Terra senza Tempo

Me, Myself... and mysteries!

 

MSN CONTACT

Per chi volesse, puo' aggiungere il mo contatto MSN:

nushuth_chiocciola_libero.it

vi chiedo solo di lasciarmi un messaggino per dirmi chi siete, altrimenti la richiesta verrà rifiutata,
Non mandate email a questo indirizzo, non lo leggo mai..
 

FACEBOOK

 
 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI

 

« L'uovo e la gallina »

L'astronauta di palenque

Post n°44 pubblicato il 03 Febbraio 2007 da sir_simon
 

Stato di Chiapas, Messico, 130Km sud di Ciudad del Carmen



Palenque è un sito archeologico Maya di medie dimensioni. Era gia abbandonato quando i conquistadores arrivanono in quelle regioni.
La particolarità di questo sito sono le grandiose opere di architettura e scultura che vi sono state ritrovate. Tra esse, forse la più straordinaria è una pietra tombale, ritrovata nel "tempio delle Iscrizioni" (foto in alto).


immagineOsservatela bene: essa non puo' ricordare altro che un razzo con un uomo alla guida. Egli sembra infatti afferrare con le mani i comandi di pilotaggio, mentre dietro la sua schiena quello che potrebbe essere una raffigurazione simbolica di un motore, con le fiamme che fuoriescono.

L'intera incisione e' un bassorilievo datato intorno al 690 d.C. Venne ritrovata nel 1952 dall'archeologo Ruz Lhuiller, che riuscì a scendere sotto il grande tempio della città fino a quella che viene chiamata "Tomba del Vero uomo" o anche "tomba dell'astronauta".

L'archeologia tradizionale è letteralmente impazzita, per tentare di trovare una razionale spiegazione a quanto era stato ritrovato. Pare comunque che una spiegazione siano riusciti a trovarla che, devo dirlo, è molto piu convincente della spiegazione "spaziale". Si tratterebbe di una sovrimpressione di diversi simboli maya gia ritrovati in altre incisioni singolarmente. Messi insieme in quel modo rappresenterebbero il passaggio nell'aldilà del defunto.

Mistero risolto dunque? Parrebbe proprio di si.

Ma voi mi conoscete, non posso fare a meno di farmi domande. Le similitudini tra le civiltà precolombiane e l'antico egitto sono innegabili. Le piramidi poi sono ritrovamenti comuni praticamente in ogni civiltà di tutto il mondo. E anche il loro significato è sostanzialmente lo stesso.. sepolcri. Ma gli egittologi tradizionali avrebbero scoperto di piu: Le piramidi per come erano costruite, per la simbologia che vi si trova nelle pareti interne, non sarebbero niente altro che una sorta di "navicelle spaziali" per permettere al Ka, lo spirito, di raggiungere la dimora degli Dei. E dunque.. in fondo anche la raffigurazione di palenque non e' forse altro che una navicella per l'anima del defunto?

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/mysteri/trackback.php?msg=2243855

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
reminiscenti
reminiscenti il 22/11/09 alle 18:03 via WEB
LA SCOPERTA DELL’OCCHIO DI QUETZALCOATL ED IL SEGRETO DELL’OCCHIO DI HORUS AFRICA, ASIA E AMERICA PRIMA DI CRISTOFORO COLOMBO “FORSE UNA NAVICELLA DI ATLANTIDE?” L’incredibile scoperta paleoastronautica di Lucio Tarzariol, un’altra prova sull’esistenza di aeromobili in epoche remote e della comunicazione tra i continenti prima della scoperta dell’America. Studi e interpretazioni del ricercatore L’azteco Occhio di Quetzalcoatl, la rappresentazione del corrispondente egizio Occhio di Horus; o meglio come dice Sitchin nella traduzione della sua undicesima tavoletta sumera, “la Colonna Fiammeggiante, il Pesce Celeste donato a Horon da Ningishzidda ” Premetto che molte scoperte archeologiche non sono state fatte a colpi di piccone e pala, ma chiusi in uno studio o in un museo, infatti ciò che per lo scavatore non è che un pezzo tra le migliaia di reperti archeologici ad un attento ed oculato studio può rivelarsi unico, anche a decine di anni dal ritrovamento dello stesso; come accade al British Museum nel 1872, quando un semplice incisore di nome George Smith, appassionato dilettante di antichità assire, si trovo davanti ad una tavoletta assira proveniente da Ninive con il primo frammento ritrovato del resoconto del Diluvio. Qui abbiamo una storia analoga, in quanto l’immagine del reperto che ho potuto studiare, ha trovato la sua interpretazione, cinquant’anni dopo il suo ritrovamento a Teotihuacan, città sita a 40 chilometri a nord-est di Città del Messico. Il reperto archeologico che andrò a presentarvi e che ho battezzato come “Occhio di Quetzalcoatl”, ha dell’incredibile, in quanto è uno dei rari ritrovamenti che supporta la già fondata prova dell’esistenza di aeronavi in epoche remote che potevano solcare i cieli del nostro pianeta. Inoltre il reperto archeologico, per la capacità artistica e comunicativa della rappresentazione, rivela la sua unicità, nella vera interpretazione da dare alla corrispondente raffigurazione egizia del noto Occhio del dio Horus e dimostra nello stesso tempo, l’incontestabile esistenza di una civiltà evoluta ed arcana che aveva interessi e mezzi per sorvolare spazi e distanze che partivano da Eliopoli, ossia dalle terre d’Egitto fino a Teotihuacan e nelle altre terre dell’America centrale protette da divinità come, per l’appunto Quetzalcoatl, Viracocha, Kukulkan, ecc.. La figura di Quelzalcoatl si esprime attraverso il culto del serpente alato, molto diffuso nell'America Centrale del periodo precolombiano dove appare legato ad un popolo di astronomi che abitava il Messico addirittura 3500 anni fa ed è legato ai mitici “Sapienti dalla pelle chiara”, che apparivano come serpenti ricoperti di piume e che sarebbero giunti in Messico su grandi navi senza remi. Questi misteriosi individui dai tratti caucasici, “forse i superstiti della popolazione atlantidea”, sono stati rappresentati a La Venta addirittura in enormi sculture. Presso i popoli dell'America Centrale il Serpente piumato è visto come portatore di civiltà, maestro di astronomia e architettura. Ecco perché secondo le leggende maya il dio serpente portò in Messico l'arte delle piramidi e queste stesse leggende descrivono le piramidi anche come strumenti per trasformare l'anima dopo la morte, con vaghe correlazioni con l'Egitto e proprio in Egitto, infatti, è stata trovata la rappresentazione di un'anima umana che riposa su un serpente piumato e negli antichi miti locali il drago Apep governava proprio il mondo delle tenebre…..continua Approfondimenti e ricerche della scoperta nel sito: www.artealiena.it (da Dicembre 2009) Per comunicazioni, Mail: reminiscenti@inwind.it Tarzariol Lucio
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: sir_simon
Data di creazione: 29/10/2006
 

ULTIME VISITE AL BLOG

PIERCARLO01pitrelliangelomatriax2004rodolfofiadinoNUSHUTHsir_simonsalvatore1frubino.eliacristiana.bachdisfrancodis2411aramarco85FedererXXX1969msergio0dadopakjackwolf_95
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 16
 

MAPS