Terra senza Tempo

Me, Myself... and mysteries!

 

MSN CONTACT

Per chi volesse, puo' aggiungere il mo contatto MSN:

nushuth_chiocciola_libero.it

vi chiedo solo di lasciarmi un messaggino per dirmi chi siete, altrimenti la richiesta verrà rifiutata,
Non mandate email a questo indirizzo, non lo leggo mai..
 

FACEBOOK

 
 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI

 

« 1362 - L'enigma di kensingtonSe hai 3, si vede. »

Il grande Genio Italiano

Post n°69 pubblicato il 25 Marzo 2007 da sir_simon
 


Chi dal titolo pensava a un post su Leonardo da Vinci resterà deluso. Non è di lui che voglio parlare, perche lui merita sicuramente un post a parte. Voglio parlare invece del genio, quella scintilla che ti fa immaginare cose che non esistono e ti insegna a costruirle.
E gli Italiani sono da sempre un popolo di grandi inventori e di grandi scenziati.

Quasi mai ci si pensa.. ma quasi tutte le piu grandi invenzioni che hanno cambiato il mondo negli ultimi due secoli e che hanno stravolto la nostra vita, sono ad opera di Italiani. E di alcune è convinzione generale che non sia italiane, anche se la Storia riporta (almeno questa volta) l'informazione corretta.

E' il caso ad esempio del motore a scoppio, che non è stato assolutamente inventato da Mr. Benz.... Bensì da due italiani, Barsanti e Matteucci, che fecero girare il primo motore a scoppio nel 1854.

E chi può dimenticarsi di Alessandro Volta, la sua famosa pila, e la scoperta dell'energia elettrica. Questo diede il via a una nuova serie di invenzioni. La lampadina elettrica, a cui si sono dedicati in tanti nel mondo è atribuita a Thomas Edison, che in realtà riuscì ad ottenere un oggetto capace di restare acceso poche ore prima di bruciarsi. Il nostro italiano Alessandro Cruto riuscì invece,pochi mesi dopo, a ottenere un filamento capace di durare molto di piu, e sfruttò l'invenzione nella sua fabbrica di lampadine, che continua a vivere oggi nel marchio Philips.

E poi il telefono, di cui solo da pochi anni anche gli USA hanno restituito la paternità al nostro Meucci. Anche se lo stesso Meucci ha sempre sostenuto che un altro italiano, Inocenzo Manzetti, che ottenne la prima trasmissione telefonica nel 1864 (Meucci invece nel 1871 e Bell nel 1876).

E poi dimentichiamo la radio, a opera del nostro (ma da bolognese mi verrebbe da dire "Mio") Guglielmo Marconi, che a sua volta ha portato ad altre due grandi invenzioni successive: La televisione e, non dimentichiamolo, al telefono cellulare.

Galileo Ferraris, che culminò i suoi studi con l'invenzione del motore elettrico. E Pacinotti, che costruì una macchina capace di trasformare un movimento meccanico in elettricità.

E il Fax? Chi ha inventato il fax? nel 1861 un certo Giovanni Caseli costruisce una macchina e la chiama "Pantelegrafo"..

E non dimentichiamo tutti gli italiani che hanno contribuito agli studi sull'energia atomica, primo fra tutti naturalmente Enrico Fermi, che progettò il primo reattore nucleare a fissione e seguì tutte le fasi della sua costruzione fino alla sua accensione.

Per non parlare delle macchine da calcolo meccaniche. E non avete idea di quale errore fece la Olivetti a considerare l'elettronica una moda passeggera, sostenendo che il futuro delle macchine da calcolo sarebbe stato comunque la meccanica. Fu per questo quindi che il nostro italiano Federico Faggin lasciò la olivetti ed emigrò negli stati uniti. Assunto dalla Intel, costruì il primo microprocessore, il famosissimo 4004, papà di quel pentium4 che avete dentro ai vostri PC e che a parte i GigaHertz è sostanzialmente identico a quello che costruì Federico.

Oggi Federico è alla guida di una azienda da lui fondata, la Synaptics, perche non contento del microprocessore ha inventato il touchpad, quello strumento che trovate su ogni computer portatile..

Ne sto dimenticanto tanti. ma volevo terminare con una triste curiosità. Poche righe sopra ho parlato di Enrico Fermi. Fermi fu anche uno dei direttori tecnici del progetto Manhattan, che portò alla realzione della prima bomba atomica. Ebbene, quel giorno, quel 16 luglio 1945, nel Nuovo Messico quando venne fatto brillare il primo prototipo di bomba atomica, gli scenziati che vi lavorarono non erano sicuri delle conseguenze. due erano i casi: La reazione nuclerare sarebbe continuata fino all'esaurimento del combustibile atomico, oppure si sarebbe propagata all'atmosfera terrestre, distruggendo il mondo intero in pochi minuti.

Quale pazzia abbiamo compiuto... e meno male che è andata bene.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/mysteri/trackback.php?msg=2470617

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
davide.sommese
davide.sommese il 26/09/11 alle 16:26 via WEB
Marconi non ha inventato la radio, la corte suprema americana riconobbe l'invenzione a Tesla
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: sir_simon
Data di creazione: 29/10/2006
 

ULTIME VISITE AL BLOG

PIERCARLO01pitrelliangelomatriax2004rodolfofiadinoNUSHUTHsir_simonsalvatore1frubino.eliacristiana.bachdisfrancodis2411aramarco85FedererXXX1969msergio0dadopakjackwolf_95
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 16
 

MAPS