Cronache di Toki

Cinema Cinema Cinema.. e non solo

Creato da GiuseppeToki il 03/05/2009

"Sono cresciuto attraverso il cinema. Se mi sono interessato alla letteratura, alla musica è stato grazie al cinema" (Michael Powell)

 

Tag

 

Visitate il nostro sito di Home cinema!!!

Visita  www.homecinemainside.it 

 Vuoi vedere la lista dei Film?  E' su "TAG" ! Cliccaci

 

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

anmicupramarittimastrong_passionShanin84raffadvpamelaricchettivanni68GiuseppeTokicondelloantonino57mauriziolibri72IlMilaneseHitchcocktonono62helga2008beppetokilennon927
 

FACEBOOK

 
 

 

 

« ReviewReview »

Review

Post n°74 pubblicato il 23 Febbraio 2011 da GiuseppeToki
 

Il Grinta (Ethan e Joel Coen, 2011)

Se uno come Charles Portis potesse assistere  alla riproposizione ad opera dei fratelli Coen del suo romanzo del 1968, non vi è alcun dubbio che rimarrebbe estremamente soddisfatto. Dopo il semi-western Non è un Paese per Vecchi, i fratelli si cimentano in un rischioso adattamento di "True Grit" centrando l'obiettivo in pieno, con la sicurezza di chi del mestiere è navigato al punto da non provare nemmeno un brivido durante la gestazione del film. Il Grinta rappresenta a tutti gli effetti la rinascita del western, dopo una serie di pellicole riuscite che recentemente hanno riportato in considerazione un tipo di cinema quasi dimenticato negli ultimi 20 anni. La forza del soggetto del lavoro svolto sta nella capacità magistrale dei Coen di personalizzare con un tocco unico ogni tipologia possibile di genere (ad esempio il musical in Fratello Dove sei?) attraverso l'utilizzo di script fuori dal tempo, sempre conditi da una sottile ironia dissacrante spalmata su interpreti scelti su misura per non snaturare eccessivamente l'universo in questione. Mattatore di tale atipico manierismo è il grandissimo Jeff Bridges, che interpreta con enorme carisma il cacciatore di taglie Cogburn, assunto dalla vispa e arguta quattordicenne Mattie (una notevole Hailee Steinfeld) per catturare l'uomo che ha brutalmente ucciso suo padre.  Ad accompagnare il duo un ranger di nome La Boeuf interpretato dall'uomo prezzemolo Matt Demon, anch'egli in cerca del criminale per via di un'altro omicidio. Un viaggio appassionante anche per i non avvezi al genere, grazie ad un susseguirsi di scene cariche di phatos illustrate con un uso magistrale della fotografia, che sfrutta le sfumature dei colori per passare da un "quadro" all'altro, con movimenti di camera mai banali anche quando si tratta di panoramiche fisse. Non aspettatevi un' esercizio di stile emotivamente piatto, i Coen sono caduti in passato in limiti del genere ma non questa volta. Un film di alto livello quindi, da pressochè ogni punto di vista, che consacra Jeff Bridges come attore di serie A, lancia in alto un incisivo Josh Brolin e conferma la bravura dei fratelli dietro alla macchina da presa.

Voto: 8

 
Rispondi al commento:
SoBBona
SoBBona il 25/02/11 alle 20:09 via WEB
I fratelli coen non li comprendo...ammetto la mia totale ignoranza..saranno anche geni..ma per me ...sono troppo geni:-) Buon week:-))
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: