TRA CIELO E TERRA

Ciò che è in basso è come ciò che è in alto e ciò che è in alto è come ciò che è in basso (E.Trismegisto)

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: tigerag
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 66
Prov: VE
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

RENE MAGRITTE

 

GELOSIA, RAFFAELE DI MEGLIO ISCHIA

 

A DIVINE IMMAGE BY WILLIAM BLAKE

Una Divina Immagine
William Blake, Songs of Experience
poesia non inclusa nella raccolta del 1794
traduzione di A.Buccianti

La Crudeltà ha Cuore Umano
E Volto Umano la Gelosia
Il Terrore, l’Umana Forma Divina
E Veste Umana la Segretezza
La Veste Umana, è Ferro forgiato
La Forma Umana, un’incandescente Forgia
Il Volto Umano, una Fornace sigillata
Il Cuore Umano, la sua Gola famelica

 

FRANCIS BACON, AUTORITRATTO 1971

THE GARDEN OF LOVE, W. BLAKE (1794)

IL GIARDINO DELL'AMORE

Sono andato al Giardino dell'Amore,
E ho visto ciò che non avevo mai visto:
Una Cappella era costruita nel centro,
Nel luogo in cui io ero solito giocare sull'erba (verde).
E i cancelli di questa Cappella erano chiusi,
E "Tu non devi" era scritto sull'ingresso;
Così sono tornato al Giardino dell'Amore
Che è fecondo di così tanti e dolci fiori;
E ho visto che era pieno di tombe,
E pietre sepolcrali dove avrebbero dovuto esseci fiori,
E Preti in vesti nere vi giravano attorno,
E incatenavano con rovi le mie gioie e i miei desideri
 

 
Statistiche
 

FACEBOOK

 
 

FRANCIS BACON, SELFPORTRAIT

 
Citazioni nei Blog Amici: 27
 

ULTIME VISITE AL BLOG

gatrusdiiorgimarisalukeskywlkantonio_catinogiancarlabenaglialastexile1980arch.matteocacioppogigi.bertolaalessandra1955donatella.cosentinoITALIANOinATTESAfranco92_8francesco.ganci6federicagizdicferrarifrancesca
 
 

AREA PERSONALE

 

SEPULCHER, WILLIAM BLAKE

Eternity by William Blake
Chi lega a sé una Gioia
Distrugge la vita alata;
Ma chi bacia la Gioia in volo
Vive nell’alba dell’Eternità

IL FUTURO.......  

Christ in the Sepulcher guarded by Angels

 

 

TRINITÀ DI ANDREW RUBLEV

Il Passato

 

MARIO DONIZZETTI, LA SUPERBIA

 

CORDE SENSIBLE, MAGRITTE

Il cielo è di tutti, di Gianni Rodari

Qualcuno che la sa lunga
mi spieghi questo mistero:
il cielo è di tutti gli occhi
di ogni occhio è il cielo intero.
È mio, quando lo guardo.
È del vecchio, del bambino,
del re, dell'ortolano,
del poeta, dello spazzino.
Non c'è povero tanto povero
che non ne sia il padrone.
Il coniglio spaurito
ne ha quanto il leone.
Il cielo è di tutti gli occhi,
ed ogni occhio, se vuole,
si prende la luna intera,
le stelle comete, il sole.
Ogni occhio si prende ogni cosa
e non manca mai niente:
chi guarda il cielo per ultimo
non lo trova meno splendente.
Spiegatemi voi dunque,
in prosa od in versetti,
perché il cielo è uno solo
e la terra è tutta a pezzetti.

