Creato da Filottete3 il 16/11/2005
Echi di mercanti, frutti che secernono secreti, crepe di profumi, rotture e bisbigli origliati, specchi di liquidi e materie in zattere traghettanti, "cancarineddj" piccanti come cuori vulnerabili non esposti
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Tag

 

Ultimi commenti

Mi sono permessa di copiare questo post nel mio tumblr con...
Inviato da: L.
il 28/09/2010 alle 21:35
 
Ci sono rapporti diversi. Li' a livelli di sistema...
Inviato da: FilotteteManfredi
il 20/10/2009 alle 01:43
 
Libertà in cina...dici che dovremmo prendere questa storia,...
Inviato da: martha76.mt
il 19/10/2009 alle 22:40
 
Cara Paola, ti ringrazio per aver commentato ad un vecchio...
Inviato da: Emanuele-Filottete
il 08/07/2009 alle 23:46
 
che tristezza... in ogni storia trovo un pezzetto di...
Inviato da: paola barbarino
il 04/07/2009 alle 00:59
 
 

QUESTA OPERA GODE DI UNA LICENZA CREATIVE COMMONS

Queste sono le mie volontà sui diritti d'autore! 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

immagine

Questo è un blog di terrazze di arrosti e tempeste cerebrali di stagioni

DIPINTI DI CASA MIA - PROGETTO SOCIEDADE

DIPINTI DI CASA MIA - PITTORE CHE NON IMBIANCA

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 

        immagine

       Simboli come smorfie

 

Ultime visite al Blog

pintodgl10LiberoSinglefrancescosaccomannoAnanke300samu711non.sono.ioSeria_le_Ladypsicologiaforensemamodeimart.masGeppettinoumamau0c0mputerl0vemitch230rago.mar
 

ORIGINI DEL MONDO NASCOSTE NELLE STAGIONI

immagine

Per i non minorenni cliccare qui sotto:

campagna permanente ed augurale di più patata per tutti.

 

Segnali essoterici, come a cercar tartufi o far pipì vagando nella notte, rilievi archeologici di vecchie monete. Cornice di un blog dove vivono fantasmi di pugili cinefili in scandalosi vecchi tempi anteguerra.

Queste sono le porte di chi non è colui che si crede, come il metafisico dell'uomo cieco che in una stanza buia cerca un cappello nero. E il cappello non c'è.

         immagine

 

   immagine

Prospettive espressioniste e citazioni geometriche di sguardi

 

SPECCHI RIFLESSI DI MIE EMOZIONI

I poeti sono brutte creature, sognatori. Ogni volta che parlano, è una truffa. Per questo non voglio che mi si descriva come sembra. Non sono colui che mi si crede.

Gli sguardi inascoltati e i silenzi visti sono sul nostro volto. In questo blog vi auguro di domandarvi e rispondervi sui misteri di frutti proibiti e della verità, che stà in quale tipo di anfratti vulvari? Nessuno lo sa.

"Svennero ad uno ad uno, svanirono nel fondo

pallide secche tranciate dalla poppa

e gli occhi perle, e le labbra coralli

e sale macinato al fondo le loro ossa.

Lui le piangeva, smemorando i volti

e mi pregò, mi nominò per loro,

e io, bianca spuma, per lui ruppi lo specchio:

sillabò i loro nomi uno per uno,

e al capo dell'elenco trovò il suo,

per lo spirito divino che gli avevo infuso,

che è animo, e memoria pietosa,

e il cuore pompò brezza nuova alle tempie,

e due sorgenti sciolsero il sale degli occhi.

A nulla valsero Circe, Calipso, altre maghe,

effimere come sogni o secche sottoprua.

Il mare, lei controluce, al tramonto,

e poi, nel sonno, lui seduto accanto,

-Tu non dissolverti, non morire,

non fare tutto finto di nuovo e per sempre-.

Il buio, le lacrime e il singhiozzo trattenuto,

fiume che nutre il mare per non svegliarla."(R.M.)

 

COME SI MIMA LA QUINTA STAGIONE?

immagine

 

 

« questo è solo l'inizio ...BUON RIENTRO A TUTTI, FE... »

ASPIRANTE DONATORE EQUO E SOLIDALE. CERCASI RICEVENTE.

Post n°69 pubblicato il 29 Agosto 2006 da Filottete3
 

Se un giorno finissi in un catalogo avrei una denominazione d’origine controllata. E le clienti lo sapranno. Il mio mito è Donor 401. Il mito del padre perfetto. Altezza 1.95, occhi azzurri, pelle chiara che al sole non arrossa ma abbronza. Il migliore sportivo della scuola. Il migliore poeta. Il migliore poeta per la mamma che adora. Anche io, ho una venerazione quasi non terrena per mia mamma. Non importa niente che i neonazisti americani della Comunità nazionalista bianca hanno trovato l’idea magnifica e dal loro sito hanno invitato le donne intelligenti a scegliere un donatore bianco di qualità. Sì, un donatore. Oggi è difficile trovarli. Così come lo è Donor 401. Non mi lascio intimidire da questi facili tranelli politicamente corretti. Nel catalogo selezionano uomini tra i 18 e i 39 anni, risalgono fino ai nonni per verificare che non ci siano malattie ereditarie, fanno esami clinici accuratissimi e lunghi colloqui personali. Non più del 3 per cento supera gli esami. Io l’ho superato. Per questo il mio mito è il Donatore 401. Donor 401 non ha nome né volto, sul catalogo della banca Fairfax Cryobank è un curriculum che promette qualità, un nome diventato un marchio. Io ho già offerto la mia fidelity Card. Le mamme, sapete, si sono innamorate di lui, bastava pagare 175 dollari di una dose. I dottori ne avevano bidoni pieni, e chi entra nella sua scuderia ancora oggi si impegna a fornirne due campioni alla settimana, per un minimo di sei mesi. In cambio riceve ogni volta 150 dollari ma visto che sono laureato 200. Le donne che si servono sono single professioniste. Il mito di Donor 401, quel donatore sparito perché sposatosi, quella sigla fra tante, ha alimentato la ricerca della mamme single che si sono rivolte alla banca del seme: ne è nata un’isteria collettiva in Tv, tutti a cercarlo. Ma io? Gli altri? Siamo in tanti che scalpitiamo per essere considerati. Pensate che un paio di donne si sono ricordate di avere ancora qualche campione inutilizzato in fresco e l’hanno offerto gratuitamente per una lotteria. Ho comprato un numero, ci hai visto mai?!

Per questo ho anche offerto la mia fidelity card. Siamo quello che compriamo: due pacchi di pasta, un chilo di sale grosso. Una provetta di sperma. Sabbia per gatti, parmigiano, angurie a ripetizione, prosciutto crudo, vino, gelati, pannolini e latte detergente. Un salvagente, alcune magliette 0-3 anni. Il mio scontrino settimanale è robusto, quindi sono un cliente pregiato. Sono un cliente coltivabile. Sanno chi sono, quanti siamo in famiglia, se c’è un cane o un gatto: ma a voi che parlo non ve lo dico. Mi interessa che lo sappiano loro che mi controllano, che mi esaminano, ci tengo al loro catalogo. Sanno quando ho comprato l’olio l’ultima volta e quanto e quale compro di solito. Se sono un tipo che non si lascia scappare un’offerta speciale, oppure uno di quelli che degli sconti se ne fregano. Così sono entrato al Supermercato con questo sentimento, l’altro giorno. La commessa mi ha messo in mano i sacchetti e mi ha detto: "il solito?", un sorriso e via. Il mio mito anche qui è la loro bellissima raccolta punti, è una vita che sogno il tostapane che scongela gli spermatozoi e ne codifica i geni, nonché li mantiene ad una temperatura costante.

Non sapete come funziona? Via via che si spende arrivano il regalo e gli sconti. E via via che si spende nel cervellone elettronico del supermercato si stratificano una fotografia dettagliatissima del titolare della carta e soprattutto delle sue abitudini quando decide di mettere mano al portafoglio. Informazioni. Eccole, ve le do. Sono un ruffiano, e beh?! Qualcosa su cui ridire? E il garante della privacy in Italia, le associazioni di consumatori contro le invadenze nella privacy delle carte elettroniche in America, tutti figli del perbenismo…A maggio è stata bloccata l’attività di una catena alberghiera che conservava i dati di tutti i suoi clienti e aveva ceduto a compagnie aeree e società di noleggio automobili, gli elenchi. Poverini, li hanno beccati! Ve l’ho detto. Il mio mito è Donor 401. Voglio che mi controllino anche cosa mangio. Fate pure.

Non vi è mai capitato che vi chiami qualcuno di una compagnia telefonica per chiedervi qualcosa, sondaggio o qualche altra minchiata sia, e voi gli rispondete che non siete nell’elenco…"e chi vi ha dato il mio numero"? Ci avete pensato perché riattaccano o cade la linea? Pensate che a me chiamò uno della Tim sul numero Vodafone, ed io chiesi chi aveva dato loro il mio codice di chiamata, e loro limpidi mi dissero che la concorrenza in Italia è come il rosso del semaforo napoletano.

Furbi, sono. Il futuro è loro. Donor 401 l’ha capito da molto tempo. Per questo è sparito. Ma purtroppo non sarò mai come lui. Meglio sperare, ci hai visto mai?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
strangeskin
strangeskin il 29/08/06 alle 18:15 via WEB
ok, qui mi ci vorrà una serata per recuperare e leggerti tutto (senti che affermazione osè che ho fatto eheh). stasera. Bacio per ora :)
(Rispondi)
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 12/09/06 alle 20:15 via WEB
MA chi è questa strange che ti legge di sfuggita? scherzo... posso usare il tuo materiale da donatore? ri-scherzo... ho una CartaFedeltà di tutto rispetto. Ognuno ce l'ha, non lo sapevi? Laura
(Rispondi)
Ailander8
Ailander8 il 02/10/08 alle 16:31 via WEB
A me hanno dato il codice Donor 402... va bene lo stesso? :-) A.
(Rispondi)
 
Manfredi.E
Manfredi.E il 03/10/08 alle 18:39 via WEB
Replicante. Vuol dire che la generazione va avanti, buona idea.
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.