Creato da goccedivaniglia il 09/04/2006

Passione... Arte

Atmosfere intense, un connubio molto emozionale d'arte, letteratura, musica, poesia, sogni. Momenti di malinconia si mescolano con attimi di profonda passione

 

Messaggi di Ottobre 2007

Tanti auguri piccola mia..

Una lettera dal passato, (appena aperto il blog), questo blog lo amo anche per questo, ha reso il mio dolore più sopportabile, grazie a molti splendidi amici conosciuti qui.  

 

Da: goccedivaniglia@libero.it   A: ...

28/05/2006 18:24 
 
Ho riflettuto un po', non ho scritto di getto in risposta alla tua mail come invece facevo precedentemente, e mi sono anche chiesta il perché.
Ultimamente non conosco molto bene me stessa, mi sto ponendo diverse domande, sto attraversando una nuova fase della mia vita, quella della nuova separazione, da mia figlia.
La precedente (dal mio ex) era stata una liberazione, un alleggerimento della mia anima, che mi ringraziava ripetutamente più volte al giorno. Ma adesso tutto è diverso e persino spaventoso, ogni mio pensiero è calcolato in conseguenza di ciò che mia figlia penserà di me, ogni mia azione è un senso di colpa se lei non è con me. Io non riesco più a vivere serenamente e soprattutto a rassegnarmi. Avverto un vuoto disumano. Ieri alla festa della scuola mi sentivo tremendamente sola in mezzo a centinaia di persone e se qualcuno mi salutava o voleva comunicare, io schiva mi isolavo, nascondendomi dietro l'obiettivo della macchina fotografica, bella scusa, buona compagna contro il vuoto che mi circondava, vuoto fatto di persone chiassose, di bimbi che ridevano, si divertivano, e io che avevo stampato sul volto un sorriso di circostanza, e un animo per nulla sereno. Il mondo poi sembra crollarmi addosso quando vedo due compagne di classe di Giulia che pronunciano il suo nome e cognome non avendomi vista, e successivamente voltandosi nella mia direzione mi dicono "salutami Giulia". Pensai:  Giulia la vedrete voi prima di me, lunedì a scuola.... ed io no.
Oggi Laura mi ha chiesto ripetutamente di andare al "Villaggio della Salute" a Castel San Pietro, a una trentina di km da noi. Inizialmente le dissi di si, l'intenzione c'era, ma poi riflettendo, pensai che andarci senza Giulia per me sarebbe diventato una tortura, non un piacere. E' un bellissimo posto con piscine termali, parco acquatico per bambini e zona relax per adulti, lo scorso settembre al rientro dalla Sicilia andammo a rilassarci lì, dopo la fatica del viaggio di rientro. E fu piacevolissimo, conservo delle belle foto. 
Ho pensato di prendere un giorno di ferie in mezzo alla settimana prossima, speriamo di riuscire ad ottenere almeno un giorno, così da trovare meno caos e prendere con me anche Giulia. Oggi il cielo è leggermente velato, è questa la giustificazione che ho dato a Laura, ma ho dovuto anche spiegarle che preferivo portare con noi anche Giulia, ma lei sembrava non capire.... mi ripeteva più volte che Giulia ha scelto di stare con papà, perciò -"peggio per lei"- queste le sue parole. Avverto del rancore in lei, come se fosse profondamente delusa. Questo mi rattrista moltissimo, pensare che le sorelline che sono sempre cresciute insieme con mio grande orgoglio, ora non si vedano più, mi fa male. Però penso che Giulia non sia minimamente contrariata da questa situazione, dato che continua a voler stare con suo padre e con la compagna di quest'ultimo.
A volte li invidio, in fondo sono una famiglia loro! Ed io sola con la mia tristezza, penso che tra due settimane porterò Laura in Sicilia dai nonni, e rimarrò sola  fino alla fine di Luglio. Dal primo al venti Agosto farò anche io le ferie. Non ho ancora progettato nulla, non ci riesco, molto probabilmente quest'anno cercherò di fare la brava figlia rimanendo più accanto possibile ai miei genitori, e sarà la prima volta che faccio una cosa del genere. E ciò in funzione della maturità, quante cose sto capendo adesso, quanto deve aver sofferto mia madre lasciandomi andare via di casa a 18 anni. Che caratterino avevo anche io, e quante gliene ho fatte passare.
Povera mamma. Ora la capisco più che mai, e lei mi ripeteva, quando sarai mamma capirai. Ora capisco! Pensavo: Io non sarò come te, sarò amica delle mie figlie, non contraddittoria come te in tutto quel che faccio e rimproverando tutte le mie scelte.... ora invece ho calzato perfettamente quei panni anche io di giudice severissimo, e dittatore. E poi credo che la parte di artista che c'è in me contribuisca anche tanto a rendermi come sono "sognatrice", a volte dipingo le cose con i miei colori, e non voglio vederle nere, ma capisco che questo mio mondo lo vedo solo io, e sbaglio, scatta quindi la parte razionale che sta in fondo a me, che mi rimprovera e mi rimette in riga, creando dei conflitti interiori fortissimi, che mi paralizzano. Mi sento bloccata, come immobilizzata da questo mio essere, che non mi fa reagire, piuttosto mi lascia impigrita, come se fossi in attesa di qualcosa o di qualcuno, che mi porga una mano per farmi riprendere da questo torpore.
Tutto ciò naturalmente non spaventa solo me. Sto riversando un mare di parole, incomprensibili, potrai mai perdonarmi caro "..."?
Sono più semplice di quanto mai si possa immaginare, con ciò voglio tranquillizzarti. E' solo una momentanea crisi passeggera, o come la definì qualcuno, un pessimismo cosmico Leopardiano.
L'allegria per adesso mi ha voltato le spalle. E pensare che gli oroscopi dicevano che sarebbe stato un anno meraviglioso, ricco di novità e cambiamenti! Ehhhh che cambiamenti....


(etc..)

Tiziana

Molto probabilmente toglierò questo post... in fondo è acqua passata.. e rivangare il passato non fa mai bene, tutt'altro. Buonanotte, non ho emozioni, mi sento arida.. 

Grazie.. a chi si ricorda che esisto.

 

 Altre pagine del blog La Mia Arte

Mamma Bambina 

Uno dei miei Amori

Foto goccedivaniglia ©

 
 
 

La Mia Luce

Post n°371 pubblicato il 28 Ottobre 2007 da goccedivaniglia
 

Ho ricevuto tanto da questo strumento, che sento essere vivo, avere un'anima ben definita. Fisso i tasti, apparentemete freddi, che aspettano un piccolo tocco per comporre note... che l'anima può sentire... Ho perso l'abitudine di scrivere con la penna, ma è bellissimo e sa di antico, e il fascino rimane nella mente; oggi ce ne dimentichiamo per la fretta di fare tutto e subito, così i tasti premuti velocemente plasmano parole che componiamo come su un pentagramma... Li fisso ed è come se i pensieri rallentassero, come se si distaccassero da me per ostacolare questa mia esternazione dei sentimenti... Vorrei concentrare la mia attenzione su quello che sento in questa insolita mattinata autunnale... fatta di molteplici sensazioni che si sovrappongono, fatta di incertezze e dubbi... Scorro la pagina che si apre sotto i miei occhi, provo ad osservarla con gli occhi di chi passando potrebbe rimanerne attratto, e mi chiedo cosa ci sia di piacevole, sono solo immagini e parole assemblate, su uno sfondo nero, con una musica un po' struggente di sottofondo che pare voler parlare al mio posto... La musica, l'esternazione dei nostri pensieri, la scegliamo perché ci immedesimiamo nella melodia e le parole rispecchiano il nostro sentire... ascoltavo le parole di questo brano, "Quello che le donne non dicono", e riflettevo sull'opportunità di non dover scrivere nulla, perché a parlare al mio posto c'è la Mannoia con il suo malinconico canto, che trasmette in maniera sublime i pensieri, che sicuramente a molte donne sono comuni... ed è esattamente nel testo che il mio stato d'animo si rispecchia...
Questa mattina sarei rimasta lungamente accovacciata nel mio letto, abbracciata a quel tenero peluche che mi scalda il cuore.. non riesco a farne a meno e la notte, prima di chiudere gli occhi mi conforta, forse è infantile, ma da qualche tempo non riesco a far a meno di questa soffice presenza, credo che posterò anche un'immagine.. per custodire ciò che mi appartiene in questo diario virtuale che accompagna parecchi momenti della mia vita. Continuo a rincorrere pensieri, ed inseguire le parole, (tutto mescolato come un minestrone), vorrei parlare di ciò che sto provando, e al tempo stesso sto tergiversando.. ci metto pochissimo solitamente a scrivere un post perché scrivo di getto, non correggo mai, e rileggo forse una volta o due al massimo per sistemare eventuali errori di battitura, ora mi sto dilungando proprio perché non sono ancora entrata nello spirito del post.. non ho ancora trasmesso nulla.. so che lo leggeranno in pochi, perché si ha sempre fretta quando si apre un blog, non si ha voglia di perder tempo nella lettura di inutili parole.. vorrei capire i vostri meccanismi, cosa vi spinge a leggere un post, perché lo fate, quali siano le vostre motivazioni... So che le visite a questo sito sono circa 120 al giorno, volendo esser precisi secondo me sono circa la metà coloro che lo clikkano almeno un paio di volte al giorno, e per finire chi lo legge veramente e a fondo, siano credo pochi, al massimo una 20ina.. dico ciò perché tra queste 20 persone riconosco gli amici e gli affezionati che puntualmente non mancano di farmi sentire la loro affettuosa presenza.. ma sto ancora tergiversando per non dire ciò che vorrei... credo che per un po' lascerò in sospeso le mie emozioni, perché ho bisogno e cerco per un po' la riflessione, voglio capire bene se ancora una volta io non abbia commesso un crimine nell'allontanare una persona splendida dalla mia vita, che mi ha regalato la sua profonda e meravigliosa amicizia, della quale ho sentito forte l'essenza e della quale mi sono crogiolata lungamente cercando le risposte ai miei perché, spesso trovando parole che mi hanno accompagnata, confortata, protetta e fatto sentire amata. Oggi ho preferito prendere una decisione dolorosa, camminare da sola, senza questa luce, che veglia su me, devo farcela da sola, devo seguire la mia strada, e seguire le indicazioni e i suggerimenti che questa luce mi ha donato, cercare di essere felice. La mia risposta è, e sarà, che la mia meta fondamentale è la continua e stabile ricerca di serenità e pace. Ho tutto quello che mi serve nella vità e potrei essere serena, la felicità è una conquista, che non è detto sia eterna, potremmo raggiungerla ma chi ci dice che rimarrà per sempre tale? Allora preferisco vivere nel mio equilibrio precario e costante, per mantenere quella stabilità che ho cercato a lungo e che credo ormai faccia parte della mia quotidianità, anche di fronte ai momenti che possono sembrare difficoltosi. L'amore.. forse non c'è e forse non ci sarà, pare che io abbia litigato per sempre con questo sentimento, provo amore infinito, ma il mio amore va in direzioni di non ritorno, e a lungo andare ci si prosciuga a via di dispensare... non è poi così fondamentale, forse.. ed è vitale.. questa è la contraddizione più grande, perché vorrei convincermi di credere a ciò che affermo e al tempo stesso ripudio quest'idea insensata. Penso alla mia luce, quella che ha saputo illuminarmi, la porterò sempre nel mio cuore e le auguro tutto il bene del mondo, che riesca a coronare i suoi sogni, che riesca ad amare, sempre ed intensamente la persona che sta al suo fianco, che possa essere felice, che possa perseguire sempre i suoi ideali, che possa pensarmi e ricordarmi con affetto, il più a lungo possibile, perché le nostre strade forse non si incontreranno più, però ci sarà sempre con me, e non dimenticherò mai le emozioni straordinarie che ha saputo trasmettermi e il cuore grande che ha messo nelle mie mani. Per tutto questo, Grazie Stefano, sei speciale. Ora una lacrima scende, ed io mi ritrovo spettatrice di una scena straziante... mi mancherai moltissimo amico mio, ma era necessario compiere una scelta. Arrivederci... o Addio
 
 La Tua Tiziana
ore 09:59 del giorno 28/10/2007 
 
  Altre pagine del blog La Mia Arte
 

 
 
 

Post N° 370

Post n°370 pubblicato il 27 Ottobre 2007 da lonegalaxy

Abbiamo un pianto represso da lasciar vivere
non leggiamo la causa di questo prorompente effetto
esiste comunque ,ed è reale.
Una sensazione di semplicità e bontà mai premiata
invano espressa e mai apprezzata offre tessuti alla sua trama.
Un bravo bimbo incompreso ancora veleggia tra le pieghe
di un anima senza conforto o carezze.
Egli si dona agli altri come a sè stesso
continuamente, sale la croce, pensa a non fare il male
e prega il bene di coloro che vede soffrire
però , quando egli ha bisogno, ecco, si nasconde , non lo mostra
tuttavia, spera che qualcuno se ne  accorga .

Un uomo bimbo nel cuore , ma maestro nell' animo
ecco, piange le carezze mai avute.
E forse novella Veronica ancora abita l'universo privo di dei
e di pietà divina, ad emendare la crudele legge del
agisco ciò che vedo , mentre ignoro ciò che non sento.
L'amore calpestato può essere perdonato a coloro che
non vedono, ma l'amore rinnegato , sarà punito
con la sua assenza dal cuore.
Ed il pianto subito si fa vapore e lascia forse
un soave avvolgente tepore alla vaniglia.

 
 
 

Evanescente

Post n°369 pubblicato il 25 Ottobre 2007 da goccedivaniglia
 

Ti avrei cercato, da due giorni ti penso e vorrei vederti, ho poco tempo, sono stanca, mi sto lasciando andare, e non riesco a prendermi cura di me.. vorrei andare al sole, rigenerarmi, ritrovare quel caldo.. invece sono fredda dentro, e combatto contro me stessa con la forza che mi spinge ad esternare come vorrei, ad essere come desidero. Questi contrasti della mia anima mi rendono inquieta e instabile, indecisa sul da farsi.. ma ti ho pensato e lo avrai sentito, sotto un'apparente lastra di indifferenza, mista ad orgoglio.. Mi manchi, ti penso ogni giorno.. tu rimani fermo e immobile, tu non mi cerchi, ma sento i tuoi pensieri e penso che anche tu abbia voglia di rivedermi, chissà se è così, o se è solo frutto della mia immaginazione. Sono qui, che osservo immobile, e penso cosa meglio fare.. non so prendere una decisione e mi affido a questi tasti, perché non voglio far morire le parole.. preferisco dargli forma e creare un tralcio che si arrampica su un muro grezzo.. Sospiro .. ma non sto bene, mi sento accorata.. perché è come se avessi voglia di urlarti tutte le parole che muoiono dentro, ma non ci riesco, perché tu te ne stai fermo e immobile in un limbo, come nell'attesa di ricevere una scossa.. Quest'attesa mi fa male, non amo le vie di mezzo.. dentro o fuori.. ma ormai ci trasciniamo in questo vortice da quasi un anno.. un anno a pensarti e a sperare in qualche cambiamento, un anno che non ha dato alcun frutto, un anno sterile e sofferente, nel desiderio che prima o poi qualcosa arrivasse dal cielo, ma sono sempre una povera illusa perché nulla cambierà tra me e te, perché tu credi che io sia un blog vivente, anche se concretamente per te sono esistita, e avrei voluto vivere la vita accanto a te, condividere lo stesso suolo, passeggiando accanto a te.. sono solo i miei desideri che poche volte sono riuscita a realizzare perché in questo camminare insieme, il nostro percorso non aveva direzioni, nessuno ha deciso il da farsi, non c'è mai stato un chiaro dialogo e la mancanza di dialogo ha reso tutto maledettamente evanescente e angoscioso. Qualche volta sono stata bene, ma il mio era soltanto un desiderio, mai realizzato .. lo so che mi vuoi bene, a modo tuo.. ed io ti voglio molto bene.. ma non credo ci sarà mai la possibilità di comprendersi. Forse nelle nostre similitudini, siamo molto diversi... troppe volte ti ho detto addio e poi sono tornata sui miei passi, troppe volte mi sono sentita stanca, per la tua assenza.. Non capisco troppe cose, e non avrò mai possibilità di avere le risposte alle mie domande, perché tu sei fatto così.. ed io mi sento profondamente triste. Sei una persona dolce e sensibile, e questo mi è sempre piaciuto in te.. ma .. forse, ci sono troppi ma... parole sterili e inconcludenti che so che leggerai, anche sta volta, e forse non mi dirai.. «grazie per il post», come hai fatto altre volte, forse non mi dirai «scusa, per come mi sono comportato...» forse invece ci rivedremo e dimenticheremo queste parole.. cancellando la tristezza con un bacio...
Forse dubiterai e ti chiederai ancora se il post è per te, perché io, «ho troppi uomini...»
 Tiziana
 
 
immagine
 
 
Kahlil Gibran
Non sono né un artista né un poeta.
Ho trascorso i miei giorni scrivendo e dipingendo,
ma non sono in sintonia
con i miei giorni e le mie notti.
Sono una nube,
una nube che si confonde con gli oggetti,
ma ad essi mai si unisce.
Sono una nube,
e nella nube è la mia solitudine,
la mia fame e la mia sete.
La calamità è che la nube, la mia realtà,
anela di udire qualcun altro che dica:
Non sei solo in questo mondo
ma siamo due, insieme,
e io so chi sei tu.
 

 

 Altre pagine del blog La Mia Arte

Sentiero Incerto       Viaggio nel tempo dei ricordi             L'incontro             Senso di colpa e...

   

Pensandoti, per te                                          Cercarti invano                                   L'attesa 

  

Quello che le donne non dicono mp3

di Enrico Ruggeri

 
 
 

Se non è amore

Post n°368 pubblicato il 23 Ottobre 2007 da goccedivaniglia
 

 

 Non vorrei mai smettere di leggerti 
Mentre scorro le tue parole 

Sento il tuo desiderio forte,
farsi spazio tra i miei pensieri.
Piango,
dopo aver provato sensazioni nuove,
sconosciute, piacevoli, 
intense, mie.
Piango lacrime di emozione
che si rincorrono frettolosamente sul  mio viso.

Aspetto le tue mani calde che possano accarezzarle.
Vorrei scrivere per te
e per il mondo intero
a cui regalare il suono dei miei pensieri...

Il desiderio può nascere da un sentimento,

non so se sia amore
ma scrivo per me,
per te.

Vorrei che queste parole fossero solo nostre
e vorrei gridarle al mondo intero
per poterti dire

che ti amo...

 

 goccedivaniglia ©

 

I sogni possono trasformarsi in desideri realizzati

 

 
 
 

Eugenio Montale

Post n°367 pubblicato il 21 Ottobre 2007 da April_in_Paris
 


Glasgow

I bimbi sotto il cedro, funghi o muffe
vivi dopo l'acquata,
il puledrino in gabbia
con la scritta "mordace",
nafta a nubi, sospese
sui canali murati,
fumate di gabbiani, odor di sego
e di datteri, il mugghio del barcone,
catene che s'allentano
- ma le tue le ignoravo -,
                                           sulla scia
salti di tonni, sonno, lunghe strida
di sorci, oscene risa, anzi che tua
pparissi al tuo schiavo...

( Argyl Tour, da La bufera e altro, 1956 )

 
 
 

Libertango

Post n°366 pubblicato il 19 Ottobre 2007 da goccedivaniglia
 

Anderson & Roe Piano Duo play "LIBERTANGO" (Piazzolla)

 

Trovo che sia emozionante e...

 

 non potete non guardare questo video... rinuncereste ad immedesimarvi in una passione infinita... 

Queste note mi danno il tormento, riescono a muovere la mia parte nascosta che voracemente mi sta divorando.
Mi manca, mi manca l'amore di un uomo...
questa musica mi fa piangere, mi scuote, mi fa tirare fuori il veleno che alberga assopito dentro le mie vene ostruite, il sangue denso, fermo da troppo tempo si scioglie fluido, le pulsazioni aumentano i battiti accelerati martellano e rimbombano, cerco altre note, cerco altre varianti, piango ancora per le scosse ricevute... per tutti quei ricordi che via via sfumano, per quelle sensazioni che forse mai piu torneranno a farsi risentire ancora, mi manca l'amore, mi manca la passione, a farmi da compagne le mie amate note che mi accarezzano e mi baciano la pelle..
Vorrei respingerle per tutto questo strano tormento che sento avvolgermi e graffiarmi il cuore... I musicisti, sono angeli meravigliosi capaci di amare la musica in maniera straordinaria, capaci di fare l'amore con le loro note ed ubriacare chi si ferma incantato lasciandosi travolgere dall'estasi del suono.

Astor Piazzolla - Libertango mp3

 
 
 

A proposito di...

Post n°365 pubblicato il 19 Ottobre 2007 da goccedivaniglia
 

Occhi

guardate quanto sono belli i suoi.

 

 

 

 

.

 
 
 

Eccessiva e volubile..*

Post n°364 pubblicato il 17 Ottobre 2007 da goccedivaniglia
 

*(per giocare un po', non prendetemi troppo sul serio)
Mi sono semplicemente stancata di indossare i panni della brava "ragazza". e scopro anche il mio lato oscuro, sconosciuto ai più, la ricerca dell'orrido, di qualcosa che ancora mi appartiene per merito di chi ha saputo incidere profondi graffi sull'anima.. bando al romanticismo, ai buoni sentimenti, al sapersi dorare, al voler accogliere.. ora mi scopro egoista, egocentrica, cattiva  e menefreghista.. il mio io predomina, stupisce me stessa, mi porta in altre direzioni, perché la noia non sarà mai mia compagna di viaggio, perché ho bisogno di scoprirmi e riscoprirmi, morire e rinascere, mutare agli eventi e alle circostanze, rinnovarmi, buttar via il passato doloroso, cancellare ciò che di sgradevole ha segnato la memoria, ritrovare un equilibrio.. ora sono vulnerabile, fragile, ma ancora in  grado di intendere e non cadere in loschi tranelli, di chi vorrebbe avidamente inghiottirmi... 
Foto goccedivaniglia ©
Angela GHEORGHIU - Habanera - Carmen
 
 
 clik invio.

 
 
 

Mi sorge un dubbio

Post n°363 pubblicato il 16 Ottobre 2007 da goccedivaniglia
 

Ora mi sorge un dubbio Canon o Cannon? boh

comunque strano.. la volta scorsa io e  JON.L abbiamo postato lo stesso giorno il video di Tiziano Terzani, adesso io e Alex lo stesso brano musicale di Mozart... ho qualità di veggente o l'empatia a volte fa anche questi strani scherzi? Mi ritrovo a non avere veramente niente da dire, non so cosa mi succede, penso di stare attraversando quella strana fase di transito che avviene quando si affrontano cambiamenti e responsabilità sconosciute.. e non è mai facile per chi fa il mio lavoro, che richiede attenzione nei confronti di persone.. Sono soddisfatta perché affronto il mio lavoro quotidianamente con un senso molto alto di responsabilità e concentrazione, soprattutto in questi giorni che mi vedono come una "novellina" in un posto nuovo, bello e fiammante che sembrava aspettasse soltanto me. E' piacevole regalare sorrisi, e vedere lo stupore di chi ossservandomi ritrova in me un'aria "adolescenziale" e io dimenticandomi del mio "favoloso" sorriso, lo sfoggio imperterrita...

Poco fa mi sono persa tra le parole di un blogger che mi ha sorpreso, (ma non avevo dubbi) per la profondità dei suoi pensieri.. e un po' mi ha dato un imput per scrivere queste poche parole che forse a fine post saranno troppe e di difficile lettura, anche un po' noiosa, ma di cui forse pochi capiranno il senso, data la mia proverbiale abilità nel dire e non dire.. Questo sottofondo di Mozart, ora mi ha lasciata, e sento la voce di Papi su italia uno, ne farei volentieri a meno, ma la mia bimba fa pan dan con italia uno! che strazio! :(

Voglio rivolgere un pensiero .. ai miei amici che si sentono forse "abbandonati" non riesco a rispondere nemmeno agli sms nè richiamare chi mi cerca quando il telefono è spento! .. Voglio stare un po' tranquilla e pensare, riordinare le idee, capire cosa mi sta succedendo.. (impossibile a volte riuscirci) mi sento terribilmente in colpa con chi ha bisogno di raccontarsi un po', non ci sono stata, me ne rammarico, forse questo momento passerà ed io mi morderò le mani.. Scusate, ma ho davvero bisogno di riposo per la mente.. e di tanto tempo per me... le mie giornate, sembra non abbiano mai fine.. forse è un doversi riadattare ai nuovi ritmi, spero sia solo una fase di passaggio... comunque lascio una piccola traccia, "chi vuol esser lieto sia"

....

intanto dovrei anche continuare a dipingere...... tra qualche giorno vi darò qualche news ^_^

 

 

immagine 

A te, che hai scritto queste parole, tutto ciò che esprimi... riesce a toccarmi l'anima

 
 
 

Mozart 

Post n°362 pubblicato il 15 Ottobre 2007 da goccedivaniglia
 

Pachabel Canon in D 

 

 

 

 

Mozart Pachabel Canon in D

un mp3 per Voi

ieri mi hanno tenuto compagnia queste note sublimi

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

All by myself

Post n°361 pubblicato il 13 Ottobre 2007 da goccedivaniglia
 

 

A chi dice che metto immagini troppo grandi, beh questa pesa solo 64,8 kb non so che altro fare.. spiacente. Per me la risoluzione della foto conta.. e anche se non faccio foto artistiche.. (ognuno si esprime come può o come sa..) ogni tanto mi diletto anche con questi strani esperimenti... Arte? no, non credo possa definirsi arte, questo gioco d'immagini che ho creato, però sicuramente esprime qualcosa... a voi libera interpretazione... poi vi dirò cosa "sento" io. E' davvero tardi, anche se non ho sonno.. ma meglio accumulare energie preziose, che la prossima settimana mi serviranno per affrotare il nuovo lavoro. Dolce notte a tutti

La mia prossima

tela scalpita già sul cavalletto,

e chiede la mia esclusiva presenza,

mi immergo nel colore, nella forma

ogni tanto darò una sbirciatina,

a chi vorrà passare di qua.

A presto.

gocce

 
 
 

Il nudo nell'Arte

Post n°360 pubblicato il 12 Ottobre 2007 da goccedivaniglia
 

 

 Courbet Gustave (Ornans, Francia, 1819 - La Tour-de-Peilz, Svizzera, 1877) - Donna con pappagallo - 1865-66 - olio su tela - Metropolitan Museum of Art, New York

Goya Francisco (1746 - 1828) - La Maya desnuda - prima del mese di Novembre del 1800 - olio su tela - Museo Nacional del Prado, Madrid

Ingres Jean-Auguste-Dominique (France-Montauban 1780 - Paris 1867) Grande Odalisca, 1814 olio, Musée du Louvre, Parigi

Jean Delville (Louvain 1867 - Bruxelles, 1953) - The Love of Souls, 1900

Klimt Gustav (Baumgarther 1862- Vienna 1918) Giuditta I - 1901 - olio su tela - Österreichische Galerie,Vienna

 

Ho selezionato alcune opere che mi emozionano.. oggi è una bella giornata perché ci sono grandi novità per me a partire da lunedì.. e sono raggiante! Spero che il mio buon umore si diffonda.. Baci, gocce

p.s. non trovate una certa somiglianza con Giuditta di Klimt??

 
 
 

Secret Garden - Nocturne

Post n°359 pubblicato il 10 Ottobre 2007 da goccedivaniglia
 

 

Cullo tra le braccia una creatura
nell'oscurità di questa notte

Cammino sfiorando le intensità autunnali
Un bosco dai colori accesi e profumi intensi mi cinge
Luminosi raggi lunari
risaltano i contorni
di angelici lineamenti
L'usignolo notturno
splendidamente intona un canto
che accompagna i miei passi
Rassicurante la presenza
di chi segue le mie gesta
accompagna il mio percorso
illuminandone le eleganti movenze
Creature notturne
indifese, accolgono delicate carezze.
Tutto magicamente diventa luminoso
al passaggio di una fata bianca.
Lieve trasparenza delle sue vesti,
sfiora sorridente
i segreti di un magico giardino

 

 

 

 

 

 

 


goccedivaniglia ©

composta alle 23:50 del giorno 03/10/2007  

Ringrazio chi è presente nella mia vita, ed ogni giorno è una certezza e una piacevole sorpresa, grazie Ste.

 
 
 

Il mondo vi vuole deboli

Post n°358 pubblicato il 09 Ottobre 2007 da dream3r86
 

Avete mai riflettutto sul fatto che, il mondo, come recita il titolto del mio post, vi voglia deboli e timorosi. Non potete mostrare sicurezza senza essere attaccati, non potete avere qualità senza che qualcuno si adoperi per metterle in dubbio o per sotterrarle sotto la sua infinita mediocrità. Queste verità, che rappresentano alcuni dei pochi luoghi comuni ad essere assolutamente riscontrabili nel quotidiano, sono particolarmente osservabili nella squallida realtà in cui vivo e che caratterizza la mia città. I luoghi dove vivo sono ingordi divoratori di sogni e di speranze; strappano via le tue ambizioni come predatori affamati e si prodigano per strozzare i tuoi sogni...i sogni, già...è semplice strangolare i sogni, semplice e meschino come sarebbe strangolare un neonato inerme. Proprio come un lattante dall'infausto destino,infatti, i sogni dei miei coetanei vengono stroncati poco dopo che le loro menti si sono sforzate di partorirli. Ed è così che ci trasformiamo in una massa di giovani nichilisti aridi come il più arido dei deserti; ed è così che impariamo a soffocare i sentimenti ancora prima di provarli e di donarli. Ma sapete cosa vi dico?! Brutti stronzi che tramate li fuori, con le mani insanguinate e la bocca avvelenata?!Vi dico: "VAFFANCULO"...vi dico che, per quanti sogni possiate aver il perverso piacere di uccidermi, ne avrò sempre mille altri che saranno pronti non solo per me, ma anche per le persone che amo e che, vittime del pessimismo e delle ossimoriche libertà-imprigionanti del nostro tempo, paiono aver smesso di desiderare la felicità.
La felicità non è un chimera o un astrusa tendenza romantica; la felicità e ciò che noi decidiamo di essere...la felicità e la capacità di sentirsi liberi senza la necesittà di abbandonare tutte le regole e di vivere solo per se stessi...la felicità, se volete, è la capacità di dire "Ti amo" sapendo di non essere ricambiati...la felicità, cari miei, non e altro che la pura e forte affermazione del proprio essere; affermazione dell'io che, se sostenuta da un giusto equilibrio interiore, vi aiuta a trovare l'armonia tra gli eccessi e il compromesso tra gli inevitabili sentimenti contrastanti che avete dentro di voi, permettendovi, non senza sforzi e sacrifici, di non essere egoisticamente spaventanti dell'altruismo di chi vi ama!


Di Dream3r86


 
 
 

Tiziano Terzani

In un mondo dove c'è tanto odio, le parole di Terzani ci regalano "la profonda essenza della vita". Ascoltate le parole di questo grande uomo, che ci parla con il cuore.

Tiziano Terzani - Un altro giro di giostra

«Avere un libro che ti accompagna è meraviglioso, è il miglior compagno di viaggio: sta zitto quando non vuoi che parli, parla quando vuoi sentir dire qualcosa, ti dà senza chiedere. Se lei viene nella mia biblioteca li vede, i miei veri grandi amici sono lì.»

Tiziano Terzani Intervista

Il vero desiderio, se uno ne vuole uno, è quello di essere se stessi.

Tiziano Terzani

 

Dedico questo post ad un caro amico, che ama Tiziano Terzani, e ama perdersi nella profondità di uno sguardo per sentirsi vicino all'anima di chi gli regala emozioni.

 Per Claudio

Scorpions - Send Me A Angel

Mandami Un Angelo


Il saggio disse: "percorri questa strada
verso l'alba della luce
Il vento soffierà sul tuo viso
Mentre gli anni passano
Ascolta questa voce che viene dal profondo
E' il richiamo del tuo cuore
Chiudi gli occhi e troverai
il varco tra le tenebre"

Sono qui
Mi manderai un angelo?
Sono qui
Nella terra della Stella del mattino

Il saggio disse: "trova il tuo posto
Nell'occhio della tempesta
Cerca le rose lungo la strada
Ma stai attento alle spine"

Sono qui
Mi manderai un angelo?
Sono qui
Nella terra della Stella del mattino

Il saggio disse: "Alza la tua mano
e stendila per afferrare l'incantesimo
Trova la porta per la terra promessa
Semplicemente credi in te
Ascolta questa voce che sale dal profondo
E' il richiamo del tuo cuore
Chiudi gli occhi e troverai
Il varco tra le tenebre"

Sono qui
Mi manderai un angelo?
Sono qui
Nella terra della Stella del mattino

 
 
 

L'Arte della Scrittura

Post n°356 pubblicato il 04 Ottobre 2007 da goccedivaniglia
 

utti così diversi gli uni dagli altri, siamo come i colori, siamo come le note, tutti indispensabili per costruire e formare l'universo, ognuno di noi esprime a suo modo il suo sentire, il suo essere, tra noi comunichiamo nel linguaggio che conosciamo, in maniera da riuscire a farci comprendere, e quando il linguaggio diviene incomprensibile, perché incapaci di esprimere quello che sentiamo, i nostri gesti parlano, il nostro linguaggio non verbale comunica il nostro sentire.. Non tutti sono in grado di comprendere questo linguaggio assai più indecifrabile, è il linguaggio dell'anima e degli occhi, comunicare con lo sguardo un'emozione, con un gesto, con la mimica, con l'espressione del volto e di gesti che parlano di noi, o che vorrebbero poter comunicare ciò che la parola stenta a trasmettere per via di una paura di fondo generata dalla nostra coscienza. Paura di parlare, perché troppo spesso consapevoli che le parole sono lame affilate che tagliano e si insinuano sotto pelle, per uccidere i nostri sentimenti, i nostri più fragili desideri che presto cadranno sconfitti da quelle parole che il nostro udito mai farà proprie, e allora non ci rimane che provare ad intuire, con la forza dell'immaginazione, con la forza creativa del nostro sentore, intuiamo parole non dette, frasi mai pronunciate, talvolta d'amore, desiderato e percepito, che mai giungerà alle porte di un cuore che inasprito ormai non accoglierà più un desiderio latente.
Cio' che scrivo apparirà incomprensibile e struggente, come la forza di un desiderio mai avverato, come l'incognita mai svelata, un rebus dalla soluzione indecifrabile per la complessità di un tema troppo difficile da svolgere.
Scrivo, guidata da un sentore misteriosamente affascinante, un incognita da risolvere, come enigma che accompagna il desiderio di trovare pace e senso di quiete, che annoiato tarda ad arrivare. Grazie a chi mi ha insegnato ad esprimermi così, un poeta, un musicista, un uomo affascinante, un narratore di versi, di strofe incantate, di versi magici e poetici, che toccano anime indifese e pure, pronte ad accogliere la bellezza in sé per regalare parti infinite del proprio cuore. Grazie uomo silenzioso, amante della dolcezza, della delicatezza, della musica, della poesia e dell'arte, grazie uomo che sai ascoltare, sai comprendere, sai consigliare, sai proteggere, sai amare.
Grazie a te che sei distante, ma con il cuore sei presente, grazie anima silenziosa, perché sei capace di dare molto e anche di sottrarre ciò che generosamente hai dato. Molto spesso ho fatto finta di averti dimenticato.
 
