Creato da brubus1 il 24/12/2006

L'Anticonformista

la forza attraverso l'unità, l'unità mediante la fede, contro le regole imposte alla piena libertà

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: brubus1
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 60
Prov: CS
 

ROBIN GIBB - ANOTHER LONELY NIGHT IN NEW YORK





 

ARTE & CULTURA PROVINCIA DI CS

Il Museo di Sibari, inaugurato nel 1996, costituisce con il Parco Archeologico, il principale polo culturale del comprensorio ionico della Provincia di Cosenza. Nell'edificio, articolato in 5 unità museografiche, sono esposti i reperti archeologici più significativi provenienti dal territorio della Sibaritide nonchè dagli scavi delle 3 città sovrapposte di Sibari, Thurii e Copia (dal 720 a.C. al VI sec. d.C.). www.museomg.unical.it





Parco Archeologico di Sibari



 

In una dimensione culturale etnica, un percorso storico ed estetico dell'identità degli 'arbëresh', comunità presenti prevalentemente nel sud dell'Italia, in particolare in Calabria dal 1440. MUSEO DEL COSTUME E DELLE BAMBOLE ARBËRESH. (Frascineto - CS) www.aquilareale.org

 

SOLIDARIETA' & SOCIALE

 














 

 

FOTO SIMBOLO















 

ULTIME VISITE AL BLOG

vale73_8studiotanisi.prteleantares.matirosannamicelimarciani.marcellovulnerabile14trinkensamandaclark82diletta.castelligiovagnauxsexydamilleeunanottebrubus1marco.zaregiulia312012
 

FACEBOOK

 
 

COSTUMI CALABRESI







 

 

« Il Cielo BlùMessaggio #154 »

La mia città

Post n°153 pubblicato il 28 Maggio 2007 da brubus1

Ho "partorito" si fa per dire il mio canto d'amore che da tantissimi anni, da quando me sono andato, mi porto dentro. Credo avrei potuto forse scrivere di meglio, ma non mancherà un'altra eventuale occasione. Per me lo merita. "La mia città" partecipa al Gioco Letterario organizzato dall'amico Writer (per chi vuole ancora partecipare le istruzioni a sinistra nel secondo template, scade il 31 maggio) che ringrazio per avermi indirettamente dato l'opportunità di essermi cimentato in una dedica alla cittadina che sento mia più di quella dove sono cresciuto, mi sono istruito e di quella dove sono nato, dove tuttora vivo, dove sono le radici familiari. Approfitto per salutare i miei amici d'infanzia ed in particolare Claudio e la sua famiglia e per anticipare a tutti gli interessati che dal primo di giugno ci sarà in questo blog una piccola novità. Farò una prova e se dovesse piacere, resterà permanente. La troverete inclusa nel box di apertura del "pensiero del giorno" e sarà dedicata in particolare a tutti voi amici, e agli occasionali viandanti fra queste deliziose e sensibilissime pagine di vita.

immagine

Non ho una città. Non sento di appartenere a una città in particolare. Mi sento figlio dei fiori, figlio del mondo. Potrei definirmi un apòlide, un randagio, un senza tetto, un personaggio privo di una casa, di un quartiere. A un paesino dove nascere, crescere, vivere, imparare, scambiare innumerevoli  interessi , noie o distrazioni. Vivere coi pericoli che purtroppo stanno in agguato, ci seguono ovunque. Essere amato e amare quegli amici che rimangono fedeli durante il percorso dell’esistenza. Incontrarli per caso, sentirli ogni giorno, godere della fuggevole gioventù, comprendere la crudezza e la soddisfazione di essere fatto uomo, lasciarsi trasportare dalla delicata fragile senilità, anche se la vita separa per le più svariate avventure, necessità, opportunità, ritornare lì dove tutto è iniziato, dove molto ha avuto un senso, dove abitano le persone care e appartenervi per sempre. Tutto questo non avrebbe un significato, non scriverei affatto così se confessassi a me stesso che non sono di una singola città, ma di tre città unite e distinte, con tradizioni alquanto diverse, create e costruite, parte integrante della nostra meravigliosa penisola, che messe insieme, hanno avuto e continuato ad avere un profondo percorso, hanno posseduto uno straordinario potere e influsso sulla formazione della mia personalità, nel bene e nel male. Ma ho dei ricordi, dolcissimi, profondi, incantevoli ricordi, solo quanto di bello e profondo mi porto dentro. Ho una speranza che spero mai di perdere fino all’ultima declamazione, l’ultima scena, l’ultimo respiro. E se la voce silente percorre le sottilissime strade dei miei arroccati neuroni e scandaglia le grotte sommerse di grandi navigli ospitali, allora vado dove mi porta il cuore, seguo la scia della spensierata fanciullezza, della marea che ritorna, aumenta di volume, avanza come un guerriero fiero e spavaldo, illuminata da raggi lunari di una innocente verginità oramai piacevolmente perduta, ma che resta nitida, bramante di quel desiderio, che sarebbe dovuto rimanere eterno. Vado e percorro accompagnato da una passione delicata, sensibile e innamorata, su prati distesi, odorosi di terra battuta, di erba tagliata, e campagne irrorate dalla fresca pioggia autunnale, dalla brina del mattino, da distese coperte da coltre di neve di freddissimi inverni, da un tenero dolce risveglio profumato di primavera, asciutte da un caloroso secco-umido sole estivo. Corro col cuore in Val Padana, dove in trepidante e piacevole attesa, vicino a un focolare c’è la figura di una madre amorevole, industriosa, cooperativa, che mi ha donato per la seconda volta la vita. Che cuce, produce, ricama, organizza, prepara squisite leccornie come colorate caramelle e morbidi torroni. Mi nutre con saporiti salami, dense salse di melassa, cremosi mascarponi e fiumi di latte lavorato artigianalmente e dai più svariati genuini sapori. Semina i campi che diventano color dell’oro quando piccoli germogli, crescendo insieme a fraterni rossi papaveri, si trasformano in mature spighe di grano, che con forti mani impasta, lavora per produrre la polenta. E’ una liutaia, che suona e costruisce ingegnosamente da secolari generazioni, violini di fama e valore internazionale. Strade, piazze, vie, sobborghi, di nobiltade bellezza e cultura. Viali, giardini alberati e distese di gelsi, pioppi, betulle. Fiere che accolgono avventurosi viandanti e venditori nella festa annuale di San Pietro e Paolo lungo Viale Po. Chiese antiche ricche di tesori medioevali, gioiellame senza prezzo che le possa acquistare. In questa meravigliosa solerte piccola cittadina che domina dall’alto del suo campanile tutta la valle e che in limpide giornate, scavalcando l’orizzonte, tende la mano a Milano. A questa città, in questo dolce onnipresente ricordo, piccola stella luminosa della pulsante padania, dedico il mio cuore, parte del mio amore. Volo e corro tra le tua braccia, Cremona.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

ANTICONFORMISTI




















 

ORCI (VASELLAME)

Orci



 

MONDO GAY







FILM: Mambo Italiano
Il film racconta molto bene lo spaccato sociale in cui si muove Angelo, giovane gay alle prese con dei genitori conservatori che sognano per lui il più classico dei matrimoni. Graziosa commedia che in maniera bonaria prende in giro certi usi, costumi e pregiudizi di un'italia meridionale ormai matura per il cambiamento radicale. Un semplice flash con un amico che, dopo il matrimonio di copertura, descrive bene l'ipocrisia che molti praticano tra le ombre notturne. Indimenticabile la scena finale della passeggiata dei genitori di Angelo con il figlio e il nuovo "genero", dove anche le persone più rozze e tradizionali, riescono a superare le proprie omofobie e accettare scelte diverse. Da vedere!

LIBRO: Corpi Contro
Dopo la fine di una lunga storia d'amore con una coetanea, un uomo bello e di successo vede la propria vita cambiare radicalmente: incontra Claudio un giovane artista e se ne innamora. Da questo momento, l'uomo ripercorre la storia appena conclusa confrontandola con la passione nascente per Claudio: da lei a Claudio, da un corpo a un altro. Di lui ama la virilità, di lei amava la femminilità. Di lui i peli sul petto, di lei il seno prosperoso. Di lui la barba incolta, di lei la pelle liscia e bianca. Dettagli steriori eppure la gente etichetta tutto, e l'uomo sa che questa sua attrazione per Claudio avrebbe finito con il farne un omosessuale, almeno agli occhi del mondo esterno. Ma lui non vuole far parte di un gruppo. Sa che amare Claudio è restituire un pezzo mancante a se stesso.

LIBERTA'=DIRITTI X TUTTI

anche OMOGENITORIALE

 

SCOPERTE & INVENZIONI

E' datata 1963 la presentazione della prima musicassetta da parte della società olandese Philips. La piccola cassetta di plastica di 10 cm per 6, che renderà di colpo vecchi e superati i precedenti registratori a bobina aperta, troppo voluminosi e complicati da usare, può registrare un'ora di musica (poi due e perfino tre) su un nastro che scorre a 4,75 cm al secondo, consentendo un'ottima resa musicale. Questa innovazione sarà destinata a rivoluzionare il mondo della musica "portatile" e, ancora 30 anni dopo la sua immissione sul mercato, con ben 3 miliardi di pezzi venduti all'anno, costituirà il mezzo principe per diffondere le "sette note".


"Il fazzoletto che levo dalla tasca, disse D'Annunzio, ha l'odore dei fiori appassiti e della cera strutta". Al di là del volo poetico, è indiscutibile l'importanza del fazzoletto, che ha fatto la sua apparizione fin dai tempi in cui... Berta filava. Nei secoli ha cambiato grandezza, look e, ferma restando la distinzione tra quello maschile e quello femminile, tuttavia è sempre servito per compiere i soliti gesti: soffiarsi il naso, asciugarsi le lacrime e il sudore. Ma qualcuno, la società americana Kimberley-Clark Co., nel 1924, ha ritenuto che fosse giunta l'ora di dare una scrollatina a quel mito, adoperando la carta al posto della tela, e di chiamarlo kleenex. In Italia l'"usa e getta" anche per le lacrime ed il sudore è arrivato nel dopoguerra, portato dai soldati alleati.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 
"premio dolcezza"

GRAZIE per il riconoscimento
ottenuto dall'amica
'orsetta66'

"premio brillante"


"riconoscimento d'amicizia"

GRAZIE per i riconoscimenti
ottenuti dall'amico 'gimmi42'
 

I MIEI BLOG AMICI

- confusione
- musica e cinema
- Writer
- animali con noi
- ESSERE E APPARIRE
- Alessandro
- Il diario di Serena
- PAPERE E PANNOCCHIE
- Pensieri in libertà
- Esmeralda e il mondo
- UniversoParallelo
- Viandando
- StellaDanzante
- MARCO PICCOLO
- EL ALAMEIN
- attività di pensiero
- L'albero di luce
- antonia nella notte
- sissunchi
- BLOG PENNA CALAMAIO
- ass.amorepsiche
- Agorà
- Pensieri etilici
- ParoleScritteAMatita
- THE LIFE
- Prodi vs SilvioB 3-0
- Ginevra...
- InCURIOSANDO
- 8 marzo
- Seguo la Scia...
- IL MIO TANGO
- Filosofia&Esistenza
- CALEIDOSCOPIO
- CEST LA VIE
- pulce nel cuore
- Scherzo o Follia?
- Ricomincio da Me
- Amare...
- SENZA ME MAI
- bippy
- le parole di lori
- Pollon
- poesia infinita
- Hopersoleparole...
- LA VOCE DEL CUORE
- Fairground
- Una mela...
- ..Uomini...
- nuvola viola
- Principessa persiana
- x diventare GRANDI
- Sardigna e altro...
- APERTIS VERBIS
- SILENZIOSAMENTE
- Blog Magazine
- Tempo Verrà...
- day by day
- ANDATAeRITORNO
- rosa blu
- pensieri inutili
- LA VOCE DI KAYFA
- Come sarò da grande?
- GIORNALE WOLF
- Santiago Gamboa
- LeCordeDelCuore
- ETICA & MEDIA
- tuttiscrittori
- Canto lamore...
- La parola...
- La riva dei pensieri
- emmaladolce
- biografiANONIMA
- Mondo Alla Rovescia
- nausicaa
- Ma basterà 1 vita?
- trechiacchiere
- ANGELO DIMENTICATO
- Un Battito dali
- COME IL VENTO
- CertePiccoleVoci
- POESIA
- Nonna Rosa In Cucina
- VOLA CON LE MIE ALI
- pensieri_ liberi
- AMORE DOVE SEI
- Gitana
- DELIRI...e non solo
- SabbiaNera
- GRAFFI NELLANIMA
- AUTORE DI TESTI
- Blu mare. Blu cielo.
- poche certezze
- PER TUTTA LA VITA
- LA VOCE DEL CUORE2