Blog
Un blog creato da cile54 il 09/01/2007

RACCONTI & OPINIONI

Pagine di Lavoro, Salute, Politica, Cultura, Relazioni sociali - a cura di franco cilenti

 
 

NUMERO CARTACEO LUGLIO 2016

www.lavoroesalute.org

Chi è interessato a scrivere e distribuire la rivìsta nel suo posto di lavoro, o pubblicare una propria edizione territoriale di Lavoro e Salute, sriva a info@lavoroesalute.org

Distribuito gratuitamente da 32 anni. A cura di operatori e operatrici della sanità. Finanziato dai promotori con il contributo dei lettori.

Tutti i numeri in pdf

www.lavoroesalute.org

 

LA RIVISTA NAZIONALE

www.medicinademocratica.org

MEDICINA DEMOCRATICA

movimento di lotta per la salute

 TUTTO IL CONGRESSO SU

www.medicinademocratica.org

 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 181
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

MAPPA LETTORI

 

ULTIME VISITE AL BLOG

estinetteeMichy06andrew_mehrtenscavallo140cile54arezia3ciubini.enricogaza64ilnegoziodieuterpeCartman72NoRiKo564Iltuocognatinosbloglascrivana
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Per gli aggiornamenti quotidiani, il blog si avvale frequentemente dei siti: www.liberazione.it  www.rifondazione.it www.prctorino.it www.controlacrisi.org   www.globalist.it     www.italia.attac.org http://bellaciao.org www.ilmanifesto.it     http//maurobiani.it       http://it.peacereporter.net www.sbilanciamoci.info www.contropiano.org http://www.lila.it       www.emergency.it www.medicisenzafrontiere.it www.diario-prevenzione.it www.womenews.net www.osservatoriorepressione.org/ www.migrantitorino.it www.superando.it

-----------------------------------

Trovi Lavoro&Salute             e franco cilenti anche su Facebook

 

 

« Il democraticismo nel gi...Dopo il porcellum sindac... »

Stragi sul lavoro. Dalla Philips alla Fiat, dalla Pirelli all’Ilva: la grande industria sotto accusa per le morti operaie

Post n°8496 pubblicato il 20 Gennaio 2014 da cile54

Il killer amianto colpisce ancora

Men­tre a Torino i giudici d’appello confermano le responsa­bi­lità di due ex dirigenti della Philips per le morti nello stabilimento di Alpignano, a Milano otto ex mana­ger della Franco Tosi vanno a processo per i 33 ope­rai uccisi dal meso­te­lioma pleu­rico, lo spietato tumore pro­vo­cato dalle fibre di amianto. La deci­sione del gup Luigi Gar­giulo chiude una inchie­sta che ha riguar­dato quasi vent’anni di lavoro quo­ti­diano nella sto­rica fab­brica di tur­bine, dai ’70 fino al 1992. Quando — con cri­mi­nale ritardo rispetto alle già com­pro­vate evi­denze scien­ti­fi­che – l’amianto fu messo al bando.

Gli ex diri­genti della Franco Tosi, accusa il pm Mau­ri­zio Ascione, hanno vio­lato le norme per la pre­venzione di infor­tuni sul lavoro e malat­tie pro­fessionali. Gli impu­tati, fra i quali l’attuale numero uno di Ital­ce­menti, Giam­piero Pesenti, si difen­dono: “Il mate­riale c’era solo nei dispo­si­tivi di pro­te­zione per­so­nale per i lavo­ra­tori impe­gnati nei pro­cessi di fusione metal­lur­gica”. Al di là di quanto emer­gerà al dibat­ti­mento, la Franco Tosi si aggiunge a una lunga lista di aziende. Nomi di rilievo come Ilva, Pirelli, Fiat-Alfa Romeo, Anic-Enichem, Oli­vetti e Phi­lips. Tutte sotto inchie­sta, o già a pro­cesso, per non aver messo in pra­tica ade­guati dispo­si­tivi di sicu­rezza con­tro il rischio mor­tale pro­vo­cato dalle fibre e dalla pol­vere di amianto. Spesso senza nep­pure infor­mare i lavoratori.

Solo la deter­mi­na­zione di asso­cia­zioni come Medi­cina Demo­cra­tica, in paral­lelo al gran lavoro di magi­strati come Benia­mino Deidda e Raf­faele Gua­ri­niello, ha per­messo di fare luce su una “strage bianca” di dimen­sioni ter­ri­bili. A causa dell’amianto muo­iono due­mila per­sone l’anno, stima rica­vata dall’Inail sulla base dei dati del Regi­stro nazio­nale dei meso­te­liomi. Nel periodo 1993–2008 sono stati dia­gno­sti­cati 15.845 casi, con altret­tante dia­gnosi di tumore pol­mo­nare e pro­gnosi infau­sta. Per giunta il numero delle pato­lo­gie è andato cre­scendo negli ultimi cin­que anni, e si sta­bi­liz­zerà solo dal 2015.

