Blog
Un blog creato da cile54 il 09/01/2007

RACCONTI & OPINIONI

Pagine di Lavoro, Salute, Politica, Cultura, Relazioni sociali - a cura di franco cilenti

 
 

NUMERO CARTACEO LUGLIO 2016

www.lavoroesalute.org

Chi è interessato a scrivere e distribuire la rivìsta nel suo posto di lavoro, o pubblicare una propria edizione territoriale di Lavoro e Salute, sriva a info@lavoroesalute.org

Distribuito gratuitamente da 32 anni. A cura di operatori e operatrici della sanità. Finanziato dai promotori con il contributo dei lettori.

Tutti i numeri in pdf

www.lavoroesalute.org

 

LA RIVISTA NAZIONALE

www.medicinademocratica.org

MEDICINA DEMOCRATICA

movimento di lotta per la salute

 TUTTO IL CONGRESSO SU

www.medicinademocratica.org

 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 181
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

MAPPA LETTORI

 

ULTIME VISITE AL BLOG

S19801nomadi50cile54valigia.samsolodolci_pensierixtallauriziaMassimiliano_UdDfalsapiritelamed59pepedgl16oltreleparole_2010ernestoandolinalucre611prolocoserdianadonadam68
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Per gli aggiornamenti quotidiani, il blog si avvale frequentemente dei siti: www.liberazione.it  www.rifondazione.it www.prctorino.it www.controlacrisi.org   www.globalist.it     www.italia.attac.org http://bellaciao.org www.ilmanifesto.it     http//maurobiani.it       http://it.peacereporter.net www.sbilanciamoci.info www.contropiano.org http://www.lila.it       www.emergency.it www.medicisenzafrontiere.it www.diario-prevenzione.it www.womenews.net www.osservatoriorepressione.org/ www.migrantitorino.it www.superando.it

-----------------------------------

Trovi Lavoro&Salute             e franco cilenti anche su Facebook

 

 

« Il potere ha i manganell...Fecondazione assistita: ... »

Strade bloccate, agenti ovunque. Un'operazione di guerra per aprire un altro cantiere finto. I No Tav assediano le ruspe

Post n°7074 pubblicato il 16 Novembre 2012 da cile54

Susa invasa da soldati e trivelle. Corteo notturno

 "Vestirsi bene, portarsi un cambio, prendere strade secondarie". Il sito dei No Tav dà le raccomandazioni per circolare in una valle in cui scorazzano agenti e militari come in una zona di guerra qualsiasi. L'esercito di occupazione blocca la statale 24 e l'A32. Una stazione torinese, RadioBlackout, racconta che mentre i manifestanti si recavano a un presidio, hanno incrociato una volante della polizia. Un poliziotto ne è sceso con la pistola in mano e la gente, indignata, lo ha costretto a risalire in auto. Ci sono alcune centinaia di No Tav in giro. La temperatura balla intorno allo zero.

«Una militarizzazione spaventosa per proteggere tre trivellazioni dove dovrebbero fare quella che chiamano la stazione internazionale - spiega a Popoff, Nicoletta Dosio - la Valle è tagliata a metà. Tutti i camion passano in mezzo alle case delle frazioni, su strade strette». Mentre scriviamo è in corso un appuntamento sulla Rotonda del Vernetto, a Chianocco, dopo una giornata iniziata con la "sorpresa" delle trivelle all'autoporto di Susa e continuata con il tamtam in rete e l'assemblea popolare al presidio di S.Giuliano per decidere di andare in corteo, un corteo di macchine, lungo l'autostrada a vedere insieme la situazione delle trivelle. Dopo le 22.30, l'autostrada viene bloccata con barricate che vengono incendiate, in entrambe le direzioni da alcune centinaia di manifestanti. «Le trivelle sono invisibili», dice Nicoletta. Circondate dai new jersey, barriere stradali in calcestruzzo, e da mezzi dell'esercito di occupazione, dovrebbero lavorare un centinaio di ore. «Due chilometri di blindati sono schierati contro di noi»

Nella notte, come sempre, con milleduecento uomini armati in divisa a disposizione su tre turni, Ltf ha piazzato tre trivelle all'autoporto di Susa per realizzare i carotaggi, quei lavori non fatti grazie alla mobilitazione del movimento No Tav nel 2010. Il progetto è «insopportabile» e prevede anche lo spostamento dell'autostrada che già ha sventrato la Valle. E' l'ennesima prova di forza contro la Valle. Nella notte statali bloccate e il cielo, intorno all'autoporto, blu dei lampeggianti. «Ieri c'erano posti di blocco ovunque, la digos in borghese nei paesi, pensavamo fosse per l'arrivo della Cancellieri invece era per le trivelle».

«Ci spiace - dicono in un comunicato le donne e gli uomini che da 13 anni contrastano il progetto di grande opera - ma non siamo sopresi, e ci muoviamo secondo i ritmi di un movimento popolare che è impegnato tutti i giorni a contarstare quest'opera! Chi invece tenta sempre e solo inziative utili a "piantare bandierine" come per il gioco del Risiko, è Ltf e la corte di servitori che si porta dietro (sì tav di ogni genere e strateghi da questura), infatti ancora una volta, per fare delle trivellazioni devono schierare 1000 uomini, chiudere autostrada e statali e scegliersi il posto più difendibile di tutta la Valle, cioè l'autoporto».

Le trivellazioni servono a un progetto definitivo che ad oggi non esiste, ma nonostante questo esiste un cantiere come quello di Chiomonte. Con quattro buchi realizzati qua e là tra mille difficoltà Ltf e Virano presenteranno l'ennesima falsità con i soldi dei contribuenti e noi ancora una volta non ci arrenderemo per tre buchi. Unico esponente politico a solidarizzare con i valligiani è Paolo Ferrero del Prc: «I "tecnici" stanno continuando un'opera perfettamente inutile per il trasporto delle merci, un progetto considerato già vecchio e sorpassato, costoso e dannoso per l'ambiente. Tanto che la Francia ha espresso non solo dubbi, ma con tutta evidenza si sta sfilando dal progetto, dopo la presa di posizione della Corte dei conti. Gli unici che follemente continuano a volere l'alta velocità in Val Susa sono i governi italiani, prima Berlusconi e ora Monti. Tutta la nostra solidarietà al movimento No Tav».

Checchino Antonini

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

CON IL POPOLO PALESTINESE

 

L'informazione dipendente, dai fatti

Nel Paese della bugia la verità è una malattia

(Gianni Rodari)

 

www.controlacrisi.org

notizie, conflitti, lotte......in tempo reale

--------------------------

www.osservatoriorepressione.info

 

G8 GENOVA 2011/ UN LIBRO ILLUSTRATO, MAURO BIANI

Diaz. La vignetta è nel mio libro “Chi semina racconta, sussidiario di resistenza sociale“.

Più di 240 pagine e 250 vignette e illustrazioni/storie per raccontare (dal 2005 al 2012) com’è che siamo finiti così.

> andate in fondo alla pagina linkata e acquistatelo on line.

 

LA TRUFFA DEL DEBITO PUBBLICO

Il nuovo libro di Paolo Ferrero

---------------------------

PIGS! La crisi spiegata a tutti

"in parole povere"

in libreria e On line, http://www.deriveapprodi.org/2012/06/pigs/
.......................................................

 
---------------------
Lavoro e Salute sostiene l'iniziativa di legge dell'Associazione "Io sò Carmela" contro la violenza sui minori

Disegno di legge.
 

Giorgiana Masi

Roma, 12 maggio 1977

omicidio di Stato

DARE CORPO ALLE ICONE