La Svolta O Si Torna Al Medioevo Servono Leader E Scienziate

kk

Cento grandi scienziate italiane perché dovete rivolgervi a noi - Corriere.it

Perché ci sono cosi poche donne ai vertici del mondo scientifico

Premiate le 38 ricercatrici italiane più influenti nel settore biomedico - Corriere.it

Donne e Scienza. La scienza negata. Biografie di scienziate da scoprire - Comune di CormanoRita Levi Montalcini: biografia e scoperte | Studenti.it

 

 

 

 

 

 

 

 

Presentazione

-Chiara Corazza, Special Representative di Women’s Forum per il G20 ed il G7, ha presentato alcune proposte per ottenere la parità di genere. La prima punta a destinare  il 3% del 15% delle imposte globali pagate dalle grandi imprese alla parità di genere nel settore STEM (scientifico-tecnologico).

 

Intervista A Chiara Corazza –
“La Svolta O Si Torna Al Medioevo Servono Leader E Scienziate”

 

Parla Chiara Corazza che dal 2017 è al vertice del Women’s Forum
“La svolta o si torna al Medioevo
Servono leader e scienziate”
Anche l’opinione pubblica è pronta: l’84% dei nostri intervistati vuole la parità di genere

ROMA – «Questo non è il solito G20. Mai come adesso si è tanto parlato di uguaglianza di genere. Non è come tutte le altre volte, quando per i diritti delle donne si lasciavano poche righe in fondo al comunicato finale». Chiara Corazza, ai vertici del Women’s Forum dal 2017, prima come Managing Director, e dall’aprile di quest’anno come “rappresentante speciale”, da poche settimane anche Ufficiale dell’Ordine della Stella d’Italia, è convinta che per la parità di genere stavolta si aprano opportunità vere: «È un momento storico perché siamo sull’orlo del precipizio: o torniamo nel Medioevo, oppure ci battiamo perché le donne arrivino nei posti in cui si prendono le decisioni». Eppure la pandemia ha emarginalizzato ancora di più le donne. Cosa la rende così fiduciosa? «È vero, d’altra parte anche nelle guerre chi soffre di più? Le donne! Le donne sono anche le principali vittime del cambiamento climatico, la percentuale di morte è superiore del 14% a quella degli uomini. Ma sono sempre in prima linea negli interventi e nell’assistenza, il 70% delle persone che sono state sul fronte della pandemia sono donne. Non sono invece mai al tavolo». Perché invece adesso potrebbero finalmente arrivarci? «Intanto perché l’opinione pubblica è pronta: dal nostro barometro emerge che 1’84% degli intervistati vuole la parità di genere. E poi perché per la presidenza italiana del
G20 questa pub essere l’occasione per brillare, per mettere finalmente al centro le donne non come vittime ma come soggetti che possono dare un vero contributo». L’Italia non brilla perla parità di genere, il nostro livello di occupazione femminile è tra i più bassi in Europa. «L’Italia non è certo fanalino di coda nel G20: sta firmando una legge importante sulla parità salariale, che si aggiunge alla legge sul congedo di paternità, sta dando l’esempio anche con le norme del Pnrr per le quali si è battuta Elena Bonetti, che nelle gare d’appalto assegnano un punteggio supplementare alle imprese che non discriminano le donne. Nel mondo ci sono 242 milioni di donne imprenditrici, ma solo l’1% di loro ha accesso agli appalti pubblici e privati». L’esclusione delle donne spesso però è frutto anche di scelte sbagliate, a cominciare dagli studi. Tra le vostre richieste c’è infatti quella di incentivare l’accesso femminile alle materie Stem, ma spesso sono le ragazze stesse che si autoescludono. «Il 72% delle ragazze tra i 12 e i 18 anni che abbiamo intervistato su come vedono il loro futuro ha risposto che desidera fare qualcosa che abbia un impatto positivo sulla società, nessuna di loro tra le priorità indica quella di guadagnare soldi. Bisogna invece far capire che studiare le materie Stem dà un valore aggiunto al proprio futuro, permetterà di dare un contributo essenziale al mondo in trasformazione: l’85% dei mestieri futuri noi ancora non li conosciamo. Il talento non è maschile né femminile, c’è un gap enorme da colmare ma non ci riusciremo mai se gli studi importanti li fanno solo i ragazzi. Non è uno slogan: è il momento della Shecovery, bisogna fare in modo che tutti abbiano le stesse opportunità».
AL VERTICE CHIARA CORAZZA DEL WOMEN’S FORUM

&

La Svolta O Si Torna Al Medioevo Servono Leader E Scienziateultima modifica: 2021-10-17T10:20:04+02:00da OPIUMPASSIONE
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr