Creato da goccedivaniglia il 09/04/2006

Passione... Arte

Atmosfere intense, un connubio molto emozionale d'arte, letteratura, musica, poesia, sogni. Momenti di malinconia si mescolano con attimi di profonda passione

 

 

« Incomprensioni, quando p...Alcuni Scatti delle Mie Vacanze »

Fernando Botero

Post n°321 pubblicato il 21 Agosto 2007 da goccedivaniglia
 

Il maestro colombiano, creatore di una cifra stilistica inconfondibile, Fernando Botero, ospite della Bella Estate dell'Arte a Palazzo Reale, grazie alla collaborazione di Comune di Milano, Galleria Contini di Venezia e Skira Editore. 150 le opere degli utlimi dieci anni, scelte dall'artista e suddivise in tre grandi sezioni tematiche. La prima è dedicata al Circo, di cui Botero si innamorò in Messico, dove egli passa i suoi inverni. "Un soggetto bellissimo e senza tempo" come lo descrive il Maestro. La seconda sezione ospita settanta opere storiche, rappresentanti dell'intero universo poetico di Botero, dalle malinconiche figure singole alle tenere coppie, dai soggetti collettivi ai d'après, tele che si rifanno ai grandi pittori del passato. Nella terza parte l'atmosfera cambia e diviene cruenta, precipitando nell'inferno del famigerato carcere iracheno di Abu Ghraib, tristemente noto per le torture ai prigionieri. Il percorso si conclude con sei sculture monumentali collocate in città, tra piazzetta Reale, Galleria Vittorio Emanuele, Castello Sforzesco, Corso Vittorio Emanuele e Stazione Centrale.


Agosto, aperti per ferie. Sarebbe stato impensabile fino a qualche anno fa inaugurare in piena estate una mostra che, qualunque sia il giudizio critico su Fernando Botero (Medellìn, 1932), si preannuncia come capace di attirare un vasto pubblico. A dimostrazione del fatto che Milano non è più una città che in agosto trattiene il respiro per ripartire frenetica a settembre.
Botero, dunque. Conosciuto e ri-conosciuto in tutto il mondo per le donne dalle forme generose e le nature morte dai colori freschi come quelli delle granite. Amato dal pubblico, poco gradito alla critica che lo considera banale, troppo facile, sempre uguale a se stesso. La verità forse sta nel mezzo. Lo si può verificare anche in questa mostra milanese che raccoglie circa centocinquanta opere dell’artista colombiano, dagli anni Novanta fino ai lavori più recenti, più sei sculture in bronzo collocate nelle vie cittadine. Un mix di tele di indubbio fascino che ricostruiscono molto bene l’universo Botero di forme rotonde e grandi piani di colore e lavori dove si fa davvero fatica a rintracciare un’ispirazione genuina.
L’allestimento (curato dallo stesso Botero) è attento e minimale, si affida solo a pareti colorate: pareti dipinte di bianco per le tele di maggiore cromatismo, color aragosta per i disegni, grigie per le opere drammatiche di Abu Ghraib. Perché in mostra c’è un Botero inatteso e inusuale: accanto ai colori festosi e alle atmosfere di provincia sono esposti i lavori che l’artista ha dipinto per denunciare gli orrori del carcere iracheno. Questi rappresentano una brusca cesura nel percorso espositivo; dalla quiete dei giardini fioriti, dalle tonache rosa ciclamino di ecclesiastici grassocci si precipita nell’inferno di immagini cruente. Uomini legati, bendati, coperti di sangue, prigionieri senza identità. Un tema drammatico che Botero affronta senza rinnegare il proprio stile con i consueti mezzi espressivi: colori saturi -le tinte vivaci sostituite da pennellate cupe accese solo dal rosso del sangue- e dimensioni monumentali.

Lodevole l’intenzione di utilizzare il proprio celebre nome per denunciare crimini inaccettabili contro l’umanità -tra l’altro Botero fa sapere che le opere non saranno mai vendute- il risultato è piuttosto deludente, immagini che sfiorano il kitsch e restano prive di energia. Quasi altrettanto deludenti le ultime opere dedicate al circo, inedite, in mostra a Milano per la prima volta. Con questo tema si sono cimentati alcuni grandissimi del Novecento, da Picasso a Léger, e nel confronto Botero esce perdente, i suoi personaggi abbondanti, stretti in abiti coloratissimi sono pupazzi inanimati incapaci di trasmettere la magia malinconica del circo; più interessanti i disegni dei dipinti ad olio.
La parte migliore della mostra è la sezione dedicata alle opere storiche nella quale chi ama Botero potrà divertirsi ad ammirare molte celebri tele e chi non lo ama potrà in parte ricredersi lasciandosi attrarre dalla piacevolezza con cui “mette in scena la vita, racconta, instancabilmente racconta […] il mondo che ha vissuto e che ha visto con gli occhi dell’infanzia” (Vittorio Sgarbi). Una girandola di colori e di personaggi monumentali dall’espressione indecifrabile: zitelle strabiche, ufficiali, coppie di ballerini, ritratti di famiglia, preti e cardinali, golose nature morte e giganteschi vasi di fiori (originale il trittico Fiori in giallo Fiori in blu Fiori in rosso, tutti 2006).
Tutto in Botero è voluminoso, le forme sono ampie, placide, definite da un colore luminoso e senza ombre. È il colore che dà sostanza e volume alle cose altrimenti prive di rilievo plastico. Un universo massiccio ma stranamente lieve, i personaggi pur così monumentali appoggiano leggeri quasi fluttuano nel loro mondo.

Ne Il club del giardinaggio (1997, una delle opere migliori in mostra) Botero ricrea un’atmosfera antica, quella del tempo che fu -e che forse non è mai stato- in cui la vita scorre lenta e serena; bello anche Atelier di sartoria (2000) dove il tempo è sospeso ed una quiete silenziosa avvolge il piccolo angolo del negozio nel quale i rotoli di tessuto sugli scaffali sono altrettanto rotondi e morbidi delle sarte al lavoro.


Botero dixit 6 mar 2000

Ecco una mini-antologia di pensieri di Fernando Botero sulla pittura, una serie di frasi tratte da interviste rilasciate dall'artista:

***

L'arte è una visione sempre diversa della medesima cosa.

***

Per me l'arte è fare lo stesso che hanno fatto tutti, ma in

una forma diversa. Lo stesso uomo, lo stesso albero, lo

stesso animale ecc., sempre diverso. Questa è la storia

dell'arte. Una serie di artisti con personalità.

***

Si dipinge sempre ciò che si conosce meglio, ciò che è

radicato nell'infanzia e nell'adolescenza.

***

Fortunatamente l'arte ha una grande dote, quella di essere

inesauribile. E' un processo senza fine, nel quale non si

smette mai di imparare.

***

Quando ogni elemento del quadro trova il proprio posto, si

raggiunge la pace. E in quel momento il quadro è finito.

***

Le buone idee pittoriche sono spesso il risultato della lotta

contro la monotonia. Sono sempre alla ricerca di qualcosa

che mi sorprenda. Perciò, nei miei quadri spero che

succedano cose imprevedibili.

***

In pittura tutto è più leggero. Quando si dipinge, si

costruisce e si distrugge rapidamente. Invece in scultura

tutto è più lento. E a me piace questa flessibilità della

pittura unita ad una certa irresponsabilità.

***

tratto da http://www.lagazzettaweb.it/

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: goccedivaniglia
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 45
Prov: VE
 
 

MIEI DIPINTI AD OLIO

 

"High Summer" di Tamara De Lempicka, copia d'autore, realizzata nel 2007

"Green Turban" di Tamara De Lempicka, copia d'autore, realizzata nel 2006

"The Brilliance" di Tamara De Lempicka, copia d'autore, realizzata nel 2006

"Le cucitrici" di F. Botero copia d'autore, realizzata nel 2008

 
 

ULTIMI COMMENTI

Buonasera, qualcuno conosce il significato de " Il...
Inviato da: Tatiana
il 28/02/2017 alle 18:05
 
cok guzel oyunlar
Inviato da: en güzel oyunlar
il 01/12/2016 alle 21:34
 
thank you
Inviato da: diyet
il 18/11/2016 alle 12:53
 
thank you
Inviato da: diyetler
il 17/11/2016 alle 23:18
 
Ottimo post. complimenti da Artecreo
Inviato da: minarossi82
il 11/11/2016 alle 20:49
 
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARTE&DONNE

๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ 
  Tamara de Lempicka

immagine

๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ 
Frida Kahlo 

immagine

Video Frida kahlo

๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ 


๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ 

goccedivaniglia

Le Mie creazioni Equilibriarte

๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑ ๑۩۞۩๑

 

ARTE

Suggerisci La Mia Arte: preleva il banner copiandolo dall'iimmagine sotto 

Arte, che sia essa Poesia, Musica, Arte scenica, avendo in sé il suo pieno, peculiare e insostituibile valore, può allargare e approfondire la nostra comprensione della verità.

immagine

L'Arte è una manifestazione dell'uomo che deve parlare all'uomo, in quanto lui solo ha occhi per comprenderla.

L'Arte ti artiglia lo stomaco. L'Arte ti fa respirare a pieni polmoni. L'Arte produce una patina colorata tra le cui trame si intravede qualcosa di vivo.

immagine

L'Arte viene associata al divino perché la silenziosa esplosione al calor bianco che produce è talmente carica di significanti non-significati che la mente non comprende, e l'uomo medio quando non comprende divinizza o peggio ne viene spaventato e ne fugge.

immagine

L'Arte non è una linea tracciata dalla tecnica o dalla raffinatezza d'intenti, è piuttosto il lamento dell'animo.

 

 

Creative Commons License
Opera pubblicata sotto una

Licenza Creative Commons

Tu sei libero:

Alle seguenti condizioni:

  • Attribuzione. Devi attribuire la paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza.

  • Non commerciale. Non puoi usare quest'opera per fini commerciali.

  • Non opere derivate. Non puoi alterare o trasformare quest'opera, ne' usarla per crearne un'altra.

  • Ogni volta che usi o distribuisci quest'opera, devi farlo secondo i termini di questa licenza, che va comunicata con chiarezza.
  • In ogni caso, puoi concordare col titolare dei diritti d'autore utilizzi di quest'opera non consentiti da questa licenza.

Visitor Map


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Artist Blogs - Blog Catalog Blog Directory

Technorati Profile

La mia compagna di viaggio



 

Questo come ogni altro blog è tutelato dalla legge 675 del 1996 (tutela della privacy), dall'estenzione della suddetta avutasi con il Decreto Legislativo N°196 del 30/06/2003 e dalle norme costituzionalmente garantite al Nome, alla persona ed all'immagine ed all'onore. Quindi, tutto il materiale (scritto e fotografico, nomi, dati, testi) pubblicato sul mio blog non può essere utilizzato senza il permesso mio o dei rispettivi autori, pena denuncia alla Polizia Postale. Lo stesso vale per la diffamazione e la calunnia, che seguono il medesimo regime giuridico-penale della calunnia e/o diffamazione a mezzo stampa (diritto lesivo dell'onore), quindi si sporge lo stesso tipo di denuncia ed iter burocratico. Ciò vale anche nel caso di anonimi, poichè la Polizia Postale può richiedere l'elenco degli IP che hanno effettuato l'ingresso al blog

 
Citazioni nei Blog Amici: 95
 

immagine

artistas

Powered by  MyPagerank.Net Add to Technorati Favorites 

 

 

TAG