Creato da angeligian il 13/09/2007

UNA DONNA PERDUTA

chissà dove l'avro' messa.....

 

Mattoncino di Benedetta

Post n°806 pubblicato il 23 Luglio 2016 da angeligian

https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=I7Tz9h0tkTU

 
 
 

Hanno occhi, ma non vedono. Hanno orecchie, ma non sentono

Post n°803 pubblicato il 20 Febbraio 2016 da angeligian

Camminavo per le strade della città e percepivo un malessere giù per la schiena. Gente di strani colori e più strani odori mi passava a fianco, saracinesche abbassate e scarafaggi cinesi dappertutto, sempre più minareti puntavano dritti contro il cielo, profumi alieni uscivano dalle bettole, ladri e assassini bivaccavano stracchi per il duro lavoro. Non era la mia città, era un nuovo agglomerato urbano, una babele di usi, costumi e tradizioni un po’ di qua e un po’ di là dal mare. Era la nuova Italia e quelli che incontravo erano i nuovi italiani. E finalmente si compiva l’auspicio di D’Azeglio “L’Italia è fatta, adesso dobbiamo fare gli italiani”.

L’opera di sostituzione del popolo italiano prosegue sistematica, inesorabile. Ma davvero pensate che uno con la faccia e l’integrità morale di Alfano apra le frontiere alla feccia della Terra per spirito umanitario o che Bergoglio esprima la misericordia divina incoraggiando l’accoglienza, lui, che se un disgraziato osa mettere piede in Vaticano lo sbatte in galera all’istante, senza dire né ai né bai e senza far né motto né totto o senza cozzar dirocco che non so bene cosa significhi, ma mi ci piace? Sul serio esiste qualcuno che crede che Renzi, piazzatosi autonomamente e illegalmente alla guida del popolo, sia là con l’intento di aiutare gli italiani e non invece di favorire coloro che gli italiani li vogliono annientare? Davvero credete che due stranieri, Chaouki e Kyenge, siano stati chiamati a governare un paese per smisurati e impareggiabili meriti o perché un italiano qualsiasi non avrebbe saputo fare di meglio? O immaginate che quando la presidentA dichiara che quello degli immigrati sarà il nostro prossimo stile di vita sia un’altra delle sue boldricretinate? No, anche lei, per quanto appaia assurdo, può riuscire a dire per una volta una cosa sensata. Sarà questo il nostro stile di vita: andremo tutti a rubare, tanto il furto è libero e depenalizzato e ti lasciano anche la refurtiva; abbandoneremo i nostri figli negli istituti come in Grecia o addirittura li lasceremo in mezzo alla strada come fanno gli zingari, ci penserà poi il giudice a stabilire che non è abbandono di minore perché questa è la loro usanza e se no che zingari sono? E comunque l’abbandono di minore o di incapace non è più un reato. Pidocchi e zecche di nuova generazione zampetteranno gioiosi da un cranio bisunto all’altro. Non ci laveremo più, puzzolenti e incrudeliti come tutti. Vivremo barricati in casa perché se esci te la occupano e anche l’occupazione abusiva è stata depenalizzata.

Emma Bonino (Bilderberg, Commissione europea, famiglia serva di banchieri da generazioni) disse tempo fa che l’Europa aveva bisogno di 50 milioni di immigrati. Si sbagliava o mentiva. L’Europa ne vuole 159 milioni entro il 2050, così c'è scritto nello studio redatto dal Dipartimento degli Affari sociali ed economici dell’Onu dove vengono prospettati diversi scenari che disegnano per l’Italia la “necessità” di far entrare tra i 35.088.000 e i 119.684.000 di immigrati per “rimpiazzare” i lavoratori italiani. «L’immigrazione di rimpiazzo è tra le possibili politiche di risposta da considerare», insiste l’Onu, «per mantenere adeguati livelli di crescita». Non una parola sui milioni di disoccupati, soprattutto giovani, che popolano il Bel Paese.

NO, lo giuro, questa non è un'integrazione, questa è una sostituzione. Buonisti scemisti, fatevene una ragione. Prova ne è l'America dove, dopo più di 300 anni, sporchi negri e culi bianchi ancora si fanno la guerra, alla faccia dell'integrazione; prova ne è la Francia dove le banlieue sono scenari di continui scontri tra culture lontane anni luce, in barba all'integrazione. Del resto lo diceva Aristotele, lo scriveva Dante Alighieri che schiaffava Maometto dritto dritto all'inferno e così il Petrarca. Per migliaia di anni uomini di Stato, pensatori e filosofi sono stati d'accordo nel condannare le immigrazioni selvagge come invasioni pure e semplici, ma oggi un pugno di quaquaraquà vuole convincerci che con gli immigrati saremo tutti più ricchi, più felici, più uniti, più sicuri. E, naturalmente, più italiani.

 
 
 

Attentato di Parigi

Post n°802 pubblicato il 13 Febbraio 2016 da angeligian

Io non so cosa si dica in questo video perché non ho l'audio, ma qualsiasi cosa dicano io ci credo. In un mondo di menzogna perenne la verità è sempre dall'altra parte

 
 
 

BUON NATALE!

Post n°801 pubblicato il 24 Dicembre 2015 da angeligian

Quello spot natalizio “è troppo religioso”. È la singolare motivazione che ha fatto calare la censura in tre delle maggiori catene di sale cinematografiche britanniche su un innocuo video di auguri di Natale patrocinato da un cartello di associazioni umanitarie d’ispirazione cristiana. La vicenda, denunciata dal Daily Telegraph, fa il paio con quella dell’oscuramento recente di un altro spot, nel quale alcuni ecclesiastici e fedeli comuni recitavano il Padre Nostro. Gran Bretagna, c’è chi censura il Natale Protagonista, in entrambi i casi, la Digital Cinema Media (Dcm), holding che controlla la pubblicità nelle multisale del regno delle catene Odeon, Vue e Cineworld. Questa si trincera dietro la politica aziendale in base alla quale «la pubblicità politica o religiosa» è off limits in nome di una certa idea del politically correct e del proclamato timore di urtare le sensibilità differenti. Ma il caso riapre una polemica rovente. Il bando contro il Padre Nostro era stato a suo tempo infatti criticato come discriminatorio dalla Chiesa anglicana, promotrice di quella iniziativa, ma denunciato pure dal premier David Cameron e da numerosi altri esponenti politici (credenti e non) come un inaccettabile oltraggio alla tradizione cristiana britannica e a una preghiera che è da secoli patrimonio di milioni di persone. Mentre la stessa comunità islamica aveva tenuto a precisare di aver alcun bisogno di simili “tutele”. La società cinematografica non fa passi indietro Ma Dcm non fa passi indietro. E ora rilancia lasciando cadere il suo anatema su un video di auguri di Natale prodotto da una fondazione che riunisce associazioni caritative cristiane, nel quale si “osa” mettere in scena la grotta di Betlemme. A metà fra l’ironico e lo sconsolato il commento di uno dei promotori, Francis Goodwin: «Se a Betlemme non c’era posto negli alberghi per la Sacra Famiglia, qui ora il posto c’è. Ma gli albergatori si rifiutano di accettare le famiglie religiose».

http://www.secoloditalia.it/ - See more at: http://www.notixweb.com/dopo-il-padre-nostro-gli-inglesi-censurano-anche-lo-spot-su-betlemme/#sthash.JLQgsIQW.dpuf

 

 

 
 
 

Steve Jobs non sta pił affamato

Post n°800 pubblicato il 18 Dicembre 2015 da angeligian

Ho raggiunto l'apice del successo nel mondo degli affari. Agli occhi altrui la mia vita è stata il simbolo del successo. Tuttavia, a parte il lavoro, ho una piccola gioia. Alla fine, la ricchezza è solo un dato di fatto al quale mi sono abituato. In questo momento, sdraiato sul letto d'ospedale e ricordando tutta la mia vita, mi rendo conto che tutti i riconoscimenti e le ricchezze di cui andavo così fiero, sono diventati insignificanti davanti alla morte imminente. Nel buio, quando guardo le luci verdi dei macchinari per la respirazione artificiale e sento il brusio dei loro suoni meccanici, riesco a sentire il respiro della morte che si avvicina... Solo adesso ho capito, una volta che accumuli sufficiente denaro per il resto della tua vita, che dobbiamo perseguire altri obiettivi che non sono correlati alla ricchezza. Dovrebbe essere qualcosa di più importante: per esempio le storie d'amore, l'arte, i sogni di quando ero bambino... Non fermarsi a perseguire la ricchezza potrà solo trasformare una persona in un essere contorto, proprio come me.

Dio ci ha dato i sensi per farci sentire l'amore nel cuore di ognuno di noi, non le illusioni costruite dalla fama. I soldi che ho guadagnato nella mia vita non li posso portare con me. Quello che posso portare con me sono solo i ricordi rafforzati dall'amore. Questa è la vera ricchezza che ti seguirà, ti accompagnerà, ti darà la forza e la luce per andare avanti. L'amore può viaggiare per mille miglia. La vita non ha alcun limite. Vai dove vuoi andare. Raggiungi gli apici che vuoi raggiungere. E' tutto nel tuo cuore e nelle tue mani.

Qual è il letto più costoso del mondo? Il letto d'ospedale. Puoi assumere qualcuno che guidi l'auto per te, che guadagni per te, ma non puoi avere qualcuno che sopporti la malattia al posto tuo. Le cose materiali perse possono essere ritrovate. Ma c'è una cosa che non può mai essere ritrovata quando si perde: la vita. In qualsiasi fase della vita siamo in questo momento, alla fine dovremo affrontare il giorno in cui calerà il sipario. Fate tesoro dell'amore per la vostra famiglia, dell'amore per il vostro coniuge, dell'amore per i vostri amici...

Trattatevi bene. Abbiate cura del prossimo.


 
 
 

ETNE - VINCE

Post n°799 pubblicato il 10 Dicembre 2015 da angeligian

AMICI CARI, AMICI BELLI, GRAZIE!!! Sono commossissima per la vostra preoccupazione e il vostro affetto. SONO VIVAAAA! Sono quasi morta, ma di rabbia. Tutta colpa di TELECOM. Ho fatto la strupidaggine di fare il contratto con Telecom il 24 ottobre scorso e da allora sono cominciati i miei guai. Prima mi hanno lasciato dieci giorni senza linea fissa, poi è tornata la linea fissa ed è sparita l'adsl per quasi un mese. Ho telefonato al 187 due volte al giorno e ogni volta che parlavo con qualcuno mi diceva una cosa diversa da quello che mi aveva detto un altro. "Stiamo lavorando per lei", "E' colpa di Infostrada", "Attiveremo tutto domani", "Attiveremo tutto tra due-tre giorni", "Qui è tutto a posto", "Viene il tecnico il 10 dicembre" e tutta una serie di prese per i fondelli. Si trattava solo di riconfigurare il modem e oggi finalmente me l'hanno riconfigurato MA A PAGAMENTOOOO!!! Mai nessun altro gestore aveva osato tanto, nel senso che mi hanno sempre riconfigurato il modem gratuitamente. Sono arrrabbbiatissima. Sicuramente etne mi capirà e sarà affranto per me. E ancora non è finita perché mi devono guidare per la TimVision, se mai lo faranno.

Comunque, è brutta questa cosa che uno comunica per anni sia pure in maniera diluita dal mezzo, e poi scompare ed è come se non ci fossimo mai conosciuti. E' proprio brutta, si', si'.

 

 
 
 

La Storia o la Fossa?

