**TEST**

Cronache di Toki

Cinema Cinema Cinema.. e non solo

Creato da GiuseppeToki il 03/05/2009

"Sono cresciuto attraverso il cinema. Se mi sono interessato alla letteratura, alla musica è stato grazie al cinema" (Michael Powell)

 

Tag

 

Visitate il nostro sito di Home cinema!!!

Visita  www.homecinemainside.it 

 Vuoi vedere la lista dei Film?  E' su "TAG" ! Cliccaci

 

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

anmicupramarittimastrong_passionShanin84raffadvpamelaricchettivanni68GiuseppeTokicondelloantonino57mauriziolibri72IlMilaneseHitchcocktonono62helga2008beppetokilennon927
 

FACEBOOK

 
 

 

 

« ReviewReview »

Review

Post n°81 pubblicato il 28 Marzo 2011 da GiuseppeToki
 

Sucker Punch (Zack Snyder,2011)

Stroncare l'ultimo lavoro di Snyder sarebbe semplicissimo. In fin dei conti Sucker Punch è uno sfizio che il regista si è voluto togliere dopo due lavori derivativi come 300 e Watchmen, prendendosi la libertà di citare tutto quello che di visionario l'ha ispirato maggiormente e utilizzando un manicomio femminile come palcoscenico. Da Kill Bill a Charlies' angel passando per Ninja Gaiden, Il Signore Degli Anelli, Final Fantasy , Onimusha, Devil May Cry, Killzone, Alice nel Paese delle Meraviglie, Shinobi, Intelligenza Artificiale, Tron, Resident Evil, Wolfenstein, Matrix ed altre icone che potete liberamente aggiungere dopo averlo visto. Su due cose non sono ammesse obiezioni: la sceneggiatura ampiamente criticabile e la capacità del regista di creare quadri action epici ed incalzanti che non hanno eguali o quasi sul pianeta terra. Visivamente in un paio di sequenze d'azione Sucker Punch sfiora davvero il miracolo audiovisivo, merito di un'uso "eccitante" di fotografia e montaggio che, cavalcando l'abusato orpello del ralenty senza slanci eccessivi,riesce ad essere delizia del palato anzichè croce (come in molti action recenti), roba che in blu-ray giustificherà i soldi spesi alla grandissima. Cosa dire alla fetta di pubblico che di tutto quello che ho elencato fin'ora se ne frega allegramente? Che la morale del film è la vita vissuta come campo di sfida, di battaglia. Che non c'e' solo azione (i primi 20 minuti sono un bellissimo incipit emotivo) e che il finale-spiegazione può lasciare di stucco in tutti i sensi, anche negativi. Difficile, proprio difficile non stroncare un film come questo che fa dei deja-vù la sua colonna portante e che rappresenta un contenitore di gnocca per ragazzetti non da poco (Emily Browning e Jamie Chung sono bellissime, e le altre non scherzano mica) davvero difficile non criticare l'utilizzo di pezzi clamorosi come White Rabbit dei Jefferson Airplane o la classica We Will Rock you dei Queen in versioni scialbe cantate da nonsochisia. Cosa posso dirvi? Se avete amato 300 correte, se avete odiato 300 fuggite, se sognavate un 300 con le donne accomodatevi, se avete giocato 300 videogame non abbiate paura e preparatevi a gioire come infanti. Ma attenzione, invece di gioire potreste anche annoiarvi per gli stessi identici motivi, ambiguo no?.  Il voto finale è chiaramente paraculo.

Voto : 7

 
 
 
Vai alla Home Page del blog