Creato da: ceithre il 12/06/2007
Cronache Lunari di una Madre Fuori Moda

 

 

Post Polemico

Post n°337 pubblicato il 14 Febbraio 2012 da ceithre

Oggi leggevo "Metro" - non lo chiamo 'giornale' ma 'passatempo' e perciò leggo poco le notizie e molto altro. Fermata preferita le lettere al editore. Ma invece di sorridere ho visto rosso...

Insomma, una 35enne chiede al pubblico se è lecito o no fare un figlio senza marito o partner. Dice: "voglio solo partorire e crescere un figlio da sola senza condividerlo con un padre che mi sta sempre tra i piedi".

Più tardi vado su FB e trovo questa foto:

(stupendo, meraviglioso) come campagna per i diritti dei Gay ad avere una famiglia propria.

E mi sento alquanto fuori posto ma NO! NO! e NO!

Da quando avere un figlio è diventato un diritto? A me è sempre sembrato un dono.
Ho imparato che per ogni diritto esiste un dovere. Se ho il diritto di bere acqua pulito ho anche il dovere di farsi che l'acqua rimanga tale. Se ho il diritto alla libertà di espressione ho il dovere di non zittire le opinioni di chi afferma ciò che non condivido ecc. Ma qual'è il dovere correlato al diritto di avere un figlio? Il dovere di trovare uno da comprare? I giovanotti sopra hanno "usato" un utero in affitto, la signora della lettera troverà la sperma e farà da sè. E il bambino in tutto questo? Che diritto ha lui?
Allora prima che mi saltate sulla gola sappiate che non ho nulla contro le mamme single. Tante donne che conosco se la vedono coi figli da sole, sia all'interno di un rapporto che dopo una separazione. Nessuno di loro fa mancare qualcosa ai figli per quanto possono e non credo si possa rinfacciare loro nulla. Ma io non conosco nessuno di loro che non è addolorato per la mancanza di rapporto con il padre, per quanto possa essere TdC, imbroglione, traditore ecc. Ognuno di loro vorrebbe che col figlio ci fosse un bel rapporto. Perché dire al proprio figlio "non hai un padre" perché non te ne ho voluto dare uno, era troppo stress, volevo crescerti così come penso io senza interferenze, e senza dover preoccuparmi di un rapporto con lui, è una cosa terribile. 
Di cosa è fatto un figlio così? Un desiderio da esaudire a tutti costi?  
E quelli comprati? Quelli degli uteri in affitto, creati su misura, quelli delle donne di 60 anni con "desiderio di maternità". 
Cosa sono i diritti di un bambino che si trova in una famiglia del genere? 

Io non ho nulla contro che fa di tutto per avere quel figlio che non vuole nascere. Capisco che è difficile guardare la felicità di altri e non poter raggiungere lo stesso stato. Vorrei che ogni bambino che si trova in un istituto, anche per una permanenza breve, potesse trovare una famiglia che lo possa ospitare. Non faccio differenza fra razze e credo, nè il sesso nè all'orientamento sessuale. Una persona idonea è idonea e basta. Qualcuno che può investire tempo e amore in un bimbo dovrebbe avere la possibilità di accoglierlo a casa sua.
Mi dicono che tutti hanno il diritto di avere una famiglia... ma ditemi voi... e i bimbi??? Hanno il dovere di nascere perchè un adulto si sente "incompleto" senza di lui? 



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Dove va la fiducia?

Post n°336 pubblicato il 07 Febbraio 2012 da ceithre

Ennesima lite, ennesima punizione, castigo, rottura di palle.
Per lui e per me.

Non parla, non risponde - sbatte.
La porta, i libri, lo zaino, infine la testa.
Mi sento male.
L'accusa di fare differenze: certo che ne faccio - SONO diversi!
2 pesi 2 misure? 
Guardo la faccia affranta della F1 con la verifica da 5 in mano.
Ha passato le ultime 3 sere prima del compito a fare calcoli con suo padre, ha finito tutti gli esercizi sul argomento nel libro.
Guardo la sua faccia strafottente che prima di darmi la verifica da 5 ha già dato della stronza 2 volte alla prof.
Ha passato il weekend con l'amata, ha aperto il libro una volta per richiuderla subito dicendo: "facile - è roba vecchia, lo so fare". Si è vantato di aver finito il compito in anticipo, di essere sicuro di avere "almeno un 6".
F1 discute il compito col padre, cerca di capire che cosa ha sbagliato e perché. Fa la fotocopia e rielabora le domande.
F2 non apre nemmeno per 5 minuti in più il libro per l'interrogazione successivo - risultato? 5 il mese seguente.
Posso davvero punire la F1? Al massimo chiedo ripetizioni.
Posso far finta di nulla col F2? Posso fare spallucce e dirgli di vedersela con la prof e aspettare settembre con ansia?
Con la minaccia del ritiro del cellulare ha preso due sufficienze di seguito, e si è montato la testa. 
Con l'insufficienza è arrivato il ritiro e la lite.
Perché non accetta mai che non fa abbastanza? Perché mi vede come la nemica da battere, o da aggirare? Da fregare. Perché se parliamo parliamo di stupidità e mai di lui?
Perché non ho solo figlie femmine? 
Questo mi farà finire in manicomio.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Immaginate! Ho vinto!!!

Post n°335 pubblicato il 06 Febbraio 2012 da ceithre

La Gattosissima Aldabra mi ha fatto un bellissimo regalo. Mi ha consegnato il premio 'di cui sopra' (o qualcosa del genere... la F1 sta considerando giurisprudenza e mi alleno!!) e ne sono davvero felice. Soprattutto per come sono latitante di questo periodo. Chissà che non mi sproni ad essere un po' più presente. 

Allora gli istruzioni sono:

a. nominare e ringraziare e linkare chi ti ha "consegnato" il premio   
b. dire 7 cose, fatti e notizie su se stessi    
c.  girare a nostra volta l'award a 15 blog che si ritengono interessanti e che si seguono e fargli sapere che hanno vinto   


Hmmm! La prima parte credo di averla fatta. Ma ringrazio ancora perché davvero ne sono felice.
7 cose????
Parlo sempre di me....
  1. Mi piacciono un sacco queste mattine così fredde. Mi si congelano le guance e le labbra ma mi fa sentire viva e felice.
  2. Il mio più grande rimpianto è quello di non aver fatto a mia mamma le domande sulla guerra che avrei voluto per un senso del pudore assurdo, non le ho nemmeno dato la possibilità di rifiutare di rispondere.
  3. Non sono per niente religiosa ma mi urta terribilmente chi bestemmia e chi si comporta male in chiesa (o in un qualsiasi altro luogo di culto).
  4. Sono solo 3 i cibi che non mangio - MAI. La barbabietola, le amarene e il marzapane. Tutti legati fortissimamente con la mia infanzia. Altri non ho avuto il coraggio di assaggiare (come le lumache) ma non giudico!
  5. Il sogno nel cassetto è di scrivere un libro per bambini, ma credo di essermi già dato per vinta.
  6. Quando le amiche della F1 hanno proposto di farmi una pagina FB che canta i miei lodi come cuoca mi sono sentita stupidamente felice. Io so di essere una produttrice di pasti mentre è il LSH che è il cuoco di casa, ma una di loro ha detto che la mia pasta è buonissima perché condita con sorrisi e amore e mi sono sciolta all'istante.
  7. Vorrei riuscire a costruire un rapporto con L'F2. Mi sembra di trovarmi sempre di fronte ad un muro che non so scavalcare né aggirare. 
Vi siete annoiati a sufficenza?
Allora, dato che non giro più molto da queste parti credo faticherò ad arrivare a 15 blog, infatti non credo di seguirne così tanti! Ecco... nominerò 10 fra tutti quelli che mi fanno tornare qui su libero, e li ringrazio per condividere i loro pensieri. La bella e brava Aldabra sarebbe 11esima, ma non gioco volentieri al Ping-pong!

