Blog
Un blog creato da cile54 il 09/01/2007

RACCONTI & OPINIONI

Pagine di Lavoro, Salute, Politica, Cultura, Relazioni sociali - a cura di franco cilenti

 
 

www.lavoroesalute.org

Chi è interessato a scrivere e distribuire la rivìsta nel suo posto di lavoro, o pubblicare una propria edizione territoriale di Lavoro e Salute, sriva a info@lavoroesalute.org

Distribuito gratuitamente da 33 anni. A cura di operatori e operatrici della sanità. Finanziato dai promotori con il contributo dei lettori.

Tutti i numeri in pdf

www.lavoroesalute.org

 

LA RIVISTA NAZIONALE

www.medicinademocratica.org

MEDICINA DEMOCRATICA

movimento di lotta per la salute

 TUTTO IL CONGRESSO SU

www.medicinademocratica.org

 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 181
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

MAPPA LETTORI

 

ULTIME VISITE AL BLOG

michele.sgroifarfallammsicobasvaresebustolucre611navarone_1950decarl.regaliannamatrigianovirgola_dfzanzibardgl13STREGAPORFIDIALSDtripflaviabianchi49chiarasanycile54Fanny_Wilmot
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Un maschio italiano vale...Aperta anche un'altra i... »

La città che con la caccia ai lavavetri aprì una breccia alla retorica securitaria e leghista nella cultura progressista

Post n°8636 pubblicato il 25 Febbraio 2014 da cile54

 

Firenze e la guerra ai mendicanti, specie quelli di “etnia rom”

 

 Il Comitato per l’ordine pubblico annuncia pattugliamenti all’interno della stazione di Santa Maria Novella e nei dintorni. Si specifica che non si contestano reati e che non si tratta di malavitosi o pregiudicati: l’obiettivo è tutelare il “decoro” e rendere la stazione il “fiore all’occhiello” della città. E si arriva a identificare l’origine cosiddetta etnica degli autori dei “comportamenti molesti, talvolta anche arroganti”

Il testo riportato qui sotto è una comunicazione ufficiale della prefettura di Firenze. Riferisce l’esito di una riunione a Firenze del Comitato provinciale per l’ordine pubblico, presenti il prefetto Varratta, il vice sindaco Nardella, i vertici delle forze dell’ordine. Si annuncia, in sostanza, che la stazione di Santa Maria Novella sarà una specie di “zona speciale” presidiata dentro e fuori da agenti di polizia, carabinieri, polfer e vigili urbani. Obiettivo: tenere lontano i disturbatori, cioè chi chiede una moneta ai viaggiatori nei pressi delle biglietterie.

È un testo da leggere per intero, perché specifica in più punti che non si parla di reati, né di malavita o altro, e tuttavia annuncia che la stazione sarà una “osservata speciale”. È una messa a nudo di ciò che oggi si intende per ordine pubblico: l’allontanamento dalla vista di poveri, mendicanti e disturbatori. In un passaggio che offende il senso civico e dà la misura di ciò che i sociologi intendono quando parlano di “razzismo istituzionale”, si arriva a individuare il problema specificando che si tratta di “un gran numero di mendicanti, in particolare di etnia rom“.

Il prefetto, il vice sindaco, i comandanti delle varie forze di polizie mettono quindi all’indice, con una leggerezza inaccettabile, delle persone identificate su base “etnica”, ignorando fra l’altro il dibattito in corso da anni e anni sulla dubbia consistenza del concetto di “etnia”. E ci sarebbe da chiedere a lorisgnori in che modo abbiano compiuto la suddetta identificazione: prova del Dna? Analisi fisiognomica di tipo lombrosiano? O che altro?

Il prefetto Varratta sostiene che le misure introdotte – squadre miste di agenti dentro la stazione e nei suoi dintorni per una “continua azione di contrasto nei confronti dei mendicanti” – sono motivate da “problemi di vivibilità e decoro“, con un riferimento anche lessicale alla stagione dei sindaci sceriffi e della guerra ai poveri più che alla povertà. Si pesca anche nel linguaggio del più vieto marketing politico con la stazione come “biglietto da visita” e “fiore all’occhiello” della città, quindi – pare di capire – liberata da presenze giudicate indecorose.

Stiamo parlando della città che diede la caccia ai lavavetri, aprendo una breccia alla retorica securitaria e leghista nella cultura progressista, e questo testo, per la sua gravità (e grevità), dimostra quanto abbia scavato a fondo quel tarlo che Giuseppe Faso in un libro fondamentale definì ”razzismo democratico“.

 Lorenzo Guadagnucci

21/02/2014 www.altreconomia.it

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

L'informazione dipendente, dai fatti

Nel Paese della bugia la verità è una malattia

(Gianni Rodari)

 

SI IUS SOLI

 

 

www.controlacrisi.org

notizie, conflitti, lotte......in tempo reale

--------------------------

www.osservatoriorepressione.info

 

 

G8 GENOVA 2011/ UN LIBRO ILLUSTRATO, MAURO BIANI

Diaz. La vignetta è nel mio libro “Chi semina racconta, sussidiario di resistenza sociale“.

Più di 240 pagine e 250 vignette e illustrazioni/storie per raccontare (dal 2005 al 2012) com’è che siamo finiti così.

> andate in fondo alla pagina linkata e acquistatelo on line.

 

Giorgiana Masi

Roma, 12 maggio 1977

omicidio di Stato

DARE CORPO ALLE ICONE