Creato da Filottete3 il 16/11/2005
Echi di mercanti, frutti che secernono secreti, crepe di profumi, rotture e bisbigli origliati, specchi di liquidi e materie in zattere traghettanti, "cancarineddj" piccanti come cuori vulnerabili non esposti
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Tag

 

Ultimi commenti

Mi sono permessa di copiare questo post nel mio tumblr con...
Inviato da: L.
il 28/09/2010 alle 21:35
 
Ci sono rapporti diversi. Li' a livelli di sistema...
Inviato da: FilotteteManfredi
il 20/10/2009 alle 01:43
 
Libertà in cina...dici che dovremmo prendere questa storia,...
Inviato da: martha76.mt
il 19/10/2009 alle 22:40
 
Cara Paola, ti ringrazio per aver commentato ad un vecchio...
Inviato da: Emanuele-Filottete
il 08/07/2009 alle 23:46
 
che tristezza... in ogni storia trovo un pezzetto di...
Inviato da: paola barbarino
il 04/07/2009 alle 00:59
 
 

QUESTA OPERA GODE DI UNA LICENZA CREATIVE COMMONS

Queste sono le mie volontà sui diritti d'autore! 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

immagine

Questo è un blog di terrazze di arrosti e tempeste cerebrali di stagioni

DIPINTI DI CASA MIA - PROGETTO SOCIEDADE

DIPINTI DI CASA MIA - PITTORE CHE NON IMBIANCA

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 

        immagine

       Simboli come smorfie

 

Ultime visite al Blog

pintodgl10LiberoSinglefrancescosaccomannoAnanke300samu711non.sono.ioSeria_le_Ladypsicologiaforensemamodeimart.masGeppettinoumamau0c0mputerl0vemitch230rago.mar
 

ORIGINI DEL MONDO NASCOSTE NELLE STAGIONI

immagine

Per i non minorenni cliccare qui sotto:

campagna permanente ed augurale di più patata per tutti.

 

Segnali essoterici, come a cercar tartufi o far pipì vagando nella notte, rilievi archeologici di vecchie monete. Cornice di un blog dove vivono fantasmi di pugili cinefili in scandalosi vecchi tempi anteguerra.

Queste sono le porte di chi non è colui che si crede, come il metafisico dell'uomo cieco che in una stanza buia cerca un cappello nero. E il cappello non c'è.

         immagine

 

   immagine

Prospettive espressioniste e citazioni geometriche di sguardi

 

SPECCHI RIFLESSI DI MIE EMOZIONI

I poeti sono brutte creature, sognatori. Ogni volta che parlano, è una truffa. Per questo non voglio che mi si descriva come sembra. Non sono colui che mi si crede.

Gli sguardi inascoltati e i silenzi visti sono sul nostro volto. In questo blog vi auguro di domandarvi e rispondervi sui misteri di frutti proibiti e della verità, che stà in quale tipo di anfratti vulvari? Nessuno lo sa.

"Svennero ad uno ad uno, svanirono nel fondo

pallide secche tranciate dalla poppa

e gli occhi perle, e le labbra coralli

e sale macinato al fondo le loro ossa.

Lui le piangeva, smemorando i volti

e mi pregò, mi nominò per loro,

e io, bianca spuma, per lui ruppi lo specchio:

sillabò i loro nomi uno per uno,

e al capo dell'elenco trovò il suo,

per lo spirito divino che gli avevo infuso,

che è animo, e memoria pietosa,

e il cuore pompò brezza nuova alle tempie,

e due sorgenti sciolsero il sale degli occhi.

A nulla valsero Circe, Calipso, altre maghe,

effimere come sogni o secche sottoprua.

Il mare, lei controluce, al tramonto,

e poi, nel sonno, lui seduto accanto,

-Tu non dissolverti, non morire,

non fare tutto finto di nuovo e per sempre-.

Il buio, le lacrime e il singhiozzo trattenuto,

fiume che nutre il mare per non svegliarla."(R.M.)

 

COME SI MIMA LA QUINTA STAGIONE?

immagine

 

 

« NON CORRERò IL BUIO DI U...piccolo regalino dal mio... »

quel mostro di ragazza con educazione ciellina

Post n°119 pubblicato il 10 Dicembre 2006 da Filottete3
 

Un medico montò su una barca e svanì. Cinque giorni dopo affiorò un cadavere livido e gonfio d'acqua: la famiglia lo riconobbe per quello di suo figlio e senza voler sapere la causa del decesso lo seppellì.

Due anni dopo: "Paga o finirai come il medico del Trasimeno". Quella intercettazione fece riaprire l'inchiesta, a Perugia. Un perito esaminò le immagini scattate al cadavere sul pontile del lago e scoprì che non poteva essere il medico del Trasimeno: l'individuo fotografato, peraltro di apparente razza negroide, era più basso di otto centimetri e più grasso di sei taglie. Ma allora? Di quale medico si tratta? Sorpresa quando fu riaperta la bara dopo quella intercettazione: dentro c'era il vero medico, senza i segni dell'annegamento ma con l'osso del collo spezzato. Mettendo insieme indizi e testimonianze, l'ipotesi degli inquirenti: il Medico del Trasimeno fu strangolato, legato e abbandonato sulla riva del Trasimeno (dove lo videro almeno in cinque), il padre brigò perché la cosa non si sapesse, procurandosi un altro cadavere da far emergere dalle acque ed effettuando prima della sepoltura la sostituzione con quello del figlio Medico (la bara transitò per la villa di famiglia, poi arrivò al cimitero). Complici: l'altro figlio, l'amico fraterno all'epoca Questore, e il comandante dei carabinieri di Perugia (tutti indagati per occultamento di cadavere). Ma con l'aiuto del Gran Maestro della loggia al quale il padre del Medico si sarebbe rivolto per evitare uno scandalo che avrebbe danneggiato l'immagine della massoneria oltre che la propria. Voci insistenti dicevano infatti che il medico avesse fatto carriera nella setta della Rosa Rossa (arrivando al grado di custode) e che avesse a che fare con il mostro di Firenze. Di certo era solito sparire per giorni. Andava a New York, a Cortina, ma più spesso a San Casciano Val diPesa. Qui l'ospitava un quarantenne farmacista, una tormentata vita familiare, futuro autore di quadri cupi, astratti e sofferenti, che avrebbe finito per firmare col codice fiscale ed esporre in mostre intitolate "Pugni nello stomaco". Nello stesso periodo, nell'ambulatorio attiguo alla farmaca si trovava in affitto un allora poco meno che cinquantenne professore associato al Dipartimento di Dermatologia dell'Università di Firenze, esperto in allergologia, anche lui pittore per diletto. Li vedevano spesso uscire insieme, a far merenda. Ristorante, tennis, ambigui festini in maschera per ville della campagna toscana di cui si conservavano le riprese. Erano gli anni 80. Vent'anni dopo, le ultime indagini indicano che sarebbero stati loro tre (assieme ad almeno altri due di cui si ignora praticamente tutto) a commissionare i delitti di Pacciani, Lotti e Vanni al fine di procurarsi lembi di carne da utilizzare per messe nere,magie, esoterismi e quanto necessario per i riti della Rosa Rossa. Era il medico del Trasimeno a occuparsi della conservazione sotto formalina di angoli pubici e brandelli di seno: dopo la sua morte ne fu trovato un barattolo pieno nel frigo. Lasciò una lettera dove spiegava tutto. E' sparita.

