**TEST**
Creato da falco58dgl il 26/09/2005

Writer

Blog di narrativa, suggestioni di viaggio, percorsi interiori, sguardi sul mondo.

 

« Contro i tagli all'effi...Prima di andare al lavoro... »

Inferni quotidiani II

Post n°336 pubblicato il 10 Dicembre 2008 da falco58dgl
 

Ho ritrovato nell'hard disk questo frammento di testo, che descrive una bella giornata estiva... :)

 

Ore 14 e 31, sono sveglio da meno di mezz’ora e  mi  viene voglia di ributtarmi nel letto per dormire fino alle cinque, alle sei, fino a sera. Non lo faccio solo per paura di dovermi risvegliare di nuovo. Mi fa male la schiena, le gambe sono rigide come stampelle di legno, alzarmi dal letto mi provoca un dolore acuto alle articolazioni delle ginocchia e un gemito che si trasforma in bestemmia. Ho tutto il giorno davanti.

 Ore 17 e 16.  Guardo lo schermo del computer, mentre la televisione dietro di me  parla di atleti, punteggi  e medaglie. Mi sono connesso già otto volte, ogni volta per meno di dieci minuti. Hotmail, Yahoo, Digiland, Google. E poi di nuovo la posta, la chat, il motore di ricerca. Niente, solo click rabbiosi su un universo vuoto, privo di significato.

 Ore 19 e 15. Esco  per comprare le sigarette, la strada è vuota, immobile. Arrivo al distributore automatico, estraggo un biglietto da cinque, lo inserisco, viene risputato fuori. Provo di nuovo, girandolo dall’altro lato. La macchina lo respinge. Lo stiro con le mani, provo una terza volta, viene preso ed espulso. Colpisco la macchina con un pugno, mi viene voglia di urlare a pieni polmoni nella strada deserta, davanti a un'aiuola polverosa.

 

Ore 22 e 47. Niente film stasera. Solo notizie di giornalisti rapiti, attentati suicidi e  sport, sport dovunque.  Manichini che ballonzolano in aria  su un tappeto elastico, braccia che vorticano intorno a schizzi di schiuma, persone che lottano avvinghiate. Se almeno le minacce di attentati fossero reali. Se un vagone di tritolo facesse saltare la casa, il quartiere, la città, la nazione, la realtà intera. Solo pubblicità, promozione di questi stronzi di Al Qaeda.

Ore 01 e 32. Guardo la pianta rampicante che scende giù dalla  libreria. Accanto, un angelo androgino  con la pancia prominente sorveglia una distesa di morti del cimitero di Staglieno. Vicino a lui una capra che vola in un cielo blu notturno.  Poco più in là una donna uccello con un violino al collo che proietta su un foglio di carta i raggi di luna  con  una lente triangolare e distilla colori da un alambicco per dare vita  ad allodole blu e grigie. Infine, voltando la testa, il profilo di una bambina che insegue un cerchio in una via metafisica  delimitata da palazzi simili a pezzi di groviera dai buchi simmetrici.

 Ore 04 e 02. Su Rai tre danno un film  muto con didascalie in  francese. Un giallo di “Repubblica” giace abbandonato a pag 23. Non saprò mai chi è “l’iguana”, il serial killer che uccide giovani donne nel bolognese. Faccio zapping sulle televisioni locali. Donne in perizoma che invitano a chiamare e che si passano il telefono tra i seni, televendite di automobili e poltrone, promozioni di pornocassette.

 Ore 05 e 18. Sento che mi sto per addormentare. I pensieri seguono orbite  fluide, associazioni labili. Star Trek, il cuscino giallo  che mi sorregge i piedi, una foto di tanti anni fa in cui sembro un  cieco che  guarda verso il sole, Famila con noi sei in famiglia. Il ghiaccio,  l’invenzione di questo secolo…  mettere la sveglia presto  prima di dormire,  prima di risvegliarmi con quel senso di soffocamento  che  mi costringe a sedere sul letto con una mano sul cuore e l’altra protesa a cercare  qualcosa  che si perde  prima di essere raggiunta.

Ore 12 e 54. Un altro giorno. Per fortuna che non si vive in eterno, penso, mentre mi puntello su un gomito e tento di alzarmi senza  imprecare.  

Writer

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/AltreLatitudini/trackback.php?msg=6077135

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Roberta_dgl8
Roberta_dgl8 il 10/12/08 alle 23:54 via WEB
il protagonista del tuo racconto, non sta molto bene... ciò che gli sta intorno lo soffoca e lo fa anche delirare, in una discesa dentro se stesso, dove la solitudine, emerge. Alla fine, è questo che mi resta, un senso di solitudine impotente del protagonista. Il suo disfattismo, lo comprendo, e l'ho provato anche io. Così come il senso di angoscia, nel desiderare addirittura che tutto esploda veramente... per porre fine al tutto, all'angoscia per prima. Però nel leggere, ho come avvertito un senso di liberazione, poichè, mi sento ancora con tanta voglia di vivere, nonostante tutto, nonostante tutti i miei dolori, fisici e mentali, e mi rendo conto, di quanta e quanta gioia e voglia di vivere ancora ho. Un saluto. Roberta
 
 
falco58dgl
falco58dgl il 11/12/08 alle 01:18 via WEB
In effetti, la persona tratteggiata non attraversa un gran momento, Roberta :) Vive una quotidianità priva di stimoli, piatta e monotona, una "morte in vita", per citare una frase di un famoso antopsichiatra. Il fatto che tu abbia provato un senso di liberazione leggendo il testo è miracoloso, anche se credo che tu lo abbia sentito in opposizione alla condizione del personaggio. ciao. W.
 
nnsmettodsognare
nnsmettodsognare il 11/12/08 alle 19:56 via WEB
Meglio non leggerlo in giornate così che prima o poi capitano a tutti. Angosciante!
 
 
falco58dgl
falco58dgl il 11/12/08 alle 23:16 via WEB
Volevo proprio trasmettere una sensazione di angoscia, Sogno... ciao. W.
 
cateviola
cateviola il 12/12/08 alle 00:10 via WEB
non so se mi angoscia più questo racconto (riconosco qualcosa delle mie peggiori mattinate con il rifiuto di far pace con il mondo dei vivi e notti insonni e sconclusionate anche senza zapping) o quel che denuncia il post precedente. Almeno qui intravedo i dipinti di Chagall ...
Un bacino
 
 
falco58dgl
falco58dgl il 12/12/08 alle 00:22 via WEB
Entrambi i post destano preoccupazione. Magari poi il personaggio del mio racconto è angosciato proprio per la situazione che attraversa il paese, oltre che la sua personale depressione... :) Un bacione. W.
 
marea14
marea14 il 12/12/08 alle 17:32 via WEB
Ti auguro di non vivere più giornate "belle" come questa
 
 
falco58dgl
falco58dgl il 12/12/08 alle 18:01 via WEB
Giro i tuoi auguri al protagonista del testo. Ne sarà sicuramente confortato :) Un saluto affettuoso. W.
 
altro_che_mela
altro_che_mela il 13/12/08 alle 19:54 via WEB
allora è meglio una giornata invernale, fredda e buia e stracolma d'acqua :-))))
 
 
falco58dgl
falco58dgl il 14/12/08 alle 01:31 via WEB
Lucia, è meglio una giornata piena di eventi e significati, indipendentemente dalla stagione... :) ciao. W.
 
farfallaleggera53
farfallaleggera53 il 14/12/08 alle 05:43 via WEB
Ma sinceramente io non presa dall'angoscia ma solo dall'insonnia che mi perseguita da anni. Quello che tu racconti io lo vivo a grandi linee quasi ogni sera...Guardo la tlvisione, leggo, ascolto musica poi verso le 6 del mattino vado a dormire e dormo fino alle 9 e ricomincio...Infatti adesso lascio te e vado a nanna. Abbraccio giò
 
 
falco58dgl
falco58dgl il 14/12/08 alle 14:52 via WEB
L'insonnia può essere un problema grave, nel testo non si parla di quello, ma di uno svuotamento di significati che rende le giornate simili a una pagina vuota. Spero che riuscirai a dormire di più, tre ore a notte mi pare decisamente poco. Un abbraccio a te. W.
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
akay jsnu il 19/01/19 alle 15:40 via WEB
non so se mi angoscia più questo racconto (riconosco qualcosa delle mie peggiori mattinate con il rifiuto di far pace con il mondo dei vivi e notti insonni e sconclusionate anche senza zapping) o quel che denuncia il post precedente. Almeno qui intravedo i dipinti di Chagall ... Un bacino
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
akay jsnu il 19/01/19 alle 15:42 via WEB
Un tuffo che ha il colore del giallo ocra e del verde intenso, di mandorle amare, schizzi di sudore e deliri di lacrime. Di Italia ed America Latina, di viaggi e di fughe, di ritorni e di allontanamenti. Di esaltazione di popoli, di passioni e grida senza voce nella notte. Del blu e dell'azzurro di cielo e mare. Gli stessi che guardano fluire i giorni, i diecimila e cento giorni, mentre la brezza marina scuote il pino le cui radici restano annodate alla terra. All'amore, alla ricerca costante che dà un senso alle cose, alla vita che è fatta di scenari che
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

IL MIO ROMANZO

 CLAUDIO MARTINI
"DIECIMILA E CENTO GIORNI"
 BESA EDITRICE

il mio romanzo 

 

INCIPIT

Gioco narrativo

 

 

 

 

 

 

Scrivi un racconto a partire dall'incipit!

Elenco Partecipanti

Elenco  Racconti

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Roberta_dgl8ossimoradolce_pesomarittiellalamulticopiase_forse_maidiavolettoincielvulnerabile14pgiustinianifalco58dglpedalini_autoreggentEva_8a.martiilcoloreametista
 

COME ERAVAMO

Gioco Letterario

Scrivi un testo sugli anni '80

Ricostruiamo il passato recente
con i nostri racconti

Elenco dei partecipanti

Elenco dei racconti

 

AREA PERSONALE

 

I MIEI LUOGHI

I miei luoghi m’appartengono, fanno parte di me. Ma io non sono in loro.
Io passeggio inquieto sulla scorza del mondo, mentre mi avvicino
lentamente ai cinquant’anni
.

Scrivo per ricordare.

I miei luoghi

Writer 

 
Citazioni nei Blog Amici: 232
 

AVVERTENZA SUI TESTI

I TESTI PUBBLICATI SU QUESTO BLOG (TRANNE ESPLICITA INDICAZIONE) SONO PROTETTI DAL COPYRIGHT. FANNO PARTE DI LIBRI PUBBLICATI  E PROTETTI DALLE ATTUALI NORMATIVE  SUL  COPYRIGHT.

SI PREGA CHI VOLESSE RIPRODURLI O CITARLI DI INFORMARE PREVENTIVAMENTE L'AUTORE CHE SI RISERVA LA FACOLTA' DI  CONCEDERE O NEGARE L'AUTORIZZAZIONE

(in seguito a uno spiacevole episodio
avvenuto su un blog della community)

 

LA RECENSIONE

usumacinta

DIECIMILA E CENTO GIORNI
Storie di uomini tra Italia e America Latina
di MARIA PIA ROMANO

Un tuffo che ha il colore del giallo ocra e del verde intenso, di mandorle amare, schizzi di sudore e deliri di lacrime. Di Italia ed America Latina, di viaggi e di fughe, di ritorni e di allontanamenti. Di esaltazione di popoli, di passioni e grida senza voce nella notte. Del blu e dell'azzurro di cielo e mare. Gli stessi che guardano fluire i giorni, i diecimila e cento giorni, mentre la brezza marina scuote il pino le cui radici restano annodate alla terra. All'amore, alla ricerca costante che dà un senso alle cose, alla vita che è fatta di scenari che cambiano, di sogni di libertà da
condividere con i compagni, di ansie e sconforti segreti, che si affondano nel dolore della bulimia, ingurgitando per rabbia e insoddisfazione cibi di cui non si riesce a percepire il sapore. Emersione, immersione, navigazione, approdo: in quattro sezioni si snoda avvincente la narrazione, che racchiude un arco di trentaquattro anni, dal 1970 al 2004.

E' uno di quei libri che si vorrebbe non finissero mai i "Diecimila e cento giorni" di Claudio Martini, edito da Besa. Ti capita tra le mani e lo leggi d'un fiato, perdendoti in quei nomi che diventano subito uomini e tu li ascolti e li vedi soffrire, gioire, respirare, far l'amore. Destini che s'incrociano e si salvano a vicenda, in un costrutto narrativo di suprema bellezza.

Ci sono immagini che s'imprimono nitide e vere nella mente, mentre insegui il tuo cuore rapito dalle storie. Storie di uomini. Storie che vengono fuori in una sorta di "stream of consciousness", in cui più che la cronologia conta il tempo interiore, che ti porta direttamente dentro le porte delle loro case e ti dischiude l'universo dell'anima. Fotogrammi sospesi tra un'Italia che si chiude dietro un perbenismo di facciata e cela solo irriguardose marginalità ed un'America Latina che grida la sua libertà con fierezza sconcertante, mentre è ancora oppressa da un macigno sul cuore che non la fa respirare.

Lo psicologo di origini tarantine, che ha una lunga esperienza di lavoro all'estero, proprio in America Latina, scrive di Perù, Nicaragua, Messico, Kosovo, Italia con la penna guizzante di una grande intelligenza che, come lama, squarcia la cortina dell'indifferenza dei tanti.

 

 

CITTA' D' EUROPA

                             Sagrada familiaimmagineimmagine

 

CITTA' DEL MONDO

immagineimmagineimmagine immagine
 

YA BASTA!

immagine

Ezln

 

IL MAESTRO

immagine

                                                         Jorge Luìs Borges

 

VULCANI

immagineimmagine

immagine                                         

 

I MIEI BLOG AMICI

- Passaggioanordovest
- antonia nella notte
- dagherrotipi
- Sconfinando
- LA VOCE DI KAYFA
- specchio
- elaborando
- musica e altro
- A occhi chiusi
- L'anticonformista
- Funambola
- Sunrise
- IL Blog DI ZAYRA
- Città-ragnatela
- saltu_aria_mente
- CARPE DIEM
- RACCONTO E ASCOLTO
- Figlia del Mare
- Una mela...
- Frammenti di...
- FATTERELLI-SECRETI
- Quando
- RUNA DELLE STREGHE
- Diavoletto in cielo
- Esmeralda e il mondo
- IL MIO MONDO .......
- Il diario di Nancy
- RiflessiDigitali
- Chiedo asilo.....
- Pensieri di vento
- parole e immagini
- Canto lamore...
- La parola...
- XXI secolo?
- Crysalis-blog
- Tatuaggi dellanima
- Espressioni
- bippy
- SILENZIOSAMENTE
- SBILANCIA_MENTI
- Zib@ldone
- RUGIADA
- come le nuvole
- LA SFIDA
- bruno14
- Webbos land
- Pensieri in libertà
- AndandoPerVia
- altrochemela
- *STAGIONI*
- Semplicemente Heazel
- Il VENTO dellOVEST
- Scintille
- Il mondo per come va
- TAM-TAM PEOPLE
- poesia infinita
- Dietro langolo
- RASNA
- bloglibero
- SPRINGFREESIA
- LA RIVA PIETROSA
- Cherrys jam
- PassaggioaNordOvest
- AREJAR
- pensieri
- alogico
- di arte e di poesia
- parole imprigionate
- anchio
- sanguemisto
- Angelo Quaranta
- le vide
- MIO DIO!!HO UN BLOG!
- LA MIA SICILIA
- SPIAGGIA LIBERA
- pezzi di pezzettini
- Alla ricerca...
- espe dixit
- MAI DIRE MAI
- Choke
- PASTELLIECRISTALLI
- pensieri
- N u a g e s
- Pensieri.Femminili
- visionarte
- Sofficisoffidivento
- fili derba
- Lollapalooza
- Taranta
- Phraxos
- librini
- Mezza linea
- Il Gioco del Mondo
- TAZEBAU
- ALABURIAN
- Rolling word
- Non solo Gialli
 

SOSTIENI EMERGENCY!

EMERGENCY

effettua una donazione  per consentire a Emergency di sviluppare i propri progetti di sostegno alle vittime della guerra http://www.emergency.it/