Blog
Un blog creato da cile54 il 09/01/2007

RACCONTI & OPINIONI

Pagine di Lavoro, Salute, Politica, Cultura, Relazioni sociali - a cura di franco cilenti

 
 

NUMERO CARTACEO LUGLIO 2016

www.lavoroesalute.org

Chi è interessato a scrivere e distribuire la rivìsta nel suo posto di lavoro, o pubblicare una propria edizione territoriale di Lavoro e Salute, sriva a info@lavoroesalute.org

Distribuito gratuitamente da 32 anni. A cura di operatori e operatrici della sanità. Finanziato dai promotori con il contributo dei lettori.

Tutti i numeri in pdf

www.lavoroesalute.org

 

LA RIVISTA NAZIONALE

www.medicinademocratica.org

MEDICINA DEMOCRATICA

movimento di lotta per la salute

 TUTTO IL CONGRESSO SU

www.medicinademocratica.org

 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 181
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

MAPPA LETTORI

 

ULTIME VISITE AL BLOG

estinetteeMichy06andrew_mehrtenscavallo140cile54arezia3ciubini.enricogaza64ilnegoziodieuterpeCartman72NoRiKo564Iltuocognatinosbloglascrivana
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Per gli aggiornamenti quotidiani, il blog si avvale frequentemente dei siti: www.liberazione.it  www.rifondazione.it www.prctorino.it www.controlacrisi.org   www.globalist.it     www.italia.attac.org http://bellaciao.org www.ilmanifesto.it     http//maurobiani.it       http://it.peacereporter.net www.sbilanciamoci.info www.contropiano.org http://www.lila.it       www.emergency.it www.medicisenzafrontiere.it www.diario-prevenzione.it www.womenews.net www.osservatoriorepressione.org/ www.migrantitorino.it www.superando.it

-----------------------------------

Trovi Lavoro&Salute             e franco cilenti anche su Facebook

 

 

« Sullo sfondo delle immag...Come strangolare i No Ta... »

Le veritÓ nascoste: la disoccupazione colpa dei diritti sul lavoro? In realtÓ debilitati ad inizare dal 2007

Post n°8492 pubblicato il 18 Gennaio 2014 da cile54

 

E’ solo acqua sporca con bicarbonato e ghiaccio!

Nel 2007,anno ipotizzato come inizio della crisi,almeno nella sua forma finanziaria, il tasso di disoccupazione italiano era al 6,1%. La percentuale dei giovani senza lavoro era del 20,3%, un po’ più del 6% . Quelle cifre sono diventate lo scorso novembre, rispettivamente, 12,7%, 41,6% e 11%. Più o meno il doppio in meno di 6 anni.

 

ll mercato del lavoro nel 2007 era segmentato, iniquo, escludente (la legge Biagi che inasprisce e acuisce le forme di precariato nella sua precedente versione della legge Treu, è del 2003); ma di pieno, più o meno, impiego, rispetto all’oggi. Come valutare quello di oggi? Il raddoppiare delle statistiche della disoccupazione non è causato da una supposta rigidità del mercato del lavoro non più presente fin dal 2007, ma dalla recessione. La disoccupazione oggi è per mancanza di domanda aggregata di beni e servizi è insistere come hanno fatto tutti gli interventi legislativi e il nuovo ( vecchio per ideologia) Jobs Act è sulla stessa linea. Tesi ad abbassare i costi espliciti e impliciti (di licenziamento) del lavoro e che possano consentire di raggiungere, al massimo migliorare, il ricambio nei flussi di entrata e uscita nel mercato del lavoro, agevolando anche una dispersione della risorsa umana (esperienza, professionalità, produttività). Ma non riescono a ridurre il livello complessivo della disoccupazione che dipende dallo stato dell’economia.

Ma rimaniamo sulle sbandierate apologie e crediamo per un attimo alle balle che i mass media ci raccontano. Una supposta crescita o ripresa ( nel 2014 ? eh eh eh eh ) conti alla mano significativa della domanda aggregata per poter riassorbire la disoccupazione, dovrebbe avere un PIL che crescesse del 2-2,5% all’anno sin dal 2014 e per almeno un quinquennio. Ma non basta! Questo ritmo di crescita potrebbe essere possibile solo immaginando il ridisegno dei vincoli europei per l’intero periodo del Fiscal Compact, oppure, ridistribuendo in misura significativa risorse a favore delle persone (disoccupate, povere, a rischio di povertà) a elevata propensione ai consumi. Investimenti , che non possano che essere pubblici, consistenti e duraturi nel tempo! In termini macroeconomici l’attuale natura della disoccupazione italiana è del tipo strutturale. Cioè è disoccupazione resistente alla crisi del ciclo economico e sotto la cui soglia si può andare , ma solo se si crea inflazione nel breve periodo. Cioè iniezione di danaro pubblico a supporto e per stimolare la domanda aggregata. E non basterebbe! Per poter reinserire un giovane con almeno un anno di disoccupazione o di assenza dal lavoro occorrerebbe efficienti politiche di formazione, riorientamento e inserimento nelle imprese in espansione, qualunque sia il settore in cui si trovano le imprese di successo. Non basterebbero quindi politiche di supporto alla domanda aggregata se non accompagnate da politiche di welfare e di formazione e di acculturamento per poter adeguare la richiesta eventuale di impresa con l’offerta nel campo lavorativo. Quindi investimenti pubblici nella scuola, nell’università , nei master e nei corsi di formazione e di acculturamento. Ricominciare là dove ci siamo fermati. Dalla scuola , dalle università e in parallelo sul fronte della domanda di beni e servizi

Da questi dati e ragionamenti risulta evidente l’abisso che vi è tra quel che serve per un vero intervento a favore del lavoro e quello che si accingono ad approvare pomposamente chiamato Jobs Act. E’ solo acqua sporca rinfrescata con un po di bicarbonato e ghiaccio.

 

zag(c) 

17/1/2014 www.bellaciao.org

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

CON IL POPOLO PALESTINESE

 

L'informazione dipendente, dai fatti

Nel Paese della bugia la verità è una malattia

(Gianni Rodari)

 

www.controlacrisi.org

notizie, conflitti, lotte......in tempo reale

--------------------------

www.osservatoriorepressione.info

 

G8 GENOVA 2011/ UN LIBRO ILLUSTRATO, MAURO BIANI

Diaz. La vignetta è nel mio libro “Chi semina racconta, sussidiario di resistenza sociale“.

Più di 240 pagine e 250 vignette e illustrazioni/storie per raccontare (dal 2005 al 2012) com’è che siamo finiti così.

> andate in fondo alla pagina linkata e acquistatelo on line.

 

LA TRUFFA DEL DEBITO PUBBLICO

Il nuovo libro di Paolo Ferrero

---------------------------

PIGS! La crisi spiegata a tutti

"in parole povere"

in libreria e On line, http://www.deriveapprodi.org/2012/06/pigs/
.......................................................

 
---------------------
Lavoro e Salute sostiene l'iniziativa di legge dell'Associazione "Io sò Carmela" contro la violenza sui minori

Disegno di legge.
 

Giorgiana Masi

Roma, 12 maggio 1977

omicidio di Stato

DARE CORPO ALLE ICONE