 Tiziana 

Music - Mother's Journey (Good bye Lenin OST) - Yann Tiersen

 
 
 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: goccedivaniglia
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 42
Prov: VE
 
 

MIEI DIPINTI AD OLIO

 

"High Summer" di Tamara De Lempicka, copia d'autore, realizzata nel 2007

"Green Turban" di Tamara De Lempicka, copia d'autore, realizzata nel 2006

"The Brilliance" di Tamara De Lempicka, copia d'autore, realizzata nel 2006

"Le cucitrici" di F. Botero copia d'autore, realizzata nel 2008

 
 

ULTIMI COMMENTI

Buonasera, qualcuno conosce il significato de " Il...
Inviato da: Tatiana
il 28/02/2017 alle 18:05
 
cok guzel oyunlar
Inviato da: en güzel oyunlar
il 01/12/2016 alle 21:34
 
gioco molto bello
Inviato da: çok güzel oyunlar
il 01/12/2016 alle 21:31
 
thank you
Inviato da: diyet
il 18/11/2016 alle 12:53
 
thank you
Inviato da: diyetler
il 17/11/2016 alle 23:18
 
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARTE&DONNE

๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ 
  Tamara de Lempicka

immagine

๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ 
Frida Kahlo 

immagine

Video Frida kahlo

๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ 


๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ 

goccedivaniglia

Le Mie creazioni Equilibriarte

๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑

 

ARTE

Suggerisci La Mia Arte: preleva il banner copiandolo dall'iimmagine sotto 

Arte, che sia essa Poesia, Musica, Arte scenica, avendo in sé il suo pieno, peculiare e insostituibile valore, può allargare e approfondire la nostra comprensione della verità.

immagine

L'Arte è una manifestazione dell'uomo che deve parlare all'uomo, in quanto lui solo ha occhi per comprenderla.

L'Arte ti artiglia lo stomaco. L'Arte ti fa respirare a pieni polmoni. L'Arte produce una patina colorata tra le cui trame si intravede qualcosa di vivo.

immagine

L'Arte viene associata al divino perché la silenziosa esplosione al calor bianco che produce è talmente carica di significanti non-significati che la mente non comprende, e l'uomo medio quando non comprende divinizza o peggio ne viene spaventato e ne fugge.

immagine

L'Arte non è una linea tracciata dalla tecnica o dalla raffinatezza d'intenti, è piuttosto il lamento dell'animo.

 

 

Creative Commons License
Opera pubblicata sotto una

Licenza Creative Commons

Tu sei libero:

Alle seguenti condizioni:

  • Attribuzione. Devi attribuire la paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza.

  • Non commerciale. Non puoi usare quest'opera per fini commerciali.

  • Non opere derivate. Non puoi alterare o trasformare quest'opera, ne' usarla per crearne un'altra.

  • Ogni volta che usi o distribuisci quest'opera, devi farlo secondo i termini di questa licenza, che va comunicata con chiarezza.
  • In ogni caso, puoi concordare col titolare dei diritti d'autore utilizzi di quest'opera non consentiti da questa licenza.

Visitor Map


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Artist Blogs - Blog Catalog Blog Directory

Technorati Profile

La mia compagna di viaggio



 

Questo come ogni altro blog è tutelato dalla legge 675 del 1996 (tutela della privacy), dall'estenzione della suddetta avutasi con il Decreto Legislativo N°196 del 30/06/2003 e dalle norme costituzionalmente garantite al Nome, alla persona ed all'immagine ed all'onore. Quindi, tutto il materiale (scritto e fotografico, nomi, dati, testi) pubblicato sul mio blog non può essere utilizzato senza il permesso mio o dei rispettivi autori, pena denuncia alla Polizia Postale. Lo stesso vale per la diffamazione e la calunnia, che seguono il medesimo regime giuridico-penale della calunnia e/o diffamazione a mezzo stampa (diritto lesivo dell'onore), quindi si sporge lo stesso tipo di denuncia ed iter burocratico. Ciò vale anche nel caso di anonimi, poichè la Polizia Postale può richiedere l'elenco degli IP che hanno effettuato l'ingresso al blog

 
Citazioni nei Blog Amici: 96
 

immagine

artistas

Powered by  MyPagerank.Net Add to Technorati Favorites 

 

 

TAG