Malattie cardiologiche Newsletter

CardioBase.
Cardiologia Update !
 –
Top News / Diuretico Idroclorotiazide & Rischio di carcinoma cutaneo non-melanoma. Il rischio è dose-dipendente

Rischio di tumori cutanei non-melanoma con il diuretico Idroclorotiazide

Studi farmacoepidemiologici hanno evidenziato un aumento del rischio di tumore cutaneo non-melanoma ( TCNM ) ( carcinoma a cellule basali, carcinoma a cellule squamose ) con esposizione a dosi cumulat …

Diabete mellito

Dapagliflozin abbassa i tassi di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca nei pazienti ad alto rischio affetti da diabete mellito di tipo 2

Dapagliflozin ( Forxiga ) somministrato una volta al giorno a una singola dose da 10 mg, non è risultato associato a una maggiore o minore frequenza di eventi avversi cardiovascolari maggiori ( MACE ) …

EMPA-HEART: Empagliflozin riduce la massa ventricolare sinistra

Dallo studio EMPA-HEART il trattamento dei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e anamnesi di malattia coronarica stabile, con Empagliflozin ( Jardiance ), un inibitore del co-trasportatore di sodio …

Fibrillazione atriale

Fibrillazione atriale non-valvolare: Rivaroxaban presenta un profilo rischio-beneficio a 2 anni migliore rispetto agli antagonisti della vitamina K

Rivaroxaban ( Xarelto ) ha un profilo rischio-beneficio migliore rispetto agli antagonisti della vitamina K ( VKA ) nei pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare nell’arco di 2 anni. I ricer …

Infarto miocardico

Canakinumab riduce le ospedalizzazioni per insufficienza cardiaca nei pazienti con un precedente infarto miocardico: beneficio dose-dipendente

Il trattamento con Canakinumab, un anticorpo monoclonale diretto contro l’interleuchina-1beta [ IL-1beta ] ), dei pazienti con un precedente infarto miocardico ed elevati livelli di proteina C-reattiv …

Insufficienza cardiaca

PIONEER-HF: la combinazione di Sacubitril e Valsartan superiore a Enalapril nell’insufficienza cardiaca acuta scompensata

I pazienti con insufficienza cardiaca acuta scompensata hanno presentato una maggiore riduzione del frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B ( NT-proBNP ) quando assegnati alla comb …

 Prevenzione cardiovascolare

Prevenzione primaria con Acidi grassi Omega-3 marini: nessuna riduzione del rischio di eventi avversi cardiovascolari maggiori

La supplementazione con Acidi grassi Omega-3 marini non è risultata associata a una ridotta probabilità di eventi avversi cardiovascolari maggiori ( MACE ) o cancro invasivo rispetto al placebo. I …

Cardiologia.net

Empagliflozin in donne con diabete mellito di tipo 2 e malattie cardiovascolari: analisi di EMPA-REG OUTCOME

L’epidemia globale di diabete mellito di tipo 2 colpisce allo stesso modo donne e uomini; tuttavia, l’impatto relativo sul sistema cardiovascolare…

Intervento coronarico percutaneo e terapia antipiastrinica nei pazienti con fibrillazione atriale in trattamento con Apixaban o Warfarin: studio ARISTOTLE

Sono stati valutati l’uso e gli esiti della terapia antipiastrinica in pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI )…

Edoxaban per il trattamento del tromboembolismo venoso associato al cancro

L’Eparina a basso peso molecolare è il trattamento standard per il tromboembolismo venoso associato al cancro. Il ruolo del trattamento…

 

Tumori Newsletter

OncoBase
Oncologia Updates !
 –
L’Opinione dell’Esperto
OncoDermatologia

Pembrolizumab riduce del 43% il rischio di recidiva o di mortalità dopo resezione del melanoma in stadio III

Pembrolizumab ( Keytruda ), terapia immuno-oncologica anti-PD-1, riduce del 43% il rischio di recidiva o morte dopo resezione chirurgica del melanoma ad alto rischio in stadio stadio III. Nel corso …

OncoUrologia

Carcinoma a cellule renali in stadio avanzato: risultati promettenti dalla terapia di associazione Axitinib più Pembrolizumab

Uno studio in fase 1b in corso ha mostrato che la terapia di associazione con Axitinib più Pembrolizumab è risultata promettente e tollerabile nei pazienti con carcinoma a cellule renali in fase avanz …

Focus: American Association for Cancer Research ( AACR ) Annual Meeting

Atezolizumab più chemioterapia migliora la sopravvivenza libera da progressione nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule

L’aggiunta di Atezolizumab ( Tecentriq ) a Bevacizumab ( Avastin ) più chemioterapia ha esteso la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCL …

Nivolumab conferisce un significativo beneficio di sopravvivenza globale nel carcinoma a cellule squamose del testa-collo recidivato o metastatico

Nivolumab ( Opdivo ) ha continuato a conferire un significativo beneficio di sopravvivenza globale rispetto alla scelta terapeutica dello sperimentatore tra i pazienti con carcinoma a cellule squamose …

L’immunoterapia oncologica è sicura nei pazienti con malattie reumatiche

Meno del 40% dei pazienti con malattie reumatiche che hanno ricevuto le moderne immunoterapie antitumorali hanno manifestato una riacutizzazione o qualsiasi altro effetto avverso immuno-correlato alla …

Lorlatinib mostra attività antitumorale nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule positivo per ALK

Lorlatinib ha mostrato attività antitumorale tra i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) e mutazioni del dominio chinasico ALK. Lorlatinib è un inibitore delle tirosin-ch …

ALERT Farmaci by Xagena

Farmaci.net
ALERT Farmaci !
Top News / Rischio di cancro al polmone con gli Ace inibitori, farmaci per l’ipertensione ?

Inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina e rischio di cancro ai polmoni

Lo scopo di uno studio di coorte basato sulla popolazione è stato quello di determinare se l’uso di inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina ( ACEI ), confrontato con l’uso di bloccanti …

Cardiologia

Lixisenatide riduce il rischio di macroalbuminuria nei pazienti con sindrome coronarica acuta e con diabete mellito di tipo 2

Uno studio ha mostrato che nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e sindrome coronarica acuta, Lixisenatide può rallentare o prevenire danni ai reni. E’ stato condotto uno studio randomizzato i …

Farmacovigilanza

L’anticoncezionale Drospirenone può prolungare l’intervallo QT corretto

Quando combinato con Sotalolo ( Sotalex ), il contraccettivo orale Drospirenone ( Yasmin, Yasminelle, Yaz ) è risultato associato a prolungamento di QTc, un marcatore della torsione di punta. Le do …

Nefrologia

Inibitori della pompa protonica associati a frattura dell’anca nei pazienti in emodialisi

Uno studio ha mostrato che l’assunzione di inibitori della pompa protonica può aumentare il rischio di frattura dell’anca nei pazienti con malattia renale all’ultimo stadio sottoposti a emodialisi. …

Neurologia

Prasinezumab, l’anticorpo monoclonale anti-alfa-sinucleina mostra sicurezza e tollerabilità nella malattia di Parkinson

In uno studio, Prasinezumab, un anticorpo monoclonale anti-alfa-sinucleina, ha dimostrato sicurezza e tollerabilità accettabili in pazienti con malattia di Parkinson. Un totale di 80 pazienti …

Fremanezumab può aiutare a ridurre l’abuso di farmaci nell’emicrania cronica

Il trattamento con Fremanezumab può aiutare a ridurre l’uso eccessivo di farmaci e il numero di giorni di uso acuto di farmaci in soggetti con emicrania cronica, secondo una ricerca presentata all’Ame …

Eptinezumab può fornire una riduzione rapida ed efficace dei giorni di emicrania mensili

Eptinezumab può essere una opzione rapida ed efficace per la prevenzione dell’emicrania cronica, secondo i risultati dello studio PROMISE-2. Eptinezumab, un anticorpo monoclonale umanizzato contro …

Oncologia

Efficacia di Osimertinib nelle metastasi del sistema nervoso centrale nel carcinoma del polmone non-a-piccole cellule

Uno studio ha mostrato che Osimertinib ( Tagrisso ) può essere più efficace contro le metastasi del sistema nervoso centrale ( SNC ) tra i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCL …

Alpelisib, un inibitore PI3K alfa-specifico, ha incontrato l’endpoint primario nel carcinoma mammario HR+/ HER2- avanzato con mutazione PIK3CA

Sono stati presentati i risultati dello studio di fase III SOLAR-1 che ha valutato l’inibitore PI3K alfa-specifico Alpelisib ( BYL719 ) che ha raggiunto l’endpoint primario, mostrando un miglioramento …

Pembrolizumab in combinazione con Axitinib migliora significativamente la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione come terapia di prima linea per il carcinoma a cellule renali avanzato o metastatico

Lo studio pivotale di fase 3 KEYNOTE-426 che sta studiando Pembrolizumab ( Keytruda ), una terapia anti-PD-1, in combinazione con Axitinib ( Inlyta ), un inibitore della tirosin-chinasi, ha raggiunto …

Pembrolizumab, alto tasso di risposta completa nei pazienti con carcinoma della vescica non-muscolo-invasivo ad alto rischio non-responder allo standard di cura

Sono stati presentati i risultati di una analisi ad interim di KEYNOTE-057, uno studio di fase 2 che sta valutando Pembrolizumab ( Keytruda ), una terapia anti-PD-1, nei pazienti precedentemente tratt …

Reumatologia

L’Allopurinolo riduce il rischio di declino della funzione renale nei pazienti con gotta

Tra i pazienti con gotta, il trattamento con almeno 300 mg di Allopurinolo al giorno è risultato associato a un rischio ridotto del 13% del declino della funzione renale. Non ci sono dati evidenti …

FarmaExplorer

Durvalumab dopo chemioradioterapia nel tumore polmonare non-a-piccole cellule in stadio III

La maggior parte dei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) localmente avanzato non-resecabile ha progressione della malattia…

Effetto di Secukinumab sull’attività clinica e sul carico patologico della psoriasi ungueale: risultati dello studio TRANSFIGURE a 32 settimane

La psoriasi ungueale è associata a menomazione funzionale, dolore e ridotta qualità di vita. L’obiettivo di uno studio è stato…

Artrite reumatoide attiva: il trattamento a lungo termine con Baricitinib risulta ben tollerato

Nonostante un elevato rischio di infezione, in particolare per l’herpes zoster, Baricitinib ( Olumiant ) è risultato, in generale, ben…

ALERT Cardiologia by Xagena !

Cardiologia.net
Cardiologia Update !
Diabete & Rischio cardiovascolare: ACC Expert Consensus Decision Pathway

2018 ACC Expert Consensus Decision Pathway sulle nuove terapie per la riduzione del rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete di tipo 2 e malattia cardiovascolare aterosclerotica

La maggior parte della morbilità e della mortalità nel diabete mellito di tipo 2 derivano da eventi macrovascolari; pertanto, i …

Leggi articolo

Diabete & Scompenso cardiaco: le gliflozine riducono il ricovero per scompenso cardiaco

Lo studio EMPA-REG OUTCOME con Empagliflozin è stato il primo a dimostrare significativi benefici cardioprotettivi nei pazienti con diabete. L’elevata riduzione del 35% delle ospedalizzazioni per insufficienza cardiaca ha attirato l’attenzione della comunità scientifica sulla possibilità che l’inibizione farmacologica del cotrasportatore di sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT2 ) potrebbe essere parte dell’armamentario per il trattamento di pazienti con scompenso cardiaco, con e senza diabete. I dati CANVAS Program ( Canagliflozin ) e i dati di vita reale dallo studio CVD-Real ( Dapagliflozin, Empagliflozin e Canagliflozin ) hanno ulteriormente rafforzato questa ipotesi, suggerendo che il beneficio osservato non è limitato a un particolare farmaco, ma piuttosto è un un effetto di classe terapeutica. ( Heart Fail Rev 2018 )

Diabete mellito di tipo 2: Empagliflozin, un inibitore SGLT2, riduce il rischio di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca

I risultati iniziali di efficacia dello studio real life EMPRISE ( EMPagliflozin compaRative effectIveness and SafEty ), condotto negli Stati Uniti, hanno dimostrato che Empagliflozin ( Jardiance ) è …

EMPA-HEART: Empagliflozin riduce la massa ventricolare sinistra

Dallo studio EMPA-HEART il trattamento dei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e anamnesi di malattia coronarica stabile, con Empagliflozin ( Jardiance ), un inibitore del co-trasportatore di sodio … 

Artrite reumatoide & Cuore

Alta incidenza di infiammazione miocardica subclinica nell’artrite reumatoide

L’infiammazione miocardica subclinica si verifica frequentemente nell’artrite reumatoide; è associata all’attività di malattia e potrebbe potenzialmente essere alleviata trattando l’artrite reumatoide …

Cefalea & Aritmie

L’emicrania con aura associata ad aumentato rischio di fibrillazione atriale

L’emicrania con aura visiva sembra aumentare il rischio di fibrillazione atriale incidente, una connessione che può mettere questa popolazione di pazienti ad aumentato rischio di ictus ischemico. E …

Diabete & Eventi cardiovascolari

Liraglutide riduce significativamente i principali eventi avversi cardiovascolari negli anziani con diabete di tipo 2

Da uno studio è emerso che i pazienti più anziani trattati con Liraglutide ( Victoza ) hanno dimostrato un rischio significativamente ridotto per i principali eventi avversi cardiovascolari e la morte …

Insufficienza cardiaca & NT-proBNP

Insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione: la terapia guidata da NT-proBNP più costosa e non-superiore all’approccio standard

Uno studio ha rilevato che la strategia di trattamento guidata dal frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B ( NT-proBNP ) è più costosa e non è superiore all’approccio terapeutico s …

FARMACOVIGILANZA – Diuretico Idroclorotiazide & Rischio di carcinoma cutaneo non-melanoma. Il rischio è dose-dipendente

Rischio di tumori cutanei non-melanoma con il diuretico Idroclorotiazide

Studi farmacoepidemiologici hanno evidenziato un aumento del rischio di tumore cutaneo non-melanoma ( TCNM ) ( carcinoma a cellule basali, carcinoma a cellule squamose ) con esposizione a dosi cumulat …

cropped-MediExplorer.it_-1.png

DECLARE-TIMI 58: più basso tasso di ospedalizzazioni per insufficienza cardiaca con Dapagliflozin nei pazienti affetti da diabete mellito di tipo 2

Nello studio DECLARE-TIMI 58 i pazienti con diabete mellito di tipo 2 che avevano o erano a rischio di malattia…

Fibrillazione atriale non-valvolare: Rivaroxaban presenta un profilo rischio-beneficio a 2 anni migliore rispetto agli antagonisti della vitamina K

Rivaroxaban ( Xarelto ) ha un profilo rischio-beneficio migliore rispetto agli antagonisti della vitamina K ( VKA ) nei pazienti…

Benefici dalla dose di carico di Atorvastatina prima dell’intervento coronarico percutaneo nei pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento ST

In una analisi secondaria dello studio SECURE-PCI, una dose di carico periprocedurale di Atorvastatina ( Lipitor, Torvast ) ha ridotto…

 

Ginecologia Newsletter by Xagena

ginecologianet
ALERT Ginecologia !
Top News / Tumore all’ovaio

“I risultati dello studio SOLO 1 sono eccezionali in un contesto di peggioramento della malattia. Olaparib si è dimostrato non solo efficace, ma anche ben tollerato. I risultati promettono di cambiare la pratica in questo sottogruppo di pazienti portatrici di mutazioni BRCA”  Isabelle Ray-Coquard, dell’Université Claude Bernard Lyon Est, Lione, Francia

Studio SOLO-1: la terapia di mantenimento con Olaparib riduce il rischio di progressione della malattia o decesso del 70% nei pazienti con tumore all’ovaio di nuova diagnosi e avanzato, BRCA-mutato

Sono stati presentati i risultati dello studio di fase III SOLO-1 che hanno valutato le compresse di Olaparib ( Lynparza ) come trattamento di mantenimento per le pazienti con carcinoma all’ovaio con …

News

Il testosterone alla base del rischio cardiovascolare nelle donne in postmenopausa

Il rapporto testosterone / estradiolo nelle donne in postmenopausa è risultato associato a un maggior rischio di infarto miocardico, ictus e insufficienza cardiaca nell’arco di 12 anni. E’ anche emer …

La FDA ha approvato Orilissa, un antagonista GnRH, nel trattamento del dolore moderato-grave associato all’endometriosi

L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato il primo antagonista dell’ormone che rilascia la gonadotropina ( GnRH ), da assumersi per via orale, indicato …

Storia familiare di cancro al seno e rischio di cancro al seno controlaterale nelle giovani donne

Lo studio WECARE ( Women’s Environmental Cancer and Radiation Epidemiology ) ha dimostrato l’importanza della storia familiare di cancro al seno sul rischio di cancro al seno controlaterale, anche per …

Ribociclib più terapia endocrina per donne in pre-menopausa con cancro al seno avanzato positivo ai recettori ormonali: studio MONALEESA-7

In MONALEESA-2, Ribociclib ( Kisqali ) più Letrozolo ( Femara ) ha mostrato una sopravvivenza libera da progressione migliore rispetto alla monoterapia con Letrozolo come trattamento di prim …

cropped-MediExplorer.it_-1.png

Prevalenza di disfunzione sessuale femminile e fattori associati nelle donne con endometriosi

Il problema della funzione sessuale femminile è spesso trascurato nelle donne con endometriosi, specialmente in Cina. Uno studio ha valutato la prevalenza di disfunzione sessuale femminile e i fattor …

Trattamento non-chirurgico del sanguinamento mestruale intenso

È stata confrontata l’efficacia dei trattamenti non-chirurgici nell’ambito dei sanguinamenti uterini anomali relativamente a controllo dell’emorragia, qualità di vita ( QOL ), dolore, salute sessuale, …

Una dieta a basso contenuto di grassi migliora la sopravvivenza nelle donne con cancro al seno

Una analisi secondaria di uno studio randomizzato ha evidenziato che le donne con diagnosi di tumore alla mammella che hanno assunto una dieta a basso contenuto di grassi hanno presentato una sopravvi …

Diabete di tipo 2 associato a rischio di carcinoma a cellule renali nelle donne

Il diabete mellito di tipo 2 appare associato a un aumentato rischio di carcinoma a cellule renali nelle donne, indipendentemente da altri fattori di rischio, come l’obesità e l’ipertensione. Una r …

Reumatologia Newsletter by Xagena

Reumatologia.net
ALERT Reumatologia !
Top News / Spondilite anchilosante & Rischio cardiovascolare

I pazienti con spondilite anchilosante presentano una più ridotta funzione del ventricolo sinistro

I pazienti con spondilite anchilosante hanno una più ridotta funzione sistolica del ventricolo sinistro, come determinato dallo strain longitudinale globale, indipendentemente dai fattori di rischio c …

Artrite psoriasica

Artrite psoriasica: attività di malattia più elevata a 6 mesi dopo il parto

Tra le donne con artrite psoriasica periferica durante e dopo la gravidanza, l’attività di malattia è risultata più alta a 6 mesi dopo il parto, ma in generale era bassa e stabile dalla pre-gravidanza …

Artrite reumatoide

Artrite reumatoide attiva: il trattamento a lungo termine con Baricitinib risulta ben tollerato

Nonostante un elevato rischio di infezione, in particolare per l’herpes zoster, Baricitinib ( Olumiant ) è risultato, in generale, ben tollerato tra i pazienti con artrite reumatoide attiva da moderat …

Gotta

Iperuricemia asintomatica associata a maggior rischio di gotta

L’iperuricemia asintomatica è comune tra gli individui sani di mezza età ed è associata a un aumentato rischio di gotta negli uomini e nelle donne. Si ritiene che dal 10 al 20% dei soggetti con ipe …

L’Allopurinolo riduce il rischio di declino della funzione renale nei pazienti con gotta

Tra i pazienti con gotta, il trattamento con almeno 300 mg di Allopurinolo al giorno è risultato associato a un rischio ridotto del 13% del declino della funzione renale. Non ci sono dati evidenti …

Farmaci anti-TNF

Nessun aumento del rischio di infezione dopo esposizione in utero ai farmaci anti-TNF-alfa

L’esposizione in utero al fattore di necrosi antitumorale ( TNF ) non sembra avere un impatto a lungo termine sullo sviluppo di un bambino, includendo il sistema immunitario e lo sviluppo psicomotorio …

ArtriteOnline.net

L’uso di farmaci biologici è correlato a ridotto rischio cardiovascolare nell’artrite infiammatoria

I pazienti con artrite infiammatoria che stanno attualmente utilizzando i farmaci biologici hanno un rischio significativamente ridotto di eventi cardiovascolari….

Paradosso del fumo nello sviluppo dell’artrite psoriasica tra i pazienti con psoriasi

Il fumo è associato a un aumentato rischio di artrite psoriasica ( PsA ) nella popolazione generale, ma non tra i…

Associazione tra spondilite anchilosante e parodontite cronica

La spondilite anchilosante è un tipo di malattia reumatica infiammatoria cronica. È stato suggerito che le malattie reumatiche possano avere…

Urologia & Nefrologia Newsletter by Xagena

UrologiaOnline.net
ALERT Nefro-Urologia !
Speciale Tumori genitourinari – Top News / Studio RESORT: carcinoma renale avanzato

RESORT è il primo studio indipendente al mondo che ha fornito informazioni sull’approccio multidisciplinare integrato ( chirurgia più terapia farmacologica ) nella fase avanzata del carcinoma renale.  E’ stato presentato al Congresso dell’American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) ed è uno studio tutto italiano coordinato da Giuseppe Procopio, responsabile dell’Oncologia Medica genitourinaria dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano.  L’obiettivo dello studio era quello di verificare se una terapia integrata potesse offrire vantaggi concreti ai pazienti favorendo la guarigione ed evitando un eccesso di trattamenti.

Congresso ASCO – Trattamento personalizzato per il tumore del rene in fase avanzata

Lo studio di fase II, RESORT, ha coinvolto 76 pazienti, arruolati da 12 Centri italiani, con carcinoma renale in fase avanzata precedentemente sottoposti a nefrectomia. Questi pazienti presentavano no …

Top News /Studio KEYNOTE-427: carcinoma renale a cellule chiare 

Congresso ASCO – Carcinoma renale a cellule chiare: il tasso di risposta globale è stato pari al 38.2% con Pembrolizumab in monoterapia in prima linea

I risultati di una analisi ad interim dalla Coorte A dello studio di fase II KEYNOTE-427 su 110 pazienti, che ha valutato Pembrolizumab ( Keytruda ), un inibitore del checkpoint immunitario PD-1, nel …

Focus – Tumore al rene avanzato: Cabozantinib come prima linea

Carcinoma a cellule renali avanzato, approvato nell’Unione Europea Cabometyx come prima linea

La Commissione europea ha approvato Cabometyx ( Cabozantinib ) per il trattamento di prima linea dei pazienti adulti con carcinoma a cellule renali ( RCC ) in fase avanzata a rischio intermedio o alto …

Focus: Tumori genitourinari

Congresso ASCO – Tumore alla prostata metastatico ad alto rischio: Abiraterone associato a terapia di deprivazione androgenica come trattamento di prima linea

Nei pazienti con una forma aggressiva di tumore alla prostata, ovvero ad alto rischio metastatico già al momento della diagnosi, l’aggiunta di Abiraterone ( Zytiga ) al trattamento ormonale standard …

Cancro del pene: ricostruzione totale del pene con un lembo di avanbraccio

Utilizzando un lembo dell’avambraccio sinistro è stato ricostruito totalmente il pene a un paziente di 40 anni, a cui era stato amputato per l’insorgenza di un tumore. L’intervento è stato eseguito p …

PET-PSMA per la diagnosi precoce delle recidive del tumore alla prostata

Il tumore alla prostata è la neoplasia più frequente negli uomini e solitamente risponde bene alle cure. Tuttavia, in una percentuale tra il 30 e il 40% dei casi, la malattia può ripresentarsi alcuni …

Nefrologia.net

Pembrolizumab estende la sopravvivenza nel cancro uroteliale ricorrente e avanzato

Uno studio di fase III ha mostrato che l’immunoterapico Pembrolizumab ( Keytruda ) ha significativamente prolungato la sopravvivenza globale mediana…

Cabozantinib come terapia di prima linea migliora la sopravvivenza libera da progressione nel carcinoma renale metastatico rispetto a Sunitinib

Cabozantinib ha significativamente esteso la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) rispetto a Sunitinib ( Sutent ) come terapia…

Enzalutamide migliora la qualità di vita negli uomini con carcinoma prostatico metastatico resistente a castrazione in progressione dopo precedente chemioterapia

Lo studio clinico randomizzato AFFIRM ha valutato le variazioni longitudinali nei punteggi FACT-P ( Functional Assessment of Cancer Therapy-Prostate )…

Diabete Newsletter by Xagena

DiabeteMellito.net
ALERT Diabete Mellito !
Diabete mellito di tipo 2: Nuove lineeguida

Trattamento del diabete di tipo 2: le nuove lineeguida EASD/ADA

Nel corso del Congresso EASD ( European Association for the Study of Diabetes ) di Berlino è stata presentata la versione definitiva degli statement di consenso EASD/ADA. Le novità più importanti d …

Prevenzione dello scompenso cardiaco nei pazienti con diabete: le gliflozine

Diabete mellito di tipo 2: Empagliflozin, un inibitore SGLT2, riduce il rischio di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca

I risultati iniziali di efficacia dello studio real life EMPRISE ( EMPagliflozin compaRative effectIveness and SafEty ), condotto negli Stati Uniti, hanno dimostrato che Empagliflozin ( Jardiance ) è …

EMPA-HEART: Empagliflozin riduce la massa ventricolare sinistra

Dallo studio EMPA-HEART il trattamento dei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e anamnesi di malattia coronarica stabile, con Empagliflozin ( Jardiance ), un inibitore del co-trasportatore di sodio …

Farmacovigilanza

L’Insulina basale, le sulfoniluree aumentano il rischio cardiovascolare nel diabete di tipo 2

Uno studio real-world ha mostrato che l’uso di Insulina basale o delle sulfoniluree come trattamento di seconda linea negli adulti con diabete mellito di tipo 2 è associato a un aumento del rischio ca …

News

Lixisenatide rallenta o previene i danni a livello renale nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattia cardiovascolare

Una nuova ricerca presentata al Meeting annuale dell’European Association for the Study of Diabetes ( EASD ) ha dimostrato come il farmaco ipoglicemizzante Lixisenatide ( Lyxumia ) sia in grado di ral …

Diabetologia.net

Alirocumab associato alle statine riduce gli eventi cardiaci nei pazienti con diabete mellito e sindrome coronarica acuta

In una nuova analisi dello studio ODYSSEY Outcomes, i pazienti con recente sindrome coronarica acuta e diabete mellito hanno tratto…

Dapagliflozin abbassa i tassi di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca nei pazienti ad alto rischio affetti da diabete mellito di tipo 2

Dapagliflozin ( Forxiga ) somministrato una volta al giorno a una singola dose da 10 mg, non è risultato associato…

Impiego dei beta-bloccanti negli anziani con diabete mellito dopo infarto miocardico

Uno studio ha dimostrato che i beta-bloccanti come Carvedilolo, Nebivololo e Labetalolo sono associati a un minor numero di ospedalizzazioni…

Oncologia Newsletter by Xagena

OncologiaMedica.net
ALERT Oncologia !
Top News / Cancro alla prostata metastatico

L’aggiunta di Apalutamide alla terapia di deprivazione androgenica prolunga la sopravvivenza nel carcinoma della prostata metastatico

Uno studio randomizzato di fase 3 progettato per valutare l’aggiunta di Apalutamide ( Erleada ) alla terapia di deprivazione androgenica per gli uomini con carcinoma alla prostata metastatico sensibil …

Carcinoma ovarico

Avelumab ha dimostrato attività antitumorale nel carcinoma ovarico

Avelumab ( Bavencio ) ha dimostrato attività antitumorale tra le pazienti pesantemente pretrattate con carcinoma all’ovaio recidivante o refrattario, secondo i risultati dello studio JAVELIN sui tumor …

Glioblastoma

Regorafenib conferisce un sostanziale vantaggio di sopravvivenza nel glioblastoma ricorrente

Regorafenib ( Stivarga ) ha conferito un beneficio di sopravvivenza globale ( OS ) rispetto alla Lomustina tra i pazienti con glioblastoma ricorrente, secondo uno studio randomizzato, in aperto di fas …

EMA

Vizimpro nel trattamento di prima linea dei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule localmente avanzato o metastatico, EGFR-mutato

Il Comitato scientifico, CHMP, dell’EMA ( European Medicines Agency ) ha espresso parere favorevole all’uso di Vizimpro ( Dacomitinib ) nel trattamento di prima linea dei pazienti con carcinoma polmon …

FDA

Keytruda per il carcinoma epatocellulare, approvato negli Stati Uniti

L’ FDA ( Food and Drug Administration ) ha concesso l’approvazione accelerata a Keytruda ( Pembrolizumab ) per i pazienti con carcinoma epatocellulare ( HCC ) precedentemente trattati con Sorafenib ( …

OncologiaOnline.net

Carcinoma a cellule renali non-trattato: la combinazione di Avelumab e Axitinib migliora la sopravvivenza libera da progressione

Una combinazione dell’inibitore del checkpoint immunitario, Avelumab ( Bavencio ), più l’inibitore della tirosin-chinasi ( TKI ), Axitinib ( Inlyta…

Analisi della qualità di vita correlata alla salute dallo studio KEYNOTE-045: Pembrolizumab versus chemioterapia per il cancro uroteliale avanzato precedentemente trattato

Nello studio KEYNOTE-045 di fase III, Pembrolizumab ( Keytruda ) ha significativamente prolungato la sopravvivenza globale rispetto alla scelta della…

Durvalumab dopo chemioradioterapia nel tumore polmonare non-a-piccole cellule in stadio III

La maggior parte dei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) localmente avanzato non-resecabile ha progressione della malattia…

 

Ictus Newsletter by Xagena

Ictus.net
ALERT Ictus !
Top News / Ictus ischemico  acuto

Alteplase non superiore all’Aspirina riguardo al miglioramento dell’esito funzionale a 90 giorni nell’ictus ischemico acuto

I risultati di uno studio hanno mostrato che il trattamento con Alteplase ( Activase, Actilyse ) in pazienti con ictus ischemico acuto con deficit minori non-invalidanti non è associato a una maggior …

News

La terapia combinata con Probucolo può prevenire eventi cardiovascolari nei pazienti con ictus a rischio di emorragia intracranica

Nei pazienti asiatici con ictus ischemico o attacco ischemico transitorio ( TIA ) con malattia dei piccoli vasi estesa, il Cilostazolo non è inferiore all’Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) nel …

Ictus: recupero del linguaggio mediante stimolazione transcutanea spinale a corrente diretta

Pensiamo e parliamo con il cervello, mentre il midollo spinale, l’altro componente del sistema nervoso centrale, è deputato al controllo di movimenti che vengono eseguiti senza pensarci, come camminar …

La combinazione Clopidogrel e Aspirina riduce l’incidenza di ictus, ma aumenta il rischio di emorragia cerebrale

Lo studio POINT ha mostrato che la combinazione di Clopidogrel ( Plavix ) e Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) può ridurre il rischio di eventi ischemici maggiori tra i pazienti con ictus ischemico m …

L’uso di statine può ridurre il rischio di fratture dopo l’ictus

Uno studio di popolazione condotto a Taiwan ha mostrato che gli adulti a cui è prescritta la terapia con statine dopo un ictus hanno meno probabilità di subire una frattura, rispetto ai pazienti che …

FarmaExplorer

L’uso della Marijuana appare associato a ictus e a insufficienza cardiaca

Un nuovo studio ha mostrato che gli adulti che fanno uso di Marijuana possono avere un aumentato rischio di ictus…

L’allattamento al seno potrebbe ridurre l’infarto miocardico e il rischio di ictus nelle madri

I benefici per la salute a breve e lungo termine dell’allattamento al seno sono noti, ma una ricerca ha dimostrato…

Fibrillazione atriale, i pazienti con diabete mellito che richiedono trattamento con Insulina presentano un aumentato rischio di ictus e di embolia sistemica

I pazienti con fibrillazione atriale affetti da diabete mellito che richiedono trattamento insulinico corrono un rischio maggiore di essere colpiti…

1 2 3 41