), Marchisio, Nedved (30’ pt De Ceglie); Amauri (43’ st Iaquinta), Del Piero. A disposizione: Chimenti, Ariaudo, Salihamidzic, Giovinco. All. Ranieri.
MILAN: Abbiati; Zambrotta, Maldini, Kaladze, Jankulowski; Emerson (1’ st Svevchenko), Pirlo, Ambrosini (28’ st Antonini); Seedorf, Ronaldinho; Pato (31’ st Inzaghi). A disposizione: Dida, Favalli, Senderos, Cardacio. All. Ancelotti.
ARBITRO: Rizzoli di Bologna.
ESPULSI: 20’ st Zambrotta.
AMMONITI: 35’ pt Emerson, 37’ pt Zambrotta, 38’ pt Mellberg, 28’ st Ambrosini.
NOTE: spettatori 24.862 per un incasso di 778.096,00.

Un poker per restare in scia

La Juventus voleva un modo speciale per ricordare ancora una volta Alessio Ferramosca e Riccardo Neri. Nel giorno della vigilia del secondo anniversario della scomparsa, la squadra di Ranieri offre una prestazione maiuscola, domina il Milan (4-2) e resta da solo al secondo posto.

In un Olimpico esaurito e davanti agli occhi di Stefano Borgonovo, i bianconeri si prendono la palma di anti-Inter e restano in scia ai nerazzurri. Apre Del Piero su rigore. Dopo il pareggio di Pato, Chiellini e Amauri firmano il primo allungo a fine primo tempo. Nella ripresa, dopo il 3-2 di Ambrosini, ancora Amauri in gol, col Milan in 10 per l’espulsione dell’ex Zambrotta. Bravissimi Marchisio e De Ceglie.

Per il big match, mister Ranieri è quasi obbligato a rimettere in campo la formazione degli ultimi mesi. Camoranesi non recupera dall’infortunio alla clavicola e lascia ancora posto a Marchionni. Mellberg sostituisce lo squalificato Legrottaglie. Del Piero torna dal primo minuto e fa nuovamente coppia con Amauri.

Anche Ancelotti è alle prese con le assenze. Dopo Gattuso (per altro squalificato), anche Kakà e Flamini non recuperano. Giocano tre ex come Abbiati, Zambrotta ed Emerson. Ronaldinho, alla prima contro i bianconeri, affianca Seedorf alle spalle di Pato.

L’avvio è rossonero. La squadra di Ancelotti tiene il possesso ma non punge. Proprio al contrario della Juventus. I bianconeri entrano nel match col passare dei minuti e ogni volta creano un pericolo. Prima con Sissoko, poi una girata volante di Amauri. Ed al 16’ arriva il vantaggio. Jankulovski atterra Del Piero in area, Rizzoli decreta il penalty che lo stesso capitano trasforma con freddezza.

La reazione del Milan non si fa attendere. Prima Ambrosini mette alto di testa da due passi, poi Manninger compie un mezzo prodigio salvando una punizione di Pirlo deviata dalla barriera. Alla fine, il pareggio arriva, pochi secondi dopo che Nedved ha dovuto uscire e lasciare la platea a De Ceglie. Su una palla recuperata a centrocampo, Ronaldinho si invola sulla sinistra e centra basso per Pato che non dà scampo a Manninger.

Reazione per reazione, la Juventus ce l’ha ancora più veemente e tre minuti dopo rimette la testa avanti. In tutti i sensi: sbuca quella di Chiellini da un angolo, Abbiati è battuto. Ma non è finita qui. De Ceglie si invola a sinistra e centra un cross perfetto per Amauri. Sette giorni dopo il gol di Lecce, la coppia colpisce ancora. E’ il 3-1 con cui si va al riposo, nonostante un’occasione per il poker svanita per un soffio.

Ripresa. Shevchenko per Emerson è la mossa di Ancelotti per rientrare in partita. Questa volta la partenza è tutta juventina, con Marchisio che sfiora la traversa da fuori. Poi, improvvisamente, arriva il 3-2. Ambrosini tenta un tiro da fuori che, grazie ad una deviazione, spiazza Manninger. La partita si riapre.

Ma potrebbe chiudersi al 20’. Zambrotta stende De Ceglie e si prende il secondo giallo. Punizione lieve rispetto a quello che succede al 24’, quando Amauri trova il varco giusto e insacca il poker. E un attimo dopo il palo salva Abbiati sul tiro a botta sicura di Del Piero.

Nel Milan entrano anche Antonini e Inzaghi. Ma è ancora la Juve a farsi vedere con una punizione di Del Piero. Inzaghi ci prova, ma Manninger è piazzato. Entrano Iaquinta e Zanetti per Sissoko e Amauri, usciti tra gli applausi di tutto l’Olimpico. La gente bianconera può festeggiare un buon Natale in anticipo. Arrivederci al 2009. Anche se domenica c’è ancora l’Atalanta a cui far visita a Bergamo.

E' LA JUVE L'ANTI-INTER!!!!

4-2 E TUTTI A CASA OLE'!!!

SERATA STUPENDA... E BELLISSIMA PARTITA, PIENA DI EMOZIONI...

GRAZIE RAGAZZI!!!

PS: ... SEMPRE + INNAMORATA DI AMAURI...

FOTO DALLA CURVA SUD:

IO E MIO CUGINO FABIO

MANU.1975 (ormai sosia ufficiale di Amauri)


Da notare che di fianco al 7 c'è un quadratino... sono io con lo striscione di Amauri!!!

JUVE ALE' TIFO X TE
JUVE ALE' M'HAI PRESO IL CUORE...
JUVE ALE' TIFO X TE
VUOI SAPERE PERCHE'...
TI SEGUIRO' OVUNQUE GIOCHERAI
TI SOSTERRRO' PERCHE' TI AMO SAI
SE VINCI, SE PERDI, PUOI STAR SICURA CHE
PRENDO LA SCIARPA E CORRO DA TE!!!

Ale & Ricky sempre nel nostro cuore

15 dicembre 2006, 15 dicembre 2008. Sono passati due anni esatti dalla scomparsa di Alessio Ferramosca e Riccardo Neri, uno dei momenti più tristi della storia della Juventus che nessuno ha dimenticato.

In questi due anni i ragazzi della Berretti sono sempre rimasti nel cuore degli juventini grazie alle tante iniziative organizzate dalle famiglie e dalle Juventus: prima i tornei e le serate di beneficienza, poi l’intitolazione del campo numero 8 allo Juventus Center di Vinovo e il mosaico dell’artista Leonardo Pivi collocato a ridosso del campo. L'ultimo episodio, ieri sera allo stadio, dove il pubblico ha sventolato 22mila bandierine dorate - offerte dall’associazione "Riccardo Neri e Alessio Ferramosca" - di fronte ai genitori dei due ragazzi che hanno assistito a Juventus-Milan accanto a Giovanni Cobolli Gigli e di Jean-Claude Blanc.

Nel secondo anniversario, il ricordo di Ale e Ricky è più vivo che mai.

 
 
 

JUVENTUS - BATE BORISOV 0-0

Post n°464 pubblicato il 11 Dicembre 2008 da bianconera83
 

Champions League 2008/09 - Fase a Gironi
Girone H – 6ª giornata
Torino, Stadio Olimpico
Mercoledì 10 dicembre

JUVENTUS: Manninger; Grygera, Mellberg, Legrottaglie, Molinaro; Marchionni, Zanetti, Nedved (46’ st Castiglia), De Ceglie; Giovinco (42’ st Esposito), Amauri (11’ st Del Piero). A disposizione: Chimenti, Chiellini, Ariaudo, Marchisio. All. Ranieri.
BATE BORISOV: Veremko; Likhtarovic (11’ st Volodko), Sosnovski, Bliznyuk, Kryvets (44’ st Ermakovich); Khagush, Sivakov, Rodionov, Stasevich (16’ st Nekhaychik), Kazantsev, Yurevich. Reserves: Gutor, Skavysh, Pecha, Viskushenko. All. Goncharenko.
ARBITRO: Capitanis (Cipro).
AMMONIZIONI: 2’ st Sosnovski, 3’ st Amauri, 9’ st Veremko, 17’ st Khagush.
NOTE: al 9’ st Giovinco ha sbagliato un calcio di rigore.

