Creato da alf.cosmos il 28/05/2009
ACQUISIRE CONSAPEVOLEZZA
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

MIO CANALE YOUTUBE

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

Cherrysljenny1966_2016Roberta_dgl8fedele.belcastroFLORESDEUSTADRosecestlavieSwidamsykofantekora69massimo.sbandernootticadanteCANTOGREGORIANOdavide.iwgenoaMDX2002
 
 

       

  
  
  
  
  

 
Citazioni nei Blog Amici: 144
 

I miei Blog Amici

- Sorgente Divina
- Diario Stellare
- Arcobaleno dAmore
- Pensieri
- IlPiccoloMondoDiMery
- IL VERO SE sentire percepire guardare oltre..
- Sol Tre News
- RI_INCONTRIAMOLO
- anima blu
- Angeli
- angeli_senza_ali
- FIGLIA DELLE STELLE
- terrarisonante di Don Luisito
- SentiSenti
- Essere non essere
- NEXUS
- Nel reale e oltre
- * LA MIA ISOLA* di JOANNAS
- Vehuel Rosso Cuore
- St Germain
- Starchild
- Maestri di Luce
- Kryon
- l’Arcangelo Michele
- FederazioneGalattica
- LA VITA E MERAVIGLIA di Dolly
- Io e i miei Mondi di Alex
- Star trek-mania blog
- Range random di Southcross
- come un carillon di fata nocino
- IL SENSO DELLA VITA di Angelica
- Lucedoriente di Luce
- golBBlog di hareezio
- Armonie di Atlantis
- STAR TREK di danko1075
- incontinuaevoluzione di ocarlino
- spiritelli di foriero0
- spazio di unicaeoriginale
- Gira si la vòi gira di lanzarda
- RIFLESSI DI LUCE di KETHER
- D_E_S_IO di desiodgl0
- Nihil di onlyang
- Fiore di fiordiloto
- I giorni Maya di interpretazioni_maya
- Fotografando Emily.. di Emily2009
- Sogno diurno di dovere di vivere
- RICORDI E POESIE di monchery10
- Laraba fenice di torrepreziosa
- counseling-integrato di Fiorintegrati
- MAYA di donamaya
- liberi di essere di olena63
- Puro Cuore Fra Noi
- FIORE DI LOTO di soleluna140
- ESPRESSIONI DAMORE di Aquamarinablu
- May it be....di TrinitàDeiMonti
- Le grand ouvre di ledlordsandro9
- il mare infinito di lafatadelmare
- Avanscoperta di lauravera1959
- PRIMAVERA ! di claire66
- Percorso di LUCE di lapiccolastellina2
- finestra sul mondo di ormailibera
- il regno di arcadia di xx Arcadia xx
- blogmelina di donnadaipassiperduti
- interrogativi di antone.a
- Il_Colore_oro di afrodite.58
- Dedicato a Karol di laura_brustenga
- Libera su Libero... di LaBrusLa
- Morven di Morven61
- SYMPATHY di pachira0
- BILUNABA di bibastella.b
- AMORE UNIVERSALE di salvatore.ravas
- Neshama di Cleinsciandra
- Dalle Memorie di MaurJah
- vita meravigliosa di Cristina
- La vita è un soffio amo larte e dipingo di Luli
- NellInfinito di Maria Carrassi
- Un anima a nudo...di AngeloSenzaVeli
- Sei fili bianchi di Pinktree
- OCCHI PER GUARDARE OLTRE di soliinmezzoallagente
- La vera me stessa
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini, i testi e le notizie pubblicate sono quasi tutte tratte dal web e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro utilizzo violasse dei diritti d’autore, si prega avvertire l’ Autore del Blog il quale provvederà alla loro immediata rimozione.

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Area personale

 

Messaggi del 28/09/2020

PERCHE' GLI UCCELLI CANTANO?

Post n°1339 pubblicato il 28 Settembre 2020 da alf.cosmos
 
Foto di alf.cosmos

PERCHE' GLI UCCELLI CANTANO?

Gorgheggi e trilli, canti d'amore e richiami d'allarme, persino "chiamate" in volo: ma perché gli uccelli cantano? Curiosità e segreti sul linguaggio degli uccelli


UCCELLO CANTA

 

Quando parliamo di canto degli uccelli in realtà non ci riferiamo ad una sola "voce" ma ad una grande varietà di suoni complessi che costituiscono un vero e proprio linguaggio. Il "teck" secco di una capinera, il lamentoso "gheck gheck gheck" di un picchio rosso, lo squillante "cirrip" di un'allodola. Ogni suono ha un uso differente, un differente scopo e viene utilizzato in circostanze molto precise. Per un birdwatcher, imparare il linguaggio degli uccelli è un ottimo modo per riconoscere le diverse specie e un modo per capire meglio il loro comportamento.

