Creato da dolce_peso il 29/06/2008

Condivisione

perché solo chi vive il problema lo comprende davvero

 

 

Made in Italy

Post n°250 pubblicato il 08 Febbraio 2011 da lidermax.mv
 

Il Made in Italy spopola anche in Cina...

Ormai forse solo in alcune sperdute isole
della Micronesia non sanno qual è
la cosa per la quale siamo famosi
nel mondo...

 
 
 
 
 

IL SERPENTONE

Post n°248 pubblicato il 31 Gennaio 2011 da dolce_peso

Che bello sarebbe se scrivessimo facendo un serpentone

oirartnoc osnes ni artla’l e artsinis a artsed ad agir anu

andata e ritorno sia per il gnucco che per il sapientone

oiralobacov li evres non ereggel rep osac ingo ni otnatin

qua e in là, come un metronomo si muove il testone!

oiranidroarts …sinnet id atitrap anu da eresse id arbmes

(germano.capoverde)


bella idea! davvero!!!!!!!!!!! così, dopo

orevocir nu rep onognoporp ic, osteuq

alla neuro. dove però incontreremmo certo

ainotnis ni ehcitapmis enosrep etnemalos

...dopo aver avuto il decoder,mi preoccupo!

5 itanivodni oveva en

 

(dolce_peso)

 
 
 

Regalo di nozze

Post n°247 pubblicato il 03 Dicembre 2010 da dolce_peso

Sono sicura, e qui lancio pubblicamente una sfida, di essere l'unica al mondo ad avere ricevuto un insolito, inconsueto, quantomeno poco indicato regalo di nozze: un loculo/ossario. OCCUPATO.

Certo così ho tolto l'effetto suspence...ma come creare aspettativa attorno a un regalo tanto "studiato"?!

Partiamo dall'inizio: mio nonno è morto nel 1969, io avevo dieci anni e una grande saggezza che mi ha fatto promettere a mia nonna e agli zii che quando sarebbe stata ora dell'esumazione, di trasferire i resti dalla tomba all'ossario (cosa che avviene circa 10/15 anni dopo la tumulazione), me ne sarei occupata io in quanto ero quella con sicuramente più probabilità di essere ancora viva ( e qui immagino che gli zii e la nonna stessa, e anche i miei genitori, si toccassero o comunque facessero scongiuri di ogni tipo...ma allora non capivo, ovviamente).Nonna morì anche lei cinque anni dopo.Il tempo passa, inesorabile, accompagna in altre strade, fa crescere, maturare; la bambina saggia (!) divenne donna (donna...vabbeh, adulta), aveva un lavoro, un fidanzato, un progetto matrimoniale in corso, era il 1979.Dati i tempi burocratici noti a tutti, il periodo dell'esumazione slittò al 1980, in giugno, undici anni dopo il primo evento luttuoso importante della mia vita; coincidenza volle che nello stesso mese e anno avessimo anche fissato la data del matrimonio 08.06.1980, e che i resti del nonno non fossero nella stessa città dove abitavo; la zia, sorella di mio papà, invece abitava proprio là ed era casalinga, (il che non significa che ritenevo non facesse niente tutto il giorno, anzi, con due figli piccoli per giunta!...Solo che credevo le sarebbe stato meno complicato farmi questo favore) ed io lavoravo con un titolare al quale chiedere un giorno di permesso o di ferie era come pugnalarlo in petto e, comunque, a parte i preparativi esaltanti quanto stressanti dell'imminente matrimonio, appunto, c'era in ballo la licenza matrimoniale....non potevo assentami dal lavoro per onorare la mia promessa, accidenti!Chiesi a mia zia se poteva occuparsene lei ( e sarebbe bastato rispondere "NO, non ne ho voglia" "No, non ho tempo" "No, non me la sento", in qualche modo avrei provveduto!) e lei accettò di buon grado, pareva; lei si occupò di tutto, fisicamente; dopo che le avevo detto di non preoccuparsi della spesa, che avrei comunque sostenuto io, che desideravo una lapide comunque carina, con foto e vasetto x i fiori, per quanto piccolo trattandosi di un ossario.Dopo circa due settimane mi disse che si era occupata di tutto, che a poco la lapide sarebbe stata collocata e che il costo complessivo era di £.175.000 ( 1980 !!!).Dopo avermi comunicato quanto sopra, mi chiese per l'ennesima volta cosa desiderassi come regalo di nozze, in quanto non avevamo fatto alcuna lista (allora ancora non si usava molto, e, comunque, non abitavamo nella stessa città) ed io al solito le risposi "Non lo so, fai tu".Risposta: "Va bene, visto che non hai bisogno niente (?!?), facciamo così, siamo a posto con quanto mi devi per il nonno".Sul momento non ci pensai neppure, giuro;( chissà mio marito com'è stato contento, lui, del regalo!, mai detto nulla perché è un "signore"), anzi probabilmente le dissi anche che andava bene...l'età ancora giovane, l'entusiasmo per le nozze, la stanchezza per i preparativi delle stesse....Matrimonio, cerimonia, banchetto, viaggio di nozze (Parigi!), ritorno e inizio di una nuova vita! Sì, mettendo a posto casa nuova e regali capitava di pensare che dalla zia, con la quale ero cresciuta, che era stata il mio idolo fino all'adolescenza, che amavo da morire non avevo avuto nulla che rimanesse a ricordare quell'occasione unica (spero unica, siamo sposati da 30 anni!), però...il tempo passa, la vita riprende il suo corso; casa, lavoro, amici sempre in visita (eravamo la prima coppia della compagnia ad essere sposati, con casa nostra a disposizione per feste, cene, incontri).A novembre, per i Santi, come sempre, vado al Cimitero dai nonni; dopo aver chiesto alla zia dove trovare la nuova collocazione del nonno, e dopo esserci persi ( perché i Cimiteri delle metropoli non sono come quelli dei paesi!) e avere girato a lungo, finalmente lo troviamo! Mi avessero dato un pugno avrei sofferto meno!Lapide striminzita, solo nome e cognome anni di nascita e morte e basta; niente foto, niente vasetto per fiori...e la lapide che pure "traballa" non è ben fissata...Io e mio marito, di nascosto, siamo andati più volte a mettere a posto, con colla speciale, la lapide ballerina, la foto e il vaso....ora è quasi come la volevo io.Con la zia non parlo più da tre anni dopo, quando ho osato non invitarla al battesimo della prima figlia (mio marito ha otto fratell, più parenti vari; festeggiare il battesimo sarebbe stato come un pranzo di nozze!), abbiamo preferito una cosa intima, solo noi, i nonni e padrino e madrina,(e bimba ovviamente!)...ma lei mi ha detto "Beh, non invitavi le tue cognate ma me sì" (!)c'è bisogno di commentare?

