Creato da Akilleys il 11/06/2006

SUPPOSED TO BE WHITE

(... un blog che non trova una sua natura...)

 

 

« VERUSKA, ovvero ABSINTHE...... CHE SIA FRANCIS PONGE? »

PERCHÈ LO FACCIO?

Post n°218 pubblicato il 04 Aprile 2008 da Akilleys
 

Non è un segreto che ad Akilleys piaccia prendersi cura della sua bella auto non ancora maggiorenne (ha solo 16 anni: è una bambina!), e quindi tutto orgoglioso lo possiamo trovare là che che srotola meticolosamente il tubo di gomma (raccattato in qualche anfratto nascosto, ovviamente ostruito da cumuli di materiale inerte, felini pericolosi ed alcune ecoballe campane) per poter così lavare il suo mezzo di locomozione, quand'ecco che candido candido si avvicina il papà Akilleys, che così gli si rivolge:
"Ma lavi ancora la macchina?"

Akilleys -che è una persona seria e precisa- ci penserà un attimo, e subito gli apparirà lampante che l'ultima volta eran stati almeno quattro mesi prima, in autunno, poichè durante l'inverno tutti i rubinetti esterni sono chiusi per via delle gelate che rischiano di far scoppiare le tubazioni. Dunque cortese risponderà:
"Sì pà, mi sembra che sia ora di lavarla. Più che altro perchè è così sporca che per vederci devo tenere la testa fuori dal finestrino, e mi sta venendo un po' di torcicollo. Poi tutta questa sporcizia aumenta il peso e quindi i consumi dell'auto."
Infatti sulla capotta della macchina c'è così tanta terra che lo zio akillyneo ha deciso di seminarci il mais, mentre per la zona del cofano Akilleys ha optato per i girasoli, perchè si sa che a lui ci piace il colore.

Ma il papà Akilleys -che necessita di evidenze incontestabili- non apparirà convinto. E dato che tra l'altro ha alle spalle una ricerca sulle verità della vita molto più consistente di quella akillynea opterà per la via filosofico-esistenziale:
"Non mi pare tanto sporca: attento che consumi la carrozzeria a furia di strofinarla. Ma poi, ha senso? Perchè magari domani piove, e allora l'hai lavata per niente."

Akilleys non si scomporrà per nulla, dato che anni di ingegneria lo hanno temprato e gli hanno trasmesso alcune (non molte) certezze, tra cui quella di non consumare proprio nulla nel frizionare l'auto con una spugna. Decide quindi di sfruttare uno dei grandi difetti della componente maschile della sua famiglia, e replicherà:
"Eh papà, ci sono certe cose che bisogna fare nella vita. Tipo: uno mangia, anche se così non risolve il problema una volta per tutte, oppure si innamora, anche se magari non sarà ricambiato, ma son cose che uno fa perchè deve fare, gli vengono da dentro, son parte della vita. Puoi decidere di non mangiare o di non innamorarti, volendo ci riusciresti, non sarebbe un problema: è possibile. Ci son persone che lo fanno tutti i giorni. Basta dire "non lo voglio fare" e imporselo: ma senza -oh papà- senza non vivresti nemmeno."

A quel punto il papà Akilleys si ritirerà silenzioso per una corposa riflessione sulle grandi verità della vita, in quanto di fronte alle affermazioni logico-esistenziali tutti i maschi akillynei purtroppo cadono in catatonica difficoltà (la mamma invece ha i suoi i trucchi), e così Akilleys avrà il tempo di allacciare il tubo e di aprire di un quarto la manopola del rubinetto, tanto per cominciare a bagnare l'auto.

"Ma è necessaria davvero tutta quell'acqua?" dirà allora il papà Akilleys, che pareva se ne fosse andato ma che in realtà aveva fatto solo finta e Akilleys -come tutti- ci era cascato come un allocco.

"Papà, se apro di meno il rubinetto l'acqua nemmeno ce la fa ad arrivare fino alla macchina... è solo un minuto per bagnarla prima di insaponarla col detergente" replicherà allora il nostro Akilleys che sta cominciando a domandarsi perchè non si sia fermato all'autolavaggio quella mattina.

Ma il papà Akilleys a quel punto assumerà una faccia grave con un contratto a tempo determinato, e la faccia perplessa con un co.co.co., e non potrà fare a meno di dire:
"Ma è proprio necessario usare il detergente? Non puoi far senza? Perchè è un prodotto chimico, è inquinante."

La mente akillynea immancabilmente allora penserà alle macchine che progetta, per cui si parla di cicli di lavaggio di un'ora con soluzioni alcaline e acide ad una portata di 225 litri al minuto. E poi gli verranno in mente come si trattano le pelli nelle concerie, ed altri esempi del genere. Ma si ricorderà poi anche che è tipico degli Akilleys essere ingenui di fronte alle nefandezze di questo mondo, e quindi conciliante:
"Papà, ne metto solo una goccia minima, giusto per sgrassare un po'. E poi guarda, non è chissà quale prodotto: uso lo shampoo per i capelli, perchè di prodotti per l'auto è dal 1983 che non ne compriamo più. Alla fine è come se io e mio fratello ci lavassimo i capelli, niente di più."

Ma il papà Akilleys apparirà ben lungi dall'esser convinto, e si installerà negli hard-disks in modalità importunante:
"Però proprio qua ti dovevi mettere? Perchè poi tutto lo sporco della macchina mescolato al detergente finisce per terra, passa attraverso la pavimentazione del vialetto, si infiltra nel terreno e quindi le piante attorno poi assorbono tutto questo"
A quel punto Akilleys lascerà un attimo da parte il lavaggio della macchina e tirerà fuori una carta topografica della proprietà, dimostrando in maniera ineccepibile che punto per punto quello è il posto migliore possibile, dato che tutte le piante attorno sono state tagliate due mesi prima e in quanto tutti gli altri posti sono occupati da altro, oppure non sono raggiungibili dal tubo dell'acqua.
Inoltre allegherà la certificazione dello shampoo, che associato alla dichiarazione del grado di diluizione in acqua espliciterà il livello di inquinamento del terreno, pari a zero (tranne per quanto riguarda i residui di polvere cancerogena presente sulle ruote in corrispondenza delle pastiglie dei freni... ma quisquilie, al giorno d'oggi è la certificazione che conta!)

Solo allora, mentre il papà esaminerà le carte e tutta la relazione a contorno, Akilleys avrà la possibilità di insaponare la macchina e di riaprire il rubinetto stavolta di un terzo per cominciare a sciacquarla, se sarà abbastanza veloce nel farlo.
Perchè subito il papà Akilleys -che è collegato in tempo reale con l'acquedotto comunale- noterà l'ammanco e tosto ti chiederà del perchè sia necessaria tutta quell'acqua in più rispetto a prima, che già era tanta.

Nessuno ha voglia di aiutare Akilleys a lavare l'auto?!?

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

AkilleysausdauerMartinoTVgischiovallllinafatamorgana790aciern.antonellafrancesca.gastoldiadequattroTOVARlSHrom3105ansa007nozomi1987SONIA.94luma76
 

TAG

 

Nessuno tocchi Clementina

 
Citazioni nei Blog Amici: 25
 
 

FACEBOOK

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

ULTIMI COMMENTI

 

CONTATTO MSN & MAIL