Blog
Un blog creato da cile54 il 09/01/2007

RACCONTI & OPINIONI

Pagine di Lavoro, Salute, Politica, Cultura, Relazioni sociali - a cura di franco cilenti

 
 

www.lavoroesalute.org

Chi è interessato a scrivere e distribuire la rivìsta nel suo posto di lavoro, o pubblicare una propria edizione territoriale di Lavoro e Salute, sriva a info@lavoroesalute.org

Distribuito gratuitamente da 33 anni. A cura di operatori e operatrici della sanità. Finanziato dai promotori con il contributo dei lettori.

Tutti i numeri in pdf

www.lavoroesalute.org

 

LA RIVISTA NAZIONALE

www.medicinademocratica.org

MEDICINA DEMOCRATICA

movimento di lotta per la salute

 TUTTO IL CONGRESSO SU

www.medicinademocratica.org

 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 181
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

MAPPA LETTORI

 

ULTIME VISITE AL BLOG

gaza64cile54donmichelangelotondoWeb_LondonCherryslvulnerabile14lacartavincente1notterosa2009diogene51iunco1900nomadi50RomanticPearlolgy120the_oracle73volami_nel_cuore33
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Stragi sul lavoro. Dalla...La Costituzione italiana... »

Dopo il porcellum sindacale e le sanzioni per chi lotta, ecco il potere politico che reprime il dissenso. Non ci riusciranno!

Post n°8497 pubblicato il 20 Gennaio 2014 da cile54

Renzi e Berlusconi per eliminare la "rappresentanza" In evidenza

Se il progetto politico è quello di eliminare il pluralismo politico, allora non c'è diavolo che tenga. Il temuto e sgangherato incontro tra Matteo Renzi e Berlusconi ha chiarito esattamente su cosa i “principali partiti” - o come preferite chiamare queste aggregazioni – si trovano perfettamente allineati.

"C'e' una profonda sintonia sulla legge elettorale verso un modello che favorisca la governabilità, il bipolarismo e che elimini il potere di ricatto dei partiti più piccoli. Su questo tema abbiamo condiviso l'apertura ad altre forze politiche di scrivere questo testo di legge che per quanto ci riguarda; se nelle prossime ore saranno verificati tutti i dettagli, presenteremo il tutto alla direzione del Pd affinché voti lunedì alle 16".

Renzi ha sintetizzato così “la ciccia” del passaggio politico che si va affrontando in questo paese. Con alle spalle una sentenza della Corte Costituzionale che smantella il “porcellum” proprio sui punti centrali del “bipolarismo forzoso” - liste bloccate senza preferenza e premio di maggioranza senza limiti – i due complici si sono ritrovati perfettamente d'accordo nel proporre una legge elettorale ancora più incostituzionale. Il problema è infatti quello di eliminare la rappresentanza politica. Esattamente come l'”accordo interconfederale” tra Cgil-Cisl-Uil e Confindustria mira a eliminare la rappresentanza sindacale.

Parliamo qui ovviamente della rappresentanza effettiva di interessi sociali, abilitati dunque a selezionare e proporre dei “delegati” incaricati di difenderli e imporli nella complessa opera conflittuale chiamata “democrazia”. Al contrario, questo tipo di “classe dirigente”, espressione diretta delle politiche della Troika (Renzi) e dei poteri più arretrati e oscuri della società italiana (Berlusconi), si vanno accordando per imporre un vero e proprio regime politico in cui “dal basso” non possa più filtrare alcun input o figura di riferimento. È chiaro infatti che ogni proposta mirante ad “eliminare il potere di ricatto dei partiti più piccoli” è in realtà un muro fortificato contro ogni possibilità che “piccoli partiti crescano”. Ed è abbastanza ovvio che ogni nuovo partito politico, ogni nuova visione emergente, specie se espressione dei ceti popolari sfruttati, sia all'inizio un “piccolo partito” con prospettive di crescita.

Basterebbe già questa considerazione “strutturale” per demolire gran parte dell'”ansia elettoralistica” che ancora pervade i residui della “sinistra radicale”, che va decomponendosi una tornata elettorale dopo l'altra nell'inutile sforzo di tornare in Parlamento. Se poi ci aggiungiamo la “trasformazione del Senato in camera delle autonomie, con la clausola che i suoi membri ''non percepiscano indennità e che non vi sia una loro elezione diretta'', capiamo senza sforzo che – come nel caso nelle province - si punta esplicitamente a ridurre al minimo le istituzioni “rappresentative”, sostituendole con organismi “amministrativi”. Che obbediscono senza sforzo o frizione alle direttive “centrali” (provenienti dall'Unione Europea o dall'esecutivo nazionale”.

Berlusconi ha confermato in pieno questa lettura delle “riforme istituzionali” in gestazione dettando a sua volta una nota: "L'accordo con Renzi prevede una nuova legge elettorale che porti al consolidamento dei grandi partiti in un'ottica di semplificazione dello scenario politico". "Insieme, abbiamo auspicato che tutte le forze politiche possano dare il loro fattivo contributo in Parlamento alla rapida approvazione della legge, che speriamo possa essere largamente condivisa", “ho garantito al Segretario Renzi che Forza Italia appoggerà in Parlamento le riforme".

 “Semplificare” è la parola d'ordine della Terza Repubblica. Sia in politica che nelle relazioni industriali. Si potrebbe anche tradurre in "non disturbate il manovratore".

Per ora non si ha però traccia di uno schema di legge elettorale. Pare che delle tre proposte avanzate da Renzi il Cavaliere preferisca il cosiddetto “modello spagnolo”, ma la certezza si avrà solo nei prossimi giorni.

L'iniziativa ha comunque sconvolto buona parte della “base del Pd”, che ha reagito manifestando contro il proprio partito davanti alla sede nazionale. Tanto che Renzi è dovuto passare da un ingresso laterale. Mentre Berlusconi è stato accolto dai manifestanti che gridavano 'vergogna, vergogna' e 'non si tratta con i criminali'. Sono state lanciate anche alcune uova, che hanno raggiunto l'auto del Caimano..

Il gioco del resto è semplice: se si elimina “il fastidio” della rappresentanza politica, poi – a chi subisce le scelte dei governi – non resta che farsi sentire in altro modo.

Redazione

20/1/2014 www.contropiano.org

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

L'informazione dipendente, dai fatti

Nel Paese della bugia la verità è una malattia

(Gianni Rodari)

 

SI IUS SOLI

 

www.controlacrisi.org

notizie, conflitti, lotte......in tempo reale

--------------------------

www.osservatoriorepressione.info

 

G8 GENOVA 2011/ UN LIBRO ILLUSTRATO, MAURO BIANI

Diaz. La vignetta è nel mio libro “Chi semina racconta, sussidiario di resistenza sociale“.

Più di 240 pagine e 250 vignette e illustrazioni/storie per raccontare (dal 2005 al 2012) com’è che siamo finiti così.

> andate in fondo alla pagina linkata e acquistatelo on line.

 

Giorgiana Masi

Roma, 12 maggio 1977

omicidio di Stato

DARE CORPO ALLE ICONE