Creato da ninograg1 il 16/01/2006

XXI secolo?

Vivere e sopravvivere nel nuovo medioevo italiano

Get the Radio DgVoice verticall no autoplay widget and many other great free widgets at Widgetbox! Not seeing a widget? (More info)
 

STO LEGGENDO E RACCOMANDO

 

 

siti

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: ninograg1
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 57
Prov: MS
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 197
 
 

SHINY STATS; TROLLS

DIRECTORY

 

TCPA;OIPA

 
Leggi a questo link

 

      aumenta page rank

 

MOTORI

 immagine Best blogs ranking

 

 

XML, PULIZIA

 Basta! Parlamento pulito  Feed XML offerto da BlogItalia.it  immagine immagine Iscriviti I heart FeedBurner 

 

LIST

  Blogarama - The Blog Directory Powered by FeedBurnerIscriviti a RSS aggiornamenti dal titolo: Powered by FeedBurnerSono membro della AM Blog directory

 

GREENPEACE & ARCOIRIS

immagine immagine BlogGoverno    Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini  

 

 

MATRIX 1

un mondo senza regole e senza confini 

Il Fatto Quotidiano

http://www.ilfattoquotidiano.it/

Scudo della Rete

BlogNews

 

NESSUNO TOCCHI CAINO; PACS

immagine   immagine

 

VARIA GRAFICA

immagineDirectory dei blog italiani

 

BLOGITALIA

          BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

NATO: non siamo pronti a guerra contro intelligenza artificiale

Post n°4174 pubblicato il 20 Febbraio 2018 da ninograg1
 

Fonte: Sputniknews

 

Le guerre del futuro verranno combattute con l'uso di sistemi d'intelligenza artificiali, i quali potrebbero essere usati come armi mortali, hanno dichiarato i leader dei paesi della NATO nell'ambito della conferenza di Monaco sulla sicurezza. Allo stesso tempo sono stati obbligati a riconoscere che i paesi membri della NATO non sono pronti ad affrontare tale evenienza, riporta Defense News.

Così il presidente dell'Estonia, Kersti Kaljulaid, ha ammesso la probabilità che alle metà di questo secolo l'umanità avrà a propria disposizione un sistema di intelligenza artificiale in grado di iniziare una guerra. Allo stesso tempo ha osservato che la NATO non ha ancora una strategia, né il diritto internazionale, per contrastare una simile evenienza.

In relazione a questo, la Kalyulaid ha proposto di stabilire requisiti universali per il sistema di intelligenza artificiale e di prescrivere regole che permettano di disconnettere questi sistemi se dovessero minacciare un essere umano.

All'inizio dell'anno, gli scienziati elencavano alcuni rischi che minacciavano il collasso della civiltà, tra cui le conseguenze della creazione dell'intelligenza artificiale.

L'anno scorso, il fisico britannico Stephen Hawking ha anche affermato che il rapido sviluppo dell'intelligenza artificiale potrebbe essere pericoloso per il destino dell'umanità.

 
 
 

Elezioni, gli esempi poco esaltanti della flat tax

Post n°4173 pubblicato il 19 Febbraio 2018 da ninograg1
 

Fonte: WSI 19 febbraio 2018, di Redazione Wall Street Italia

A cura di Mario Lettieri* e Paolo Raimondi**

La flat tax, di cui tanto si parla in questa campagna elettorale, non è la parola magica per la giustizia fiscale del nostro paese. Non è comunque la cattiva parola da demonizzare tout court. I limiti e gli obblighi costituzionali non si possono ignorare. Nel caso, quindi, di una sua eventuale e deprecabile introduzione, sarà necessario individuare meccanismi di deducibilità che rendano effettivo il principio della progressività.

C’è da sapere comunque che, dopo il voto, l’indomani come si sol dire al cinema, è un nuovo giorno. E pertanto le promesse e le decisioni si possono cambiare.

È doveroso prima di ogni decisione valutare quanto è accaduto e accade nei paesi, in cui la flat tax è stata introdotta. Il caso emblematico ci sembra quello russo, dove le famiglie povere e quelle indigenti sono fortemente aumentate tanto da spingere le masse delle periferie urbane e i residenti nei territori rurali a chiedere di rivedere il sistema fiscale, introducendo forme di progressività nella tassazione.

In Russia, com’è noto, nel 2001 Vladimir Putin, al suo primo mandato, introdusse la tassa fissa del 13% per tutti, ricchi e poveri, singoli e imprese, aziende produttive e società dubbie. Egli aveva raccolto un paese in ginocchio, devastato dalla corruzione del periodo di Eltsin, dalla penetrazione della finanza speculativa internazionale, dalla svendita delle ricchezze nazionali alle grandi corporation e dal sostanziale fallimento dello Stato del 1998.

E quel che era più grave, c’era una generale sfiducia. Nessuno aveva fiducia nel rublo, nessuno pagava le tasse, o per corruzione o per indigenza, I cosiddetti oligarchi “spostavano” centinaia di miliardi di dollari a Londra o nei paradisi fiscali.

Perciò la tassa del 13% servì anzitutto a riportare un certo ordine e un po’ di razionalità nel sistema economico. Fu il modo per garantire un minimo di stabilità politica e un minimo di entrate fiscali.

Pertanto il vero motore della ripresa russa, più che la flat tax, è stato lo sfruttamento delle risorse energetiche, del petrolio e del gas, le cui riserve, insieme alle altre ricchezze naturali, sono enormi. Per anni la Russia ha incassato elevate fatture dalla vendita di crescenti quantità di risorse energetiche. Nel frattempo si è frenata in qualche modo sia la corruzione sia la fuga dei capitali. Si ricordi che in questi anni la differenza tra il costo di produzione e il prezzo di vendita di petrolio e gas ha garantito entrate davvero eccezionali. Tanto che nel 2008 il classico barile di petrolio ha toccato la vetta di 150 dollari!

Oggi, però, la Russia, come altri paesi, sta vivendo una crescente e pericolosa ineguaglianza economica e sociale. Soprattutto dopo le sanzioni economiche e il crollo del prezzo del petrolio. C’è un recente studio del Credit Suisse in cui si dimostra come la Russia sia uno dei più “disuguali”paesi del mondo: il 10% della popolazione detiene l’87% della ricchezza della nazione. L’1% della popolazione detiene il 46% dei depositi bancari.

Anche la situazione della tanto decantata Ungheria merita un’attenta disamina. Il paese, si ricordi, è entrato nell’Unione europea nel 2004 mantenendo però la sua moneta nazionale, il fiorino. Con una popolazione di 10 milioni di persone, nel 2008 aveva un pil di 157 miliardi di dollari a prezzi correnti. A seguito della crisi globale, nel 2011 il prodotto interno scese a 140 miliardi e nel 2012 a 125. Nell’ultimo periodo ci sono stati dei miglioramenti nell’economia magiara, trainata dalla piccola ripresa europea e soprattutto dall’attivismo industriale della vicina Germania.

Non sembra che l’introduzione della flat tax del 16%, avvenuta nell’anno 2001, abbia aiutato la ripresa e le crescita in Ungheria. Ciò che ha invece veramente aiutato Budapest a mantenere una certa stabilità sono stati gli aiuti rilevanti da parte dell’Unione europea e la sua partecipazione al mercato unico europeo. Gli aiuti sono stati riconfermati anche recentemente: dal 2004 al 2020 l’Ungheria riceverà da Bruxelles sovvenzioni per complessivi 22 miliardi di euro, cioè oltre 3,5 miliardi l’anno.

Sono soldi che provengono anche dall’Italia, nonostante la forsennata propaganda magiara anti euro e anti Unione europea.
Si ricordi che l’Italia contribuisce al bilancio dell’Ue con ben 20 miliardi di euro e ne riceve 12. Gli 8 miliardi rappresentano il contributo netto dell’Italia. Se fossimo trattati come l’Ungheria dovremmo ricevere, in proporzione alla popolazione italiana che è 6 volte quella magiara, aiuti da Bruxelles per 22 miliardi di euro ogni anno. Altro che flat tax!

La pressione fiscale nel nostro paese ha raggiunto livelli intollerabili. Deve essere ridotta e semplificata per dare ossigeno alle famiglie, ai lavoratori e alle imprese, ma non si può pensare di eliminare il principio di progressività perché così si minerebbe il principio stesso di una società civile e democratica.

*già sottosegretario all’Economia **economista


 
 
 

Olimpiadi invernali 2018, perché gli atleti americani stanno fallendo

Post n°4172 pubblicato il 18 Febbraio 2018 da ninograg1
 

Fonte: Il Fatto Quotidiano Sport & miliardi | 18 febbraio 2018

Guardare le Olimpiadi in una stazione sciistica negli Stati Uniti può essere penoso. Venerdì sera tutto Whitefish, nel Montana, era davanti alla televisione, pronto a celebrare la vittoria nel freestyling di Maggie Voisin, nata e cresciuta tra queste montagne. Maggie ha solo 19 anni ma ha vinto i giochi Winter X in freestyling. A Pyeongchang era una delle favorite ed in paese erano pronti i fuochi d’artificio, ma non c’è stata nessuna festa, Maggie non è riuscita a portare a casa neppure una medaglia di bronzo.

Chi la conosce bene e ricorda quando da ragazzina faceva acrobazie sugli sci, ha avuto la netta sensazione che abbia sciato al disotto delle sue capacità. Maggie non è l’unica a non dare il meglio di se stessa in queste Olimpiadi, quasi tutti gli atleti americani sembrano affetti dallo stesso morbo. A metà giochi, gli Usa hanno al loro attivo soltanto nove medaglie. Nello sci alpino, hanno portato a casa una sola medaglia, il bronzo di Tina Weirather nella Super G., tante quante il Liechtenstein. Lindsey Vonn, la sciatrice che ha vinto più gare di Coppa del Mondo di qualsiasi altra donna nella storia, è arrivata a pari-merito sesta.

La Norvegia, per ora in testa con 22 medaglie, ha collezionato nello sci nordico più medaglie (dieci) degli Stati Uniti in tutte le altre discipline. E’ come se la squadra americana abbia lasciato a casa la grinta e competa senza una motivazione vera, “nazionalista“. Attenzione a questa parola che può essere facilmente confusa. Le Olimpiadi sono sempre state molto di più di una carrellata di gare sportive individuali, si compete per nazioni e quello che conta alla fine è il medagliere che ogni paese porta a casa. Naturalmente gli Stati Uniti hanno sempre fatto parte della rosa delle nazioni che hanno vinto più medaglie fino a questi giochi

La scarsa prestazione della squadra americana conferma quello che da un po’ di tempo tutti hanno capito: il primato americano vacilla su molti fronti, incluso in campo sportivo. Perché? Perché questa grande nazione sembra aver perso la bussola esistenziale, con un presidente che fa solo spettacolo ed un élite del denaro che sembra al disopra di tutto, inclusa la legge, lo spirito della grande America ha iniziato a svanire. Dopo la batosta degli scandali sessuali hollywoodiani, che ha messo a nudo lo squallido paesaggio del mondo dello spettacolo americano, ecco che arriva la delusione dei giochi, neppure nello sport l’America brilla più. Eppure a Pyeongchang c’è la squadra olimpica più numerosa nella storia delle Olimpiadi: 242 atleti che hanno sfilato nella cerimonia di apertura indossando la divisa a stelle e strisce sotto gli occhi compiacenti del vice presidente Pence.

Naturalmente, c’è chi sostiene che la Corea del Nord abbia rubato le olimpiadi, che si sia insinuata con rivendicazioni politiche distruggendo lo spirito dei giochi. Ma le vittorie mediatiche della Corea del Nord non spiegano le sconfitte sportive degli atleti americani. Il problema sembra essere un altro, la mancanza di uno spirito di corpo, un orgoglio che si è perso per strada perché ormai lo sport è un business multimiliardario, le olimpiadi sono state fagocitate dalla politica e l’America è una nazione in decadenza con un presidente che vuole averle vinte tutte. E’ una conclusione triste che ci deve far riflettere sul mondo in cui viviamo.

A Pyeongchang gli atleti russi non competono sotto la propria bandiera come gli americani, a causa dello scandalo del doping la Russia non ha potuto partecipare ai giochi, gli atleti fanno parte di una squadra che non è stata definita nazionale, ma proveniente dalla Russia. Un escamotage per farli partecipare ed aggirare i divieti di Washington, il più agguerrito sostenitore del divieto olimpico alla Russia. Da tempo, lo sport è stato trascinato nella disputa politica tra Usa e Russia che ha le sue origini nel conflitto siriano, dove per la prima volta dai tempi della guerra fredda Washington e Mosca si sono trovate su due fronti diversi.
Le Olimpiadi sono un’altra arena dove esternalizzare tale conflitto.