 

LA RIPRODUZIONE VIETATA, RENÈ MAGRITTE

 

L'URLO, DINO BUZZATI 1967

 

 

 

« I TEMPERAMENTI - 7a PARTEJOHN ZORN, MASADA STRING TRIO »

I TEMPERAMENTI, 8a PARTE

Post n°86 pubblicato il 06 Maggio 2009 da tigerag
 

./. continua.. vedi anche post 77 78 79 80 81 84 85

Fisiognomica e caratteristiche del temperamento flemmatico
Il flemmatico, riguardo alle sue forme, si distingue, in primo luogo, perchè nel suo viso, e specialmente nelle guance, tutto tende allo sferico tondeggiante, per cui il volto assume un aspetto cordiale e gradevole. Il mento si arrotonda verso il basso e il frequente doppio mento ripete con l'adipe la forma del mento vero e proprio che in realtà è determinata dalla struttura ossea. A volte si ha l'impressione che questa forma carnosa del viso potrebbe continuare a crescere, come se la forma del mento volesse arrotondarsi una terza volta. Gli occhi appaiono per lo più piccoli, perchè circondati da palpebre ingrossate. Sono privi di vivacità, ma lo sguardo è gioviale e lieto, mai triste. L'uomo flemmatico guarda il mondo con una buona dose di contentezza. Quando se ne sta comodamente seduto e si guarda intorno, spesso si dimostra un buon osservatore del suo ambiente. Egli considera tutto con calma, si diverte a guardare la fretta e l'agitazione degli altri, senza sentirsi da ciò stimolato ad intervenire. Ma sarà portato ad intervenire se avviene qualcosa di ridicolo, che fa sorridere o ridere. Il momento però che meglio rivela il carattere del flemmatico è quando si siede a tavola. Egli, infatti, più degli altri, ama vivere nell'atto dell'assaporimento e dell'ingestione del cibo. Seguire interiormente i processi della digestione è per lui un'occupazione piacevole e non banale in quanto ciò che si compie nella corrente dei succhi è qualcosa di molto importante. Occorre molta saggezza per stimolare, mediante le sostanze nutritive, gli organi in modo che si rinnovino le sostanze del corpo consumate, che ricostruiscano continuamente la giusta forma. In questo edificare agisce in modo soprasensibile un "piano di costruzione" che usa l'elemento fluido come suo strumento: il corpo eterico o vitale o delle forze, che vivifica la corrente dei succhi. Se questa energia vivificante non è abbastanza forte, la sostanza degenera in una forma sbagliata, come avviene in molte calcolosi. Il malato soffre allora di calcoli renali, alla vescica, alla cistifellea, perfino alle ghiandole salivari.
Sebbene questo processo avvenga tutto a livello inconscio, l'anima del flemmatico ne viene fortemente vivificata. Perciò egli ama bere e mangiare sempre di nuovo con intima partecipazione, perchè ritorna così a sperimentare questa piacevole sensazione. Per questo motivo, a prescindere dalla quantità di cibo che consuma, "tutto gli fa bene", come si suol dire. Il flemmatico ha anche molto senso dell'humor.
Con gli anni emerge nell'uomo molto del carattere flemmatico. Infatti le persone anziane tendono ad ingrassare. Tendono anche a lasciarsi meno impressionare  di fronte a fatti gravi e toccanti o a commuoversi relativamente persino davanti alla morte di persone care, cioè di fronte a fatti che succedono nel mondo esterno. Si agitano, invece, se all'ora prestabilita il cibo non è pronto in tavola e, se non sono malati, godono i loro pasti con tutto il compiacimento di un vero flemmatico. Questo perchè il ricambio, per quanto una persona possa essere avanti negli anni, rimane sempre attivo. L'affinità dell'anziano con il temperamento flemmatico si nota anche nella lentezza dei movimenti e delle decisioni e nella prolissità dell'eloquio che si rivela spesso contorto e poco concludente. Qui, la lentezza di tutti i processi metabolici, che aumenta con l'età, si riflette inconsciamente nella vita psichica e fa emergere, a poco a poco, il tratto flemmatico.
Nella nostra epoca febbrile, il temperamento flemmatico suscita paura e un certo disprezzo, poichè in esso emergono lentezza e calma eccessive. In questo non si considera che il flemmatico si occupa di qualcosa di straordinariamente importante, cioè dei processi vitali che si svolgono in lui. E questi processi sono una meraviglia della natura, perchè la fluidità, rappresentata dai succhi, riceve le idee della forma che deve essere modellata. Il flemmatico può, se ha maggiore disposizione spirituale, andare oltre i propri processi organici, non limitandosi a godere quando la struttura del suo corpo si forma dalla corrente dei succhi. Può cioè venire destato ad osservare processi simili anche nella natura e diventarne un importante conoscitore. Se ha il dono della poesia, egli non si stancherà di descrivere le bellezze che scopre in essa.  Questo si osserva nel poeta Conrad Ferdinand Meyer (si veda ad es. la sua poesia "Castagno che getti ombre scure").
Chi viene troppo sopraffatto dal temperamento flemmatico si espone a malattie: egli non riesce più a formulare pensieri chiari e gli manca ogni volontà di azione. Il suo corpo si ingrossa, le palpebre e tutti i tratti del volto si gonfiano. Si ha l'impressione di trovarsi al cospetto di una persona preda dell'idiozia. Anche il flemmatico ancora sano farà bene a non lasciarsi andare al suo temperamento, cercando di superarlo il più possibile. Vi riuscirà se, una volta presa coscienza della sua vita interiore, si sforzerà di volgersi al mondo esterno. Il flemmatico deve imparare ad ascoltare con attenzione ciò che l'ambiente ha da dirgli.
L'andatura del flemmatico rivela una certa pesantezza. Il suo passo è piuttosto barcollante, un pò come quello degli uccelli acquatici. Egli si appoggia ora su un piede, ora sull'altro, oscillando quindi da destra a sinistra e viceversa. Anche molti ubriachi vanno avanti in tal modo. Questa caratteristica si accentua nei flemmatici quando devono prendere una decisione. Piccoli particolari lo mettono chiaramente in luce. Se, per esempio, un flemmatico si attarda in visita in qualche luogo e infine si decide a prendere commiato, egli mostra difficoltà ad alzarsi dalla sedia. Poi, fra i consueti diversi saluti, si avvicina alla porta di uscita, ma non se ne va via subito. Rimane ancora incerto, dondolandosi su un piede e sull'altro prima di lasciare definitivamente la casa.
Con quali mezzi aiutare il flemmatico a superare le difficoltà legate al suo temperamento? Per prima cosa bisogna armonizzare la mobilità interna, onde evitare che si formino stasi. Il grasso accumulato agisce come centrale termica non sufficientemente utilizzata. Il flemmatico non riesce a mettere in moto queste "masse di grasso" che tendono a persistere nell'inerzia. Di solito ne viene disturbato l'equilibrio delle funzioni ghiandolari: tiroide, ipofisi, gonadi. E' molto proficuo curarsi con i metalli e particolarmente con il mercurio in adatta diluizione. Fra le piante vanno scelte quelle che sono in grado di stimolare al giusto movimento la fluidità del corpo: equiseto e radici di prezzemolo e sedano. E' raccomandata inoltre una giusta dieta. L'alimentazione vegetariana è da preferirsi a quella carnea, perchè la prima richiede maggiore lavoro da parte dell'organismo. Si devono evitare eccessive e non necessarie assunzioni di liquidi, affinchè il corpo non si gonfi e non rimanga troppa acqua nei tessuti e non diminuisca l'escrezione. Cibi farinacei, soprattutto se con farine raffinate, rendono troppo pigro il flemmatico nella sua digestione. Molto raccomandabili sono invece verdure fresche, insalate, pane di farina integrale, erbe aromatiche e anche, in misura moderata, pepe.