Bukowski mi raccontava di un uomo che si eccitava solo quando faceva l'amore con una sconosciuta in ascensore, una volto conosciuta la porta in camera e non era più la stessa cosa. Ad un altro uomo gli muore il padre, conosce l'ex fidanzata del padre ai funerali, se la scopa, dimentica di andare al cimitero per vederlo calare nella fossa, al mattino lei, la scopatrice, non si ricorda niente e lo accusa di stupro mentre il figlio era intento a regalare tutte le cose vecchie al vicinato, cianfrusaglie da quattro soldi. Oppure di quell'uomo col punto nero sul naso, se lo spreme ed esce il suo bel pus giallo, -il vero passo avanti è capire le donne o saper uccidere con indifferenza?-, si mette a cacare e ci pensa.
O di quell'altro uomo che raccontava al barista che la moglie dell'amico gli era saltata addosso con la complicità dapprima velata del marito stesso, lui se la scopa dopo aver cenato e mangiato carne che poi gli diranno che era umana -motivi demografici- congelata in freezer. E il barista attonito non vuole stare davanti a un mostro, un assassino. Vuole fare l'onesto cittadino. Tira la pistola e chiama la polizia. Ma l'uomo gli dice che era una balla, e il barista non ci crede per i troppi particolari, -avresti dovuto scappare-. Oppure di uno che gli presta la donna all'amico solo per un pompino e si scambiano convenevoli al bar mentre il barista afferma di aver dato loro il resto anche se loro non hanno visto il becco di un quattrino e tutto finisce in rissa.
Oppure di quando Lei disse: -Stare con me è come lavorare. Stai lavorando ora?-
Lui: -Non ho mica timbrato il cartellino!-
Lei: -Ecco che ricomincia! Stiamo parlando sul serio.-
Lui: -D'accordo, dici? Coglione, stai per addormentarti-
Lei: -Mi chiedi se voglio il divorzio? oh, mio Dio, come sei calmo! Ti ho dato la vita! Dove vado a questo punto?!-
PAUSA.
Lei: -Ma quando hai baciato lei era come con me? perché non lo fai a me!-
Lui: -Ma con lei era una novità, mi eccitavo. Ma sempre la stessa storia, è roba vecchia ormai-
Lei: -Ahh!! E quando baci me non ti ecciti,vero?-
Lui: -Siamo abituati l'uno all'altro-
Lei: -Ma questo è amore! Viere e crescere insieme-
Lui: -OK!-
Lei: -Ok? Cosa vuol dire ok?-
Lui: -Hai ragione-.

Sembra di essere l'altro ieri quando non leggevo libri come questoimmagine ma un mostro di ciellina disinformata del mondo mi realizzava la frase: -Reagisci, se io non  ti parlo e non ti dico niente, no?-.
Ma io: -Sì, reagisco, finisco qui-.
Lei: -Ma non voglio buttare all'aria tutto, parliamone, troviamo una soluzione, tu come sei fatto? Come ti giudicano gli altri? Ti conoscono? Ti credi cresciuto?-
Io: -Sì.  Finiamo qui, non servono le  parole. Trombiamo-
Lei: -Sì-




Andromeda e il mostro

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
salvomoncalvo
salvomoncalvo il 11/12/06 alle 09:53 via WEB
e così hai sposato una ciellina?
(Rispondi)
 
Filottete3
Filottete3 il 11/12/06 alle 15:52 via WEB
mai, giammai. Avevo paura, ma per fortuna l'ho resa un mostro paradossale. L'ho lasciata appunto per evitare danni irreparabili!
(Rispondi)
 
 
quotidiana_mente
quotidiana_mente il 11/12/06 alle 22:00 via WEB
Irreparabili? Secondo me, la portava sulla retta via. Bello leggerti.
(Rispondi)
 
 
 
Filottete3
Filottete3 il 11/12/06 alle 22:44 via WEB
hai fatto un corso di cabaret, per caso? ;-) scherzaci, io che amo scandalizzare....e quando qualcuno non conosce la realtà mafiosa mista alla religione io vado in bestia....
(Rispondi)
pauline6
pauline6 il 11/12/06 alle 12:26 via WEB
non so cosa dire..solo un grande vuoto..
(Rispondi)
 
Filottete3
Filottete3 il 11/12/06 alle 15:56 via WEB
giusto, grande delusione! soprattutto per il fatto che lei si reputa cresciuta, a prova di matrimonio, ma avrebbe rovinato i figli con una protettività patologica da cattolicesimo puritano anni trenta.
(Rispondi)
J.A.Prufrock
J.A.Prufrock il 11/12/06 alle 19:16 via WEB
Racconto stupendo. Ma... ma... ma hai davvero mollato la ciellina?
(Rispondi)
 
Filottete3
Filottete3 il 11/12/06 alle 22:45 via WEB
decisione unanime. Correttezza!
(Rispondi)
ascaso1974
ascaso1974 il 11/12/06 alle 23:20 via WEB
Certo, però, che voi due insieme avevate il dono della sintesi, io mica ce l'ho..
(Rispondi)
Filottete3
Filottete3 il 12/12/06 alle 00:46 via WEB
Certe donne vogliono la sintesi e non la vogliono. Credono di vedere un gesto bello che un mafioso sia devoto alla Madonna, magari loro stesse ne hanno combinato di tutti i colori e ai loro figli non vogliono che gli capiti la stessa ipocrisia del predicar bene e razzolar male.
(Rispondi)
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 12/12/06 alle 21:06 via WEB
e per di più ama i film dei Vanzina!
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.