Creato da Giles2004 il 29/11/2006
Blog del sito "Un Ponte d'Amore con l'Aldilà" http://digilander.libero.it/Giles2004/
 

Area personale

 

Contatta l'autore

Nickname:
Se copi, violi le regole della Community Sesso:
Età:
Prov:
 
 

Ultime visite al Blog

Giles2004anascobeethovenjdgileslorca531silverdarthrobbi7Silvymadez3nz3ronicastromailCB1961maxgof.dvgianni.mozzinadiadellapuppa1954
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Ultimi commenti

CIA MIO CARO AMICO .GRAZIE DI CUORE ,TVB
Inviato da: silvia1943
il 26/06/2009 alle 15:00
 
bacio!TVTB!
Inviato da: hengel0
il 24/06/2009 alle 18:55
 
Un sorriso per rallegrare la tua serata tesoro.. un bacio...
Inviato da: hengel0
il 18/06/2009 alle 17:32
 
Pomeriggio soleggiato nel cuore accompagnato da una...
Inviato da: hengel0
il 17/06/2009 alle 17:36
 
Ciao Egy. Questo post è molto bello, ma soprattutto molto...
Inviato da: mary.wheel
il 07/06/2009 alle 20:14
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Pertanto, non puo' essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001. 
 

"Amici di Andrea Sardos Albertini" - Facebook

No Cicap !

Comitato Italiano per il Controllo
delle Affermazioni sul Paranormale ?

 

I miei Blog Amici

- pensieri_ liberi
- Goccia di vita
- La Mia Felicia!
- Angeli
- Azzurro Italiano
- The difference
- Ignota Veritas
- Arditi pensieri
- oltre la vita
- Pensieri di luce
- Gesù !!!
- Suona con noi
- Sbagliando
- Forza Inter
- Blutramonto
- LadyOscar
- Una mano tesa
- Scintilla Divina
- Volontà di dialogo
- Alla luce di Dio
- Pensieri
- In cammino
- Caleidoscopio
- Parole non dette ...
- pensieri sparsi
- solidarietà
- Se posso aiutare ...
- Ritrovare il blu
- La mia isola
- che cosè la verità
- il senso della vita
- Uno sguardo oltre ..
- Amore Universale
- Viola Arcobaleno
- Vehuel Rosso Cuore
- amicizia
- Sole, Luna
- Che sarà?
- Infinito.
- Lila
- Riparto da zero
- Alex Radis Sandro 33
- Arcobaleno dAmore
- Best of Web
- Ayllai
- Cuore e regole
- Misteri profondi
- angeli_senza_ali
- Diamonds
- vittimedellaviolenza
- goccia
- il piccolo julian
- Hengel-jeanslove
- Al Dio-Uguale V.A.
- Signori si nasce!
- Spirito Libero49
- Dedicato a Karol
- Angeli di Luce
- vivere è bello
- Il Senso della Vita
- Fiore di loto
- Carezze di Luce
- Storia di un Angelo
- il posto di miluria
- Gruppi di preghiera
- Hengel-Station-Love
- Angelwhite
- VersoCasa
- gocce di sorriso
- Vivere per amare
- Dolcissimo
- Missione in Web
- Il giradischi pazzo
- sentierodisole
- essere positivi
- Verso la conoscenza
- SIAMOVIVI_VENETO
- Aforismi
- Convegno Parapsi
- free tibet
- Tracce di Cammino
- Tra Sogno e Follia
- abhaya/ad
- ELVIRAVIPERAVELENOSA
- microtesla space
- vita meravigliosa
- ZEN
- mammina
- Poesia accoglienza
- Star trek-mania blog
- SavitriSiamoNoi
- Preghiere
- Blog di mibhehai
- LA DOLCE AMARA
- Nel reale e oltre
- cadonobacidalcielo
- MAESTRO, MUSICA !
- Le porte dei mondi
- RI_INCONTRIAMOLO
- ANIMO POETA
 
Citazioni nei Blog Amici: 52
 

 

« Un Ponte d'Amore con l'AldilàRisveglio al Corpo di Luce »

Post N° 98

Post n°98 pubblicato il 06 Agosto 2008 da Giles2004
 

         


PROLOGO

"Nella spiaggia a est del paese c'è un'isola sulla quale sorge un gigantesco tempio con tante campane," disse la donna. Il bambino notò che lei indossava strani abiti e che un velo le copriva i capelli. Non l'aveva mai vista prima. "Hai mai visto questo tempio?" gli domandò lei. "Vai fin laggiù e dimmi cosa ne pensi." Affascinato dalla bellezza della donna, il bambino si recò nel luogo indicato. Si sedette sulla spiaggia e guardò l'orizzonte, ma non vide null'altro se non quello che era solito vedere: il cielo azzurro e l'oceano. Deluso, si avviò verso un gruppo di case abitate da pescatori e domandò loro di un'isola con un tempio. "Sì, c'era, ma tanto tempo fa, quando qui vivevano i miei bisnonni," disse un vecchio pescatore. "Poi ci fu un terremoto, e l'isola sprofondò nel mare. Eppure, anche se non possiamo più vedere l'isola, riusciamo ancora a sentire le campane del suo tempio, quando il mare le fa ondeggiare, laggiù sul fondo." Il bambino ritornò alla spiaggia, e aspettò di udire le campane. Vi passò tutto il pomeriggio, ma riuscì a sentire soltanto il rumore delle onde e le strida dei gabbiani. Quando giunse la sera, i suoi genitori andarono a prenderlo. Il mattino dopo, il bambino tornò alla spiaggia. Non poteva credere che una donna così bella potesse raccontare delle bugie. Se un giorno lei fosse tornata, avrebbe potuto dirle di non avere visto l'isola, ma di avere udito le campane del tempio, che rintoccavano per il movimento dell'acqua. Così trascorsero alcuni mesi. La donna non tornò, e il ragazzino la dimenticò. Adesso era intenzionato a scoprire le ricchezze e i tesori del tempio sommerso. Se avesse udito le campane, avrebbe potuto localizzarlo e recuperare il tesoro nascosto. Ormai non lo interessavano più nè la scuola nè la combriccola di amici. Si tramutò nel divertimento preferito degli altri bambini, che solevano dire: "Lui non è più come noi. Preferisce starsene a guardare il mare, perché ha paura di perdere quando giochiamo. E, vedendo il bambino seduto in riva al mare, tutti ridevano. Benché‚ non riuscisse a sentire le campane del tempio, il bambino apprendeva ogni giorno cose diverse. Si accorse che, dopo avere ascoltato a lungo il rumore delle onde, lo sciabordio non lo distraeva più. Passò qualche tempo, e si abituò anche alle strida dei gabbiani, al ronzio delle api, al vento che sibilava tra le palme. Sei mesi dopo l'incontro con la donna, il bambino era ormai capace di non lasciarsi distrarre da nessun rumore. Ma le campane del tempio sommerso non le aveva ancora udite. Alcuni pescatori andavano a parlare con lui, e insistevano. "Noi le abbiamo sentite !" dicevano. Ma il ragazzino continuava a non sentirle. Qualche tempo dopo, i pescatori cambiarono tono: "Sei troppo concentrato sul suono delle campane laggiù. Lascia perdere, e torna a giocare con i tuoi amici. Forse soltanto i pescatori riescono a sentirle." Dopo quasi un anno, il bambino si disse: "Forse hanno ragione loro. E' meglio crescere, diventare pescatore e tornare tutte le mattine su questa spiaggia, perché ho cominciato ad amarla." E pensò anche: "Forse è soltanto una leggenda. Con il terremoto le campane si sono spaccate e non rintoccheranno mai più." Quel pomeriggio decise di tornare a casa. Si avvicinò all'oceano, per congedarsi. Guardò ancora una volta lo spettacolo della Natura, e allora, siccome non era più concentrato sulle campane, potè sorridere al canto dei gabbiani, al rumore del mare, al vento che sibilava tra le palme. Sentì in lontananza la voce dei suoi amici che giocavano, e si rallegrò al pensiero che ben presto sarebbe tornato ai giochi dell'infanzia. Il bambino era contento. E, come soltanto un bambino sa fare, ringraziò di essere vivo. Sapeva di non avere perduto il proprio tempo, poiché‚ aveva appreso a contemplare e a rispettare la Natura. A quel punto, sentendo il mare, i gabbiani, il vento, le foglie delle palme e le voci degli amici che giocavano, udì anche la prima campana. E un'altra. E poi un'altra ancora, finché‚ tutte le campane del tempio sommerso rintoccarono, riempiendolo di gioia. Anni dopo, ormai adulto, ritornò al paese e alla spiaggia dell'infanzia. Non voleva più recuperare alcun tesoro in fondo al mare: forse era stato solo un frutto della sua fantasia, forse non aveva mai udito le campane sommerse in quel lontano pomeriggio della sua infanzia. Decise comunque di passeggiare sulla spiaggia, per ascoltare il rumore del vento e le strida dei gabbiani. Fu profondamente sorpreso nel vedere, seduta sulla sabbia, la donna che gli aveva parlato dell'isola con il tempio. "Che cosa fai qui?" le domandò. "Aspettavo te," rispose lei. Lui notò che, sebbene fossero passati tanti anni, la donna aveva ancora lo stesso aspetto: il velo che le copriva i capelli non sembrava affatto sgualcito dal tempo. Lei gli porse un quaderno azzurro, con le pagine bianche. "Scrivi: 'Un guerriero della luce presta attenzione agli occhi di un bambino. Perché‚ quegli occhi sanno vedere il mondo senza amarezza. Quando desidera sapere se chi sta al suo fianco è degno di fiducia, cerca di vedere la maniera in cui lo guarda un bambino." "Che cos'è un guerriero della luce?" "Credo che tu lo sappia," rispose lei, sorridendo. "E' colui che è capace di comprendere il miracolo della vita, di lottare fino alla fine per qualcosa in cui crede, e di sentire allora le campane che il mare fa rintoccare nel suo letto." Lui non si era mai ritenuto un guerriero della luce. La donna parve indovinare il suo pensiero: "Di questo sono capaci tutti. E nessuno ritiene di essere un guerriero della luce, benché‚ in effetti lo sia." Lui guardò le pagine del quaderno. La donna sorrise di nuovo. "Scrivi," disse lei infine.

