Blog
Un blog creato da Luxxil il 07/01/2011

angoloprivato

dei miei pensieri

 
 

 

.

Post n°825 pubblicato il 01 Febbraio 2015 da Luxxil

L'anima non ha tante parole a disposizione, la mente invece ne conosce tantissime, le studia , ci gioca, le allinea, le esibisce, si crogiola estasiata nell'attesa dell'applauso che sa immancabile arriva da chi le studia, ne conosce il significato e si bea della parola che proviene dalla mente. 

Il cuore sa dire solo dolore, mentre si riempie dei gemiti e delle urla delle vittime in una visione apocalittica. Sa dire felicità, mentre teme di scoppiare davanti ad una nascita o a un amore che va oltre l'orizzonte. Sa dire incantato davanti al susseguirsi delle stagioni e dei colori che avvolgono il mondo.  Il cuore è un bambino puro e la mente una matrigna spesso malvagia. 

 
 
 

benvenuto febbraio:)

Post n°824 pubblicato il 01 Febbraio 2015 da Luxxil

Le finestre erano chiuse da drappi neri, l'aria viziata e i pensieri torvi, il ticchettio dell'orologio a cucù era il tempo che scorreva, amaro e implacabile. Mobili in rovina , letti sfatti e sulla mensola avanzi di cibo che nutrivano topi, la desolazione viveva stabilmente in quella casa. 

Aveva perso la memoria acceccata da un raggio proveniente dall'oltre tomba, una stilettata agli occhi dell'anima, che le aveva fatto perdere i sensi per un tempo cosi lungo da non poter dire quanto ne fosse passato.

Da dove vedono ogni cosa, arrivò il richiamo a tornare a vivere, la riempi di contumelie un padre che non l'aveva dimenticata, la prese per le spalle e con violenza le canto sul volto , tutto quello che non voleva sentirsi dire.

Erano scesi in tanti a richiamarla, indicandole la strada che conosceva bene, ma non ascoltò nessuno, convinta che il suo cuore non sentisse nessun suono, tranne il ticchettio dell'orologio, ma la voce del padre, colui che l'aveva generata e amata squarcio la cappa nera e pesante sotto la quale si era nascosta.

Una lama di luce di amore liberò l'anima, aprì le finestre, tolse i drappi, il ticchettio cessò  e si sentì leggera e felice. 

 
 
 

.

Post n°823 pubblicato il 28 Gennaio 2015 da Luxxil

Su di un foglio di polvere di stelle

sotto un possente albero

che la difendeva da un sole crudele

con la sua pelle di luna e seta

cercava di ricordare la sua storia

che si perdeva nei millenni passati

e in quelli a divenire

il tempo riusciva a incepparsi come un orologio

tornava indietro e fuggiva avanti senza tregua

con le lancette che impazzivano rincorrendosi

facendo capriole e fermandosi quiete.

La stanchezza la vinceva pur restando ferma

mentre il mondo le girava intorno ruttando

sbavando

ancheggiando lascivo

fino a diventare un luogo deserto.

Fra le dita un filo di argento

a cui aggrapparsi per non perdersi

mentre il foglio di polvere di stelle

lentamente le si sgretolava in mano. 

 
 
 

.

Post n°822 pubblicato il 27 Gennaio 2015 da Luxxil

Li sfoglio distrattamente i giorni

come petali di margherite di prato

trattengo un sospiro nel petto

che sa di impazienza e di sbuffo verso il sole

che scende e sale

e non risponde mai alle domande

che gli pongo

ma ripete pedantemente " Non aver fretta"

ed io sbuffo e poi sbuffo ancora

come una bambina capricciosa

e intanto continuo a sfogliare i giorni

come fossero petali di margherite di prato

sapendo di essere amata. 

 
 
 

.

Post n°821 pubblicato il 12 Gennaio 2015 da Luxxil

Prati di papaveri rossi

fili di erba che tagliano

piccoli fiori gialli su lunghi steli

fiorellini azzurri che increspano il verde

non voglio ricordare null'altro

mentre mi defilo oltre la luna. 

 
 
 

Buon primo dell'anno

Post n°819 pubblicato il 01 Gennaio 2015 da Luxxil

Te ne sei andato con puntualità

e nessuno ti ha guardato con rimpianto

mentre ti allontanavi

qualcuno aveva espressioni di disappunto

che sono sparite quando è arrivato l'Anno Nuovo.

Le grida di gioia allo scoccare della mezzanotte

hanno coperto i tuoi passi

e mesto come un centenario incurvato

sei uscito di scena

forse anche con sollievo

dopo aver visto per 365 giorni

le lacrime che riesce a produrre il mondo

e osservato le piccole isole di felicità

che emergono da quel mare. 

 

 

Oggi è il primo giorno dell'Anno Nuovo e il sole risplende. 

 
 
 

.

Post n°816 pubblicato il 30 Dicembre 2014 da Luxxil

Nel silenzio delle stanze vuote, dove il fruscio delle tende mosse da un vento invisibile, sono l’unico rumore, e chiudendo gli occhi si sente il vento sul viso che lo accarezza, portando con se un profumo indefinibile, vago cercando di ricordare il mio nome. 

Andavo tutte le sere al castello degli incontri impossibili, ed entravo con l’affanno della corsa, per ritrovarmi fino all’alba a parlare,  bevendo qualcosa di cui non so il nome, o forse lo so, ma non mi piace…erano tazze fumanti di rimpianto. Ho trascorso notti seduta composta su di una poltrona con le gambe  a penzoloni a raccontarti di cose che sapevi già.

Tornandoci quel fruscio è come la tua voce e la tazza fumante di rimpianto è sempre pronta per me, servita su di un vassoio di argento. Stasera il fruscio mi dice che sono passati dieci anni e io con la testa lo nego, per me il tempo è diventato circolare, e mi riporta sempre a ieri, quando è stata presa la mia vita, rendendomi trasparente.  

 
 
 

buon Anno

Post n°814 pubblicato il 29 Dicembre 2014 da Luxxil

Si cambia il calendario

nuove immagini e giorni che scivolano

cambiando nome.

Un nuovo compleanno ci attende

il sole e la luna rimangono indifferenti

come le stelle

a cui non importa nulla del nostro Destino.

Ci saranno nascite e morti

passioni e delusioni

risate e lacrime

ma saranno tutte nuove

come l'anno che sta arrivando.

 

 

 

 
 
 

.

Post n°812 pubblicato il 28 Dicembre 2014 da Luxxil

Non sei passato per caso

quel caso inesistente nel e sotto il cielo stellato

e non devi stupirti se non mi trovi.

Ti ho visto arrivare

ho ammirato il tuo incedere

i tuoi capelli illuminati dal sole

ho visto ogni movimento delle tue mani

Mi è sfuggito un sorriso radioso

ma giunto davanti a me

non mi hai visto.

Ho sollevato nuvole di polvere

acceccato i tuoi occhi con raggi luminosi

ho eliminato dalla tua mente

il motivo per cui ti eri incamminato

e da donna invisibile ti ho baciato sulle labbra

prima di vederti svanire nel nulla

mentre ti chiedevi

il perchè eri giunto fino a lì. 

 
 
 

.

Post n°808 pubblicato il 20 Dicembre 2014 da Luxxil

Tutto frettoloso, le macchine che sfrecciano guardando lunghe gambe ai bordi dei marciapiedi, ad aspettare il cliente anche lui frettoloso, perchè deve motivare le sue assenze alla moglie, che frettolosamente non lo sopporta dal giorno dopo del matrimonio. Bambini resi frettolosi davanti alla colazione, durante una cena frettolosa, agli amanti che frettolosamente si incontrano cercando di simulare l'eternità del tempo, diventa frettoloso il lavoro fatto con disimpegno mentale e senza interesse se non quello del magro condimento, messo su spaghetti cotti frettolosamente, su un fuoco anch'esso frettoloso. Baci dati frettolosamente mentre le parole si sono già perse avanti senza lasciare nulla di sè. La violenza è dura e frettolosa, senza che un pensiero sfiori la mente fra la ferocia che si manifesta e la mano che colpisce. Fegati e cuori trasformati frettolosamente in bare dove sempre piu frettolosamente rinchiudere la propria vita.

 
 
 

.

Post n°806 pubblicato il 11 Dicembre 2014 da Luxxil

Sono presa da mille affanni

e essere donna non mi aiuta.

Ho avuto uomini accanto

a cui ho guardato come se fossero

i Soli splendenti dell’universo,

quando si sono spenti nessuna luce si è più accesa.

 

Per questo Natale fatto di borse pesanti da portare

Penso a chi mi ha dato la sensazione dell’abbandono

Pur forzato

Cosi mi trasformo in un Sole che brilla

Sapendo che mai mi abbandonerò

E il giorno che non festeggerò più il Natale

Non sarà un sole che si spegne

Ma la ruota della vita che gira

 

Per chi rimarrà con il colore dei miei occhi.

 
 
 

.

Post n°805 pubblicato il 06 Dicembre 2014 da Luxxil
Foto di Luxxil

e poi ci sono le differenze

quelle degli occhiali o senza

giocare a rialzo e a nascondino

e giocare con la propria vita

si gioca in maniera leggera

aspettando il richiamo da casa

si gioca in maniera pesante

quando il richiamo non c'è più

le mani sono sempre strette a pugno

e gli occhi sono lame di spade

le labbra sanno parole

velenose e letali

e si gioca con il ventaglio

che fa vedere ciò che si vuole

e la durezza del diamante

viene mascherata

sotto bambagia solo apparente.  

 

 

 

 
 
 

.

Post n°802 pubblicato il 30 Novembre 2014 da Luxxil

Le giornate di pioggia

si aprono sul paesaggio fatto di gocce

che risplendono

alla luce della malinconia.

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

.

Post n°801 pubblicato il 26 Novembre 2014 da Luxxil

Ricordo i suoi gesti

di come metteva il rossetto

 come girava il cucchiaino nella tazzina del caffè

 come portava il cibo alla bocca

e quei ricordi sono diventati attuali nei miei gesti

come se la sua età fosse scivolata sulla mia.

La sua ribellione naturale che ci ha sempre rese simili

e il mio nascondere la dolcezza e l’affettuosità

che in lei erano lampanti.

La ricordo con i capelli lunghi sulle spalle

castani e ondulati

con una regalità che neppure la morte ha potuto mascherare

e nelle giornate che sanno di camini spenti

ritrovo in me la bambina che ricerca la mamma

e dove basterebbe una sua carezza

per spazzare via la solitudine.

 
 
 

le due sorelle:)

Post n°797 pubblicato il 18 Novembre 2014 da Luxxil

" E' un occasione, vuole solo 200 euro di affitto al mese, ha un terrazzo da cui si vede il mare, l'alloggio è in una bella palazzina stile liberty, 4 stanze e un bagno che a quanto ne so hanno ristrutturato da poco" - come se leggesse nel mio pensiero la domanda, del perchè non l'affitta lei?- " A me non serve perchè usiamo quella di mia suocera, lei non ci va mai". 

Cosi mi lascio convincere ed eccomi quà, in compagnia della proprietaria, una ex-suora, ora regolarmente maritata. davanti la porta di legno dell'alloggio, lucida come se fosse nuova. 

L'odore all'interno sa di chiuso e si affretta a spalancare le finestre e le porte delle stanze che danno sul terrazzo, la casa mi piace, è assolutamente bella. La signora mi pare nervosa, parla in continuazione e mi spiega che l'affitta solo a persone che le vengono raccomandate, per cui penso che devo essere stata considerata una persona perbene, se sono qui.

Mi guardo intorno e noto che i mobili sono vecchi ma molto ben tenuti, hanno uno stile retrò che non mi dispiace, anche se un pò pesante per me, ma se ci metto quadri e copro i divani con le mie stoffe indiane colorate, il tutto avrà un altro aspetto, più allegro. 

Anche in questo caso, come se mi leggesse nel pensiero la domanda, del perchè una casa ammobiliata, fronte mare, di 4 stanze l'affitta a solo 200 euro al mese. " Sa con mio marito abbiamo pensato di affittarla giusto per poter pagare le tasse che ci gravano sopra, non lo facciamo per guadagnarci - e toccandosi le mani nervosamente- per fortuna non ne abbiamo bisogno"...

Suonano al campanello, e la signora va ad aprire la porta, è una vicina di casa che le chiede se ha un momento a disposizione, perchè dovrebbe farle vedere una cosa e cosi mi lascia , scusandosi, sola nella casa.

La luce che proviene da fuori è intensa, è davvero una splendida giornata, e penso che sarà bellissimo svegliarsi con il rumore del mare e fare colazione sul terrazzo.

Mentre mi sto godendo l'attimo in cui mi sento fortunata di essere li, avverto un tonfo che proviene dalla cucina, e vado a vedere cosa può essere caduto a terra. 

Vi trovo seduta su di una poltroncina messa ad angolo, una vecchietta con l'aria simpatica, i capelli bianchissimi che sta sferruzzando, mi chiedo da dove sia entrata e perchè non l'ho vista prima, dalla porta che da sull'anticamera entra un'altra signora con l'aria scocciata e posa sul tavolo un libro chiuso " Mi chiedo fino a quando dovremmo sopportare tutto ciò, vanno e vengono, senza nessun rispetto, abbiamo sudato e faticato per possedere questa casa ed ora la usano come se non fosse più nostra".

In una frazione di secondo sento un gelo pervadermi tutta e i peli si rizzano come quelli di un gatto, so che non posso fare nulla, la mia velocità non mi consentirebbe di uscire dalla casa senza trovarmele avanti, non dico a sbarrarmela, ma di sicuro uno sgambetto me lo farebbero e ora mi è molto chiaro il perchè la casa costa cosi poco.

Per cui con una calma che non possiedo,  sento il cuore in gola, più che altro per la sorpresa, mi siedo al tavolo con quella con l'aria scocciata e gentilmente chiedo " E' da molto che siete morte?" - la vecchietta fa una risatina " Mah!! non da molto, Caterina da quanto tempo non scendiamo più a fare una passeggiata sul lungomare?" e  Caterina gingillando la copertina del libro -" Mah , Rita non saprei, dal calendario che hanno appeso gli ultimi scocciatori in cucina, direi una sessantina di anni"-. 

" Chiedo scusa per la domanda, ma non vi è mai venuto il dubbio che magari, forse, sarebbe meglio per voi andare verso la luce che emana la porta che separa i due mondi, lo dico perchè è quello che ho sempre sentito dire"

I loro occhi divengono cupi, e il gelo che si è formato nelle mie vene sale sbiancandomi il viso " Noi stiamo benissimo quà!! "...

Ormai sono in ballo e devo ballare, dico " Anche io sto benissimo quà, la casa è bella, costa poco e sotto c'è un mare splendido, cosa vogliamo fare? se non sarò io arriverà qualcun altro ad abitarci, non possiamo metterci d'accordo? Voi mi dite le zone dove preferite stare, non sposterò nessun mobile, e divideremo la casa da brave coinquiline"

La vecchietta dai capelli bianchissimi, che si chiama Rita " Ma farà venire molta gente a trovarla? sà non amiamo la confusione, siamo comunque capisce, morte anziane, non ci piacciono particolarmente neppure i bambini, vanno ovunque, toccano tutto, fanno mille domande quando ci vedono, perchè capita, noi abbiamo bisogno di tranquillità"

" Sarò onesta con voi, ho una famiglia numerosa, siamo rumorosi, ci piace la musica a tutto volume, ed ho parecchie amiche che di certo verranno a trovarmi nei periodi in cui sarò qui in vacanza, però a tutti dirò che in questa casa ci siete anche voi e di non soffermarsi troppo nelle zone dove preferite stare"

Si appartano un attimo a confabulare fra di loro, e poi quella che inizialmente aveva l'aria scocciata e ora appare decisamente più sorridente " A noi va bene, lei ci è simpatica, cosa ne dice di bere con noi un thè, poi parleremo dei dettagli, di come dividere gli spazi comuni".

Mentre sorseggio il thè, servito in una delicata tazzina di porcellana di altri tempi, rientra l'attuale proprietaria di  casa, con aria inquieta osserva le tre tazze sul tavolo e la teiera fumante, si appoggia allo schienale della sedia dove invisibile ai suoi occhi c'è Caterina e mi chiede con un filo di voce " La affitta??" 

" Certamente che l'affitto, però a cento cinquanta euro al mese, mi paiono sufficienti per pagare le tasse" Rita ridacchia e da di gomito a Caterina, il gelo si è tramutato in calore, probabilmente causato dal thè caldo. E la casa delle due sorelle fantasma adesso è anche mia. 







 

 
 
 

.

Post n°795 pubblicato il 15 Novembre 2014 da Luxxil

Sembra che piova per cancellare i malumori del mondo

 per portar via dalle strade i lamenti silenziosi

di chi non ce la fa più.

Quei silenzi assordanti

 che diventano battaglie fra i palazzi.

 Il cielo si è stancato delle false risate

e degli amori di latta

 piove perché i cuori piangono

e il cielo gli fa da specchio.

 

 

 

 
 
 

.

Post n°792 pubblicato il 09 Novembre 2014 da Luxxil

Non c'era nulla dove appoggiare i piedi

 e si aveva la sensazione di essere fuori dal mondo

 non c'era nulla dove poter posare, ben ripiegati, i pensieri

 c'era quel nulla che colpisce il cuore

e non sai da dove proviene quel dardo piumato e grigio

partito da chissà dove.

Persino le ombre riuscivano a nascondersi fra il nulla

 il nulla di sopra e di sotto

 di fianco e di lato

 e le stanze brulicavano di farfalle grigie

con ali fatte di nulla 

 cosi che non potevano volare

  si abbandona il nulla

dove non scorre la vita

 per sentire l'acqua del fiume scorrere

come il tempo

che porta dove c'è il tutto.

 

 
 
 

giorni

Post n°791 pubblicato il 29 Settembre 2014 da Luxxil

 Le parole diventano melassa

che cola

appiccica

non buone come il miele.

Una melassa per coprire

da stendere sopra

come una glassa fatta da un pasticcere di quart'ordine

i giorni bui.

I giorni da attaccare al muro

coprendoli di pugni rabbiosi

i giorni che sono muniti di artigli

e colpiscono al cuore

gli urli silenzioni che spaccano le orecchie

nella stanza vuota

il prenderli a calci nell'aria con violenza

i giorni che prendono alla gola

fino a lasciarti esamine a terra

i giorni che non conoscono la pietà

i giorni che trascinano i malumori

e le disfatte nelle battaglie perse

i giorni coperti dalla melassa

che sotto ribolle di rabbia vulcanica.

 
 
 

Mondo

Post n°789 pubblicato il 27 Settembre 2014 da Luxxil

Ho gli occhi pieni degli sguardi che ho incontrato nel mondo

Le labbra colorate da tutti i baci dati e ricevuti

La bocca piena delle dolcezze dette che si mischiano con l’amaro delle parole che non avrei voluto dire.

La mani hanno posseduto il mondo a volte lasciandolo cadere

I piedi lo hanno percorso su strade, vie, sentieri spinti dalla fame , dalla sete, e dalla curiosità che dominava il cuore

Ho dato e ricevuto il piacere che fa sentire immortale e padrone delle stelle

Ho donato il mio cuore d’oro, argento e bronzo, su di un cuscino di velluto rosso.

 
 
 

.

Post n°788 pubblicato il 24 Settembre 2014 da Luxxil

...e poi scivola fuori l'autunno

come un coniglio dal cappello del prestigiatore

si ferma nell'aria per farsi annusare

cambia il colore dell'abito

lasciando i fiori nell'armadio per la prossima primavera

nasconde nella sua capiente borsa i guanti per l'inverno

si lascia trasportare sulle onde

fino alle spiagge silenziose

e guarda con tenerezza

il sole che non brucia più...

 
 
 
Successivi »