Post n°798 pubblicato il 13 Novembre 2015 da angeligian

LA STORIA O LA FOSSA? Hanno utilizzato qualunque mezzo per fare cassa, calpestando la vita e la dignità delle persone. Hanno agito con l'arroganza e la supremazia di chi si sente protetto dalla magistratura, dalle istituzioni europee, dalla sinistra più becera. Hanno commesso un reato dietro l'altro, perpetrando misfatti per i quali, un normale cittadino, sarebbe finito in galera per decenni. Monti, ben sapendo del lavoro sporco che avrebbe dovuto fare, si è fatto garantire dal comunista del colle e una volta diventato senatore a vita, quello che era il suo delirio di onnipotenza si è amplificato, conducendolo a scelte ciniche, disumane, spietate. Ha calpestato il diritto alla dignità e all’esistenza stessa di milioni di Italiani, ha utilizzato servi sciocchi, come la Fornero, per portare a termine un piano di riduzione alla fame di uomini e donne. La storia farà giustizia di tutte queste assurdità, la storia ci racconterà dei complotti e delle cospirazioni che hanno caratterizzato questo periodo. La storia farà luce su tante pagine che si sono potute scrivere, soprattutto per la cecità e l’odio ideologico di una certa parte politica, che pur di vedere cadere un avversario, accetta qualunque sotterfugio e qualunque mezzo. La storia chiarirà tante cose. A me, però, della storia non me ne frega niente, non mi interessa nulla che un mio postero possa capire la verità. Io questa gente la vorrei vedere in galera,subito, adesso, adesso che è ancora viva o in alternativa la vorrei vedere... in una fossa. Giorgio terzo Catalano

N.B.: Nella foto ho scritto, per errore un miliardo e mezzo di lire, purtroppo si tratta di un miliardo e mezzo di euro. Per una rapina così non basterebbe l'ergastolo.


 
 
 

I gay invaders

Post n°797 pubblicato il 06 Novembre 2015 da angeligian

Da tempo ci permettiamo di segnalare il fenomeno dei Gay Invaders, le storie omosessuali e transessuali che s’intrufolano in ogni fiction, in ogni reality, in ogni trasmissione tv. Oggi come oggi se un contenitore pomeridiano non ha almeno la testimonianza in diretta di un uomo che è diventato donna e si è sposato con una donna che è diventata uomo, non va nemmeno in onda. La teoria del gender impazza in tutte le scuole. Vietato dire che esistono azzurro e rosa, bambini e bambine: siamo tutti neutri. E vietato dire che le specie animali si moltiplicano dalla notte dei tempi accoppiando maschi e femmine. Ormai a scuola si insegna che i bebè li porta la Cicogna Provetta, magari scovandoli sotto il cavolo di un laboratorio.

In Francia hanno appena proposto di mettere al bando le favole come Cappuccetto Rosso e Cenerentola perché sarebbero sessiste. A Napoli è stato iscritto nell’anagrafe comunale il primo bambino italiano che ha due mamme. Queste ultime, naturalmente, si sono subito concesse alle telecamere per dire quant’è bello che un piccolo cresca senza avere come riferimento una figura maschile. Una meraviglia, infatti: perché non ci abbiamo pensato prima? Anzi: perché non ci ha pensato direttamente la natura? Fino a poco tempo fa a tenere il punto c’era la Chiesa. Adesso anche lì si percepiscono sbandamenti pericolosi. «Chi sono io per giudicare?», si è chiesto il Papa. E così un pezzo della curia si è subito messa al lavoro per sancire la svolta gay friendly del Vaticano. Per portarsi avanti sono partiti gli outing dei cardinali omosessuali, poi quelli dei preti omosessuali, l’intera Santa Sede è stata fatta passare per una mini-succursale dell’Arcigay.

Oggi si ha quasi paura a provare a difendere la famiglia. Ci si sente soli. E c’è subito qualcuno che ti accusa di omofobia... di Mario Giordano

 
 
 

Buon appetito!

Post n°796 pubblicato il 31 Ottobre 2015 da angeligian

Il fatto di mangiare insetti, scorpioni e vermi mi alletta davvero poco. E non sono nemmeno sicura che siano più salutari di una bistecca di manzo o di un panino alla mortazza, cose che ho mangiato sempre fino a qualche anno fa sentendomi in piena salute. Adesso che evito la carne rossa e gli insaccati, sarà un caso, ma mi cicciano dolori da tutte le parti. Il pallino di sostituire la carne con i bacherozzi l'Europa ce l'ha da un bel po' di anni, al punto di "premiare" con 3 milioni di euro quei paesi che vogliono adottare questo tipo di alimentazione. Ma io dell'EU, dell'ONU, dell'OMS (l'organizzazione che pretende l'educazione sessuale gender già negli asili) non me ne fido neanche un po' e mi chiedo cosa ci sia dietro a quest'altra bella pensata. Per gli insaccati è facile immaginare che vogliano favorire il processo di islamizzazione già in attuazione in tutta Europa, ma per le carni rosse cancerogene non so che pensare. Se la carne di manzo è tanto cancerogena, perché invece di abolire la carne non eliminano gli ormoni, gli antibiotici, gli anabolizzanti, i pesticidi che inzeppano in quelle povere vacche?

C'è da dire però che di schifezze ne mangiamo tante pure noi e nessuno si scandalizza, vedi ad esempio, le lumache, le rane, i formaggi con i vermi, le interiora e ci metterei pure i molluschi. Insomma, questa Europa nemica del buon senso e dei cittadini, ha deciso per il novel food e dunque: cioccolato senza cacao, formaggio senza latte, porci senza ali e OGM.

 
 
 

Succede anche questo

Post n°795 pubblicato il 23 Ottobre 2015 da angeligian

La notizia è stata riportata, proprio in queste ore, dall’agenzia ANSIA. La storia di eroismo civile arriva da Cazzate sul Meno, un serioso paesino in provincia di Italietta. La scorsa notte, come riportato dai Carabinieri, Martino Poveracci, 65 anni, originario di Mannaja, nell’entroterra siculo, avrebbe compiuto un gesto di rara civiltà. Intorno alle 3.42 di notte, Martino e sua moglie Franca Amarezza, 48 anni, si sarebbero accorti che sul balcone, al primo piano, due malviventi stavano per forzare la serratura della graziosa portafinestra che da accesso proprio alla loro camera da letto. L’uomo, senza desistere e coraggiosamente, ha estratto da un cassetto la sua calibro 38 regolarmente detenuta e si è recato alla finestra aprendola, permettendo il comodo ingresso dei tre ladri nella sua abitazione. Successivamente, secondo la ricostruzione dei fatti, Poveracci si sarebbe recato al pian terreno della sua villetta a schiera ed avrebbe aperto la modesta cassaforte di famiglia contenente il suo diploma, la foto della sua Comunione, una pizza, un mandolino e un paio di baffi neri, oltre a una discreta quantità di preziosi. Sarebbe stato a quel punto che Franca Amarezza, insospettita dall’accaduto, avrebbe tentato di chiamare i Carabinieri. Mentre i due extracomunitari, con alle spalle una lunga sequela di furti e rapine ed un ordine di allontanamento coatto dal territorio di Cazzate, si apprestavano ad andare in cucina per gustare ‘u pane ca’ salama precedentemente affettato per loro da Poveracci, l’uomo avrebbe fatto fuoco contro la moglie colpendola alla spalla destra ed impedendole di avvisare per tempo le forze dell’ordine. Comunque giunte sul posto, dopo aver chiamato i soccorsi, hanno tratto in arresto la moglie di Martino Poveracci per illegittima difesa, nel tentativo estremo di aver fatto desistere il marito nel coadiuvare i malviventi durante la loro azione. Per lei, il magistrato, avvisato entro le ventiquattro ore dell’accaduto, parla di 6 anni di reclusione. Per Poveracci, come ovvio, un bagno di solidarietà dalle istituzioni, che già propongono un encomio al loro coraggioso concittadino. “Ho soltanto cercato di fare il mio dovere. Non potevo rischiare di essere arrestato per il reato di legittima difesa, avrei gettato la vergogna sulla mia famiglia, non avrei mai potuto permettermi di passare per razzista”. Un plauso anche dal Premier Gianmatteo Senzi, che, saputo dell’accaduto, avrebbe detto: “Dopo numerosi casi di cittadini che hanno tentato di difendere, addirittura con armi regolarmente detenute, la loro famiglia, la loro casa, la loro dignità da malviventi notturni, ecco un esempio di alto senso civico, pacifico”. (Il Giornale)

 
 
 

Mi piace sempre ... o quasi

Post n°794 pubblicato il 16 Ottobre 2015 da angeligian

Da tempo ci permettiamo di segnalare il fenomeno dei Gay Invaders, le storie omosessuali e transessuali che s’intrufolano in ogni fiction, in ogni reality, in ogni trasmissione tv. Oggi come oggi se un contenitore pomeridiano non ha almeno la testimonianza in diretta di un uomo che è diventato donna e si è sposato con una donna che è diventata uomo, non va nemmeno in onda. La teoria del gender impazza in tutte le scuole. Vietato dire che esistono azzurro e rosa, bambini e bambine: siamo tutti neutri. E vietato dire che le specie animali si moltiplicano dalla notte dei tempi accoppiando maschi e femmine. Ormai a scuola si insegna che i bebè li porta la Cicogna Provetta, magari scovandoli sotto il cavolo di un laboratorio. In Francia hanno appena proposto di mettere al bando le favole come Cappuccetto Rosso e Cenerentola perché sarebbero sessiste. A Napoli è stato iscritto nell’anagrafe comunale il primo bambino italiano che ha due mamme. Queste ultime, naturalmente, si sono subito concesse alle telecamere per dire quant’è bello che un piccolo cresca senza avere come riferimento una figura maschile. Una meraviglia, infatti: perché non ci abbiamo pensato prima? Anzi: perché non ci ha pensato direttamente la natura? Fino a poco tempo fa a tenere il punto c’era la Chiesa. Adesso anche lì si percepiscono sbandamenti pericolosi. «Chi sono io per giudicare?», si è chiesto il Papa. E così un pezzo della curia si è subito messa al lavoro per sancire la svolta gay friendly del Vaticano. Per portarsi avanti sono partiti gli outing dei cardinali omosessuali, poi quelli dei preti omosessuali, l’intera Santa Sede è stata fatta passare per una mini-succursale dell’Arcigay. Però, ecco, mi basterebbe che qualcuno provasse ancora a difendere la famiglia. Ha presente quella vecchia cosa: una mamma, un papà, i figli che nascono dal parto? Oggi si ha quasi paura a farlo. Ci si sente soli. E c’è subito qualcuno che ti accusa di omofobia… di Mario Giordano

 
 
 

Funziona cosi'

Post n°793 pubblicato il 10 Ottobre 2015 da angeligian

In tempi come questi di assenza di valori e di sbando sociale, io credo che coloro che amministrano la giustizia dovrebbero essere particolarmente severi contro chi delinque. E invece si verifica il contrario, la giustizia è lasca, sbrindellata, nell'ottica sinistra di "non toccate Caino (ma ammazzate pure Abele)". Quest'uomo, anziano e senza una gamba, non stava difendendo i suoi beni (roba di poco valore), ma il suo futuro, il frutto dei suoi sacrifici e soprattutto il suo diritto a vivere senza l'angoscia della preda di fronte al branco di lupi, come sto vivendo io costretta a lasciare la mia bella villa per infognarmi in una cella cementizia di città. Andrà in prigione per cinque anni e dovrà risarcire gli zingari ladri con 135.000 euro.

Ricordo un amico di Magistratura Democratica (DEMOCRATICA!!!) quando cercava di convincermi che la prigione non serve. Eh, no, amico mio, la prigione serve eccome. Serve a me e alle persone come me per vivere e faticare in pace, per togliere le mele marce dal cesto, per ridare dignità a un popolo di ladri, corrotti, pedofili, stupratori, spacciatori, sfruttatori e magnaccia. Solo per gli assassini la prigione non serve, per loro serve Mastro Titta ...