Bastava un pareggio e un pareggio è arrivato. Proprio come all’andata, la Juventus non riesce a superare il Bate Borisov, ma lo 0-0 dell’Olimpico ha lo stesso valore di un successo. I bianconeri chiudono in testa in Girone H nonostante l’aggancio del Real Madrid, vincente 3-0 sullo Zenit.

La squadra di Ranieri gioca una buona gara e, soprattutto nella ripresa, va più volte vicina al vantaggio. Soprattutto con Giovinco che sbaglia un rigore. Palo di Marchionni e ottima chance per Del Piero, subentrato ad Amauri. Ora il discorso Champions League è rimandato a febbraio, non prima di aver assistito al sorteggio per gli ottavi, in programma venerdì 19 dicembre. Ora l’attenzione torna sul campionato, allo big match di domenica con il Milan.

Per l’ultima sfida della prima fase, Ranieri deve di nuovo fare a meno di parecchie pedine. Ma ritrova Zanetti, al suo esordio ufficiale in stagione. Davanti, nuova chance per la coppia Amauri-Giovinco. Turno di riposo per Del Piero, Chiellini e Marchisio che siedono in panchina. Sissoko è fuori per squalifica.

Memore della gara d’andata, quando subì due gol nel primi minuti, la Juventus parte guardinga e prende in mano la partita man mano che passano i minuti. I pericoli arrivano perlopiù dalla sinistra dove De Ceglie e Molinaro spingono e Nedved si allarga spesso.

Davanti sono Amauri e Giovinco i più pericolosi. Come a Lecce, i due si cercano e si trovano, anche sui calci piazzati. L’unica emozione arriva da Madrid, dove il Real passa sullo Zenit. Al 45’ è 0-0 – lontano parente del 2-2 di Minsk all’andata -, punteggio comunque sufficiente ai bianconeri per restare davanti ai madrileni.

Ma Amauri e compagni non si accontentano e vogliono chiudere avanti nei punti. Così l’avvio di ripresa è veemente e nei primi dieci minuti la Juventus crea due grandi occasioni. Prima Marchionni colpisce di testa un clamoroso palo, poi (al 9’) Giovinco calcia alto un rigore concesso per un fallo di mano in area di un difensore bielorusso.

All’11' scocca il momento di Del Piero, in campo per Amauri. Il capitano si mette subito a caccia del 5° gol nella prima fase. Ma anche il Bate si fa vedere in un paio di circostanze dalle parti di Manninger. In particolare alla mezz’ora con un numero di Bliznyuk che si libera di due uomini e mette a lato. Pronta risposta con la combinazione Marchionni-Del Piero e la grande risposta di Veremko. Nel finale, c’è gloria per Simone Esposito e Luca Castigilia che fanno il loro esordio in Champions League. Per i due ragazzi, c’è un motivo in più per festeggiare nel giorno in cui la Juventus chiude in vetta il Gruppo H.

MISSIONE COMPIUTA... LA JUVE CONQUISTA IL PRIMO POSTO NEL GIRONE... (alla faccia di chi è arrivato 2°!!!)

e ora penso già alla prossima trasferta:

Sei possibili rivali per gli ottavi di finale

Chiuso in vetta il Gruppo H, ora l’attenzione della Juventus si sposta ai sorteggi di venerdì 19 dicembre.

Dall’urna di Nyon, i bianconeri potranno pescare una tra sei squadre del lotto delle seconde. Escluse Real Madrid (già affrontata nel girone) e Inter (negli ottavi sono ancora esclusi i derby), le possibile rivali sono queste: Chelsea, Villareal, Lione, Arsenal, Sporting Lisbona e Atletico Madrid.

Gli ottavi di finale si giocheranno tra il 24/25 febbraio e 10/11 marzo.

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: bianconera83
Data di creazione: 10/01/2007
 

VASCO 2008

 


 

DOTTOR ROSSI
immagine

 

IO E LA MARY...

 

IO E IL MIO PAPI...

 

IO E MIA MAMMA SOTTO AL PALCO COL BRACCIALETTO...
UN SOGNO DIVENTATO REALTA'... E ho guardato dentro un'emozione, e ci ho visto dentro tanto amore... che ho capito perchè non si comanda al cuore... E va bene così... SENZA PAROLE...

 

VASCO 2007

IO, MIO PAPA' E MIA SORELLA

 

I MIEI VIDEO DEL CONCERTO DI TORINO:

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

FACEBOOK

 
 

JUVENTUS CURVA SUD

VIDEO DELLA SETTIMANA

REAL MADRID - JUVE 0-2

Dal settore ospiti... INDIMENTICABILE!!!! GRAZIE CAPITANO!!! FINO ALLA FINE...FORZA JUVENTUS...


SINTESI DELLA FANTASTICA STAGIONE 2007/2008
GRAZIE RAGAZZI!!!!

ALEX DEL PIERO CAPOCANNONIERE!!!
I 21 GOAL DEL CAPITANO!!!!


OVUNQUE... VOI... GIOCATE...
OVUNQUE VOI GIOCATE...
NOI CI SIAMO...
LA GENTE SI DOMANDA...
MA CHI SONO...
E NOI GLIELO DICIAMO...
CHI NOI SIAMO...
SIAMO L'ARMATA BIANCONERA E MAI NESSUN CI FERMERA',
NOI SAREMO SEMPRE QUA SE LA JUVE GIOCHERA'
FORZA JUVE VINCI ANCORA PER GLI ULTRA'


CHI SIAMO NOI ?
LA JUVE...
CHI SIAMO NOI ?
LA JUVE...
CHI SIAMO NOI ?
LA JUVE...
E GIREREMO TUTTE QUANTE LE CITTA',
E OVUNQUE ANDREMO MAI NESSUN CI FERMERA'
LA LA LA LA LA...
NOI SIAMO LA JUVE
LALALALALA...

JUVE ALE'
TIFO PER TE'
JUVE ALE',
MI HAI PRESO IL CUORE,
JUVE ALE'
TIFO PER TE'
VUOI SAPERE PERCHE'...
TI SEGUIRO' OVUNQUE GIOCHERAI,
TI SOSTERRO' PERCHE' TI AMO SAI...
SE VINCI SE PERDI POI STAR SICURA CHE
PRENDO LA SCIARPA E CORRO DA TE
OOOOOHH OHHHH OH OH HO...

IO DI NOTTE TI SOGNO SEMPRE
E DI GIORNO CANTO PER TE
QUANDO IN CAMPO C'è LA JUVENTUS
TUTTO IL RESTO è NIENTE PER ME!!!

Noi saremo sempre qui con voi
finchè morte non ci separerà
in Italia e in Europa ci vedrai
e non ti lasceremo mai!
Noi non ti lasceremo mai
noi non ti lasceremo mai
noi non ti lasceremo mai
COMBATTEREMO A FIANCO A TE!

 

ULTIMI COMMENTI

 

PHOTO-GALLERY

I MIEI CUCCIOLI

ROCKY - Il mio terranova
16/03/1998 - 28/11/2007

IL MIO MICINO - CIPPY

immagine

LA MIA GATTONA

BENJY 02/02/99 - 04/03/05 immagine

LA MIA SORELLINA (music4ever89) DA PICCOLA

immagine

E DA GRANDE... sempre+bella!!!
SORELLINE X SEMPRE...
ALE T.V.T.T.T.B.

 

VIDEO MUSICA

MILANO MARITTIMA
ESTATE 2008
PAPEETE BEACH!!!

2 WEEKEND DEVASTANTI!!!

FUNKY BAHIA - S. Mendez

I'M YOURS - Jason Mraz


I VIDEO DI MIA SORELLA
lo dico sempre che è un'Artista!!!

GOODBYE MY LOVER- James Blunt
Final Fantasy

CANZONE - Vasco
Aladin & Jasmine

HOW TO SAVE A LIVE - The Fray
ROMEO+JULIET

HIGH - James Blunt
Quando amare è una favola...

 

VARIE

IO E IL MIO PAPI

IN CURVA SUD



A MADRID
AL BERNABEU


FESTEGGIAMENTI POST-PARTITA


IN GIRO PER MADRID

IO E MANU.1975

11/05/08 IO E ZULIANI

QUANDO HAI BISOGNO...
LEI C'E' SEMPRE!!!

NONNA MI MANCHI!!! TVTB