Blog
Un blog creato da Luxxil il 07/01/2011

angoloprivato

dei miei pensieri

 
 

 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Elemento.Scostantelennon927woodenshipkaren_71LuxxillorifuTerzo_Blog.Giuslisaliberamoschettiere62moon_IannamatrigianoDoNnA.Skarma580lubopo
 

ULTIMI COMMENTI

E' una riflessione amara, per fare un esempio, conosco...
Inviato da: Luxxil
il 03/05/2019 alle 18:02
 
Davanti alle tue parole non ne ho di mie. Sarebbero...
Inviato da: lorifu
il 01/05/2019 alle 20:59
 
Mi fai riflettere, mia cara Lux, mi fai pensare che, sul...
Inviato da: woodenship
il 01/05/2019 alle 20:05
 
ciao wooden...un abbraccio :)
Inviato da: Luxxil
il 30/04/2019 alle 20:22
 
Donnas ...grazie per il tuo pensiero :)
Inviato da: Luxxil
il 30/04/2019 alle 20:22
 
 

 

« .autunno »

.

Post n°962 pubblicato il 29 Agosto 2018 da Luxxil

Ne avevo già scritto, ma vorrei se ci riesco, mettere insieme una dietro l altra, le cose particolari che mi sono successe nel corso della vita, non che questo voglia essere quasi un testamento di esperienze umane, ma nell ipotesi che ciò avvenga, a qualcuno che le ha avute simili puo sentirsi meno solo e non diverso, perchè spesso di cose particolari, a volte incredibili, si tende a non parlarne per non passare per matti :) :)...

Ero molto piccola, sui quattro anni ( ho ricordi di quando avevo poco più di un anno ed ero al nido dove mi portava mia madre) ...in cucina c'era un mobiletto in legno, un giorno mi accorsi che aveva un piccolo buchino sul davanti, per cui prima ci infilai il ditino e poi come ovvia conseguenza ci guardai dentro...e quel buchino mi fece conoscere un posto che non avevo mai visto, e lo ricordo ancora perfettamente.

Il buchino dava su una piccola piazza, intorno c'erano dei palazzi, che oggi definirei antichi, e gente tranquilla che vi passeggiava o andava a far commissioni, le donne avevano gonne lunghe, abiti che ora direi del settecento...proprio a lato del buchino, in un palazzo vicino, c'era un balcone, e sopra al balcone a guardare la gente sotto passeggiare c'era una bella ragazza, non so come riusciva a vedermi, come se io fossi su un balcone simile al suo, ma cosi non era. Ricordo che mi parlava, scherzava con me e poi mi salutava ed io tornavo a quella che era la mia realtà di bambina piccola, ben lontana dal buchino. 

Però quella ragazza mi era simpatica, mi piaceva, per cui per qualche giorno guardando dal buchino l andavo a salutare, lei sul suo balcone ed io con l occhietto sul buchino. Un giorno sul balcone non era da sola, in sua compagnia c'era un ragazzo, vestito con la foggia degli altri e una bella barba, e mi parlava e sorrideva anche lui, come si fa con i bambini che pongono domande, anche se non ricordo di averne fatte, ma probabilmente le facevo , conoscendomi :)

Un pomeriggio che ero con l occhietto sul buchino, mia madre mi chiese cosa stessi facendo, ed io ovviamente glielo dissi. " Sto parlando con una signorina, Mamma, è un posto molto bello"..." E come fai a vederla?"...la risposta era ovvia..." Guardando dal buchino" al che Lei mi disse che dal buchino non si poteva vedere assolutamente nulla e che quella signorina non esisteva, me lo disse con un tono cosi severo che le credetti... e non ci fu più nulla da fare, tentai più volte di vedere attraverso quel buchino, ma non ci vidi più nulla, mai più.

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: