Community
 
goccedivani...
   
 
Creato da goccedivaniglia il 09/04/2006

Passione... Arte

Atmosfere intense, un connubio molto emozionale d'arte, letteratura, musica, poesia, sogni. Momenti di malinconia si mescolano con attimi di profonda passione

 

Messaggi di Maggio 2006

Riflessione

Post n°56 pubblicato il 31 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 

Vortice di parole, bisogno di riversare fiumi di emozioni per liberarsi da un torto subito. Ci offusca la mente, ci impedisce di analizzare e vedere obiettivamente quanto male possiamo fare e quanto spietati siamo portati ad essere, per umiliare e ferire la sensibilità altrui. Ognuno con le proprie motivazioni e ragioni, che portano a difendere se stessi, attaccando ripetutamente coloro che riteniamo essere artefici del nostro dolore.
Perché tutto quest'odio, perché non riusciamo a sorvolare il male che ci viene fatto, perchè abbiamo bisogno di vendetta?
Farsi scivolare tutto addosso a volte sembra più facile ma l'orgoglio impedisce di metterci da parte, facendoci diventare spietati. Ma che diritto abbiamo di offendere e ferire coloro che ci hanno regalato almeno un sorriso, quando non sono più in grado di poterlo fare?

 
 
 

Dedicato al dolcissimo guardiano

Post n°55 pubblicato il 29 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 
Foto di goccedivaniglia

Dal momento in cui ho scoperto il *mondo del Blog*, _trovando un compagno di viaggio, che mi ha allungato una mano, per accompagnarmi durante i miei primi timidi tentativi di comunicare con questo mezzo_ non sono più riuscita a separarmene. Ti ringrazio molto della tua dolce compagnia, delle tue belle parole, che mi fanno riflettere e mi emozionano, accrescono la mia curiosità e la mia voglia di conoscenza, perché trovare persone speciali che danno senza chiedere nulla in cambio è rarissimo, e rappresenta una piccola grande conquista e una fortuna immensa, per chi ha la sensibilità di cogliere quello che sai donare.

Da goccedivaniglia

 
 
 

Giovanni Boldini

Post n°54 pubblicato il 28 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 
Tag: Arte

Nudo sdraiato


I nudi di Boldini: corpi pervasi di erotismo, attraverso posizioni del corpo femminile composte. Ci viene quasi di pensare che Boldini  fantasiosamente  abbia spogliato  quelle signore dell'alta borghesia, che si facevano ritrarre da lui coperte di sontuosi vestiti. Gli sfondi sfumati e fumosi mettono in risalto le rotondità delle forme femminili, scoperte da un occhio indiscreto e non visto, che non turba la loro naturalezza.

 
 
 

  X-Men: Conflitto finale

Post n°53 pubblicato il 27 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 

Wolverine, il cui vero nome è James Howlett, detto Logan, è uno dei personaggi del Marvel Universe più amati.

Logan è uno dei cosiddetti Mutanti ed un X-Man, fornito dal gene X (la modifica del DNA che fa nascere una persona nell' Universo Marvel già dotata, potenzialmente, di superpoteri, che solitamente si sviluppano durante la pubertà) di poteri rigenerativi, sia fisici che mentali, di sensi e istinti animali acutissimi, di agilità animalesca, di tre artigli ossei che può estrarre a comando dal dorso di ogni mano e che, come tutto il suo scheletro, sono stati ricoperti di adamantio che li rende e lo rende virtualmente indistruttibile.

http://www.x-menthelaststand.com

 
 
 

Vedo ancora tutto GRIGIO?

Post n°52 pubblicato il 26 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 

IL PESSIMISMO LEOPARDIANO 

Gli studiosi hanno distinto tre fasi del pessimismo leopardiano: una fase di "pessimismo storico" , una di "pessimismo psicologico" e una di "pessimismo cosmico" .

Il "Pessimismo Psicologico" si basa sulla "Teoria del Piacere"

Partendo dalla riflessione sull'infelicità, elabora la "Teoria del Piacere" che diventa il cardine del suo pensiero: secondo questa teoria, "l'amor proprio" porta l'individuo ad una richiesta di piacere infinito per intensità e per estensione; poiché questa richiesta non potrà mai essere soddisfatta interamente, l'individuo, anche nel momento di maggior piacere, continuerà a sentire l'assillo del desiderio non colmato. Questo assillo è di per sè patimento, sicché l'individuo, anche quando non soffre di mali materiali, è in stato di sofferenza per la sua stessa richiesta inappagata. Questo tipo di pessimismo è ben più radicale del pessimismo storico, perché l'infelicità non è un dato occasionale, ma ormai è una costante della condizione umana.

 
 
 

Giorgio de Chirico Hector and Andromache 1917 Oil on canvas Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Rome

Post n°51 pubblicato il 23 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 

La Superficialità delle persone mi spaventa, la maniera poco elegante di defilarsi è unica nel suo genere, ma ci si deve confrontare spesso e volentieri; persone stupide che cadono nella totale contraddizione prima attratti da non si sa bene cosa e chi, poi liquidandoti con un "non è scattato il colpo di fulmine" quando non fanno altro che ripetere, PRIMA,  che credono nella"conoscenza"
Ridicole persone, sciocche persone, inaffidabili, inutili, finte!
Finito lo SFOGO
Chiusa parentesi.
Forse mi pentirò di ciò che ho scritto, ma chi se ne frega, è uno sfogo, un'emozione che deve uscire, svanire, scivolare via, cancellare i ricordi, piccolissimi ricordi.


 
 
 

Occhi

Post n°50 pubblicato il 23 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 
Foto di goccedivaniglia

 
 
 

Il Week End

Post n°49 pubblicato il 22 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 
Tag: Svago
Foto di goccedivaniglia

Dozza, veduta

vedi argomento *I Luoghi dell'Arte*

 
 
 

Il week end

Post n°48 pubblicato il 22 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 
Tag: Svago
Foto di goccedivaniglia

Dozza, Murales

 
 
 

Il week end

Post n°47 pubblicato il 21 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 
Tag: Svago
Foto di goccedivaniglia

Casola Valsenio (Ravenna)

Si arriva a Casola Valsenio risalendo la Valle del Senio, tra dolci colline lavorate in ordinati filari di viti. E subito ci si trova immersi in un'atmosfera calda e riposante...

La zona è particolarmente ricca di sentieri favorevoli per passeggiate ed escursioni a cavallo, a piedi o in mountain bike.
Il fiume Senio da cui la vallata prende il nome,  permette in vari punti di pescare e rilassarsi.

 
 
 

Per noia o per passione...

Post n°46 pubblicato il 20 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 
Foto di goccedivaniglia

Questa sera me ne sto a casa a riposare. Ieri ho avuto una giornata, definirei, carica di stimoli....

Me ne son capitate di cotte e di crude...

Per fortuna esistono gli angeli, sempre pronti a dare un aiuto quando le difficoltà sembrano diventare soffocanti, e questa mattina, ho sentito forte la presenza del BENE ma anche del MALE, che come due masse di acqua si scontravano creando vortici capaci di inghiottire qualsiasi cosa.

Adesso un senso di rilassatezza mi sta abbracciando, e spero che la notte sia rigeneratrice.

Buonanotte amici che leggete.

 
 
 

La Foto

Post n°45 pubblicato il 18 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 

Anche questa ha un effetto "seppia"

posso fare molteplici effetti... che spasso

 
 
 

Trovate che mi somigli?

Post n°44 pubblicato il 18 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 
Tag: Svago

E' un effetto creato dal mio gioiellino... la digitale. Vediamo come verrà la risoluzione sul blog, certo che 50 kb sono pochini, però questo passa il convento :) 

Dolce notte a tutti

 
 
 

Antonello da Messina

Post n°43 pubblicato il 16 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 

Ritratto d'uomo Londra

Antonello da Messina Nacque a Messina nel 1425-30 circa.
Il suo primo apprendistato si svolse probabilmente tra la natia Messina e Palermo. Si formò alla bottega del Colantonio a Napoli al tempo di Alfonso I che accoglieva artisti di varie provenienze soprattutto dalle Fiandre. Antonello da Messina si può definire uno dei più grandi pittori rinascimentali dell'Italia meridionale ed esponente della pittura fiamminga in Italia. Fonde insieme la cultura luministico-atmosferica fiamminga e la cultura prospettico-monumentale italiana. Compì numerosi viaggi fu a Venezia, Milano, in Provenza, a Roma.
Tra il 1460 e il 1465 lo troviamo a Messina, la sua pittura in questo periodo è caratterizzato dalla presenza di elementi fiamminghi e provenzali per esempio nel San Girolamo penitente che si trova al museo nazionale di Reggio Calabria e nel Ritratto virile del museo di Cefalù.
Dopo questo periodo, per circa cinque anni, compì altri viaggi di aggiornamento come dimostrano le opere che realizzò: il Salvator Mundi che si trova a Londra nel quale ci appare la conoscenza delle opere di Piero della Francesca sia nel senso volumetrico che nella semplificazione geometrica delle forme, senza rinunciare al colorismo tipicamente fiammingo. Sintesi perfetta del gusto per il particolare tipicamente fiammingo e di impianto spaziale pierfrancescano è la Madonna col Bambino della National Gallery di Washington.
Ritornato a Messina eseguì numerose altre opere come il Politico di San Gregorio conservato al museo di Messina, l'Annunciazione oggi in cattivo stato di conservazione e il San Girolamo nello studio. Una delle opere più famose di Antonello è l'Annunciata la cui datazione è incerta ma che sembra posteriore al suo viaggio di Venezia effettuato nel 1475 dove seguì alcune opere come il San Sebastiano forse facente parte del trittico di San Rocco nella chiesa di San Giuliano. Ancora abbiamo la Pala di San Cassiano che oggi si trova a Vienna e che servì da modello ad altri artisti che dipinsero lo stesso soggetto. La Pietà del Museo Correr di Venezia risulta essere il punto d'arrivo della sua ricerca sul rapporto luce ombra, infatti il corpo di Cristo si viene a comporre grazie alla luce mentre il fondo rimane in ombra.

Nel 1476 Antonello ritornò a Messina dove restò fino alla morte che sopraggiunse tre anni dopo.  Nel suo testamento chiese di essere sepolto in un saio monacale. Divise la sua eredità in modo equo tra moglie e figli. La sua tomba è stata individuata a Messina nei pressi del Viale Giostra (Ritiro) in un luogo non molto distante dalla Badiazza e precisamente nella Chiesa di Santa Maria di Gesù Superiore.

Non si formò nessuna scuola di pittori dall'eredità della sua pittura, in parte Marco Costanzo capì la sua rivoluzione, ma in Sicilia rimase un caso isolato. Diversamente successe a Venezia dove da Giovanni Bellini in poi i suoi modi pittorici furono pienamente assimilati.

 
 
 

Amici del Blog

Post n°42 pubblicato il 16 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 

Augurandovi la Buonanotte

Il sottofondo è "Rock your soul"

di Elisa (Lotus) 

Un posto reale fatto di sogni, ricordi, pensieri ed emozioni.

 http://www.elisalotus.it/ 

Vi regalo una mia immagine

 
 
 

Tamara de Lempicka

Post n°41 pubblicato il 14 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 

Tamara Gorska, in arte De Lempicka (dal cognome del marito Lempicki), famosa ai suoi tempi più per la sua mondanità che per la sua pittura, nasce il 16 maggio del 1898 a Varsavia. Nel 1911 compie un importante viaggio in Italia insieme alla nonna materna, durante il quale scopre la sua passione per l'arte. Nel 1914, disobbedendo alla volontà dei genitori, interrompe gli studi e si trasferisce a San Pietroburgo, presso la zia Stefa Jansen.

Durante una festa conosce il giovane avvocato Tadeusz Lempicki e se ne innamora. I due si sposano nel 1916, poco prima dello scoppio della rivoluzione russa. L'anno seguente il marito è arrestato per la sua militanza nelle file controrivoluzionarie ma, grazie alle relazioni della moglie, viene presto liberato. I due si trasferiscono a Copenaghen, dove già si trovano i genitori di Tamara, e da lì giungono a Parigi. Nel 1920, poco dopo la nascita della figlia Kizette, Tamara decide di dedicarsi alla pittura e inizia a frequentare l'Académie de la Grande Chaumière, poi prende lezioni da Maurice Denis e André Lhote.

Nel 1922 partecipa al Salon d'Automne. Dopo questa sua prima apparizione, la pittrice continua a esporre a Parigi fino alla seconda metà degli anni Trenta. Nel 1925 Tamara parte con la madre e la figlia per l'Italia per studiare i classici. A Milano conosce il conte Emanuele Castelbarco, proprietario della galleria d'arte Bottega di poesia, che le organizza la sua prima mostra personale. Durante la sua permanenza in Italia conosce Gabriele
D'Annunzio, del quale desidera fare un ritratto. Negli anni seguenti, divenuta pittrice di successo, intensifica la sua partecipazione a mostre ed esposizioni parigine.



Nel 1928 divorzia dal marito e ben presto si lega al barone Kuffner, che sposerà nel 1933. In seguito a una profonda crisi esistenziale, l'artista comincia a dipingere soggetti di contenuto pietistico e umanitario. Amò però anche molto ritrarre se stessa, come nel celebre "Autoritratto" del 1925 in cui si rappresentò, bella, seducente, ricca e annoiata, a bordo di una lussuosa Bugatti verde, in perfetto stile ruggenti anni Venti, simile al personaggio di Daisy creato dalla fantasia dello scrittore americano F. S. Fitzgerald nel "Grande Gatsby".

Nell'estate del 1939 i coniugi Kuffner partono per New York, dove Tamara organizza una personale alla galleria di Paul Reinhardt. Nonostante i suoi numerosi impegni umanitari, la pittrice continua ad allestire mostre a New York, Los Angeles e San Francisco. Dopo un lungo periodo di silenzio, nel 1957 presenta le sue nuove opere a Roma alla Galleria Sagittarius.

L'artista realizza in questi anni una serie di composizioni astratte, cui fanno seguito dei dipinti a spatola che non incontrano il consenso della critica. La mostra, allestita nel 1962, alla Galleria Jolas di New York è un fallimento. Dopo la morte del marito, avvenuta nel novembre di quell'anno, Tamara lascia New York e si trasferisce a Houston, dove vive la figlia Kizette. Nel 1969 torna a Parigi e riprende a dipingere. Una grande mostra antologica, organizzata presso la Galerie du Luxembourg (1972), riporta al successo l'anziana pittrice. Nel 1978 Tamara si trasferisce in Messico, a Cuernavaca, dove muore il 18 marzo 1980. Secondo le sue volontà testamentarie, le sue ceneri vengono sparse sul cratere del vulcano Popocatépetl.

Da Wikipedia

 
 
 

"Particolare" Bacco di Caravaggio

Post n°40 pubblicato il 13 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 
Foto di goccedivaniglia

Ancora in fase di esecuzione,  devo terminare quest'opera, ma troppe distrazioni ultimamente... tutta colpa della fotocamera digitale, mia grande passione, del pc, del web, ma comunicare è indispensabile ed è difficile rinunciare.


 
 
 

I Falsi d'Autore

Post n°39 pubblicato il 13 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 
Foto di goccedivaniglia

Questa è una copia! E se ne sta in bella mostra nel mio salotto, che soddisfazione!!!
Adoro questo quadro di Tamara De Lempicka, vorrei riuscire a riprodurre tutte le opere di questa grande artista.

 
 
 

Una serata entusiasmante

Post n°38 pubblicato il 13 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 
Tag: Svago

Finalmente ieri sera ho rivisto tutte le mie più care amiche ed è stata una delle più belle serate trascorse recentemente, abbiamo riso a crepapelle... Vi voglio tanto bene ragazze, e sarete sempre nel mio cuore

 

 
 
 

Kahlil Gibran – "Amico mio"

Post n°37 pubblicato il 09 Maggio 2006 da goccedivaniglia
 

Amico mio, io non sono ciò che sembro.
L'apparenza è come un abito che indosso,
un abito che protegge me dai tuoi interrogativi
e te dalle mie negligenze.
Amico mio, l'io dimora in me nella casa del silenzio
e lì rimarrà per sempre,
impercettibile e inavvicinabile.

Non voglio che tu creda ciecamente in ciò
che dico o faccio, le mie parole e le mie azioni infatti
non sono altro che i tuoi pensieri e le tue speranze resi tangibili.
Quando tu dici "Il vento spira verso est",
io confermo "Sì, spira proprio in quella direzione";
perché non voglio che tu sappia che la mia mente
non dimora nel vento ma nel mare.

Tu non puoi capire i miei pensieri
trasportati dalle onde, né voglio che tu lo faccia.
Preferisco navigare da solo.
Quando da te è giorno, da me è notte;
e pure descrivo il mezzogiorno che danza sulle colline e
la furtiva ombra purpurea che attraversa la valle;
perché tu non puoi udire il canto della mia oscurità
né vedere il battito delle mie ali contro le stelle;
del resto, meglio così.

Rimarrò solo con la mia notte.
Quando tu ascendi al Paradiso,
io scendo dall'inferno;
e quando, dalla riva opposta del golfo che ci separa,
mi chiami: "compagno, amico",
a mia volta ti chiamo "compagno, amico"
poiché non voglio che tu veda il mio Inferno.

La fiamma ti brucerebbe gli occhi
e il fumo ti invaderebbe le narici.
E io amo troppo il mio Inferno per fartelo visitare.
Resterò all'Inferno da solo.
Tu ami la Verità,
la Bellezza,
la Giustizia
e io per amor tuo dico che amare è giusto e decoroso,
anche se dentro di me rido del tuo amore.

Ma non voglio che tu lo veda.
Riderò da solo.
Amico mio, tu sei buono, cauto e saggio,
certo, sei perfetto.
Anch'io, benché sia pazzo,
quando parlo con te lo faccio con saggezza e con cautela,
mascherando la mia pazzia.

Sarò pazzo da solo.
Amico o nemico che tu sia,
come posso farti capire?
Anche se camminiamo insieme,
mano nella mano, la mia strada non è la tua.

 

Di Kahlil Gibran

 
 
 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: goccedivaniglia
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 38
Prov: VE
 
 

MIEI DIPINTI AD OLIO

 

"High Summer" di Tamara De Lempicka, copia d'autore, realizzata nel 2007

"Green Turban" di Tamara De Lempicka, copia d'autore, realizzata nel 2006

"The Brilliance" di Tamara De Lempicka, copia d'autore, realizzata nel 2006

"Le cucitrici" di F. Botero copia d'autore, realizzata nel 2008

 
 

ULTIMI COMMENTI

Grazie!! :)
Inviato da: goccedivaniglia
il 30/07/2014 alle 19:15
 
Grazie!! :)
Inviato da: goccedivaniglia
il 30/07/2014 alle 19:15
 
Grazie a tutti, le opere sono realizzate con olio di gomito...
Inviato da: goccedivaniglia
il 30/07/2014 alle 19:07
 
complimenti per le opere d'arte....pensavo fosse fatte...
Inviato da: stella
il 30/07/2014 alle 19:02
 
Guarda in EQArte l'albun "coppie" e trovi il...
Inviato da: Pier Paolo Poggi
il 21/07/2014 alle 10:26
 
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARTE&DONNE

๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ 
  Tamara de Lempicka

immagine

๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ 
Frida Kahlo 

immagine

Video Frida kahlo

๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ 


๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ 

goccedivaniglia

Le Mie creazioni Equilibriarte

๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑

 

ARTE

Suggerisci La Mia Arte: preleva il banner copiandolo dall'iimmagine sotto 

Arte, che sia essa Poesia, Musica, Arte scenica, avendo in sé il suo pieno, peculiare e insostituibile valore, può allargare e approfondire la nostra comprensione della verità.

immagine

L'Arte è una manifestazione dell'uomo che deve parlare all'uomo, in quanto lui solo ha occhi per comprenderla.

L'Arte ti artiglia lo stomaco. L'Arte ti fa respirare a pieni polmoni. L'Arte produce una patina colorata tra le cui trame si intravede qualcosa di vivo.

immagine

L'Arte viene associata al divino perché la silenziosa esplosione al calor bianco che produce è talmente carica di significanti non-significati che la mente non comprende, e l'uomo medio quando non comprende divinizza o peggio ne viene spaventato e ne fugge.

immagine

L'Arte non è una linea tracciata dalla tecnica o dalla raffinatezza d'intenti, è piuttosto il lamento dell'animo.

 

 

Creative Commons License
Opera pubblicata sotto una

Licenza Creative Commons

Tu sei libero:

Alle seguenti condizioni:

  • Attribuzione. Devi attribuire la paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza.

  • Non commerciale. Non puoi usare quest'opera per fini commerciali.

  • Non opere derivate. Non puoi alterare o trasformare quest'opera, ne' usarla per crearne un'altra.

  • Ogni volta che usi o distribuisci quest'opera, devi farlo secondo i termini di questa licenza, che va comunicata con chiarezza.
  • In ogni caso, puoi concordare col titolare dei diritti d'autore utilizzi di quest'opera non consentiti da questa licenza.

Visitor Map


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Artist Blogs - Blog Catalog Blog Directory

Technorati Profile

La mia compagna di viaggio



 

Questo come ogni altro blog è tutelato dalla legge 675 del 1996 (tutela della privacy), dall'estenzione della suddetta avutasi con il Decreto Legislativo N°196 del 30/06/2003 e dalle norme costituzionalmente garantite al Nome, alla persona ed all'immagine ed all'onore. Quindi, tutto il materiale (scritto e fotografico, nomi, dati, testi) pubblicato sul mio blog non può essere utilizzato senza il permesso mio o dei rispettivi autori, pena denuncia alla Polizia Postale. Lo stesso vale per la diffamazione e la calunnia, che seguono il medesimo regime giuridico-penale della calunnia e/o diffamazione a mezzo stampa (diritto lesivo dell'onore), quindi si sporge lo stesso tipo di denuncia ed iter burocratico. Ciò vale anche nel caso di anonimi, poichè la Polizia Postale può richiedere l'elenco degli IP che hanno effettuato l'ingresso al blog

 
Citazioni nei Blog Amici: 96
 

immagine

artistas

Powered by  MyPagerank.Net Add to Technorati Favorites 

 

 

TAG