Creato da Kastania il 07/06/2006

Sex&City 2013

sempre io

 

 

« Mi sembra logico (parte seconda)Il vizietto »

Blackout&liquirizia

Post n°230 pubblicato il 07 Agosto 2007 da Kastania
 
Tag: Big, Io

Alle volte il destino è strano. Sceglie modi piuttosto inconsueti e fantasiosi per farti capire il messaggio che intende inviarti.

Il mal di denti continua, nonostante dosi di antidolorifico che avrebbero dovuto abbattere anche un elefante. Mi nutro di semolini e minestre (confesso, in busta: con la febbre che ho addosso non riesco nemmeno a cucinarmi un omelette o un purè!),e di bicchieroni di latte. Sigh.

Così, fra il dolore e la fame. potete immaginare quanto sia nero il mio umore. Ho la febbre alta e così sto anche saltando gli impegni settimanali. Ieri niente pranzo e pomeriggio con le amiche, oggi niente visita programmata al museo del Cinema con Big. Insomma, una tragedia sociale di proporzioni bibliche.

Così, quando ieri sera Big mi chiede se può passare, gli dico secco secco di no. Quando sto così divento una vera virago, e al minimo sussulto sono capace di episodi di reattività,e di strilli, assolutamente leggendari. E non mi sembrava proprio il caso di rischiare di usare la sua testa come tamburo delle mie tribolazioni.

Ma lui insiste. Come vuoi, allora,a tuo rischio e pericolo.

E così, si presenta a casa mia con una vaschetta di gelato. Tutti i miei gusti preferiti, e poi uno che non avevo mai assaggiato.

Io mastico liquirizia a tutte le ore, per me è una vera droga. C'è chi fuma, chi si mangia le unghie,chi si arrotola i capelli. Io bevo caffè a tutte le ore e sgranocchio pillole di liquirizia alla menta.

Ma il gelato alla liquirizia non lo avevo mai assaggiato. Non so, forse mi aspettavo qualcosa di deludente, come la prima volta che ho assaggiato il lattementa, o il puffo.
Lui poi la odia. L'odore, il sapore,la consistenza. E invece l'ha trangugiata lo stesso.
Delizioso.

Un gesto tenero, proprio da Big. Ma la serata non era ancora finita.
Stavamo guardando un film, e puffff, blackout totale.

Arranco fino al balcone di camera mia, tiro su le tapparelle ed esco fuori.
Tutto nero, solo il cielo non era totalmente oscurato a causa del poco romantico inquinamento luminoso.
Eppure era bellissimo.

Ci siamo rannicchiati lì, al buio,senza vederci molto bene in viso, a parlare.
Abbiamo parlato un po'di quello che nell'ultimo periodo non va, degli ultimi litigi. Delle cose da fare per la nostra minivacanza, qualcosa di stupido come chi porta il computer o quando andare a fare la spesa,e se comprare in anticipo o no la frutta.

La luce è tornata, siamo rientrati in camera, abbiamo visto la fine del film. La serata si è conclusa ed è finita normalmente.

Blackout. Liquirizia. Due cose insignificanti, due cose nere. Due cose a cui raramente la gente dedica un vero pensiero.

Ma a me hanno cambiato la serata.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

ULTIME VISITE AL BLOG

CaffettieraSexykimba_tWLapadoveseausdauerSteffffniki312principeazzuroxxxxxslave310Timidoubriacolplay_stationskynet_manPrincipiaMathematicaIrrequietaDfabio1972dglapungi1950_2
 

AREA PERSONALE

 

SHINYSTAT

Contatore sito
 
Citazioni nei Blog Amici: 192
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

TECHNORATI

Add to Technorati Favorites