 

IL LINGUAGGIO DEGLI UCCELLI

Così come noi abbiamo vocali e consonanti con cui componiamo parole, frasi e discorsi, allo stesso modo gli uccelli producono una serie di chiamate, canzoni e melodie con un linguaggio così articolato da far invidia al nostro alfabeto. Tutto grazie a un organo particolare chiamato siringe, grande come un pisello e posto alla biforcazione della trachea nei bronchi. Alla sua conformazione, che cambia a seconda delle specie, si devono canti e suoni tanto diversi. Ogni tipo di suono ha uno scopo diverso ed è così che gli uccelli, a tutti gli effetti, comunicano tra di loro con richiami che variano in ogni circostanza. Ecco alcuni esempi:

 

CHIAMATE D'ALLARME

Si tratta di suoni taglienti e penetranti, veri e propri segnali d'allarme usati dagli uccelli ogni volta che si sentono minacciati e per avvertire i compagni del pericolo. Le chiamate di allarme sono in genere suoni brevi ma talmente forti da essere udibili a grandi distanze. Inoltre questo tipo di suono è spesso utilizzato anche come minaccia dagli uccelli predatori durante gli inseguimenti.

 

IL RICHIAMO SUPPLICA

"Mamma mamma mamma!", proprio come i bimbi chiamano la mamma allungando le braccia, i piccoli uccelli emettono piccoli gemiti e cinguettii per attirare l'attenzione delle madri, a cui spesso aggiungono anche lo sbattimento delle ali. Non hanno una forte intensità ma possono essere chiaramente sentiti in prossimità di un nido. Non di rado capita inoltre che i piccoli uccelli continuino ad utilizzare questi richiami anche dopo aver lasciato il nido. Perché la mamma è sempre la mamma.

 

I RICHIAMI DI CONTATTO

"Ehi, tutto bene?": ecco, i richiami di contatto per gli uccelli sono più o meno l'equivalente del nostro sincerarsi delle condizioni di un amico. Quando gli uccelli viaggiano in stormi o quando vogliono chiamarsi l'un l'altro o addirittura dare la notizia di una buona fonte di cibo, ecco che utilizzano appositi richiami. Sono cinguettii moderatamente forti, simili a ronzii ma non così penetranti come le chiamate di allarme.

 

LE CHIAMATE IN VOLO

Noi abbiamo le telefonate di lavoro, quelle dove è necessario un tono di voce più formale perché è così che impone l'etichetta. Parallelamente, molti uccelli hanno chiamate specifiche che utilizzano soltanto durante il volo, e sono proprio questi canti i più utili a identificare ogni specie. Sono suoni molto musicali, utilizzati soprattutto per annunciare il passaggio degli stormi durante le migrazioni.

 

PERCHE' GLI UCCELLI CANTANO ALL'ALBA?

Il canto degli uccelli al mattino è solitamente un piacevolissimo buongiorno. Ma perché gli uccelli prediligono questo momento del giorno per dare prova delle loro doti vocali? La risposta è molto "vanitosa": per apparire più in forma. Gli uccelli diurni si nutrono prevalentemente durante il giorno, di conseguenza il primo mattino è il momento in cui sono più deboli. Cantare all'alba è una tecnica utilizzata dai maschi per dimostrare alle potenziali partner di essere individui sani e pieni di energia. Non c'è da stupirsi: in generale, il canto degli uccelli è quasi sempre in stretta relazione con la vita sessuale ed accompagna ogni fase della relazione, dal corteggiamento alla difesa del nido.

 

QUANDO IL CANTO DIVENTA MUSICA

Il canto mattutino dell'allodola non è l'unica melodia che ha ispirato poeti e compositori: da sempre i dolci richiami degli uccelli hanno toccato il cuore dell'uomo, ispirando versi e musiche immortali. Grieg, Ravel, Prokofiev (tra gli altri), sono rimasti così affascinati dalla melodia di merli, usignoli e colombe da trasformare i loro richiami in musica.

Vivaldi ha composto il celebre concerto "Il Gardellino", mentre Girolamo Frescobaldi ha lasciato "Capriccio sopra Cucho" a testimonianza della fascinazione per il verso del cucù. Ludwig van Beethoven, nel secondo movimento della "Sinfonia n.6 Pastorale", ha inserito l'imitazione del verso dell'usignolo e della quaglia eseguiti rispettivamente da flauto ed oboe. Richard Wagner, invece, nel Sigfrido, ha inserito il brano "L'uccello nel bosco".

 

COME IMPARARE A RICONOSCERE IL CANTO DEGLI UCCELLI

Il modo migliore per imparare a riconoscere gli uccelli anche grazie al loro canto è andare in natura e prepararsi all'ascolto della musica più bella mai realizzata. Il coro di un bosco o di un parco cittadino sono una vera sinfonia, specie per chi sa coglierne le varie sfumature. Per cominciare può anche essere utile un manuale che, oltre a mappe e fotografie delle diverse specie, ne spieghi anche le caratteristiche vocali.

 

Come il libro Birdwatching facile di Detflef Singer (Ricca editore). Birdwatching facile è una splendida guida illustrata agli uccelli d'Europa, un manuale fotografico per muovere i primi passi nel mondo del birdwatching. Un libro adatto a bambini, ragazzi e adulti, con 1.400 fotografie a colori e 400 mappe per imparare a riconoscere in modo facile oltre 400 specie di uccelli in Europa.

 

Fonte: http://www.lipu.it/articoli-natura/8-oasi-e-centri-di-recupero/889-perche-gli-uccelli-cantano