Marion che mi fa pensare e ridere e mi strappa quasi sempre un commento.
Busy che scrive ogni giorno anche se è sempre di corsa.
Atapo La nonna super che ha sempre un pensiero e una parola gentile e ti fa volerle bene dal primo post.
L'Ing che delizia con commenti sulle notizie del giorno e piccoli giochi matematici (e si fa anche seguire su FB!!)
Ody che svela i segreti dell'arte.
La No Snob che ha un blog delicato e raffinato come immagino sia lei.
La Rusty Prof che non è per nulla arrugginita!
La Ms che oramai ha traslocato ma che mi tira di là a vederla lo stesso, giusto per vedere se ne comprendo un po'!
La Mitica Carpe che è ineguagliabile per l'humour e la capacità di scrivere cose vere facendoti ridere, e poi pensare.
And last but not least...
MPT. Che dire, è da poco che ho scoperto il suo blog, così raffinato,  che parla ai sensi e la sensibilità ma la nomino proprio perché è un oasi di calma in questo mondo così caotico.


Ora tocca a voi!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

desaparacedos (o qualcosa del genere)

Post n°334 pubblicato il 26 Gennaio 2012 da ceithre

Eccomi, eccomi...

allora, la gara...

UNO SCHIFO

il vestitino è venuta carino - devo fare qualche altro giro di pailettes per essere ad almeno il 10% di quello che avevano le altre ma non era venuta male.
un'idea del livello degli altri!

La gara era terribile però. F3 è arrivata ultima - cosa che non mi importerebbe più di tanto se non fosse per il fatto che non ci ha provato neanche.
Già in riscaldamento intuivo che qualcosa non andava, ma al primo piccolo errore ha fatto spallucce e non è riuscita a tenere il bastone in mano per più di 5 secondi di seguito. 


Allora metti che ti alzi alle 8 per correre a comprare pane e affettati per fare i panini; Supervisioni la vestizione (odia le mutande di gara - sgambatissime -con vehemenza e li "dimentica" se può!); prepari il mangiare per 3 e carichi pure la lavastoviglie prime di uscire alle 10; passi a prendere l'acqua e poi ti rechi ad una palestra a 60km di distanza; per strada incontri un incidente (tral'altro mortale) e la rimozione dei veicoli danneggiati fanno sì che arrivi con 5/10 minuti di ritardo. Metti che paghi 2 biglietti di entrata al costo di €3 ciascuno. Sono poco dopo le 11 e la F3 passa (per i minuto e 20 secondi) alle 16.30.

Ero così arrabbiata, ma furibonda che non avete idea.
Non avevo nemmeno sperato che lei potesse vincere. Vedo il suo livello anche all'interno del gruppo della sua squadra. Di tecnica è scarsa... scarsissima! Non capisco nulla di twirling ma la vedo anche io! Ma mi esalta vedere lei che si esibisce, che fa il suo meglio, che si diverte. Nulla di questo ho visto in gara.
Le sue ragioni non mi hanno fatto sentire meglio. Odio quando fa lo scarica barile.
(Inoltre sono riuscita anche a litigare con la sua insegnante ieri nel tentativo di evitarle un ulteriore lavata di capo.)  

Non mi sono mai sentita così avillita, e non riesco proprio a comprendere il perchè. Ragionando so che ho avuto una reazione spropositato. Ma non è stata assolutamente una scelta. Mi sono sentita così avvilita che non riuscivo a parlare con nessuno. E la mia reazione mi ha persino spaventata.
Ma si può?
Sigh.
Aspettiamo fiduciosi la prossima gara per svilluppi in meglio!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La pazienza

Post n°333 pubblicato il 21 Gennaio 2012 da ceithre

Non è un mio forte... diciamo che spesso sono inerte, ma questo non è pazienza!

Sono 10gg che battaglio con lavori di fino. Ho finito un piccolo bavaglio a punto croce e ho ricamato di paillettes il costume di ginnastica di mia figlia. E' un lavoro ingrato. Le paillettes volano ovunque, si attaccano alle dita quando non dovrebbero e rimangono sul tavolo quando ti servono. Le perline si infilano sotto le unghie e sono introvabili una volta caduti a terra. 
Ma guardavo la faccia della F3 alla prima prova. Si è illuminata tutta e la sua "ma che bella che l'hai fatta!" mi ha scaldato il cuore.
Ripeto sempre a lei che non si deve dare per vinta, deve essere più grintosa, crederci.
Devo ascoltarmi di più!
Dom... oggi(!) c'è la prima gara della stagione. Non so come andrà (non si aspetta nulla ma si spera sempre!) ma so che sarà bellissima, e lei lo sa!
Dovrò pazientare e pian pianino anche io ingranerò!!

Incrociateci le dita!! 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso