homo sum

logos tao aum dharma amor

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: isry
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 48
Prov: RM
 

ANGELI E SANTI

Israfil
Michele
Gabriele

prossimamente
Angeli in viaggio

 
Citazioni nei Blog Amici: 55
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

RISPONDI A ROSSOGERANIO

l'affermazione è incommentabile e mi trova assolutamente contrario
"...L'accumulazione delle cazzate è un segno da paralitici..."
chi vive il problema risponde dalla paralisi si può migliorare con la fisioterapia dall'imbecillità solo con tanta umiltà.
richiedi correzione necessaria laddove insiste questa idiozia

 

 

« fogli bianchi e fogli scrittiPasseggiando per Roma 6 ... »

la giacca

Post n°216 pubblicato il 03 Giugno 2011 da isry
 

Un giorno un uomo svegliandosi trovò vicino dove dormiva una giacca

dato che viveva in strada sapeva che la giacca non era sua ma dato che era abbastanza fresco e non sapeva di chi fosse ma era della sua misura ed era tentato di indossarla... il fresco diventava freddo ma lui la teneva sul braccio attendendo il padrone... senza trovarlo... decise allora di riporla al posto dove l'aveva trovata.
Giunse di lì a poco un ragazzo che la rubò ma... non era della sua misura quindi non poteva indossarla... cercò di venderla ma la giacca divenne lisa e tarlata ai suoi occhi quindi la rigettò lì dove l'aveva rubata.
In quella passò un tipo bislacco che voleva fare un figurone ad un colloquio di lavoro e vedendo solo l'uomo che dormiva sulla strada la prese senza chiedere e corse verso il colloquio...

Fece un figurone ma in senso contrario... venne scartato.
Pensando fosse la giacca a portar sfortuna la ributtò dove l'aveva presa.

Un uomo vedendolo con quella giacca in mano lo insultò e gliela prese sostenendo fosse sua urlando perché lo arrestassero ma anche su di lui la giacca stava stretta.
Fu costretto a lasciarla per terra dove l'uomo la riprese e continuando la sua ricerca si imbatté in spergiuri tutti attratti dalla giacca.

Quella giacca la rubarono la presero la vollero... ma ogni volta la riportavano dove era stata trovata e ogni volta l'uomo la riprendeva e si metteva alla ricerca del padrone... nonostante il freddo e la stanchezza.

Un giorno l'uomo si addormentò e sognò di un giovane in maniche di camicia che gli diceva che la giacca era la sua e lo ringraziava di avergliela tenuta... nel frattempo con la coda dell'occhio gli parve di vedere demoni portare via alcune ombre piangenti... «Venga con me nella casa dove abito»... disse il giovane mettendogli la giacca sulle spalle che divenne stupenda appena indossata.

jack jackt  angel

La cronaca il giorno seguente parlava di alcuni morti violente avvenute per abusi di sostanze o semplicemente di sé stessi... ma la cosa strana fu un piccolo trafiletto scritto sulla morte di un vecchio signore che viveva per strada resa strana solo perché con indosso una bellissima giacca in mezzo a petali di fiori dorati.

 

Non sarà mai quello che abbiamo trovato o ricevuto nei nostri singoli giorni a renderci migliori ma il ricordo della sorgente di quanto abbiamo.
Non possiamo permetterci di dimenticare di cercare... se lo facessimo saremo travolti dalle onde dell'immobilismo che ruba senza chiedere.

Saper chiedere ci aiuta ad avere risposte... ma le risposte non sempre saranno della nostra misura... sarà quindi necessario continuare a cercare senza accontentarsi delle risposte che altri indossano... spesso male.

Un abbraccio

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: isry
Data di creazione: 25/04/2008
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

paperinopa_1974isryNarciso_Alevenus73carw3n63elektraforliving1963estinetteeIrrequietaDcarezzadellanimaPRONTALFREDOBacardiAndColaalessiosteKatartica_3000sparusola
 

ULTIMI COMMENTI

RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

PUSH AND SURPRISE

sing'in

oh happy day

pigia e ascolta

ma prima siediti