Conrad Ferdinand Meyer

Vito, che ne dici adesso? Continui a riconoscerti nel flemmatico?? A tutti gli amici che mi stanno seguendo, anticipo che le prossima puntata riguarderà il temperamento melanconico.. Grazie ancora a tutti quelli che mi vorranno seguire e daranno quindi senso a questo mio sforzo di condivisione.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/EMPATICAMENTE/trackback.php?msg=7012331

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
blondysmile il 06/05/09 alle 12:04 via WEB
cara ale,mi dispiace ma no ,non mi ritrovo,forse tutti (io credo) ci ritroviamo in qualcosa di ognuno dei temperamenti... brava comunque come sempre,i miei complimenti.ciao baci. more.
 
 
tigerag
tigerag il 06/05/09 alle 14:33 via WEB
certo i temperamenti possono avere delle "colorazioni", ma sicuramente uno prevale sugli altri... quindi in uno particolarmente penso dovresti riconoscerti, se ti conosci abbastanza.. non è comunque facile conoscersi. ciao e grazie per la lettura e il commento, sempre gradito. un abbraccio e a presto
 
enjoy_83
enjoy_83 il 06/05/09 alle 14:39 via WEB
non mi si addice il profilo flemmatico...però interessante!un bacio
 
 
tigerag
tigerag il 06/05/09 alle 14:49 via WEB
hai letto il collerico e il sanguinico? mi sembra che mi dicessi che ti sembrava di corrispondere al sanguinico.. comunque mi manca il melanconico.. spero di no, ma non si sa mai... e poi ogni temperamento ha i suoi lati positivi! ti ringazio per l'interesse e ti invito a leggerti, quando avrai voglia e tempo, i prossimi due post... intanto buon pomeriggio. ciao.
 
svitol5
svitol5 il 07/05/09 alle 00:01 via WEB
Alessandra!!! Ci sono e sono io, tondo e grasso quanto basta, ma con uno spiccato senso del humor, amplificatosi nel corso degli anni, con immenso dispiacere per familiari e colleghi ... ;-). Diete? Ne ho fatte diverse e le ho sconfitte tutte, tra alti e bassi... Mi piace bere bene e non tanto poco, e forse questa è la causa del fallimento di tante diete ... Ciao Alessandra, ti bacio per la buonanotte. Vito
 
 
tigerag
tigerag il 07/05/09 alle 08:44 via WEB
caro Vito oserei dire che anche la tua risposta ha una certa flemma! Mi fa piacere che tu ti abbia riconosciuto perchè penso che quando ci si conosce bene ci siano implicite in questa conoscenza anche le risposte di ciò che dobbiamo correggere. Potresi provare con tisane all'equiseto e alle radici di prezzemolo e sedano. Da una parte muovono le stasi, dall'altra placano la sete che ti servirebbe per bere meno. Vedi tu. Sei giovane ancora e puoi decidere adesso che tipo di vecchiaia vuoi fare.. Ti mando un caro saluto e un bacione. ciao.
 
Kether61
Kether61 il 07/05/09 alle 17:56 via WEB
Cara Alessandra, ancora non mi riconosco in nessun tipo ed aspetto con ansia la prossima puntata. Sinceramente ti dirò che alcune caretteristiche le ho colte nelle precedenti personalità, sarò un mix... T'abbraccio cara..e complimenti per questi post che mi piacciono moltissimo....^__^ Kether
 
 
tigerag
tigerag il 07/05/09 alle 19:50 via WEB
cara kether penso che più avanti troverai la risposta, tuttavia se fai un'analisi della tua persona, così come sei stata fin da piccola, dovresti trovare un temperamento prevalente sugli altri, perchè puoi avere delle colorazioni di altri temperamenti, ma uno di solito prevale.. comunque, alla fine forse troverai una risposta.. intanto ti ringrazio per l'interesse, che mi stimola a continuare questa fatica fino alla fine. ciao e buona serata. kiss
 
marys80
marys80 il 07/05/09 alle 19:54 via WEB
WEB RESOURCES visita il mio blog! Troverai tantissime e utilissime risorse web. Clicca nei TAGS e cerca ciò che può essere più utile a te. SOFTWARE GRATUITI,RISORSE GRAFICHE, LINK UTILI DI.. CRACK,HOSTING FREE,FOTO, GIF ANIMATE E TANTO ALTRO ANCORA! Da non perdere assolutamente NOVITA' PER LIBERO BLOG, tantissimi TEMPLATE creati da me. VIENI A VEDERE! http://blog.libero.it/webresources E se ti và, (senza alcun obbligo) informa del mio blog ai tuoi blog amici o se vuoi inserisci nel tuo profilo o blog, il mio blinkie che trovi nel mio blog nel box centrale in alto. Bacioni
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: tigerag
Data di creazione: 22/02/2009
 

IL MIO PROFILO FACEBOOK

https://www.facebook.com/profile.php?id=1468604216

 

ECCE HOMO: LUIGI FERRARIO

 

SITI INTERNET

http://www.net-parade.it/ attestato_riconoscimento.aspx? sito=libero.blog.it/empaticamente&t=1

 

LEONARDO DA VINCI: SAN GIOVANNI BATTISTA

 

BACCO, LEONARDO DA VINCI

 

GRANDI ITALIANI: RENZO DE STEFANI

Ora in pensione, ha dato impulso al movimento LE PAROLE RITROVATE (potete accedere al sito da questo blog) che ha messo le basi per un ripensamento radicale della psichiatria nello spirito basagliano.

 

MAGRITTE, LA CONDIZIONE UMANA 1935

 

 

 

giudichiamo alla stregua della nostra vita ciò che vediamo nascere e perire.

 

 

QUI SOTTO  IN "TUTTI I TAGS" TROVERETE LE AREE TEMATICHE CHE HO TRATTATO

 

TAG

 

L'INNOCENZA DI WILLIAM BOUGUEREAU

THE DIVINE IMMAGE BY WILLIAM BLAKE

La Divina Immagine
William Blake - da Songs of Innocence (1789-94)
traduzione di G.Ungaretti

Grazia, Amore, Pace, e Pietà
Chi è negli affanni prega,
E ad esse virtù che liberano
Torna l’animo grato.
Grazia, Amore, Pace, e Pietà
E’ Iddio, Padre caro,
Grazia, Amore, Pace e Pietà
E’ l’uomo, Suo figliolo e Suo pensiero.
La Grazia ha cuore umano;
Volto umano, Pietà;
Umana forma divina, l’Amore,
E veste umana, Pace.
Ogni uomo, d’ogni clima,
Se prega negli affanni,
L’umana supplica forma divina,
Amore e Grazia e la Pietà e la Pace.
Da tutti amata sia l’umana forma,
In Turchi si mostri o in Ebrei;
Dove trovi Pietà, l’Amore e Grazia,
Iddio sta di casa.

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

SALVADOR DALI, SCULTURA

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

BLOGNEWS

BlogNews è un sistema di editoria sociale che valorizza il ruolo dei blogger nel panorama dell'informazione.

https://www.blog-news.it/

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ULTIMI COMMENTI

Ciao Tigerag, sono Daniele di Ferrara ed ho letto la tua...
Inviato da: QUATTROdgl
il 19/07/2018 alle 17:32
 
ho visto il film, ho letto la sua storia incredibile, ho...
Inviato da: domenico
il 12/07/2017 alle 09:47
 
Ho letto molto volentieri questo articolo. mi piace il tuo...
Inviato da: diletta.castelli
il 23/10/2016 alle 16:31
 
Complimenti !!!
Inviato da: Giorgio
il 21/10/2016 alle 09:37
 
a ca mi so da Mestre ciò. Tua casella postale piena
Inviato da: pgmma
il 25/07/2016 alle 14:24
 
 

TAG

 

ARTHUR RAKHAM