Creato da Filottete3 il 16/11/2005
Echi di mercanti, frutti che secernono secreti, crepe di profumi, rotture e bisbigli origliati, specchi di liquidi e materie in zattere traghettanti, "cancarineddj" piccanti come cuori vulnerabili non esposti
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Tag

 

Ultimi commenti

Mi sono permessa di copiare questo post nel mio tumblr con...
Inviato da: L.
il 28/09/2010 alle 21:35
 
Ci sono rapporti diversi. Li' a livelli di sistema...
Inviato da: FilotteteManfredi
il 20/10/2009 alle 01:43
 
Libertà in cina...dici che dovremmo prendere questa storia,...
Inviato da: martha76.mt
il 19/10/2009 alle 22:40
 
Cara Paola, ti ringrazio per aver commentato ad un vecchio...
Inviato da: Emanuele-Filottete
il 08/07/2009 alle 23:46
 
che tristezza... in ogni storia trovo un pezzetto di...
Inviato da: paola barbarino
il 04/07/2009 alle 00:59
 
 

QUESTA OPERA GODE DI UNA LICENZA CREATIVE COMMONS

Queste sono le mie volontà sui diritti d'autore! 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

immagine

Questo è un blog di terrazze di arrosti e tempeste cerebrali di stagioni

DIPINTI DI CASA MIA - PROGETTO SOCIEDADE

DIPINTI DI CASA MIA - PITTORE CHE NON IMBIANCA

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 

        immagine

       Simboli come smorfie

 

Ultime visite al Blog

pintodgl10LiberoSinglefrancescosaccomannoAnanke300samu711non.sono.ioSeria_le_Ladypsicologiaforensemamodeimart.masGeppettinoumamau0c0mputerl0vemitch230rago.mar
 

ORIGINI DEL MONDO NASCOSTE NELLE STAGIONI

immagine

Per i non minorenni cliccare qui sotto:

campagna permanente ed augurale di più patata per tutti.

 

Segnali essoterici, come a cercar tartufi o far pipì vagando nella notte, rilievi archeologici di vecchie monete. Cornice di un blog dove vivono fantasmi di pugili cinefili in scandalosi vecchi tempi anteguerra.

Queste sono le porte di chi non è colui che si crede, come il metafisico dell'uomo cieco che in una stanza buia cerca un cappello nero. E il cappello non c'è.

         immagine

 

   immagine

Prospettive espressioniste e citazioni geometriche di sguardi

 

SPECCHI RIFLESSI DI MIE EMOZIONI

I poeti sono brutte creature, sognatori. Ogni volta che parlano, è una truffa. Per questo non voglio che mi si descriva come sembra. Non sono colui che mi si crede.

Gli sguardi inascoltati e i silenzi visti sono sul nostro volto. In questo blog vi auguro di domandarvi e rispondervi sui misteri di frutti proibiti e della verità, che stà in quale tipo di anfratti vulvari? Nessuno lo sa.

"Svennero ad uno ad uno, svanirono nel fondo

pallide secche tranciate dalla poppa

e gli occhi perle, e le labbra coralli

e sale macinato al fondo le loro ossa.

Lui le piangeva, smemorando i volti

e mi pregò, mi nominò per loro,

e io, bianca spuma, per lui ruppi lo specchio:

sillabò i loro nomi uno per uno,

e al capo dell'elenco trovò il suo,

per lo spirito divino che gli avevo infuso,

che è animo, e memoria pietosa,

e il cuore pompò brezza nuova alle tempie,

e due sorgenti sciolsero il sale degli occhi.

A nulla valsero Circe, Calipso, altre maghe,

effimere come sogni o secche sottoprua.

Il mare, lei controluce, al tramonto,

e poi, nel sonno, lui seduto accanto,

-Tu non dissolverti, non morire,

non fare tutto finto di nuovo e per sempre-.

Il buio, le lacrime e il singhiozzo trattenuto,

fiume che nutre il mare per non svegliarla."(R.M.)

 

COME SI MIMA LA QUINTA STAGIONE?

immagine

 

 

« RAPITI PER PREMIO IN DEN...QUELLO CHE SUCCESSE, ORA... »

Se una notte di Settembre un viaggiatore...

Post n°73 pubblicato il 05 Settembre 2006 da Filottete3
 

Tesoro mio, mio bel caratterino, tu che oggi compi quella stupidaggine che sono gli anni…ti sono vicino, c’è in te malinconia, quel sentimento che ci lega alle cose, quel filo che lega a noi, dietro di noi, le cose saltellanti a ogni passo. Davanti a noi vorremmo vedere solo il segno curvo della barchetta di tutta una vita, mentre tutto è un trottare di traballanti bagattelle, chiacchiere che rimbalzano, stronzate, miscugli d’interessi rozzi e grevi, ammicchi, insinuazioni, alambicchi, finte intese perché un terzo escluso intenda, minacce, avvertimenti, persuasioni non occulte, ammonimenti, prediche, catechismi. Devi scusarmi se lo dico a te, proprio nel giorno del tuo compleanno, ma è per l’attualità, e oggi è il 5 settembre, e questo è il giorno in cui tu compi quella cosa passeggera che ti conta la vita. E oggi, per l’attualità, vieni con me, ti porto, come regalo, a guardare quei segni incomprensibili. Non ci leggerai trame deludenti che la storia e la cronaca rattoppano, senza avere la mano competente di una sarta costumista, con pezze adattabili e remissive per far quadrare conti che mai non torneranno dal passato. Caligola fece di un suo cavallo un senatore così come monarchi ridotti in polvere incoronano statue, persino giardini, residenze, ponti che ancora regnano, realisti più del re e più del re viventi. La chiesa per esempio sbaglia sempre ma con anni, secoli di anticipo, secoli misurati, lungimiranti sui propri opportuni e puntuali ravvedimenti. Eppure investe. Invece io, proibisco che mi si chieda scusa. Più che essere assolto o bruciando, le mie urla trafiggono l’inferno e lo gelano, slittano sul ghiaccio verso il cielo, lancinanti tanto che per l’attrito il paradiso avvampa. E cosa ti fa il tempo? Ti combina i compleanni! Allontana le cose dal corpo, dal corpo le strappa come lattughe, sedani, cipolle, carote, pomodoretti da spaccare con le mani. Dal corpo quando è un orto tra le brume, fantasma dei controesodi e i discorsetti degli ostentati di abbronzatura dentro l’autobus tipo “come stavo bene a quest’ora l’altra settimana” e che non rendono grazia all’inizio di ogni stagione e non ringraziano chi non è mai partito.

L’uomo non è che un setaccio, si colma di realtà, sfarina aneddoti. E il mondo è come una battuta che si capisce dopo, molto dopo, ridendo come ebeti persino del dolore, senza afferrare più quanto abbia fatto male. Quella teglia in fondo a quel lavabo, dove dobloni d’olio emergono, quella teglia dove resta bruciata la patata nel fondo e raschi finché cerchi traiettorie, disegni, maneggi, espedienti. Altro che quei pasticci, intrugli, imbrogli, mosse, piste astruse battute dall’uomo che intriga…che inzeppa di sé le cose, che spinge, che fomenta. Questo ghiribizzo è un segno che ti regalo. Cerchi incompiuti. Immagini apparentemente senza significato. Come quella giornata libera, stupida…”e chissà quando ne capiterà un'altra” del giornalista Perozzi di “Amici miei”. E ogni segno diventa il gusto di gradirlo osceno: e allora guizzerà sopra quelle espressioni da mattonella insulsa come sui cessi un pennarello svelto. E sarà un ghigno, una boccaccia, un tic. E basterà quel ceffo un po’ smorfiato a dirla tutta, perché avere un volto, quella faccia, vuol dire spesso portare sul viso la più potente irrisione di sé. Queste pasticchette del re sole, tutto questo grigio senza l’eminenza. Al diavolo i consigli d’amministrazione e le domeniche a piedi con quegli stupidi palloncini: le assunzioni sotto il cielo, i lezzi e i miasmi, gli spifferi, la carne umana che diventa in terra soffio su quanto può essere soffiato. E pensare che siamo stati spediti sulla luna da un “secondo me…” e verso le stelle da un “io penso…” cui seguivano tutti i risucchi di barattoli di lenticchia andata a male in chiacchiera, svuotati in un colpo con lo sturalavandino…e dopo rotolavano su tutte le parole i risonanti zoccoli della latta vacua. Per questo io ti regalo i segni che non si sa che sono, i ghirigori sulle loro facce cancellate, le facce di quelle carni. Mio caro Filottete o Emanuele, nel giorno in cui d’un tratto compi gli anni.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
strangeskin
strangeskin il 05/09/06 alle 12:40 via WEB
Troopo tardi mi son ricordata che ... auguri, tanti, di cuore, signore!
(Rispondi)
quotidiana_mente
quotidiana_mente il 06/09/06 alle 09:44 via WEB
Compleanno? Auguri, compleanno o meno.
(Rispondi)
Filottete3
Filottete3 il 12/09/06 alle 20:30 via WEB
è dura riprendere. E' sempre dura, come disse il pornoattore! Bisognerebbe continuare a lavorare dove gli altri si divertono, (come il ginecologo)basta dunque cinema? Sarà un autunno caldo, grazie mille per il sostegno compleannifico!
(Rispondi)
passidangelo
passidangelo il 13/09/06 alle 09:53 via WEB
Sono sempre validi gli auguri anche se con largo posticipo? :D
(Rispondi)
Filottete3
Filottete3 il 13/09/06 alle 12:51 via WEB
non ti preoccupare...fino a dieci giorni dopo o non dopo il 21 equinozio d'autunno, sono leciti! Dopo fanno scena... GRAZIEEEEEEEE
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.