Erano armati di spranghe e lo avevano minacciato. Mattioli, subito dopo l'evento, spiegò così al Gazzettino la sua vicenda: "I nomadi mi rubavano anche il pane, le biciclette. Cosa dovevo fare? Subivo e lasciavo perdere". Poi aggiunse: "Era notte, erano armati di spranghe. Ho avuto paura. Quando uno di loro mi ha detto minaccioso 'stai zitto!', mi sono sentito davvero aggredito, anche psicologicamente. Ho premuto il grilletto. Ho capito che avevo sparato quindici colpi quando il caricatore si è svuotato. Spero che quei ragazzi se la cavino". Ma il giudice ha deciso che è colpevole. Cinque anni e quattro mesi per duplice tentato omicidio dei nomadi Blu Helt, allora 28enne, e Cris Caris, 22 anni nei giorni degli eventi. Ma non solo. Perché il Tribunale ha anche stabilito che dovrà risarcire i rom con 135mila euro di provvisionale. Ermes Mattielli si è sempre considerato un perseguitato dalla giustizia. Voleva difendere i suoi beni, anche se l'accusa ha sostenuto che "non avevano valori paragonabili alla vita di due persone". Oltre al danno, la beffa. Anche Matteo Salvini si è espresso sulla questione: "Ermes Mattielli - scrive su Facebook - commerciante e invalido civile, sparò e ferì due NOMADI che erano entrati, spranghe in mano, nel suo magazzino per rubare. È stato condannato a 5 anni di GALERA per tentato omicidio e a risarcire i due ladri (condannati a 4 mesi...) con 135.000 euro. PAZZESCO! Come Lega faremo il possibile per aiutare questo commerciante. Come cittadino, sono schifato da questa "giustizia". Io sto con Ermes". (Il Giornale)

 
 
 

Non so quando l'ho scritto, ma va bene anche adesso

Post n°792 pubblicato il 03 Ottobre 2015 da angeligian

Cari Fratelli Immigrati, davvero credete di essere arrivati nell’Eldorado, nel paese di Bengodi, dove tutto vi è dovuto e voi niente dovete, dove potete essere nutriti, alloggiati, curati a spese dei lavoratori italiani? Ebbene, vi do una ferale notizia: non è così. I lavoratori italiani stanno diventando una razza in via d’estinzione e tra esodati, precari, disoccupati, inoccupati, licenziati e suicidi il loro numero sta diminuendo drasticamente. E se non lavorano non magnano, ma se non magnano loro non magnate neanche voi. Potreste forse pensare di sostituirli voi stessi con le vostre scarse capacità e inesistenti qualifiche e con il linguaggio primitivo attraverso il quale vi esprimete? Sarà divertente scoprire, adesso che siete stati ammessi a concorrere ai posti pubblici - dove avrete sicuramente la priorità come del resto l’avete già nelle case, nelle scuole e negli ospedali - che tra il secondino del Congo ‘Ndrio Telopongo e l’evasore rumeno Ciau Esku ogni comunicazione è di fatto impraticabile, così come lo sarà tra il conducente di autobus siriano e la zingara borseggiatrice di linea o tra l’impiegato Inps proveniente dal Ghana e il pensionato italiano proveniente da sotto i ponti. Sarà un disastro e ne abbiamo avuto già qualche esempio nelle persone di Cécile Kyenge e Khalid Chaouki, ex clandestini dis-integrati e inetti, figure fittizie di un parlamento presunto. Davvero credete, quando il momento verrà (e verrà) di essere in grado di gestire e portare avanti un paese come l’Italia e di poterlo fare meglio degli italiani che per esso hanno sputato sangue, hanno combattuto, hanno studiato, hanno scritto, hanno sudato? Conoscete la nostra storia? No, voi pensate che la Storia non serva e allora vi regalo un’altra chicca: un paese senza storia è un paese senza futuro e un popolo senza memoria storica è una batteria di polli ammassati e pronti per il forno e per le tavole dei signori. Noi siamo passati attraverso lo sbarco dei Mille, l’Unità d’Italia, le Guerre mondiali, il Terrorismo. Abbiamo dato i natali a Dante e Petrarca, a Leonardo e Michelangelo, a Verdi e Vivaldi, a Versace e Valentino, abbiamo inventato la mozzarella in carrozza e i bucatini alla gricia. E voi? Conoscete il nostro Inno? No, senza una patria a che serve un inno come hanno ampiamente dimostrato quei quattro deficienti che l’hanno fischiato allo stadio. Conoscete la legge? No, la Legge è per gli italiani cretini che vi mantengono, voi ne siete al di sopra.

In conclusione, quando quasi tutti gli italiani rimarranno senza lavoro, quando quasi tutte le imprese chiuderanno, quando avrete devastato quel che resta dell’Italia, quando avrete trasferito qua la vostra sporcizia, inciviltà, malattie e culture primitive e voi non sarete più mantenuti a vita, né saprete gestire il paese, allora che ne sarà di voi? Ma soprattutto, che ne sarà stato di noi?

 
 
 

I ciarlatani non muoiono mai

Post n°791 pubblicato il 26 Settembre 2015 da angeligian

E già. Gli ungheresi sono nazisti perché hanno un presidente che si cura di loro e perché ti hanno mandato a cagare quando ti sei offerto di partecipare alla cerimonia di commemorazione dei moti e dei morti del 1956, quando l'esercito sovietico invase il paese e sparo' sulla folla inerme. Si', proprio quella "rivoluzione calunniata" da te e dai tuoi compari comunisti, a dimostrazione - se ce ne fosse bisogno - che i rappresentanti italiani del comunismo hanno sempre mistificato la realtà per i loro sporchi interessi personali e di partito.

Te lo ricordi il compagno di merende Togliatti quando si presento' su quel palco a piazza Venezia di fronte a una folla immensa accorsa a sentire cosa avrebbe potuto dire a giustificazione di quei massacri, te lo ricordi cosa disse? Con tutta la sua protervia afferrò il microfono e urlò: "Hanno fatto bene!". E ti ricordi cosa scriveva l'Unità, omettendo di raccontare dei morti ammazzati dai sovietici? Scriveva: "Il fatto che la sommossa controrivoluzionaria sia stata sconfitta, non può che essere salutato da ogni democratico sincero".

