Blog
Un blog creato da cile54 il 09/01/2007

RACCONTI & OPINIONI

Pagine di Lavoro, Salute, Politica, Cultura, Relazioni sociali - a cura di franco cilenti

 
 

NUMERO CARTACEO LUGLIO 2016

www.lavoroesalute.org

Chi è interessato a scrivere e distribuire la rivìsta nel suo posto di lavoro, o pubblicare una propria edizione territoriale di Lavoro e Salute, sriva a info@lavoroesalute.org

Distribuito gratuitamente da 32 anni. A cura di operatori e operatrici della sanità. Finanziato dai promotori con il contributo dei lettori.

Tutti i numeri in pdf

www.lavoroesalute.org

 

LA RIVISTA NAZIONALE

www.medicinademocratica.org

MEDICINA DEMOCRATICA

movimento di lotta per la salute

 TUTTO IL CONGRESSO SU

www.medicinademocratica.org

 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 181
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

MAPPA LETTORI

 

ULTIME VISITE AL BLOG

fin_che_ci_sonolaura_torrimorositasdgl18marintoshmariateresa.savinodolcissima.ldcile54lucre611Elemento.ScostantebluiceeeSono44gattinfilax6.2licsi35penomadi50oODolceLunaOogiusipam
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Per gli aggiornamenti quotidiani, il blog si avvale frequentemente dei siti: www.liberazione.it  www.rifondazione.it www.prctorino.it www.controlacrisi.org   www.globalist.it     www.italia.attac.org http://bellaciao.org www.ilmanifesto.it     http//maurobiani.it       http://it.peacereporter.net www.sbilanciamoci.info www.contropiano.org http://www.lila.it       www.emergency.it www.medicisenzafrontiere.it www.diario-prevenzione.it www.womenews.net www.osservatoriorepressione.org/ www.migrantitorino.it www.superando.it

-----------------------------------

Trovi Lavoro&Salute             e franco cilenti anche su Facebook

 

 

« Le vecchie schiavitù ris...Per la democrazia costit... »

Aggiornamento professionale obbligatorio dei giornalisti: a chi dovremo dare da mangiare? E da chi prenderemo lezioni?

Post n°8533 pubblicato il 31 Gennaio 2014 da cile54

Formazione giornalisti: a lezione, ma da chi?  

Avendo io pagato la quota annuale 2014 di iscrizione all'Albo dei giornalisti, l'Ordine mi ha inviato per posta il bollino da apporre alla tessera professionale (ho una faccia da bambino nella foto, era il 1982 quando è stata scattata e il 1983 quand'è stata apposta, e fa 31, tolti quelli della gavetta), con quella dell'Anpi, Associazione dei partigiani, l'unica che conservo nel portafogli.

Orbene il bollino adesivo si trovava su un cartoncino sul quale è stata stampata questa frase attribuita a Indro Montanelli, quello, tra le altre cose, del "turiamoci il naso": «Il giornalismo lo si fa per il giornalismo, per il piacere di farlo. È difficile farlo bene, a volte è anche pericoloso. Il bello di questo mestiere è che si affronta un esame ogni giorno». Bella frase, a effetto, di cui comprendo il significato profondo e non stento a condividerla, benché a quanto ne sappia nemmeno Indro Montanelli, o per far altri nomi Giorgio Bocca o Enzo Biagi, abbiano mai rinunciato al compenso economico che peraltro proprio l'Ordine dei giornalisti sarebbe tenuto a verificare che venga corrisposto a fronte dell'articolo scritto o del lavoro svolto, ed anche proporzionalmente alle tariffe dei compensi stabilite d'intesa con gli editori.

Credo che ogni mestiere si debba, per una parte almeno, farlo "per il piacere di farlo" o per amore, e di più per il piacere di farlo bene, e che tirar su un muro di mattoni o cavar patate dalla terra o, avendo più fortuna, intervistando l'ultimo Nobel per la fisica, abbia oltre all'aggravio del sudore della fronte, il beneficio della casa che vien su, del purè o dell'estasi dinanzi al genio. Di qui a deprezzarne il ruolo ce ne corre. Se noto qualcosa di anomalo e mi sento di segnalare la faccenda è perché contemporaneamente mi è giunta sempre dall'Ordine dei giornalisti la periodica e-mail che viene spedita agli iscritti, dalla quale ricevo conferma di una notizia d'interesse della categoria che m'era già capitato di leggere altrove, non ricordo più dove.

Dal 1 gennaio 2014, apprendo, secondo quanto disposto dal Ministero della Giustizia, per tutti i giornalisti - professionisti, pubblicisti, e non si comprende se occupati o disoccupati, ma anche pensionati se ancora in attività - è obbligatorio, pena incorrere in provvedimenti disciplinari, frequentare corsi, seminari o eventi riconosciuti come formativi dall'Ordine dei Giornalisti.

Adeguando la categoria a quel che certamente avviene quanto meno nel pubblico impiego, questa formazione professionale, o più esattamente questo aggiornamento professionale, vien misurato, con un'espressione fastidiosamente bancaria, anzi da ragioniere, in "crediti formativi" (senza che si ragioni, a rigor di pluridecantate leggi di mercato, di "debiti formativi") e leggo che nella fattispecie di questi crediti (più esattamente punti, in stil patente) se ne devono accumulare (o meritare si sarebbe detto ai tempi della scuola) quanto meno 15 all'anno e nel corso di un triennio 60 in tutto.

Nell'e-mail di cui ho riferito constato che un credito lo si conquista facendo i bravi per una mezz'ora: "Ogni ora di partecipazione ad attività di formazione - leggo senza prestar atten-zione alla ripeti-zione della desinenza di partecipa-zione e forma-zione - darà diritto a 2 crediti", per cui con 30 ore si son espiate le proprie colpe, ma si deve aver lo scrupolo che 15 punti almeno derivino dall'aggiornamento su temi deontologici e pare che a questo scopo l'Ordine stia predisponendo un corso online per accedere al quale si deve avere la Pec, la posta certificata.

Leggo inoltre che sarebbero giunte numerose proposte "da enti pubblici, privati e agenzie di formazione: tra queste ci sono anche l'Università di Siena, l'Università di Pisa e l'Associazione Stampa Toscana". Ed ancora che i temi proposti per questa formazione "spaziano dalla deontologia, alle nuove forme di giornalismo, dall'uso degli strumenti di comunicazione giornalistica, a foto e riprese video". Infine che i corsi di formazione dovrebbero partire a marzo e "quelli sulla deontologia saranno gratuiti mentre gli altri avranno un costo di partecipazione".

Ah, ecco! Questo è il punto interessante. Anziché leggere, studiare, approfondire, come ogni giornalista dovrà fare, potremmo dar da mangiare a qualcuno che viene dalla Bocconi e ci spiega come si fa e che ci dice che sul web si scrive con i . a inizio capoverso per evidenziare e richiamar l'attenzione.

Alcuni anni fa mi è capitato di entrare (invano) a gamba tesa su come l'Ordine e l'Università s'erano ingegnati - nell'ilare incomprensione di chi in politica si occupa di aggiornamento professionale, università e informazione - di stilar l'elenco dei docenti a cui far insegnare come perfezionarsi in giornalismo: i criteri adottati, naturalmente, erano l'adesione alla loggia o la vicinanza all'altare.

Per cui ora temo un po' di dovermi rimettere sui banchi a farmi esaminare per poter stare, a norma di legge, nell'Ordine che regola la mia professione.

Daniele Pugliese

28/1/2014 www.voltapagina.globalist.it

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

CON IL POPOLO PALESTINESE

 

L'informazione dipendente, dai fatti

Nel Paese della bugia la verità è una malattia

(Gianni Rodari)

 

www.controlacrisi.org

notizie, conflitti, lotte......in tempo reale

--------------------------

www.osservatoriorepressione.info

 

G8 GENOVA 2011/ UN LIBRO ILLUSTRATO, MAURO BIANI

Diaz. La vignetta è nel mio libro “Chi semina racconta, sussidiario di resistenza sociale“.

Più di 240 pagine e 250 vignette e illustrazioni/storie per raccontare (dal 2005 al 2012) com’è che siamo finiti così.

> andate in fondo alla pagina linkata e acquistatelo on line.

 

LA TRUFFA DEL DEBITO PUBBLICO

Il nuovo libro di Paolo Ferrero

---------------------------

PIGS! La crisi spiegata a tutti

"in parole povere"

in libreria e On line, http://www.deriveapprodi.org/2012/06/pigs/
.......................................................

 
---------------------
Lavoro e Salute sostiene l'iniziativa di legge dell'Associazione "Io sò Carmela" contro la violenza sui minori

Disegno di legge.
 

Giorgiana Masi

Roma, 12 maggio 1977

omicidio di Stato

DARE CORPO ALLE ICONE