Blog
Un blog creato da cile54 il 09/01/2007

RACCONTI & OPINIONI

Pagine di Lavoro, Salute, Politica, Cultura, Relazioni sociali - a cura di franco cilenti

 
 

NUMERO CARTACEO LUGLIO 2016

www.lavoroesalute.org

Chi è interessato a scrivere e distribuire la rivìsta nel suo posto di lavoro, o pubblicare una propria edizione territoriale di Lavoro e Salute, sriva a info@lavoroesalute.org

Distribuito gratuitamente da 32 anni. A cura di operatori e operatrici della sanità. Finanziato dai promotori con il contributo dei lettori.

Tutti i numeri in pdf

www.lavoroesalute.org

 

LA RIVISTA NAZIONALE

www.medicinademocratica.org

MEDICINA DEMOCRATICA

movimento di lotta per la salute

 TUTTO IL CONGRESSO SU

www.medicinademocratica.org

 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 181
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

MAPPA LETTORI

 

ULTIME VISITE AL BLOG

estinetteeMichy06andrew_mehrtenscavallo140cile54arezia3ciubini.enricogaza64ilnegoziodieuterpeCartman72NoRiKo564Iltuocognatinosbloglascrivana
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Per gli aggiornamenti quotidiani, il blog si avvale frequentemente dei siti: www.liberazione.it  www.rifondazione.it www.prctorino.it www.controlacrisi.org   www.globalist.it     www.italia.attac.org http://bellaciao.org www.ilmanifesto.it     http//maurobiani.it       http://it.peacereporter.net www.sbilanciamoci.info www.contropiano.org http://www.lila.it       www.emergency.it www.medicisenzafrontiere.it www.diario-prevenzione.it www.womenews.net www.osservatoriorepressione.org/ www.migrantitorino.it www.superando.it

-----------------------------------

Trovi Lavoro&Salute             e franco cilenti anche su Facebook

 

 

« Le terribili condizioni ...L'8 febbraio nella Capi... »

Con i facchini Granarolo. La violenza delle forze dell'ordine non Ŕ una novitÓ, non lo Ŕ a caso in questa vertenza

Post n°8561 pubblicato il 07 Febbraio 2014 da cile54

 

Coloro che non hanno nulla vengono a prendere il mondo.

Claudio rientra a casa, dopo il turno di lavoro in Ospedale probabilmente avrebbe voluto vedere tutti tranne che il sottoscritto. Suono il campanello, oggi è il dovere di un segretario, oggi si va a Bologna! Sua moglie e suo figlio sono già pronti per partire, neanche il tempo di un boccone, si pranzerà più tardi. In pochi attimi siamo in macchina lungo le strade che tutti i giorni significano impegni e lavoro o, più semplicemente, stress e code. Contemporaneamente, in alcune stanze in affitto in una Bologna studentesca che anche di sabato è alle prese con lo studio per gli imminenti esami, i Giovani Comunisti si preparano dopo una notte trascorsa fra una presentazione popolare de “Il Sole dell’Avvenire” con Valerio Evangelisti e qualche birra. Nella loro mente sicuramente risuonano ancora le parole dello scrittore, il racconto di quei ragazzi dell'800, degli internazionalisti, della Romagna rivoluzionaria o, più semplicemente, il monito dei loro intellettuali: "un padrone è sempre un padrone".