Chi ha assistito alla partita di hockey contro la squadra americana ha capito benissimo che dietro c’era una realtà politica complessa, carica di tensioni tra le due nazioni. Venerdì, le autorità americane hanno accusato società e cittadini russi di aver interferito nelle elezioni presidenziali del 2016 e sabato, quando la squadra di hockey russa ha battuto quella americana, a Mosca c’è stato chi ha fatto festa.

Non è la prima volta che lo sport viene politicizzato. Ma questo non giustifica una tale manipolazione. È però la prima volta che nella storia delle moderne olimpiadi gli atleti americani ne soffrono. Il fallimento della squadra americana a questi giochi è l’ennesima conferma del malessere esistenziale che mina questa grande nazione.

Sport & miliardi | 18 febbraio 2018
 
 
 

Elezioni: governo impossibile o intesa extralarge tra sinistra e destra

Post n°4171 pubblicato il 16 Febbraio 2018 da ninograg1
 

Fonte: WSI 16 febbraio 2018, di Alessandra Caparello

 

ROMA (WSI) – Impossibile che si formi un governo stabile l’indomani del voto previsto per il 4 marzo in Italia. Questo il risultato che deriva da un sondaggio realizzato da Ipsos per il Corriere della Sera.

Nessuna maggioranza si profila, ad eccezione di un’ipotesi oggi remota: un’intesa extralarge che comprenda almeno il centrosinistra, Forza Italia, Noi con l’Italia e Leu”.

Una situazione di blocco per cui sia Berlusconi che Renzi indicano di superare tornando a breve al voto, con la stessa legge elettorale. Ma, dice l’istituto, francamente “è difficile immaginare che in pochi mesi possano cambiare sensibilmente gli orientamenti degli elettori. Il rischio è di perpetuare l’impasse”.

L’ultimo sondaggio rivela che il dato di incertezza e astensione rimane elevato, attestandosi ancora al 34%, una percentuale molto alta considerando che al voto manca una manciata di settimane.

“Molto probabile che diminuirà il numero dei votanti, attestandosi presumibilmente intorno al 70%, comunque qualche punto sotto il 75% del 2013″.

Tra tutti i partiti quello che soffre di più è il partito democratico, che sconta la difficoltà ad affermare una propria agenda e le faide interne fino al calo di consensi di Matteo Renzi.

Insomma una situazione pericolosa che però non è condivisa dal premier Paolo Gentiloni che ha rassicurato la cancelliera tedesca Angela Merkel e la Germania durante la conferenza stampa dei due leader a Berlino.

“L’Italia avrà un governo e penso che avrà un governo stabile. Non credo che esista alcun pericolo che abbia un governo dominato da posizioni populiste e anti europee. Le soluzioni di governo non le danno i sondaggi ma gli elettori il 4 marzo. Dobbiamo tutti rispettare quella che sarà la scelta e il giudizio degli elettori. Io, come sapete, penso che l’unico pilastro possibile di coalizione stabile e pro Europa di governo possa essere la coalizione di centrosinistra guidata dal Pd”.

 

 
 
 

Alert debito: Italia paese più rischioso nell’eurozona dopo la Grecia

Post n°4170 pubblicato il 15 Febbraio 2018 da ninograg1
 

Fonte: WSI 15 febbraio 2018, di Alessandra Caparello

 

ROMA (WSI) – Il debito pubblico italiano è il secondo più rischioso tra quelli dei paesi dell’eurozona dietro la Grecia, superando il Portogallo.

Lo rende noto l’ultimo rapporto sulla sostenibilità dei debiti pubblici degli Stati Ue della Commissione Ue in cui ha sottolineato che quello italiano resta vicino ai picchi e per questo resta esposto a rischi sfavorevoli.  Per Bruxelles nessun Paese rischia stress di bilancio nel breve termine, fatta eccezione per Italia, Spagna, Francia, Portogallo e Belgio per cui la Commissione Ue vede alti rischi per la sostenibilità a medio termine su tutti e due gli indicatori utilizzati per valutare il rischio.

“In questi cinque Paesi c’è bisogno di un aggiustamento significativo di bilancio per assicurare la sostenibilità a medio termine raggiungendo il target del debito al 60% nel 2032″.

Una doccia fredda per il nostro paese nel momento in cui Bankitalia aggiorna sull’importo del debito arrivato a pesare in un anno ben 36,6 miliardi di euro in più. A fine 2017 il debito pubblico italiano ammontava a 2.256,1 miliardi di euro contro i 2.219,5 del dicembre 2016, i 2.173 di fine 2015 e i 2.137 di fine 2014. E in uno scenario in cui la Bce rialzasse i tassi del 100%, entro il 2028 il debito aumenterebbe di 9 punti percentuali.

Secondo alcuni economisti a pesare potrebbe essere l’incertezza politica, sebbene vada rilevato come guardando alla situazione politica confusa venutasi a creare in Germania, oltre al controverso risultato elettorale in Spagna, i mercati abbiamo spesso snobbato gli incerti scenari politici prodotti dal voto. Nell’eurozona il profilo di rischio più alto resta quello sul debito pubblico della Grecia con il tasso sul decennale al 4,33%, al secondo posto sale l’Italia con tassi del 2,085%, al terzo scende il Portogallo al 2,075%

 

 
 
 
Successivi »
 

ULTIME VISITE AL BLOG

elyravjigendaisukenagi51carloreomeo0maresogno67ninograg1shadow_15124hfukrlwoodenshiptwister007oscardellestellemassimocoppaaldogiornovirgola_dflucia47luciaaren.13
 

ULTIMI COMMENTI

I MIEI BLOG AMICI

- The BoNny
- piazza alimonda
- considerazioni
- Giovani e politica
- vivazapatero
- montagneverdi...
- melodie dell'anima
- bruno14
- *Serendipity*
- Di tutto, di piu'
- Ali Rosse...
- La dea Artemide
- ora ci penso..
- solo per satira; ogni tanto guardo e nn c'era il tuo profilo....
- sterminatore1986
- ossevatorio politico
- blog dedicato ai fumetti: wow!
- neverinmyname
- SOLI CONTRO LA MAFIA
- Gira e Rigira
- Prodi vs SilvioB 3-0
- (RiGiTaN's)
- Job interview
- l'edicolante
- ricambio generazione
- BLOGPENSANTE
- Geopoliticando
- Frammenti di...
- EARTH VIRTU'
- Reticolistorici
- BLOG PENNA CALAMAIO
- Lapiazzarossa
- Il mondo di Valendì
- Italia democratica
- piazza carlo giuliani
- In Equilibrio..
- PENSIERI IN LIBERTA
- MOSCONISMO
- GIORNALE WOLF
- ETICA & MEDIA
- siderurgika
- Il mondo per come va
- lecosistema...
- MONDO NOSTRUM
- IlMioFavolosoMondo
- *STAGIONI*
- LA VOCE DI KAYFA
- NO-global
- hunkapi
- Writer
- alba di nina ciminelli
- imbrogli i
- ippogrillo
- PENSIERO LIBERO
- Perle ai Porci
- ROBIN HOOD
- Un blog demo_cratico
- Aderisci al P.G.M.I.
- rinnegata
- RESPIRA PIANO
- Anima
- Cose non dette
- PersoneSpeciali
- diario di un canile
- Sassolininellascarpa
- disincanto.....
- Dolci note...!
- STAIRWAY- TO- HEAVEN
- vivere è bello
- bijoux
- mecbethe
- my goooddd....
- ...riflettendo.
- BOBO E ZARA
- la Stella di Perseo
- forever young
- ECCHIME
- Regno Intollerante
- io solo io
- MONICA
- coMizia
- Femminilita
- @Ascoltando il Mare@
- nel tempo...
- Non vinceranno!
- Doppio Gioco
- cigarettes & Coffee
- MOONCHILD
- Avanguardia
- Il Diavolo in Corpo
- Angolo Pensatoio
- Assenza di gravità
- cera una volta
- DI TUTTO E DI PIU
- ORMALIBERA
- FATAMATTA_2008
- TUTTOENIENTE
- ZELDA.57
- Triballadores
- club dei cartoni
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28        
 
 

NON LASCIAMOCISOLI & CHE

O siamo Capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, O DOBBIAMO lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza,perchè questo blocca il libero Sviluppo dell'intelligenza "
Ernesto Che Guevara
  

XXI secolo?

↑ Grab questo Headline Animator

 

IDEOGRAMMA DI PACE; EMERGENCY

GRILLO

  No TAV