Manuale del guerriero della luce ...

EPILOGO

Era ormai buio quando la donna smise di parlare. Rimasero lì a guardare insieme la luna che sorgeva. "Molte delle cose che mi hai detto sono in contraddizione fra loro," disse lui. Lei si alzò. "Addio," disse. "Tu sapevi che le campane in fondo al mare non erano una leggenda. Ma sei riuscito a udirle solo quando hai capito che il vento, i gabbiani, il fruscio delle palme facevano parte del rintocco delle campane. Allo stesso modo, il guerriero della luce sa che tutto quanto lo circonda - le sue vittorie, le sue sconfitte, il suo entusiasmo e il suo scoramento - fanno parte del Buon Combattimento. E saprà adottare la giusta strategia nel momento in cui ne avra bisogno. Un guerriero non cerca di essere coerente: apprende, piuttosto, a vivere con le sue contraddizioni." "Chi sei?" le domandò lui. Ma la donna si stava allontanando. Camminava sulle onde del mare, in direzione della luna che sorgeva.

Prologo ed Epilogo del " Manuale del guerriero della Luce "  Paulo Coelho

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/psicoscrittura/trackback.php?msg=5202956

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
ladyhawk6
ladyhawk6 il 06/08/08 alle 07:43 via WEB
Tantissimi carissimi auguri Giles!!!!! Buon compleanno!!!!! dal profondo del cuore... non potevi scegliere storia migliore per festeggiare questo giorno :))) Un mega abbraccio!!!! lasciami una fetta di torta che stasera, quando torno, me la vengo a mangiare :)))) Un brindisi a te!!!! anche se un pò presto per bere :)))) smuackkkkkkkkkkk
 
shantiom0
shantiom0 il 06/08/08 alle 08:57 via WEB
AUGURI, tanti AUGURI e buona giornata!!
 
LADYOSCARi
LADYOSCARi il 06/08/08 alle 09:02 via WEB
A U G U R I P E R I L T U O C O M P L E A N N O
 
concorsoarsnova
concorsoarsnova il 06/08/08 alle 11:53 via WEB
Tanti auguroni musicali :)) dalla Tergeste Free Band Orchestra
 
laura_brustenga
laura_brustenga il 06/08/08 alle 15:35 via WEB
Sono in ritardo per farti gli auguri per un compleanno che ne porti altri ottanta ( bastano?!) :) meravigliosi in crescenza?????????????? Bacio laura
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 06/08/08 alle 21:44 via WEB
tanti auguri anche da me. :))... e' la prima volta che leggo un tuo post e sono rimasta piacevolmente sorpresa.
 
 
Giles2004
Giles2004 il 07/08/08 alle 17:47 via WEB
grazie cara amica, anche per gli auguri; un abbraccio :)
 
Ganimede.76
Ganimede.76 il 07/08/08 alle 13:29 via WEB
Fratello mioooooooooooooooooooooo... scusa il ritardo!!! Tantissimi Auguri di un Sereno e Gioioso Compleannoooooooooooo... e tantissimi baci ed abbracci!!! :)
 
soleluna140
soleluna140 il 18/08/08 alle 16:44 via WEB
Salve Giles, una storia bellissima. Se tutti imparassimo ad ascoltare, la Luce illuminerebbe la nostra vita.
 
grandaniele
grandaniele il 19/08/08 alle 14:06 via WEB
se imparassimo ad ascoltare, la Natura che ci circonda non sarebbe a ..rischio di estinzione!! Auguri in ritardo Giles
 
sole.cp
sole.cp il 26/08/08 alle 19:43 via WEB
caro e dolce amico non potevi scegliere una poesia migliore per il mio post grazie di cuore.comestai? io molto meglio sto facendo ancora analisi ma spero presto di arrivare ad una soluzione ed avere una cura,ti abbraccio carolina
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.