Creato da rteo1 il 25/10/2008
filo aperto con tutti coloro che s'interrogano sull'organizzazione politica della società e che sognano una democrazia sul modello della Grecia classica

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

- PAESAGGI DELLANIMA
- Donne
- back to black
- Van&igrave;...
- filtr
- annavera
- magica
- mediterranea
- ~ Anima in volo ~
- A= Amicizia
- Per me
- La mia dimensione
- Anna
- ASCOLTA IL TUO CUORE
- arcobleno blu
- Lampi di follia 2
- vita di una donna
- KRISTALL
- Silenzio
- L antro di Morgana
- TRIKELIA e dintorni
- Al di la del mare
- Ginevra...
- CREATIVECHARME
- CHE MONDO DI CARTA!
- MARCO PICCOLO
- putpurr&igrave;
- principessabionda
- Mary
- A LADYBUGS LIFE
- La Ballerina Triste
- pensa e sogna
- Cenerentolasiribella
- la vita mia
- DIAMONDS
- LA SCIENZA
- le mie giornate
- VOLARE...ALTO
- Da Bruco a Farfalla
- misteriosa
- SWEET WOMAN
- Calamity Jane
- Ariannaeil Minotauro
- Il bianco e il nero
- BLOG PENNA CALAMAIO
- MINICAOS IN LIBERTA
- Volto in pensiero
- anima libera
- Mi viene il vomito
- GOCCE DI CRISTALLO!!
- EMOZIONANDOMI.......
- ..MaNo NeLLa MaNo..
- Sale del mondo
- interrogativi
- Urlo di Farfalla
- SONO LIBERA.........
- VOCE IN CAPITOLO
- sciolta e naturale
- tuttiscrittori
- sognami
- La vita &egrave; meraviglia
- 3menda
- ...r&eacute;veil en Italie
- chioscofelice
- dagherrotipi
- Suggestioni effimere
- ARIA FRESCA...
- LADY NOTTE
- Origami
- Red Rose
- Rever
- DURA LEX, SED LEX
- La Specola
- buonagiornata
- C&egrave; stato un prima
- Anima on line
- my blog femminile
- La farmacia depoca
- IL MIO MONDO BLOG
- ...STREGATA...
- ADORO ROMA
- Angolo Pensatoio
- tsunami di emozioni
- ECHI
- UTOPIAPOSSIBILE
- antropoetico
- A R T E
- Le note dellAnima !
- VOLANTINAGGIO
- sous le ciel de ...
- omerostd
- PROLAK
 
Citazioni nei Blog Amici: 30
 

Ultime visite al Blog

xzsaxzsarteo1ElettrikaPsikeaost55bisou_fatalmonellaccio19luigicavallaromisteropaganopostivamorino11acer.250cassetta2studiolegalerussiprefazione09
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« UN CITTADINO DEMOCRATICO...NULLA DI TROPPO »

CHI SONO, DA DOVE VENGO, DOVE VADO

Post n°1083 pubblicato il 09 Gennaio 2024 da rteo1

CHI SONO, DA DOVE VENGO, DOVE VADO

Tutti nella vita si chiedono "chi sono, da dove vengo, dove vado ?". Anche coloro che sembrano interessati soltanto a soddisfare i propri bisogni corporali. Pure costoro, infatti, ad un certo punto della loro esistenza si pongono le medesime domande, anche se a prevalere siano comunque i sensi  e i desideri materiali, almeno finché non giunga "l'ora fatale" che li sospinge nell'angoscia più drammatica, soprattutto perché dovranno staccarsi dal proprio patrimonio materiale e dall'IO, di cui si sono narcisamente e follemente innamorati, come sostiene la psicoanalisi. Ebbene, per conoscere le risposte occorre liberarsi dalle catene culturali, sociali, religiose e giuridiche che tengono gli uomini prigionieri con l'illusione di essere "liberi", anche a causa dell'attuale mito dei "diritti". Occorre, perciò, svuotare la mente da tutte le strutture e sovrastrutture istituzionali, politiche, dalle tradizioni, gli usi, i costumi e i modi di vivere che rinnovano e tramandano i miti e i riti delle remote civiltà ruprestri e di quelle "classiche", fino all'età contemporanea. Soltanto così, infatti, è possibile essere "in rete", in "risonanza di fase" col mondo e con le "fluttuazioni del vuoto quantistico" dove esistono le risposte a tutte le domande. Basta solo essere interessati a conoscere la "Verità" perché, come diceva E. Severino, "Noi siamo già nella verità". "Chi sono", allora ? C'è stato un tempo in cui si usava dire "Lei non sa chi sono io!", come si narrava in un saggio degli anni '70, quando accadeva spesso che alcune cc.dd. "autorità" reagivano con tale espressione nei confronti della polizia locale o stradale quando venivano censurati o multati per aver violato il codice della strada. L'abitudine, comunque, non è stata mai del tutto cancellata dai costumi sociali, anche se oggi il c.d. "senso civico democratico" impedisce, o limita, tali esternazioni. Permane, tuttavia, in ogni c.d. "autorità", quantomeno sul piano psicologico, la convinzione di "essere speciale" rispetto alla massa dei "comuni mortali" perché si ritiene che la "carica", il "ruolo", la "funzione" (ma anche la professione, l'arte, il mestiere) esercitati nella Comunità siano la "reale" e oggettiva identità della persona fisica, e così, con tale errata convinzione, si usa attribuire a ciascuno una "identità sociale" (ora anche "digitale") confondendo l'essere umano, in quanto tale, con la sua inevitabile "recita sociale" (da"attore" o comparsa), che ha "accettato" o gli è stata "assegnata", spesso in distonia con le sue vocazioni e i suoi talenti naturali. Ad ogni buon conto, non vi è dubbio che "essere speciale", o ritenere di esserlo, per effetto dell'attività svolta o della carica rivestita, non può comunque eliminare il dubbio o il conflitto con sé stessi su "chi si è" realmente. Neppure quando la soluzione, la risposta, si rinvenga in una norma legislativa o costituzionale, così com'era previsto dall'art.4 dello Statuto Albertino del 1848 in virtù del quale «La persona del Re è sacra ed inviolabile», perché una "legge umana" non può mutare la natura, ciò che si è biologicamente, fisiologicamente, chimicamente e anche ontologicamente. Soprattutto quando una tale "sacralizzazione" riguardi una singola persona (neanche quando rivesta il ruolo politico del "Re") e non invece la "persona in sé" (e perciò qualunque essere umano), che tuttavia sarebbe comunque da evitare perché il "sacro", come sostiene U. Galimberti, si colloca nello spazio dell'indifferenziato, dell'Assoluto, delle "Divinità", le quali, per convenzione, sono ritenute "onnipotenti", immortali; mentre invece l'uomo è mortale, perciò non può essere mai identificato con le "divinità", "sacralizzato" e venerato, né prima, né durante e neppure dopo la sua fine terrena. Purtroppo, però, la storia umana sin dai primordi non riesce a fare a meno dei miti e dei simboli e così di frequente "divinizza" i Re, i Faraoni, i Basileus, gli eroi, i governanti, gli imperatori (l'immagine - la odierna foto - di Augusto era esposta in tutti i luoghi pubblici, gli erano dedicate delle edicole votive e i sacerdoti celebravano riti religiosi in suo onore), e persino i legislatori (Plutarco, nelle Vite parallele di Numa e Licurgo riferisce che anche quest'ultimo, quale legislatore di Sparta, era stato definito dall'oracolo di Delfi «dio piuttosto che uomo», che gli fu "consacrato un tempio" e "gli dedicavano sacrifici ogni anno come a un dio"). Eppure l'uomo deve decidersi a superare sé stesso, quale ponte con la scimmia, secondo Nietzsche, e trasformarsi in "superuomo" per accettare con serenità la transitorietà della sua forma corporale e valorizzare "l'uguaglianza nella diversità" (o la "diversità nell'uguaglianza"). Va infatti compreso che l'essere "diversi", ovvero "singolari" nelle molteplici e infinite forme, costituisce l'espressione della manifestazione fenomenica della "Suprema volontà di potenza" universale la quale travalica tutti i limiti umani (e ciò è anche un bene, se si pensi a come sarebbe stato "monotono" avere tutti la stessa forma, gli stessi "talenti", vizi e interessi). E, rispetto alla stessa "Suprema Volontà", va, altresì, capito che l'uguaglianza è imprescindibile dalla molteplicità, dalla diversità (finanche i genitori, quando "equilibrati", non riescono a trattare in modo diseguale i propri figli, pur se questi siano tra di loro diversi, come spesso accade). I concetti di "uguaglianza", perciò, e di "diseguaglianza", che si riscontrano in seno ai consorzi umani, sono soltanto il frutto, rispettivamente, della sapienza (merce rara) e dell'arbitrio delle forze politiche, sociali e dei legislatori. È un assurdo naturale, perciò, voler "catalogare" e raggruppare per categorie, aree geografiche, tutti i popoli e gli esseri umani plasmandoli e deformandoli secondo modelli politici generali da parte dei "governatori di turno" alla guida di una Comunità. Gli uomini sono tutti "singolarmente diversi" tra di loro perché così essi devono essere. Non possono essere altro, infatti, rispetto a come vuole la "necessità" (o il Destino, inteso come ciò che sta, l'esser sé di ogni singola cosa), anche se lo volessero; neppure quando essi si trasformano durante il divenire cambiando "sagoma", perché altrimenti si porrebbero contro la natura, in opposizione col "disegno" di quest'ultima (che, secondo chi scrive, ha "senso in sé" essendo la natura la manifestazione dell'Uno nel Molteplice). Perciò, ad es., "l'agricoltore" quando ha la vocazione per la coltivazione della terra e la raccolta dei prodotti, realizza il suo essere, analogamente a colui che si sente spinto (o attratto) verso l'esercizio della funzione pubblica (da intendersi, quest'ultima, come attività nell'interesse generale). Né il primo (l'agricoltore), né il secondo (il politico), perciò, è "migliore" dell'altro (come spesso, invece, sanciscono i "legislatori" senza poter fondare le loro decretazioni su principi e valori assoluti) ma entrambi sono "uguali nella diversità" (o diversi nell'eguaglianza) sia come "uomini sapienti" che come "uomini del fare". E la loro "parità" (uguaglianza) nella molteplicità (diversità) è certamente un "bene" perché nessuna "Comunità" potrebbe esistere se tutti avessero la medesima vocazione a svolgere la stessa attività di agricoltore o di politico (basta immaginare che cosa accadrebbe se tutti -o quasi- svolgessero la funzione di legislatori e di funzionari incaricati di controllare e attuare le disposizioni delle leggi, come purtroppo sta ormai avvenendo, anche a livello nazionale ed europeo). Ecco, allora, perché qualunque legislazione umana (anche se "costituzionalizzata") che discrimini tra diverse attività, ruoli e funzioni in rapporto alla distribuzione delle risorse prodotte dalla Comunità, costituisce un "libero arbitrio", una violenza "all'esser sé" di ogni cosa. Certamente ci vorrà molto tempo ancora, prima che si riesca a cogliere "il senso in sé" del Molteplice (la diversità, così come si manifesta in natura mediante infinite forme) e dell'Uno (l'uguaglianza), ma la natura non ha fretta. La terra ha "soltanto" quattro miliardi e mezzo di anni ed è a circa la metà del suo ciclo vitale. Essa può aspettare, mentre continua incessante i suoi moti di rotazione a 1600 Km/h e di rivoluzione a circa 105.000 Km/h. L'uomo forse no, perché ha uno spazio-tempo sicuramente più breve (e non soltanto come lasso di tempo tra le generazioni ma come specie umana). Perciò è quanto mai "urgente" che l'uomo inizi a superare sé stesso; a liberarsi dalla schiavitù del corpo (che è una forma effimera) per comprendere che l'anelata eternità è "in sé stesso"; che non la deve acquisire altrove né la può perdere perché la sua "matrice quantica" è "eterna" e alla fine del ciclo è destinato (come ogni cosa) a ritornare all'origine, ove l'energia e le informazioni sono "eterne", come tutte le particelle atomiche e subatomiche (onde-particelle) che costituiscono il corpo umano, o di cui quest'ultimo fruisce, come ad es. l'ossigeno per respirare e l'acqua per bere (l'ossigeno respirato da Socrate, così come l'acqua da lui bevuta, non hanno cessato di esistere ma sono entrate in altre forme e processi vitali). Soltanto la "forma umana", perciò, è transitoria, così come tutte le altre "forme" esistenti, mentre sono eterni tutti i suoi composti, che andranno a costituire, all'infinito e in eterno, altre e diverse "forme". Ed è proprio questo il "gioco" dell'universo, nel quale nulla può mai ritornare ad essere, nella forma, uguale a prima; ed è anche il miglior modo per realizzare il "principio di eguaglianza universale". Le società contemporanee, grazie alle numerose scoperte scientifiche e al prezzo pagato con la vita da eroici filosofi e intellettuali (come, ad es, Giordano Bruno), hanno finalmente acquisito la consapevolezza che tutti gli esseri umani sono anche biologicamente, chimicamente e fisiologicamente uguali (o simili). Il corpo di tutti gli umani è infatti composto dagli stessi atomi di idrogeno, carbonio, azoto, ossigeno, calcio, fosforo, ecc., e tali atomi sono gli stessi che costituiscono l'intero universo, nel quale tutto si ri-mescola per organizzare sempre nuove forme in un "divenire" in perenne trasformazione. La "materia" è soltanto una minima parte dell'universo e il corpo umano è costituito per il novantanove per cento da molecole di acqua (Hidrogeno e Ossigeno), tra di loro in risonanza e, nel divenire dello spazio-tempo, anche in dissonanza per consentire la disgregazione delle molecole e il disfacimento degli organismi per dare origine a nuove forme dell'eterno ciclo. È quest'ultimo - il "ciclo"-, quindi, che in senso "evolutivo" sta a fondamento della disciplina e del cambiamento del mondo e dell'intero universo. Sono cicliche, perciò, tutte le "forme" viventi (tra cui, oggi, anche gli esseri umani) e "non viventi" (secondo la classificazione umana, che tuttavia non può escludere in assoluto "la vita in sé" di ogni singolo atomo o di ogni "particella quantica"). Anche le galassie attuali sono il prodotto di precedenti galassie che si sono "estinte" alla fine del loro ciclo per dare ingresso a "nuove forme" di stelle, di galassie e organismi vari; così come avverrà per il nostro sole tra circa 10-15 miliardi di anni e per la terra tra circa 5-10 miliardi, e come sta accadendo sulla terra alla specie homo sapiens della quale si sono finora avvicendati circa 110 miliardi di umani. Durante il "ciclo" tutto si "ri-mescola"; anche i "geni" dei cromosomi umani, che annoverano geni provenienti dai virus e dai batteri che hanno "colonizzato" il corpo umano e altre specie viventi. Eppure tutto ciò, ben compreso grazie alla scienza e alla tecnologia, che lavorano per "liberare l'uomo" dai suoi pregiudizi, sembra non bastare ancora, visto che gli umani continuano a perseverare nel vizio di ritenere qualche uomo, loro simile, "in odore di Divinità" a cui trasferire anche le proprie libertà e dignità. E così gli umani si lasciano anche trascinare dagli Stati-apparati in stupide quanto inutili guerre per il primato egemonico e il piacere distruttivo mentre sarebbe utile cooperare prima del termine del proprio "ciclo politico", che ha inizio quando una civiltà diventa egemone, per migliorare le condizioni di vita individuali, collettive e globali, così come avviene in ogni organismo complesso (com'è la specie umana nel suo insieme), evitando di estremizzare la "competizione" e valorizzare la "partecipazione"; inoltre, occorre contrastare l'iniqua distribuzione delle ricchezze che fa vivere di stenti e privazioni una gran massa di esseri umani, sia a livello nazionale che internazionale; ed è altresì necessario che gli emarginati, gli sfruttati, gli schiavizzati, si chiedano se valga la pena condurre una tale "vita terrena" e di trasmetterla in successione ai propri figli (a causa dell'aberrante "rigidità delle classi sociali"), visto che è inevitabile la fine del ciclo vitale e che nessuna "forma umana" è speciale, né dura in eterno. È perciò indispensabile che ognuno si ponga la domanda: chi sono ? Al riguardo, va detto, anzitutto, che "non si è ciò che si fa" (esercitare un'arte, un ruolo, una professione o essere  titolare di una funzione non fa essere l'uomo ciò che fa). Identificare, perciò, l'uomo con ciò che fa in società, con l'attività che svolge, è una pura aberrazione culturale. E per capirlo basta pensare anche ai riti di carnevale. L. Pirandello narrava che il suo personaggio scopriva di essere "Uno, Nessuno e Centomila". L'uomo, però, è anche un organismo biologico che, come una "macchina", compie processi chimico-fisici di trasformazione della natura. Sul piano della psiche, invece, l'uomo è caratterizzato (secondo la tripatizione freudiana) dalla coabitazione della parte "razionale", conscia, dell'Io, e la parte inconscia, del "Super Io" e dell'Es. L'Io svolge un ruolo di mediazione in precario equilibrio perchè deve costantemente gestire sia i precetti imposti dall'esterno dal super Io, sia la parte irrazionale, che è sede della "follia", la quale spesso diventa la "condizione normale" degli esseri umani. L'uomo si trova, così, ad essere in "relazione" sia con l'esterno che con la propria psiche, nella quale l'Io coabita con "altri" (anche con l'esigenza della specie, che prima lo spinge alla riproduzione e poi lo sopprime, a circa 85 anni di età). E lo stesso avviene rispetto all'esterno, per la presenza degli "altri", diversi nelle forme ma uguali biologicamente, chimicamente, fisicamente, ecc.. L'uomo, perciò, è sempre in "relazione", sia all'interno che all'esterno di sé stesso. È patologico, perciò, dire "IO" anziché "NOI", e se lo dice un politico significa che ha manìe da dittatore. L'uomo e "l'Io" non possono esistere senza "l'altro" perché l'intero universo è "relazione". E ogni cosa e ognuno è "forma" dello spazio-tempo in cui si entra (nascita) e dal quale si esce (morte) perché si è partecipi del ciclo necessario ed inevitabile dell'eterno infinito, del molteplice e dell'Assoluto. Nulla, perciò, può manifestarsi due volte con la stessa forma durante l'intero ciclo (il bambino, l'adolescente, l'adulto, il vecchio) perché bisogna entrare in altre "forme" dell'infinito che in eterno tutto trasforma. E così si potrà anche dare la risposta al perché "in vita" si provi "dolore" (ma anche "piacere", a volte), pur essendo energia-materia in eterna trasformazione, perché si comprenderà che sia il dolore che il piacere appartengono soltanto alla "vita" che si manifesta nello spazio-tempo, che è finito. È, perciò, l'ingresso nella "vita" che "provoca" dolore e sensazioni. Così come l'uscita dalla "vita", soprattutto quando ci si è "innamorati" della propria forma corporale e non ci si è preparati ad entrare in una "nuova forma", in un'altra dimensione, dove forse dimora l'anelata "felicità". Nell'Assoluto, invece, non esistono dolore o piacere; e neppure lo spazio e il tempo, né la vita e la morte, e neanche l'uomo. Ivi tutto è eterno, come i costituenti delle forme umane che parteciperanno ad aggregare e disaggregare altre forme nell'eterno infinito. E bisogna accettarlo senza alcuna necessità di dover distruggere i "templi", come nichilisticamente sta ora avvenendo, perché essi possono servire come "luogo dell'incontro del sé con l'Altro". Chi sono, allora ? Nel mondo materiale, un organismo biologico e psicologico complesso, che tuttavia non può sottrarsi al suo "Destino" (essere ciò che è stato "destinato" ad essere); che è singolarmente diverso nella forma ma uguale nella sostanza a tutti gli altri organismi esistenti in natura, con i quali è in relazione nella rete dell'universo. E da ciò deriva, in ordine alle domande iniziali "da dove vengo" e "dove vado", che vengo dall'Infinito ! dall'Eterno, dall'Immutabile, dall'Indeterminato e Indifferenziato. Dal Tutto ! Ed è lì che vado, perché tutto lì deve ritornare per ricominciare il ciclo delle infinite forme degli eterni, in coerenza con le leggi di conservazione dell'energia e della massa secondo cui "Nulla si crea, né si distrugge ma tutto si trasforma". E allora, stando così le cose (come sembra), non risulta assolutamente sensato continuare a "divinizzare" qualunque essere umano e prendere atto che l'uomo e l'io sono un "Noi" in relazione con gli altri e che ogni cosa e tutto sono soltanto delle "forme" provvisorie e transitorie nell'eterno e infinito ciclo della materia e dell'energia che costituiscono l'intero universo.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963