homo sum

logos tao aum dharma amor

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: isry
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 48
Prov: RM
 

ANGELI E SANTI

Israfil
Michele
Gabriele

prossimamente
Angeli in viaggio

 
Citazioni nei Blog Amici: 55
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

RISPONDI A ROSSOGERANIO

l'affermazione è incommentabile e mi trova assolutamente contrario
"...L'accumulazione delle cazzate è un segno da paralitici..."
chi vive il problema risponde dalla paralisi si può migliorare con la fisioterapia dall'imbecillità solo con tanta umiltà.
richiedi correzione necessaria laddove insiste questa idiozia

 

 

« Michelelettera di un bimbo ...d... »

Le 5 bacchette

Post n°80 pubblicato il 04 Maggio 2009 da isry
 

un tempo in un piccolo paese

la vita era scandita
dal passare delle stagioni.
Ma una sera una luce abbagliante
come fosse giorno
entrò nelle case facendone uscire
gli spaventati paesani
che videro alzarsi dal bosco vicino
una fiamma di vari colori
e poi tornò il buio.

La curiosità ebbe il sopravvento
e gli abitanti si diressero
verso la boscaglia fino alla radura
dove videro delle bacchette
con delle scritte sporcate dal fango

bacchette
un paio dora
te con scritto MONETA
un paio argentate con scritto GUADAMBIO
un paio rosso fuoco con su scritto FORZA
un paio azzurre con su scritto BELTADE
e un paio verdi con su scritto M'SR'CRD' tutta infangata.
Lesti se ne imposessarono
le 5 bacchette
la moglie del mugnaio velocissima prese la dorata
"è del colore del grano" disse
il farmacista prese l'argentata "posso farne termometri"
il fornaio quelle rosso fuoco "le metto vicino al forno"
la bella del paese l'azzurra "s'intona coi miei occhi!"
ed andarono via... sì
la verde non la videro rimase sul prato
la notte la passarono svegli per capire cosa fossero
pensando che fossero magiche e le girarono e rigirarono.
ma quando le batterono fra loro esaudirono i desideri...ma...
La moglie del mugnaio se ne accorse per prima
e chiese danari e preziosi che apparvero nel mulino
tanto che non faceva più avvicinare nessuno e
mandava il marito a fare le consegne
mugnaia
a domicilio...la cosa insospettì il farmacista
il quale spiandoli capì... il potere delle bacchette
e le utilizzava per farne pozioni e medicine
ma avvelenando l'acqua del pozzo
 per curare chi beveva superò se stesso.
Fu il turno del fornaio che produsse pani e paste
che tutti i compaesani volevano tanto erano buoni e gustosi.
La bella del paese divenne vanesia
al punto da essere amata da tutti...
Ma... nessuno si accorse che le bacchette dopo ogni uso
si consumavano...fino a sparire
e sparendo...finirono per sparire anche i doni.
Quanti pianti la mugnaja disperata...
il farmacista doveva curare un intero paese
nel forno solo pane ammuffito.
la bella divenne superficiale e non più ricercata.
fine...?
Certo! che fine ha fatto la verde?
la trovò  una bambina che raccolta ci giocava
le 5 bacchette le 5 bacchette6
ma tornando la sera a casa vide un signore che tremava dal freddo
"gliele lascerò così potrà scaldarsi un poco" pensò...
Quell'uomo destatosi vide le bacchette...le prese e si incamminò
ma dietro un angolo notò un tamburino che piangeva
le 5 bacchette 7 le 5 bacchette 8
pensò subito alle bacchette e gliele donò
il ragazzo riprese a suonare e sorridere...
le 5 bacchette 10
La storia di quelle bacchette continua ancora...
la leggenda dice che non si consumano perché
non vengono usate per sè stessi
e ci ricorda il suo nome coperto dal fango
il suo nome vero è...
le 5 bacchette 11 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: isry
Data di creazione: 25/04/2008
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

paperinopa_1974isryNarciso_Alevenus73carw3n63elektraforliving1963estinetteeIrrequietaDcarezzadellanimaPRONTALFREDOBacardiAndColaalessiosteKatartica_3000sparusola
 

ULTIMI COMMENTI

RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

PUSH AND SURPRISE

sing'in

oh happy day

pigia e ascolta

ma prima siediti