Blog
Un blog creato da cile54 il 09/01/2007

RACCONTI & OPINIONI

Pagine di Lavoro, Salute, Politica, Cultura, Relazioni sociali - a cura di franco cilenti

 
 

NUMERO CARTACEO LUGLIO 2016

www.lavoroesalute.org

Chi è interessato a scrivere e distribuire la rivìsta nel suo posto di lavoro, o pubblicare una propria edizione territoriale di Lavoro e Salute, sriva a info@lavoroesalute.org

Distribuito gratuitamente da 32 anni. A cura di operatori e operatrici della sanità. Finanziato dai promotori con il contributo dei lettori.

Tutti i numeri in pdf

www.lavoroesalute.org

 

LA RIVISTA NAZIONALE

www.medicinademocratica.org

MEDICINA DEMOCRATICA

movimento di lotta per la salute

 TUTTO IL CONGRESSO SU

www.medicinademocratica.org

 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 181
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

MAPPA LETTORI

 

ULTIME VISITE AL BLOG

estinetteeMichy06andrew_mehrtenscavallo140cile54arezia3ciubini.enricogaza64ilnegoziodieuterpeCartman72NoRiKo564Iltuocognatinosbloglascrivana
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Per gli aggiornamenti quotidiani, il blog si avvale frequentemente dei siti: www.liberazione.it  www.rifondazione.it www.prctorino.it www.controlacrisi.org   www.globalist.it     www.italia.attac.org http://bellaciao.org www.ilmanifesto.it     http//maurobiani.it       http://it.peacereporter.net www.sbilanciamoci.info www.contropiano.org http://www.lila.it       www.emergency.it www.medicisenzafrontiere.it www.diario-prevenzione.it www.womenews.net www.osservatoriorepressione.org/ www.migrantitorino.it www.superando.it

-----------------------------------

Trovi Lavoro&Salute             e franco cilenti anche su Facebook

 

 

« Limitare a soli due i p...Armi chimiche in Italia.... »

Dati, notizie ed epocali drammi sociali che non si trovano sulle prime pagine dei giornali e sulla bocca dei pappagalli TV

Post n°8509 pubblicato il 23 Gennaio 2014 da cile54

Lavoratori ma poveri. Nei paesi Pigs crescono insieme alla disoccupazione

I lavoratori dipendenti nel 2012  in Italia sono circa 12.288 milioni di occupati (l’Istat rileva anche i lavoratori agricoli e i domestici): Rispetto all’anno precedente sono diminuiti di circa 165mila unità.  Di questi 12 milioni di lavoratori, il 12%  (circa un milione e 300mila) non rie­sce ad arri­vare a fine mese perché i loro salari sono troppo bassi. A sostenerlo è lo stu­dio della com­mis­sione Ue sull’occupazione  dal titolo “Employ­ment and Social Deve­lo­p­ments in Europe Review” pre­sen­tato martedi a Bru­xel­les. Solo Roma­nia e Gre­cia stanno peg­gio dell’Italia con oltre il 14% di working poors (lavoratori poveri). Sta crescendo come era prevedibile il numero dei cosid­detti «lavo­ra­tori poveri» che aumentano insieme ai disoc­cu­pati (ormai a quota 3 milioni e 254 mila e in aumento dell’1,8% rispetto alla rilevazione di otto­bre. Il tasso di disoc­cu­pa­zione gene­rale a novem­bre si è atte­stato al 12,7%, con un aumento di 0,2 punti per­cen­tuali su otto­bre e di 1,4 punti sull’ anno. Insieme alla disoc­cu­pa­zione gio­va­nile, giunta al 41,7%, è un record dall’inizio delle serie sto­ri­che nel 1977. Secondo l’Istat in sei anni, tra novem­bre 2007 e novem­bre 2013 in Ita­lia gli occu­pati sono dimi­nuiti di 1,1 milioni di unità men­tre i disoc­cu­pati sono più che rad­dop­piati pas­sando da 1.529.000 a 3.254.000 (1,725 milioni in più). A com­ple­tare il qua­dro, lo stu­dio Ue ha aggiunto un altro tas­sello. Per chi ha perso il lavoro in que­sto primo ciclo quin­quen­nale della crisi, le pos­si­bi­lità di tro­varne un altro sono tra il 14% e il 15%, le più basse di tutti i 28 Stati membri. In Ita­lia poi non cre­sce solo la disoc­cu­pa­zione ma anche la povertà. Secondo il rapporto della Commissione Europea le per­sone a rischio povertà ed esclu­sione sociale sono ormai un quarto dei cit­ta­dini euro­pei. Balza agli occhi che si tratta di una per­cen­tuale più alta della disoc­cu­pa­zione. Il perché è dovuto proprio al fatto che anche chi lavora spesso ha un salario basso e un basso reddito conseguente.

Anche sul terreno della disoccupazione-occupazione si con­ferma la crescente divaricazione tra i paesi Pigs (Portogallo, Italia. Grecia, Spagna) e quelli del nucleo centrale dell’Unione Europea. Negli ultimi cinque anni è stata regi­strata una forte cre­scita del lavoro part-time e dei lavori pre­cari: 2,5 milioni in più dall’ultimo tri­me­stre del 2008 (+6,4%). Il record è dete­nuto però proprio dai paesi del nocciolo duro: Olanda con il 49,2%, seguita dal Regno Unito, Ger­ma­nia, Sve­zia, Austria.

22/1/2014

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

CON IL POPOLO PALESTINESE

 

L'informazione dipendente, dai fatti

Nel Paese della bugia la verità è una malattia

(Gianni Rodari)

 

www.controlacrisi.org

notizie, conflitti, lotte......in tempo reale

--------------------------

www.osservatoriorepressione.info

 

G8 GENOVA 2011/ UN LIBRO ILLUSTRATO, MAURO BIANI

Diaz. La vignetta è nel mio libro “Chi semina racconta, sussidiario di resistenza sociale“.

Più di 240 pagine e 250 vignette e illustrazioni/storie per raccontare (dal 2005 al 2012) com’è che siamo finiti così.

> andate in fondo alla pagina linkata e acquistatelo on line.

 

LA TRUFFA DEL DEBITO PUBBLICO

Il nuovo libro di Paolo Ferrero

---------------------------

PIGS! La crisi spiegata a tutti

"in parole povere"

in libreria e On line, http://www.deriveapprodi.org/2012/06/pigs/
.......................................................

 
---------------------
Lavoro e Salute sostiene l'iniziativa di legge dell'Associazione "Io sò Carmela" contro la violenza sui minori

Disegno di legge.
 

Giorgiana Masi

Roma, 12 maggio 1977

omicidio di Stato

DARE CORPO ALLE ICONE