Creato da socialismoesinistra il 28/06/2008
Rivista di approfondimento culturale e politico dell'Associazione SocialismoeSinistra
 

 

« Poesia rivoluzionariaGiacomo Matteotti ammin... »

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini

Post n°174 pubblicato il 24 Maggio 2009 da socialismoesinistra


   Giacomo Brodolini

 

 

Mi capita in questo periodo di partecipare a dibattiti e di leggere di frequente proposte politico-economiche cui viene data una valenza e un contenuto da opzione rigorosamente anticapitalista. In particolare, da parte della sinistra comunista che si richiama alla GUE-Sinistra Europea, cui va comunque dato atto di prese di posizioni forti e chiare a difesa delle conquiste delle classi lavoratrici e per il rilancio della giustizia e dell’equità sociale; in ogni caso, direi, tra le pochissime nell’attuale modesto panorama politico italiano e a forte richiamo identitario per la sinistra del Paese.

Nello specifico, mi riferisco alle tematiche inerenti: -alla redistribuzione dei redditi attraverso una politica fiscale progressiva quale strumento pubblico di risposta alla polarizzazione della ricchezza dopo trenta anni di neoaccumulazione capitalista; -ai diritti sui luoghi di lavoro, con esplicito riferimento allo Statuto dei lavoratori.

In merito al primo aspetto, mi sembra di cogliere chiari richiami a princìpi economici propri del modello keynesiano e al complesso dei valori del liberalismo progressista einaudiano. In effetti sembra proprio un riproporsi del pensiero di Einaudi, laddove esprimeva che un regime di piena libertà può e deve includere, tra i suoi obiettivi, la realizzazione della giustizia sociale.

Quindi: vero che, come ha ri-confermato di recente l’OCSE (Rapporto sul prelievo fiscale sui salari 2007-2008) nel nostro Paese i salari sono drammaticamente bassi, ma certo l’applicazione di una politica fiscale a favore dei redditi bassi (in particolare da lavoro dipendente) non sarebbe misura sufficiente (seppur necessaria) per il superamento delle iniquità esistenti, come ho già evidenziato in un mio recente saggio. Ci ritorneremo più approfonditamente.

Più nel dettaglio, con riferimento invece alle riflessioni sulla genesi e l’approvazione dello Statuto dei lavoratori, questo certo non fu conseguito a seguito di attacchi del movimento anticapitalista e comunista, con l’obiettivo di intaccare (nel caso fossero stati) la stabilità dell’assetto capitalistico borghese.

Premesso che lo Statuto non derivò da trattative tra le parti sociali, la norma istitutiva dello stesso (la legge n. 300 del 1970) fu approvata in base alle linee ed ai contenuti scaturiti dai lavori della Commissione nazionale per la redazione di una bozza di statuto, denominato "Statuto dei diritti dei lavoratori", alla cui presidenza fu Gino Giugni, stimato docente universitario. 

La Commissione fu istituita da Giacomo Brodolini, sindacalista socialista che fu Ministro del lavoro e che legò il suo nome anche alla importante riforma del 1969 della Previdenza sociale (legge n. 153 del 1969), nota come “Riforma Brodolini per la revisione degli ordinamenti pensionistici e norme in materia di sicurezza sociale”; la cosiddetta riforma delle pensioni che consolidò i principi di solidarietà tra lavoratori, con il passaggio dal sistema "a capitalizzazione" (oggi purtroppo tornato in auge, a seguito delle controriforme di matrice neoliberista) a quello "a ripartizione", dove i lavoratori attivi finanziano con i loro contributi i non più attivi.

Lo Statuto dei lavoratori rappresentò il massimo risultato in termini di applicazione di diritti fondamentali dei lavoratori come previsto dal dettato costituzionale e di riordino delle normative approvate negli anni ’60, nel quadro di un indirizzo coerente con il pensiero e la prassi politiche del riformismo socialista, maturato anche a seguito della spinta delle rivendicazioni e delle lotte sindacali di quegli anni e in particolare dell’autunno caldo del ’69.

Ora, dallo studio delle finalità e dei contenuti della legge 300, ritengo si possa persino affermare che tali norme non tendono affatto ad elidere il sistema economico capitalistico, ma lo regolamentano (rafforzandolo?) in base ai principi propri dello stato sociale riformista proprio del modello keynesiano.

Giova anche rammentare che tale riordino in materia di diritto del lavoro fu fortemente voluto da Pietro Nenni, che ne fece un cavallo di battaglia reputando potesse essere una delle vie idonee a condurre stabilmente i socialisti alla guida del Paese, con l’obiettivo politico strategico di marginalizzare proprio il Partito Comunista Italiano e le forze anticapitaliste sulle materie economiche e, conseguentemente, nel governo delle tematiche sul lavoro.

D’altronde, fin dal 1963 (avvio del primo centro-sinistra organico a guida Aldo Moro) i socialisti molto si adoperarono per l’approvazione di norme giuridiche miranti alla tutela, al rispetto e alla dignità dei lavoratori quali, ed esempio, quelle per la tutela delle donne lavoratrici con l’abolizione della cosiddetta “clausola del nubilato” (legge n. 7 del 1963), vietando il licenziamento per causa di matrimonio e consentendo l'accesso delle donne ai pubblici uffici e alle professioni.

Norme che nel loro corpus andavano a costituire il complesso contesto normativo idoneo alla ridefinizione di una nuova figura di lavoratore, perfettamente inserito e tutelato nell’efficace sistema di welfare in fase di costruzione in quel periodo storico nel Paese, che faceva seguito alla grande fase di industrializzazione fordista post-bellica.

Accompagnandosi, inoltre, alla prima seria azione di politica industriale e di programmazione economica, con il determinante ruolo del sistema delle partecipazioni statali, con conseguente rilevante proprietà pubblica dei mezzi di produzione in settori strategici; è in quegli anni, infatti, che si procede ad istituire l’omonimo ministero (legge n. 48 del 1967) più volte a guida di Antonio Giolitti.

Ora, voler dare a ciò un contenuto anticapitalista (ho difficoltà a vedere in Brodolini un bolscevico) e di attacco “destrutturante” al sistema borghese mi sembra, oltre che non rigoroso dal punto di vista storico, francamente eccessivo; ma ciò, sia nei contenuti propositivi e visto il contesto attuale dominato dal pensiero populista e reazionario delle destre al governo, si può anche accettare.

Sorge però, a questo punto, spontanea una riflessione. Ma se sono queste le opzioni di politica economica oggi cardine della sinistra comunista e anticapitalista, cosa mai ci potrà proporre la sinistra riformista moderata? Mala tempora currunt.


Marco Foroni

Docente di Organizzazione aziendale

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SOCIALISMO E ANTIFASCISMO

Rodolfo Morandi


 Il Socialismo dei fratelli Rosselli  di Carlo Felici

 Da un'antica ferita ad una prossima resurrezione           di       Carlo Felici

 L'assassinio dei fratelli Rosselli   di Carlo Felici

 Un appello di Carlo Rosselli ai comunisti che sembra scritto ieri   di             Carlo Felici

Non una somma di etichette ma un insieme di valori    di Carlo Felici

Sull'attualità del 25 Aprile di Luca Fantò

La Festa d'Aprile  di Nicolino Corrado

 Sembra scritta da poco, anzi, pochissimo  di Carlo Felici

Il Centro socialista interno (1934-1939)- appunti per un dibattito su antifascismo e unità di classe                         di  Marco Zanier

parte prima
parte seconda
parte terza
parte quarta
parte quinta

 

 

MARXIANA


Karl  Marx

 

Costituzione, neoliberismo, nuove povertà  di Marco Foroni

Sulle teorie del valore  di Renato Gatti

Le crisi   di Renato Gatti
parte prima
parte seconda


Globalizzazione i compiti della Sinistra   di  Franco Bartolomei

note del Coordinamento del Forum di SocialismoeSinistra

parte prima

parte seconda


La crisi e i suoi rimedi   di Renato Gatti

Al papa sarebbe necessario un poco di marxismo   di Leonardo Boff

Note e riflessioni su socialismo, comunismo e capitalismo  di Giuseppe Giudice

L’anticipazione del nostro tempo. Marx, la sinistra e il recupero delle solidità  di Marco Foroni


 

________________________________

 

I TEMI DEL SOCIALISMO ITALIANO

Francesco De Martino


La risorgiva socialista   di Carlo Felici

Eppure il vento soffia ancora  di Carlo Felici

.

 

 

I TEMI DEL SOCIALISMO INTERNAZIONALE

Oskar Lafontaine

 

La sconfitta dei socialisti  di Renato Gatti

 

 

 

________________________

 


 

PER COSTRUIRE SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA'

 

I Nuclei Aziendali di Sinistra e Libertà   di Marco Zanier

 Avrà successo "Sinistra e Libertà"?   di Gioacchino Assogna

I doveri della sinistra italiana  di Franco Bartolomei

prima parte

seconda parte

 Io su Sinistra e Libertà la penso così   di Luca Fantò

"Sinistra e libertà" il fuituro del Socialismo italiano    di Franco Bartolomei

Socialismo e Libertà  di Carlo Felici

Le tre fasi del socialismo
di Renato Gatti

Libertà, e non solo per uno   di Carlo Felici

 Le elezioni europee   di Gioacchino Assogna

 Il grano e il loglio della Sinistra   documento scritto da socialisti iscritti o senza tessera e da elettori si Sinistra e Libertà

 Un nuovo sole contro l'arsenico e i vecchi merletti   di Carlo Felici

Una nuova Sinistra per l'Italia è un sogno realizzabile?    di Michele Ferro


 

Ultime visite al Blog

geom.magnani0pierluigi20102010roscatibonesso.carluccioberluczoppeangelofillofillogenova1892franci.torrevivereinvaldisievematrone.francescoilleraminarossi82cicciomannasexydamilleeunanotte
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

socialismoesinistra@libero.it

  

Hai da proporre un articolo o un testo che ritieni interessante

da pubblicare con noi?  contribuisci a far crescere la rivista e ne parleremo insieme. 



 

ATTENZIONE NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA

.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto contenute in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono © dei rispettivi autori, persone, agenzie o editori detenenti i diritti. Tutto il materiale letterario/fotografico che esula dalle suddette specifiche è invece di proprietà © del curatore del presente blog e soggetto alle leggi sul diritto d'autore. Se ne vieta espressamente l'utilizzo in qualsiasi sede e con qualsiasi modalità di riproduzione globale o parziale esso possa essere rappresentato, salvo precedenti specifici accordi presi ed approvati con l'autore stesso e scrivente del blog medesimo, e alle condizoni Creative Commons.© Copyright - Tutti i diritti riservati.
 

POLITICA LAVORO E SINDACATI

Gino Giugni

 

Partito e/o Sindacato del Sud di Vincenzo Russo

Un punto chiaro sulla globalizzazione di Renato Gatti

Lo Statuto dei lavoratori di Giacomo Brodolini                     di Marco Foroni

L'adesione della CGIL alla manifestazione nazionale antirazzista del 17 Ottobre 2009

_____________________________

 

ECONOMIA E SOCIETA'

John Maynard Keynes


Convegno sulla crisi finan- ziaria   di Renato Gatti

parte prima

parte seconda


 I provvedimenti contro la crisi  di Renato Gatti

Governanti allo sbaraglio di Gioacchino Assogna

 A proposito di pensioni  di Gioacchino Assogna

Perché la crisi attuale è una crisi “di sistema” di Franco Bartolomei

Economia ferragostana  di Renato Gatti

Un circolo vizioso mortale di Leonardo Boff

La crisi è finita? 
di Renato Gatti

parte prima
parte seconda

Economia e secessionismo di Renato Gatti

 

EMANCIPAZIONE FEMMINILE

Lina Merlin

 

Contro la congiura del silenzio  di Anna Falcone


 

 

ECONOMIA E SOCIETA'

Rosa Luxembourg


"Il Socialismo europeo  e la crisi del Capitalismo"    di Franco Bartolomei  e Renato Gatti

parte prima 
parte seconda 


 Riflessioni sul sistema fiscale italiano   di                   Roberto Cefalo

Il documento di Sociali- smoeSinistra per la commissione economica del partito

Uscire dal tunnel  di    Renato Gatti


I caratteri della crisi ed il compito dei Socialisti di Franco Bartolomei

Tutto come prima? Una riflessione sul "general intellect"  di Renato Gatti

 

Lettura politica della crisi economica attuale  di Alberto Ferrari

parte prima

parte seconda

 

CULTURA E SOCIETA'

Democrazia e cultura. Rapporto tra intellettuali e opinione pubblica nella democrazia dei mezzi di comunicazione di massa- Evoluzione della figura dell'intellettuale nella società italianaRelazione al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Franco Bartolomei

parte prima

parte seconda


Relazione introduttiva al Primo Convegno Nazionale dell'Associazione Culturale"Consequenze"    di  Stefano Pierpaoli

parte prima

parte seconda

 

Il pensiero laico   di Renato Gatti

 

 

CULTURA E SOCIETA'


 

Il male cremastico globale ovvero la droga del profitto di Carlo Felici

  Democrito: un libertario non materialista  di Carlo Felici 

  Cattivi pensieri sul mondo degli intellettuali italiani  di Stefano Pierpaoli

 Nasce il popolo della libertà - Alcune considerazioni in fatto di egemonia  culturale                                             di Renato Gatti

 Stato, Chiesa , Massoneria, e Sinistra  di Franco Bartolomei

 La Teologia della Liberazione  di Carlo Felici

L'egemonia culturale di Renato Gatti

Il ruolo sociale dell’arte  di Stefano Pierpaoli


 

PRINCIPI ISPIRATORI E PROGRAMMA D'AZIONE

L'Associazione SocialismoeSinistra, ispirandosi ai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana, persegue la promozione dei valori di libertà, di solidarietà e di eguaglianza nella vita politica, sociale e culturale del Paese.
L’Associazione considera il principio della laicità dello Stato e della libertà nelle professioni religiose, affermato dalla Costituzione, un valore di riferimento a cui ispirare la propria azione politica, ed intende perseguire la  effettiva affermazione del principio di legalità, nel quadro dei valori costituzionali, quale elemento fondamentale di una riforma democratica dello Stato che restituisca ai cittadini della Repubblica la certezza nella legittimità, nella imparzialità, e nella correttezza della sua attività amministrativa ad ogni livello.
L'Associazione SocialismoeSinistra fonda la propria azione politica sulla convinzione che la crisi delle economie dei paesi sviluppati abbia assunto i caratteri di una crisi di sistema, tale da incrinare la fiducia collettiva in un futuro caratterizzato dai livelli di garanzia sociale finora conosciuti, e cancellare l’egemonia delle idee-forza liberiste, neoconservatrici e tecnocratiche attorno a cui l’Occidente ha consolidato gli equilibri di potere responsabili dei processi economici, finanziari e sociali oggi entrati in crisi.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene che la Sinistra italiana debba necessariamente ripensare la propria impostazione culturale e programmatica rispetto alla profondità della crisi che sta coinvolgendo il capitalismo a livello globale, recuperando appieno una concezione del riformismo socialista fondata sulla affermazione della superiorità del momento della decisione politica rispetto alla centralità degli interessi del mercato, nuovamente proiettata a perseguire una trasformazione strutturale degli assetti economici e sociali, ed in grado di individuare un diverso modello di sviluppo, diversi parametri di riferimento della qualità della vita della società, e nuove regole di controllo sociale delle variabili economiche.
L'Associazione SocialismoeSinistra ritiene quindi che questo nuovo percorso politico passi attraverso una ristrutturazione di tutta la Sinistra essendo evidente che la straordinarietà della crisi implica il superamento della distinzione tra coloro che provengono dalle file del socialismo europeo e chi si è finora riconosciuto in esperienze politiche nominalmente più radicali.
L'Associazione SocialismoeSinistra si costituisce al fine di rendere possibile questo grande progetto di ricostruzione della Sinistra italiana,  di rinnovamento democratico della società e di riforma dello Stato. (Art. 2   dello Statuto dell'Asso- ciazione SocialismoeSinistra )

Clicca e leggi per intero lo Statuto dell'Associazione SocialismoeSinistra