 
 
 

IL DIPENDENTE INUTILE

Post n°246 pubblicato il 14 Novembre 2010 da dolce_peso

C'è un aforisma sul lavoro che mi piace ricordare sempre, è questo:

" Il 50% dei dipendenti pubblici si sentono inutili, il restante 50% lo è ."

Sicuramente nell'ambiente lavorativo si trovano molti personaggi con caratteristiche quasi macchiettistiche . Per esempio si può trovare la figura dell' " l'impiegato inutile." Ma vi sono tante altre figure di cui scriverò diffusamente in altri post.


Nella vostra vita lavorativa, chissà quante volte v'è capitato di incontrare il classico tipo DELL'IMPIEGATO INUTILE.


Ossia il tipo che ti ritrovi chissà come, o meglio, per una serie di circostante fortuite (per lui, un po' meno per gli altri,) a interagire con te senza riuscire a evitarlo, a deviare la tua strada dalla sua, senza poter far finta di non vederlo, con cui devi insomma in qualche modo interloquire.


Capita a tutti prima o poi, non c'è scampo. Questo tipo è simile a quello che per anni ha spostato pratiche da un posto ad un altro ed ora che fa qualcosa di diverso, cioè un lavoro da penultimo, lo sorprendi adefinirsi un Pi-erre,uno che cura, insomma, le "public relations" ma non capisce una mazza, non ha competenza di nulla, non ha nuove idee , le vecchie le ha dimenticate, non sa parlare e scrive anche peggio, è disordinato e confuso.

Il brutto è che ne è pure un po' consapevole ed allora cerca di mascherare la sua inefficienza con tutta una serie di operazioni, tra i quali quello di insabbiare i dettagli importanti o di girovagare con gli occhi vagamente scandalizzati per confondere le acque, o ancora di rispondere a monosillabi o non rispondere per niente, tutte cose che pregiudicano alla fine il risultato positivo di un lavoro.

Dice: " io l'ho detto! " come se la gestione del lavoro fosse un "pour parler" in corridoio e che la comunicazione scritta fosse un optional.

E'quello che, per tanti anni , vissuto come in una campana di vetro,protetto dentro un batuffolo rosa di protezioni amiche , quando gli amici se ne vanno , si ritrova davanti alla realtà crudele, maledice il destino elettorale, e si indigna pure di come la vita sia dura e che alla fine bisogna anche lavorare un po'.

E' quello che cerca di ovviare a queste nuove incombenze non con un forte impegno o con una rivoluzionaria dedizione al lavoro, ma con un' operazione di sottile e strisciante cortigianeria allo indirizzo del capo di turno.

Dice: " Chi fa sbaglia." quando gli fai notare una grossa incongruenza, come se fosse un argomento pacificatore. Ma quello che si sbaglia è soprattutto lui chea ssocia l'azione all' errore come fosse un conseguenza biologica INEVITABILE.

Capita, allora, che ti viene voglia di incazzarti, che vorresti dar fuori, ma poi tu, che sei ancora presa da tutte le tue ansie esistenziali , che vivi di dubbi e di guai, tu, che ti chiedi sempre se fai bene a fare come fai, che cerchi di condividere e cerchi di partecipare ai grandi progetti , ti convinci di come sei stata fortunata ad inciampare in una persona così e che per te tutto questo può rivelarsi una terapia d' urto.

Ti dici: " Allora non sono la peggiore in questa terra" e riesci persino a trovare quei suoi modi inutilmente arroganti quasi necessari perchè tu possa apprezzare le piccole gioie della vita (come una giornata senza la sua presenza) e  come alla fine il bene possa emergere in tutta la sua potente energia, in tutto il suo splendente fulgore.

Insomma, bisogna pur dare uno scopo al " bene " per distinguersi. E che lo scopo sia almeno quella di non permettere alla pochezza della vita di prevalere. Se non altro.


E non altro.

  

 
 
 
Successivi »
 

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: dolce_peso
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 58
Prov: EE
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

JOSEPH CONRAD

Essere donna è un compito terribilmente difficile,visto che consiste principalmente nell’avere a che fare con gli uomini
Joseph Conrad

 

KAHLIL GIBRAN

Com'è stupido colui che cerca di rimediare all'odio degli occhi con il sorriso delle labbra.
Kahlil Gibran

 

ALPHONSE KARR

La donna, nel paradiso terrestre, ha morso il frutto dell'albero della conoscenza dieci minuti prima dell'uomo: da allora ha sempre conservato quei dieci minuti di vantaggio.
Alphonse Karr

 

ULTIMI COMMENTI

Sarò certamente un ingenuo, ma neppure io so perchè siamo...
Inviato da: Quivisunusdepopulo
il 12/06/2016 alle 17:43
 
Carinissimo questo tuo blog, buona Domenica.
Inviato da: nina.monamour
il 22/11/2015 alle 14:18
 
Sono passati 6 anni ma non dimentico...
Inviato da: lolli13
il 26/07/2015 alle 08:54
 
Ho ascoltato con attenzione ma non ho mai sentito la...
Inviato da: sciarconazzi
il 09/08/2014 alle 10:20
 
buon compleanno e buon 2013
Inviato da: ninograg1
il 10/04/2013 alle 07:03
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

annarella630paperinopa_1974martollofrederaickbon.pierQuivisunusdepopulomaschiomaturo6dolce_pesomary.dark35decanter3per.puro.svagoeffegivalenzaangeloal65lubopo
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
Citazioni nei Blog Amici: 37
 

I MIEI BLOG AMICI

- GREMBIULIBIANCHIEBLU
- TorineggiandO
- Zia Luc&egrave;
- 40 anni spesi male!!
- ANGELI
- dieta e fitness
- A_lex
- stradeperdute2
- Big Bam Boom!!!!!
- Ricomincio da me
- Boutade
- Olio e Peperoncino
- Waves
- buonagiornata
- tante hontas
- Farmacoterapia
- MILIONI DI EURO
- Writer
- tutti vostri?
- Il tuo signore
- IL TEMPO CORRE VIA
- MAI DIRE MAI
- Il Blog del Gatto
- oltrelaluce
- Alla tavola rotonda
- Carlo Molinaro
- La compagnia
- il sogno
- Dj.Fleed
- tutto casa e lavoro
- KUSHINAGARA
- Osteria..
- No.Sex.Grazie
- LAVOROeSALUTE news
- MINICAOS IN LIBERTA
- Uno qualunque
- ESISTENZIALISMO
- Presenza inquietante
- AKHENATON49
- ARTE CAMPITI
- DONNE E RIFLESSIONI
- UNA RISATA AL GIORNO
- Questioni di corna
- Insieme Per Cambiare
- sapere?
- aggia cap&igrave; intern&egrave;t
- silenzio_urlato
- Il settimo papiro
- Il mondo oltre...
- UN TUFFO NEL PASSATO
- MAIDA VALE
- rABArAMA
- Semplicemente...Io
- Vivere... perch&eacute;....
- AmeFoncee
- lassolitudine
- pensieri_e_parole
- ..Uomini...
- Francesco
- ARMONIA NASCOSTA
- Un po di me.
- ...NELLA NOTTE...
- quattrochiacchiere
- IO CONTRO LE COZZE
- lavocedelsilenzio
- elaborando
- studiareabologna
- Doppia identit&agrave;
- Remo
- QUATTRO CHIACCHIERE
- Topinone
- Choke
- GLI ANNI 60-70-80
- VIVI COME PUOI
- signora_sclerotica
- dentro e fuori
- IlVoloDelAngelo
- MASSIMO COPPA ZENARI
- cronache vagabonde
- Sex Mind
- EREMO MISANTROPO
- LeNote_DellaMiaVita
- MAMMA E NON SOLO
- Bruttezza evidente
- Libert&agrave; Di Parola
- Arcobaleno
- ultimo peccato
- resistenza
- DR.DENTZ