I pm allievi di Deidda e Gua­ri­niello fanno del loro meglio. A dicem­bre si è chiuso a Torino, con quat­tro con­danne, il pro­cesso per i 14 morti e le malat­tie ope­raie nelle sto­ri­che Fer­riere: “A loro va il nostro pen­siero – li ha ricor­dati Fede­rico Bel­lomo della Fiom — viste le ragioni, rico­no­sciute dal tri­bu­nale, di quanti hanno lot­tato per la salute e la sicu­rezza in quel luogo, a ini­ziare da chi vi lavo­rava e che in molti casi ha pagato con la vita”. A Milano è in corso un pro­cesso con­tro la Pirelli (e un altro è in arrivo) per la con­ta­mi­na­zione di 24 ope­rai, in sta­bi­li­menti dove l’amianto era anche nel talco usato in alcune lavo­ra­zioni e nella mensa. Delle 24 “parti lese” solo quat­tro sono ancora vive. “Non abbiamo mai usato masche­rine – ha rac­con­tato al giu­dice Anto­nio Dinetta — e nes­suno ci ha mai par­lato dei peri­coli deri­vanti dall’amianto”.

Un altro pro­cesso si sta svol­gendo a Taranto per le vit­time all’Italsider-Ilva (31 morti da meso­te­lioma e altri tumori da sostanze tos­si­che), e a Ravenna sono pros­simi al rin­vio a giu­di­zio una ven­tina di ex diri­genti del polo chi­mi­coo Anic-Enichem (75 fra lavo­ra­tori e loro fami­liari morti per amianto). Sem­pre a Milano è stato chie­sto il pro­cesso dell’ex ad Paolo Can­ta­rella e altri sei mana­ger Fiat dell’epoca per 21 vit­time da amianto all’Alfa Romeo di Arese, e nel tori­nese si sta inda­gando anche sulla Oli­vetti nel periodo 1978–92, quando era gui­data da Carlo De Benedetti.

Secondo una stima del Cnr, nella peni­sola esi­stono ancora 2,5 miliardi di metri qua­drati di coper­ture rea­liz­zate con mate­riali con­te­nenti amianto, circa 32 milioni di ton­nel­late. E le prime vit­time già segna­late nel set­tore delle ristrut­tu­ra­zioni edi­li­zie non fini­scono ancora nella car­tina del Regi­stro dei meso­te­liomi, dove com­pa­iono solo i disa­stri più ecla­tanti. Per­fino la magi­stra­tura fa fatica: all’indomani del vit­to­rioso pro­cesso per la strage all’Eternit di Casale Mon­fer­rato, Raf­faele Gua­ri­niello ricor­dava a “La Stampa”: “Di inda­gini e pro­cessi se ne fanno pochini. Un col­lega di una delle aree più mar­to­riate mi ha con­fi­dato: ‘non ci segna­lano i casi’. Poi ha aggiunto: ‘per for­tuna, se lo faces­sero non sapremmo come fare’”.

Riccardo Chiari

18/01/2014 www.ilmanifesto.it

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

CON IL POPOLO PALESTINESE

 

L'informazione dipendente, dai fatti

Nel Paese della bugia la verità è una malattia

(Gianni Rodari)

 

www.controlacrisi.org

notizie, conflitti, lotte......in tempo reale

--------------------------

www.osservatoriorepressione.info

 

G8 GENOVA 2011/ UN LIBRO ILLUSTRATO, MAURO BIANI

Diaz. La vignetta è nel mio libro “Chi semina racconta, sussidiario di resistenza sociale“.

Più di 240 pagine e 250 vignette e illustrazioni/storie per raccontare (dal 2005 al 2012) com’è che siamo finiti così.

> andate in fondo alla pagina linkata e acquistatelo on line.

 

LA TRUFFA DEL DEBITO PUBBLICO

Il nuovo libro di Paolo Ferrero

---------------------------

PIGS! La crisi spiegata a tutti

"in parole povere"

in libreria e On line, http://www.deriveapprodi.org/2012/06/pigs/
.......................................................

 
---------------------
Lavoro e Salute sostiene l'iniziativa di legge dell'Associazione "Io sò Carmela" contro la violenza sui minori

Disegno di legge.
 

Giorgiana Masi

Roma, 12 maggio 1977

omicidio di Stato

DARE CORPO ALLE ICONE