Tutti, chi dal centro, chi da Granarolo, ci stiamo avvicinando a Piazza dell’Unità, al cuore simbolico della Bologna migrante, il luogo scelto per questo giorno. Al nostro arrivo la manifestazione dei Facchini sta già prendendo forma: l'energia è invidiabile, dalle 15.00 non sono stati zitti un attimo. Nel 2013 vengono licenziati dalla filiera della Granarolo S.p.a., oggi multinazionale del latte che si avvale ancora delle cooperative di nome, ma non di fatto. Dopo uno sciopero contro le condizioni di sfruttamento, contro un salario non più accettabile ed un lavoro non più sostenibile nei magazzini, dopo nove mesi di picchetti e nonostante accordi collettivi per la graduale riassunzione conclusi dinanzi al Prefetto e mai rispettati dai padroni (cooperative e non), i facchini in lotta oggi hanno preso parola a Bologna, hanno sfilato nel centro città: la sinistra antagonista, i compagni SI-COBAS, USB e tutto il sindacalismo non confederale, i collettivi autonomi, i centri sociali, i singoli studenti che magari non conoscevano neanche la storia infausta della Granarolo... insomma la bologna dei precari, dei disoccupati, dei migranti è presente. Uniti nel corteo, i compagni del circolo di Granarolo e i Giovani Comunisti fuorisede della città si rendono conto di essere parte di un popolo in marcia, un popolo con una parola d'ordine tanto semplice quanto densa, tanto antica quanto attuale: gridano, gridiamo solidali, “sciopero fino alla vittoria!” Soltanto qualche sosta, il corteo avanza lento ed inesorabile, soltanto una pausa bagnata letteralmente nel latte versato per scrivere sull’asfalto “voi cooperate per lo sfruttamento, noi lottiamo per la dignità”. "Una settimana ancora" risponde il Prefetto barricato negli uffici governativi protetti da camionette e poliziotti in assetto antisommossa, non si fa fatica a riconoscere in quella schiera i picchiatori in divisa che ripetutamente hanno portato la loro violenza ai picchietti davanti alla Granarolo.

La violenza delle forze dell'ordine non è una novità, non lo è a Bologna, non lo è a caso in questa vertenza che, partita dalla dignità dei facchini, diventa sempre più una lotta di popolo. Una settimana ancora di solidarietà del nostro Partito, è arrivato il tempo di esserci come sempre, complici e solidali dentro la lotta di classe, perchè questo è il suo nome antico ed il suo nome futuro. Ci saremo, complici e solidali, per portare la fraternità di una cena calda, per rendere ancor più consapevoli i cittadini di Granarolo come quegli studenti che, magari a tutt'oggi, non sanno neanche di abitare vicini in linea d'aria a quel laboratorio di diritti negati e sfruttamento. "Siamo coloro che non hanno nulla e stiamo venendo a prendere il mondo" recita lo striscione conclusivo del corteo, accompagnato dai fuochi pirotecnici, salvati al capodanno, che esplodono in Piazza Maggiore. Una lotta da supportare e dalla quale imparare, una grande motivazione per noi della Rifondazione Comunista.

Danilo Vitale

segretario Rifondazione Comunista Granarolo

6/2/2014 www.controlacrisi.org

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

CON IL POPOLO PALESTINESE

 

L'informazione dipendente, dai fatti

Nel Paese della bugia la verità è una malattia

(Gianni Rodari)

 

www.controlacrisi.org

notizie, conflitti, lotte......in tempo reale

--------------------------

www.osservatoriorepressione.info

 

G8 GENOVA 2011/ UN LIBRO ILLUSTRATO, MAURO BIANI

Diaz. La vignetta è nel mio libro “Chi semina racconta, sussidiario di resistenza sociale“.

Più di 240 pagine e 250 vignette e illustrazioni/storie per raccontare (dal 2005 al 2012) com’è che siamo finiti così.

> andate in fondo alla pagina linkata e acquistatelo on line.

 

LA TRUFFA DEL DEBITO PUBBLICO

Il nuovo libro di Paolo Ferrero

---------------------------

PIGS! La crisi spiegata a tutti

"in parole povere"

in libreria e On line, http://www.deriveapprodi.org/2012/06/pigs/
.......................................................

 
---------------------
Lavoro e Salute sostiene l'iniziativa di legge dell'Associazione "Io sò Carmela" contro la violenza sui minori

Disegno di legge.
 

Giorgiana Masi

Roma, 12 maggio 1977

omicidio di Stato

DARE CORPO ALLE ICONE