Già, anche allora di fronte al soffocamento di ogni libertà del popolo parlavate di "democrazia". E mi pare molto coerente con la tua personalità e con la tua distorta mentalità di comunista impostore che oggi tu li chiami "nazisti". Hai quasi cent'anni ma la vita non ti ha insegnato niente: ciarlatano eri e ciarlatano sei rimasto

“Il futuro è l’Europa”. E’ il delirante messaggio lanciato dal noto incapace Giorgio Napolitano, che giovedì pomeriggio a Piacenza ha aperto l’ottava edizione del Festival del Diritto.

Napolitano, affiancato dal curatore scientifico della manifestazione, un altro parassita, Stefano Rodotà, ha parlato partendo dalla forte “caduta di consenso” che la stessa Europa oggi sta vivendo, sfociata in veri e propri “sentimenti di repulsione verso 50 anni di storia comune”.

“L’Europa – ha sottolineato – non è rimasta un semplice sogno e di pochi. Si sono costruite istituzioni, nuovi modi di vita oltre le vecchie frontiere, si è creata un’inedita unione bancaria. Non sta per crollare, come vorrebbe chi vuole tornare alle vecchie sovranità nazionali”.

Ricordiamo che Napolitano aveva giurato di difendere, come Presidente, la sovranità nazionale. Siamo in presenza di un traditore da perseguire penalmente.

Poi il riferimento ai clandestini: “Il senso e la moralità dell’essere europei si è giocato anche nell’accoglienza ai profughi. Si può tollerare che l’Ungheria, stato membro da 10 anni, adotti strumenti che ricordano il nazismo?”

Napolitano è lo stesso che aveva salutato con gioia i carri armati sovietici a Budapest. Poteva avere almeno il buongusto di stare zitto. L’incapace.

Si sa, lui che un tempo indicava l’Urss come esempio, non può che fare lo stesso, oggi, con l’Ue."

 

Da VoxNews

 
 
 

Cretini

Post n°790 pubblicato il 20 Settembre 2015 da angeligian

FESTEGGIAVANO LE DIMISSIONI DI BERLUSCONI

E ESULTAVANO PER L'ARRIVO DI MONTI


Cosa festeggiavano questi poveracci?
Credo che celebrassero l'odio, l'invidia, la nullità di una sinistra che non aveva ideali ma che cementava le sue anime sull'odio verso Berlusconi. 
Oggi mi piacerebbe chiedergli: siete contenti della politica di Monti, Letta e di Matteo Renzi?
Da zecche integraliste ho paura che mi risponderebbero di si! (Riva Destra)

 
 
 

Lo hanno sempre fatto

Post n°789 pubblicato il 14 Settembre 2015 da angeligian

La nostra è un'informazione bovina: se spari a destra la mandria si sposta a sinistra, se spari a sinistra la mandria si sposta a destra. Solo che ultimamente si spara solo a destra per spingere i bovini verso sinistra. "Sinistra" si fa per dire. In verità trattasi di sinistra capitalista, ricca sfondata, senza altro fine che soggiogare i poveri e ridurli, se possibile, ancora più poveri. E' la ricetta contorta per raggiungere i loro scopi e ammannirci un piattino di cacca ricoperto di panna. Sono loro i sepolcri imbiancati, i gusci ritinti, i lupi ammantati. Sono i ricchi che fingono di voler combattere la ricchezza servendosi dei comunisti, così come gli ebrei fingono di voler combattere l'Islam servendosi dell'Isis. Lo hanno sempre fatto.

Racconta Stefano Zecchi nel suo ultimo libro: Gridavano "Viva il comunismo e la libertà" e sventolavano le bandiere rosse e osannavano Stalin, Tito e Togliatti". Così i comunisti accoglievano i profughi istriani, ovvero quegli italiani che cercavano di tornare in patria quando l'Istria e la Dalmazia erano stati ceduti alla Iugoslavia di Tito. E l'Unità scriveva: "Non riusciremo mai a considerare aventi diritto ad asilo coloro che si sono riversati nelle nostre città. I gerarchi, i briganti neri, i profittatori che hanno trovato rifugio nelle città e forniscono reclute alla delinquenza comune, non meritano davvero la nostra solidarietà né hanno diritto a rubarci pane e spazio che sono già così scarsi”. Proprio così: 350.000 italiani che volevano tornare in Italia rifiutando di passare sotto un regime comunista di orrore e terrore erano delinquenti che ci rubavano spazio e pane, mentre i milioni di sedicenti profughi provenienti da paesi e culture estranee, spesso primitive e tribali con l'osso in testa e l'anello al naso che ci portano, loro sì, delinquenza e fame, vanno accolti con tutti gli onori, con tutti i cellulari e con tutta la banda ... la banda della Magliana, come dice Brignano. Lo hanno sempre fatto.

Pensa a coloro che hanno rappresentato l'Italia per tanti anni. Pensa a Napolitano e l'Ungheria, a Napolitano e la Terra dei fuochi, a Napolitano e le intercettazioni rapite, a Napolitano e i rimborsi europei farlocchi. E non parliamo di Togliatti che di italiani suoi amici ne ha mandati a morte un bel po' nelle steppe gelide della Siberia e che riteneva il peggior russo migliore del migliore italiano. E di Scalfaro che ha condannato a morte tre italiani di cui uno suo intimo amico e che si cuccava 100 milioni al mese dal Sisde, ne vogliamo parlare? Lo hanno sempre fatto perché - diciamoci la verità - sti comunisti sono proprio strani ... Ooops, ho detto "strani"?

 
 
 

Il classico bove che dice cornuto all'asino

Post n°788 pubblicato il 07 Settembre 2015 da angeligian

Abbiamo un impostore che ha preso il potere facendo le scarpe a un collega e bypassando il popolo, che ci ha rimbambito di frottole, che ci ha trascinato ancor più nello squallore e nella miseria, che si permette di dire alla metà degli italiani che sono delle bestie. Lui si definisce "umano" e a noi ci chiama "bestie".

Non mi sarei sentita tanto offesa perché in fondo io apprezzo più le bestie degli umani, se tale concetto non fosse stato espresso da un venduto traditore abusivo che usa le foto di un bambino morto per farsi pubblicità elettorale. E le bestie saremmo noi? L'avete visto con quanta sdegnata veemenza ha berciato: "Non esiste una dx contro una sx, ma umani contro bestie" ...

E in fondo ha ragione, esistono bestie che si fanno prendere a calci da tutta l'Europa, bestie che auspicano uno stile di vita per tutti noi simile a quello di zingari e miserabili africani, bestie che lasciano morire di povertà i loro cittadini, bestie sbarcate dal Congo (dove ancora si pratica il cannibalismo) che vengono a dare lezioni di civiltà in Italia, bestie marocchine che sputano ogni giorno sul piatto italiano. Esistono, sì, tali bestie e fanno tutte parte del suo serraglio, caro Giuda Bischeriota. Ah, a proposito di immagini pietose, tali da smuovere i cuori impietriti delle bestie, come mai non ha mostrato anche quelle dei tanti mort'ammazzati dagli "umani" protetti da lui, dalla magistratura, dalla stampa, dalla Chiesa? O anche le foto di quei bambini uccisi dai suoi amici e padroni, i cui corpi sono stati sepolti nel Monumento al Solito Ignoto?

Bambini cristiani

Mamma e bimbo ucraini trucidati dai filo europei anti Putin

Bambino cristiano crocifisso

Ce ne sono altre atroci di bambini palestinesi uccisi dagli israeliani ma non si possono pubblicare

 
 
 

Al mio amico Etne

Post n°787 pubblicato il 05 Settembre 2015 da angeligian

Il Piano Kalergi consiste essenzialmente nella distruzione totale della Vecchia Europa, iniziata con la prima guerra mondiale, seguitata con la seconda e terminata con l’Europa Unita (2000) di Bruxelles e l’invasione di massa di milioni di musulmani provenienti dall’Africa (2015). Kalergi aveva scritto che occorreva mischiare i popoli e le etnie europee con quelle asiatico/slave (ciò è avvenuto nel 1990 sotto il pontificato di Giovanni Paolo II) e africane (nel 2013-15 sotto Francesco I).

Il kalergiano ex Direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) G. Brock Chisholm ha dichiarato: “tutti dovranno praticare la limitazione delle nascite e i matrimoni misti in vista di creare una sola razza in un mondo unificato e dipendente da un’autorità centrale” (USA Magazine, 12 agosto 1955). Le invasioni della Vecchia Europa da parte dei popoli dell’Est, degli slavi, degli asiatici e dei musulmani africani non è un fenomeno spontaneo, ma era stata progettata da Kalergi ed è stata realizzata dai «Padri fondatori» dell’Europa Unita (1945-1989) e poi ultimata dai «figli “deficienti”» dell’Europa oramai distrutta (1990-2015) con l’avallo degli uomini di Chiesa, che dal Vaticano II in poi hanno sposato la filosofia della modernità.

Non si possono tacere gli appoggi e le aperture di Giovanni XXIII e Paolo VI al Rotary, alla Massoneria, al Bené Berith, all’Onu e l’attivazione pratica di Giovanni Paolo II e Francesco I a favore dell’invasione di massa dell’Italia e della Vecchia Europa occidentale a partire dall’Est e dal Continente nero. Contra factum non valet argumentum. È triste doverlo ammettere ma è così e per il principio evidente di non-contraddizione non lo si può negare. La Repubblica e il Tempio Universali hanno agito di pari passo come aveva progettato l’Alta Vendita: “la Rivoluzione in cappa e tiara, fatta dal clero sotto un Papa secondo i nostri bisogni”.

Assistiamo, perciò, umanamente impotenti all’invasione finale dell’Italia e dell’Europa ultimamente anche da parte della manovalanza dell’Isis, benedetta dai politici (tranne poche eccezioni: Lega nord, Fratelli d’Italia, Cinque stelle), dagli intellettuali politicamente corretti, dai giornalisti di regime e soprattutto dagli uomini di Chiesa teologicamente corretti (Galantino, Bagnasco, Bergoglio), anche qui con poche e rare eccezioni.

Conclusione - Come andrà a finire? Come in Siria, in Tunisia, in Libia. Solo il sangue dei martiri potrà cancellare questo delirio collettivo. Noi, tuttavia, dobbiamo far quel che umanamente possiamo per impedire che ciò avvenga, ma soprattutto dobbiamo confidare nell’aiuto del Signore data l’imparità delle forze in campo. È pazzesco, ma è così. “C’è molta logica in questa follia” direbbe Shakespeare. D’altronde un mondo che inizia con la folle affermazione di grandi filosofi secondo cui il pensiero crea la realtà (Cartesio, Kant, Hegel) non può non terminare nel delirio suicidario nichilistico (Nietzsche, Freud, Adorno, Marcuse, Sartre e sessantottini). Stiamo raccogliendo ciò che abbiamo seminato. Ora “chi semina vento raccoglie tempesta”. Quindi prepariamoci ad un terribile tsunami, un “Diluvio di fuoco” (S. Luigi Grignion de Montfort).

Più attuale che mai, in questi tristissimi frangenti, risuona alle nostre orecchie questa bella preghiera del cardinale Alfredo Ottaviani: "Maria ai nostri tempi: la Società moderna è travagliata da una febbre di rinnovamento che fa paura ed è infestata da uomini che si prevalgono di tanta nostra sofferenza per costruirvi l’impero dei loro arbìtri, la tirannide dei loro vizi, il nido delle lussurie e delle rapine. Mai il male ha assunto caratteristiche tanto vaste e apocalittiche, mai abbiamo conosciuto altrettanto pericolo. Da un’ora all’altra noi possiamo perdere non la vita soltanto, ma tutta la civiltà e ogni speranza. Noi abbiamo cacciato il suo Figlio dalle scuole e dalle officine, dai campi e dalle città, dalle vie e dalle case. L’abbiamo cacciato dalle stesse chiese, abbiamo preferito Barabba. Non ne possiamo più, o Maria. L’umana generazione perisce, se tu non ti muovi. Parla per noi, o silenziosa, parla per noi, o Maria! ” . 

d. Curzio Nitoglia 25/8/2015

 
 
 

E poi sarei io la Cassandra, l'Apocalittica?

Post n°786 pubblicato il 31 Agosto 2015 da angeligian

E' un Feltri apocalittico quello che, nel suo consueto commento su "Il Giornale" interviene nel dibattito sull'immigrazione che in queste settimane ha preso d'assalto l'Italia e l'Europa. "Africani e mediorientali preferiscono l' azzardo di una traversata in mare, su imbarcazioni poco raccomandabili, stipati quali sardine in scatola, o di un lungo cammino sulla terraferma, che non rimanere dove sono nati e cresciuti tra mille difficoltà, costretti a subire umiliazioni e sofferenze d' ogni tipo" scrive il fondatore di Libero. Il quale però ricorda come il nostro continente non sia più l'Eldorado capace di accogliere e sfamare i poveri del mondo. "È inammissibile che siriani e popoli di colore paghino fior di 'pedaggi' per emigrare dove nessuno li accetta, non per cattiveria o egoismo, bensì per mancanza di spazi e di fondi sufficienti allo scopo di accoglierli come Dio comanda. (...).

Poi il tono di Feltri, da quello dell'analisi, vira sul piano storico: "È vero, le migrazioni di massa sono sempre avvenute, dalle origini del mondo ad oggi. Attenzione, però: non sono mai state pacifiche. I barbari che invasero l' Impero romano menarono le mani a più non posso. I romani si difesero strenuamente. Poi persero, e le cose si conclusero come è noto".

Quindi il monito: "A distanza di secoli e secoli, la storia di ripete: se rinunciamo a priori a batterci, sarà fatale la sconfitta; rinunceremo anche a trattare la resa. Saremo dominati, schiacciati, fatti a pezzi da musulmani e neri (non è lecito scrivere negri, perché la mamma non vuole). Voliamo allegramente verso il nostro destino di imbelli e di buonisti stolti: più che dal paradiso siamo attesi da un coltello che ci taglierà la gola e la testa. La prospettiva non è attraente ma sarà inevitabile, signori cretini".

 
 
 

Via IMU e via Tasi. Peccato pero' che ...

Post n°785 pubblicato il 26 Agosto 2015 da angeligian

LE CAVOLATE DI RENZI E DEI GOVERNI BANCARI: Via IMU e TASI dal 2016. Ma nel 2016 entrerà in vigore il Pareggio di Bilancio quindi quei soldi si dovranno sborsare comunque e agli stessi andranno aggiunti soldi per il rientro graduale del rapporto tra Debito Pubblico e PIL al 60%. Per gli ignoranti ( che ignorano cosa voglia dire tale soglia del 60% ) spieghiamo che per per far scendere il debito pubblico dal 137% al 60% del PIL si dovranno fare drastici tagli alla spesa pubblica ( quindi meno servizi pubblici ) e rientro di soldi alle banche detentrici di titoli di stato. Rientro che avverrà con il prelievo fiscale.

Se considerate che tutta la massa monetaria che fa girare l'economia è emessa a debito, portare il rapporto al 60% vuol dire far girare meno soldi e quindi strozzare l'intera economia. Lo Stato sarà costretto a far gestire i servizi di interesse pubblico da multinazionali private perchè i privati potranno indebitarsi (a discrezione di chi gli presta i soldi e su specifici business plan) ma lo Stato no. Non resta altro che pregarvi la salute, sia fisica che economica perchè se vi ammalerete (anche gravemente) o dovrete pagare la tassazione elevata per il rientro del debito,dovrete avere una cospicua base finanziaria di risparmi per poter guarire o vivere il più possibile. Se non avete soldi per curarvi e pagare le tasse lo Stato vi viene incontro consentendovi di ipotecare la casa in cambio di un vitalizio o di un prestito. E' stato tutto previsto nella L.44 del 2 aprile 2015 che è entrata in vigore il 6 maggio scorso. Ma che bravi elettori che abbiamo. Fossero meno ignoranti ed asserviti sarebbe veramente un Bel Paese.

P.S.: ovviamente siccome lo stato non può spendere, le pensioni non potranno aumentare ma di contro non si possono tagliare neanche quelle "ricche" perchè i diritti acquisiti non si toccano, come ha sancito la Corte Costituzionale. Diritti per pochi, ma non per voi pensionati che vi siete visti sottrarre soldi e state aspettando che ve li restituiscano.

(Antonio Pocobello)

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Jenny_88lolatarantinoPassione_Inebriantechevallcloud.9pappina6werdgl14perpoche1ghionnamarcolo.stracciacuorimarilenamusetticircololiberta_arcorrex.paxadore1998gilbertorossi1947
 

IO E ALTRI ANIMALI

angeligian

Min: :Sec

 I MAGNIFICI TRE A GUARDIA DEL BLOG

 

L'OROLOGIO CHE NON FUNZIONA

 

 

IL CUBO DI ANGELIGIAN


Created with dumpr.net - fun with your photos

 

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ATTACCO FEROCE DI NOSTALGIA

 

 

 afrika

 
 
Inviato da: angeligian
 

RALLEGRIAMOCI

 

 

SE LO ABBANDONI LA BESTIA SEI TU!

Cesto peloso

 

 

TUTELA

TUTELA

Questo blog, come ogni spazio personale, č tutelato dalla legge 675 del 1996
(tutela della privacy),
dall'estensione della suddetta  avvenuta tramite il Decreto Legislativo N°196
del 30/06/2003 e dalle norme
costituzionalmente garantite al nome,
alla persona,  all'immagine ed all'onore.
Pertanto scritti di varia natura ed immagini, non possono essere utilizzati previa autorizzazione dell'amministratrice

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31